Nanoreef low low tech e low low cost

Gestione, coralli e pesci

Moderatori: Bradcar, AndreAgo

Avatar utente
Walden
star3
Messaggi: 72
Iscritto il: 11/12/20, 9:31

Nanoreef low low tech e low low cost

Messaggio di Walden » 19/02/2021, 22:21

Bradcar ha scritto:
19/02/2021, 7:18
Walden ha scritto:
18/02/2021, 22:29
Ecco, spero tu non
:D Buon giorno .
Ti facevi quella domanda perché anche io ho una vaschetta da 30 lt ma ho sempre fatto cambi bisettimanali del 10% per due motivi : il primo è perché ho paura di stravolgimenti batterici ed il secondo è perché se tolgo più acqua praticamente mi restano i coralli all’asciutto per un po’ cosa che vorrei evitare per creare troppo stress.
Una volta raggiunta una certa “maturità” la presenza di batteri sulle/nelle rocce e sulla/nella sabbia è talmente elevata che la presenza degli stessi nella colonna d’acqua non ha gran rilevanza.
Se pensi che per avviare le vasche la soluzione più utilizzata sono le rocce vive che hanno viaggiato dai tropici fino a noi rimanendo quasi a secco per giorni e giorni ...non sono certo i batteri presenti in una quantità d’acqua relativamente modesta ad incidere.

I coralli ai tropici stanno sotto il sole ed all’ asciutto per ore durante la bassa marea., non sono certo i dieci minuti del cambio d’acqua creare problemi. E tieni presente che anche questi viaggiano per giorni quasi all’ asciutto prima di arrivare da noi. Io presto attenzione solo alle spugne, che se prendono aria non va bene, e per precauzione ai cosiddetti coralli di profondità, che peraltro non sono molto frequenti nelle nostre vasche.
Generalmente quando gli sps “filano” dopo un cambio d’acqua non è perché sono stati all’ asciutto, ma per il sale non bene sciolto o di qualità scarsa.

Aggiunto dopo 5 minuti 45 secondi:
Gintonico ha scritto:
19/02/2021, 8:59
Walden ha scritto:
18/02/2021, 21:25
Se sono noioso perdonatemi (o non leggetemi)
Io ti pregherei invece di dilungarti a piacere, chi come me di marino non sa niente capta cose interessanti qua e là. Il tuo progetto poi mi interessa particolarmente per le idee di gestione che hai. Come dicevo già altrove i tentativi di rendere il marino meno costoso, tecnologicamente complicato ed elitario sono oro.
Purtroppo il marino se paragonato al dolce e’ comunque sempre costoso, a meno di scelte particolarmente...ardite. Diciamo che negli ultimi 10/15 anni siamo arrivati a livelli proibitivi, ma c’è da dire che si sono raggiunti traguardi che hanno dell’incredibile, sui coralli zooxantellati. Resta ancora tanto da fare sui coralli privi di zooxantelle, bellissimi ma ancora oggi quasi impossibili da mantenere in vasca sul medio lungo termine.

Avatar utente
Walden
star3
Messaggi: 72
Iscritto il: 11/12/20, 9:31

Nanoreef low low tech e low low cost

Messaggio di Walden » 20/02/2021, 11:17

Ed ecco gli ospiti...

Sono 14 talee acquistate da altri appassionati e pagate una media di 13 euro cadauna, più una roccetta bella viva carica di actinodiscus viola, un ciuffo di xenia, spugne, e spirografini, il tutto per la cifra di € 50. O:-) ; le due astrea sono gratis... :D

Il tutto innaffiato con 1,5 litri di zooplancton misto ;)

Adesso basta mani in vasca, e incrocio le dita... :ympray:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
FattoreM
star3
Messaggi: 290
Iscritto il: 20/08/19, 13:40

Nanoreef low low tech e low low cost

Messaggio di FattoreM » 20/02/2021, 18:05

Ho letto tutto con grande cura ed attenzione
L'idea di mettere su un secondo acquario da 30lt low cost mi era già venuta leggendo il post del Reef Calabrese di @Giueli, poi leggendo questo post la voglia aumenta.
Ho la vasca, ho la sabbia, ho la pompa il riscaldatore, i batteri e la luce. Mancano rocce e mangrovie. Dovrei avere anche il filtro ad aria.
Mentre ancora aspetto e preparo lo spazio, continuo a leggerti e ti prego di dilungarti :)
Grazie mille
Sono un Fattore M. Non vi aspettate azioni troppo intelligenti! :D
#TeamPiùSale
-Pazienza che devi avere, mio ​​giovane Padawan (Yoda)

Avatar utente
Walden
star3
Messaggi: 72
Iscritto il: 11/12/20, 9:31

Nanoreef low low tech e low low cost

Messaggio di Walden » 23/02/2021, 12:37

Piccolo aggiornamento:
Le talee mi pare si siano ambientate bene, a parte il solito briarerum che chiede più tempo per aprirsi: se ci fossero alghe patinose/filamentose in vasca sarebbe un problema... :-??
Ho introdotto anche due minuscoli sarcophyton, e pure loro fanno i timidi. Devo capire se il movimento d’acqua e po’ troppo scarso per loro, specialmente per rimuovere la patina della muta: non ho voglia di intervenire a mano... :-q
L’acqua incomincia a diventare meno opaca, sempre un po’ verdastra, normale per una vasca partita 20 giorni fa ; in compenso lo zoo plancton che immetto quotidianamente apprezza l’acqua verde, e i coralli apprezzano molto lo zoo plancton... :)
Anche le mangrovie mi paiono in forma sotto la plafonierina da luna park... :ymparty:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Bradcar
Moderatore
Messaggi: 4039
Iscritto il: 18/02/18, 20:09

Nanoreef low low tech e low low cost

Messaggio di Bradcar » 23/02/2021, 21:36

Walden ha scritto:
23/02/2021, 12:37
Piccolo aggiornamento:
Le talee mi pare si siano ambientate bene, a parte il solito briarerum che chiede più tempo per aprirsi: se ci fossero alghe patinose/filamentose in vasca sarebbe un problema... :-??
Ho introdotto anche due minuscoli sarcophyton, e pure loro fanno i timidi. Devo capire se il movimento d’acqua e po’ troppo scarso per loro, specialmente per rimuovere la patina della muta: non ho voglia di intervenire a mano... :-q
L’acqua incomincia a diventare meno opaca, sempre un po’ verdastra, normale per una vasca partita 20 giorni fa ; in compenso lo zoo plancton che immetto quotidianamente apprezza l’acqua verde, e i coralli apprezzano molto lo zoo plancton... :)
Anche le mangrovie mi paiono in forma sotto la plafonierina da luna park... :ymparty:
Promette bene , seguo l’evoluzione :-bd
Carlo

https://acquariofilia.org/af-contest/concorso-acquari/fiocco-land-betta/

Avatar utente
scheccia
Tecnico
Messaggi: 9022
Iscritto il: 13/06/15, 18:33

Nanoreef low low tech e low low cost

Messaggio di scheccia » 23/02/2021, 21:59

Vedo tanto rosso nella plafo?

Posted with AF APP
Acquariofilia facile

http://goo.gl/81SHJb

Avatar utente
Walden
star3
Messaggi: 72
Iscritto il: 11/12/20, 9:31

Nanoreef low low tech e low low cost

Messaggio di Walden » 23/02/2021, 22:36

Sì, un po’ troppo :-q : e’ una plafonierina fitostimolante, alla mangrovia sicuramente piace, in vasca apparentemente non arriva molto rosso, ma la mancata apertura del briarerum potrebbe anche essere la conseguenza di un colore poco gradito ai coralli, ed utilizzato nelle recenti plafoniere ultratecnologiche solo per appagare l’occhio umano. Ho provveduto ad alzare la plafoniera e a posizionarla più lateralmente, vediamo che succede... x_x

Avatar utente
Walden
star3
Messaggi: 72
Iscritto il: 11/12/20, 9:31

Nanoreef low low tech e low low cost

Messaggio di Walden » 22/04/2021, 14:38

Ciao a tutti,
A distanza di un paio di mesi ecco cosa è successo:

Ho eliminato la plafonierina fitostimolante: da tre mangrovie iniziali adesso siamo a due, che mi pare abbiano ben radicato. L’obbiettivo era di farme crescere bene almeno una su tre, dovrei riuscirci.

Ho sostituito il filtro ad aria con un eheim liberty 2042: introducendo delle roccette vive era necessario aumentare il movimento d’acqua. All’interno del filtro c’è solo un sacchetto o minuscolo di carbone attivo, se sarà necessario (dubito) metterò delle resine per i fosfati.

Ho aggiunto appunto 5 roccette vive, 3 kg circa in tutto. Il dsb stentava a partire, e così pure le alghe coralline: dal punto di vista estetico era meglio prima, ma dal punto di vista biologico meglio adesso (a parte le solite inevitabili aiptasie che a tempo e debito combatterò).

Ho aggiunto una terza plafoniera LED ecochic tunze. Adesso sono circa trenta w di luce LED: ho dovuto spostare qualche actinidiscus in zone più ombreggiate, sono gli unici ad aver patito il cambio (anche con due plafoniere non è che si distendevano benissimo). La Xenia è esplosa, il brairerum si è aperto e sta crescendo, i due sarco pure.

Gestione: qui e la parte più interessante. Da circa due mesi doso quotidianamente 60 ml di fitoplancton vivo da me coltivato: 30 ml di synechococcus e 30 ml di tetraselmis suecica al giorno. Risultato, fauna bentonica esplosa (guardate i vetri della vaschetta, sono ricoperti) e ciano batteri scomparsi ( erano copiosi al limite del tollerabile per un nano in partenza).

Solito cambio settimanale di 5 litri, con acqua distillata del supermercato e sale tropic marin pro reef e da circa un mese somministro quotidianamente il seachem fusion per integrare calcio e carbonati, con ottimi risultati sulle alghe coralline. Non ho idea dei valori della vasca, tranne il KH che sta a 7 (test sera). Perdonate la solita pessima qualità delle foto aggravata dal fatto che non pulisco i vetri per rispetto a copepodi, mysidiacei, lumachine e planarie di vari colori....
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Questi utenti hanno ringraziato Walden per il messaggio:
FattoreM (23/04/2021, 22:10)

Avatar utente
AndreAgo
Moderatore
Messaggi: 778
Iscritto il: 27/11/19, 18:01

Nanoreef low low tech e low low cost

Messaggio di AndreAgo » 22/04/2021, 17:58

Complimenti per tutto :ymapplause:
Dal colore delle patine direi organico giusto e dal dsb pieno di bolle partito bene

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite