Sintomi simili a quelli del Whirling Disease

Alimentazione, malattie, organismi spontanei

Moderatori: Marah-chan, lauretta, fernando89

Avatar utente
Jovy1985
Ex-moderatore
Messaggi: 16682
Iscritto il: 19/10/13, 12:53

Re: Sintomi simili a quelli del Whirling Disease

Messaggio di Jovy1985 » 31/07/2016, 14:21

Io tratterei solo gli animali che presentano i sintomi e sono isolati dal resto del gruppo.
Inutile dare antibiotico a un animale sano...è controproducente..concentriamoci su quelli che sono palesemente ammalati.

Ti preannuncio che non è detto che la nostra cura non sia azzeccata se non vediamo risultati: potremmo semplicemente beccare un ceppo batterico resistente. La cosa ci potrebbe quindi far pensare che non si tratti di batteri...invece lo sono. Anche cory e Cardinali sono possibili vittime naturalmente.

Il fatto che i sintomi non siano uguali per tutti, vuol dire poco...alcuni batteri possono provocare...chessò...macchie nere sulla pelle, ma anche idropisia...oppure una vera e propria corrosione della bocca.

Tornando a noi, daremo l antibiotico per via orale. Amoxicillina infatti è preferibile sempre somminiatrarla cosi (in realtà, tranne casi particolari, è sempre meglio darlo per bocca l antibiotico).

Dovrai usare circa 6 mg di amoxicillina su g di cibo. Non devi essere preciso al mg...puoi anche fare 7...8..ma non esagerare!
Preparerai quindi un pastone: polvere di amoxicillina,cibo(secco,liofilizzato..) e colla di pesce. Non aggiungere il farmaco quando la colla è calda! Solo quando è tiepida...

In alternativa alla colla di pesce puoi usare l olio di oliva..ma è un po più difficile.

Una volta preparato il pastone,darai solo questo cibo medicato,1-2 volte al giorno, per 10 giorni almeno.

Il pastone puoi conservarlo tranquillamente in frigo.
"Tu non sei il pastore....tu sei la pecora!" Charles Vane ( Black Sails)[/size]

Avatar utente
Jovy1985
Ex-moderatore
Messaggi: 16682
Iscritto il: 19/10/13, 12:53

Re: Sintomi simili a quelli del Whirling Disease

Messaggio di Jovy1985 » 31/07/2016, 14:40

Un'altra domanda lazarus: hai mai dato ai tuoi pesci olio d arachidi?

Prima di questi problemi, hai per caso usato medicinali o prodotti chimici in vasca?
"Tu non sei il pastore....tu sei la pecora!" Charles Vane ( Black Sails)[/size]

Avatar utente
LazarusLong
star3
Messaggi: 53
Iscritto il: 10/04/16, 12:22

Re: Sintomi simili a quelli del Whirling Disease

Messaggio di LazarusLong » 31/07/2016, 16:58

Scusa Jovy1985 6mg per grammo? Come mi regolo? Supponiamo che mi procuri una pasticca da 500 mg. Ad occhio e croce la divido in 4 ed ho comunque 125 mg. Dovrei mischiarla a circa 21 gr di cibo secco. Ma 21 gr di cibo secco io lo somministro a 2 soggetti piccoli in mesi! O sbaglio? Tu nella pratica, come faresti?
Ho somministrato in passato l'olio di arachidi mischiato al cibo secco e mi creava una patina oleosa sulla superficie dell'acqua. Poi ho smesso. Forse sbagliavo in qualcosa.
Non ho fatto cure in vasca tranne quella con l'Ascarilen. Da qualche giorno noto il comportamento molto strano del corydoras aeneus albino. Ne ho due. L'altro è scuro. Quello albino sta spessissimo in superficie per respirare, l'altro si comporta normalmente. In vasca in questi giorni ci sono quasi 30 gradi. Ma l'anno passato hanno sopportato i 31 senza incorrere in una solo problema. Credo che anche il cory possa avere qualche problema respiratorio.

Avatar utente
Jovy1985
Ex-moderatore
Messaggi: 16682
Iscritto il: 19/10/13, 12:53

Re: Sintomi simili a quelli del Whirling Disease

Messaggio di Jovy1985 » 31/07/2016, 22:41

Per quel che riguarda il cory, ci deve essere poco ossigeno disciolto...non ha il labirinto come il betta,ma se la memoria non mi inganna, ingerendo aria, riesce a "estrarre" direttamente ossigeno. Prova ad aerare un po l acqua..smuovi un po la superficie insomma.

Tornando al medicinale, io nella pratica dividerei in 4, ottenendo 125mg a pezzo.
Poi dividerei per 2 un pezzetto, ottenendo circa 60mg..buono per circa 10 grammi di cibo.

Puoi ancora suddividere, per avere medicinale per 5 grammi. Ripeto...non devi essere preciso al mg,dato che non hai una bilancia di precisione.
Facendo le cose anche ad occhio, non puoi far danno ;) diverso sarebbe 500mg in 1 grammo di cibo!! Quella sarebbe una dose troppo forte naturalmente..
"Tu non sei il pastore....tu sei la pecora!" Charles Vane ( Black Sails)[/size]

Avatar utente
LazarusLong
star3
Messaggi: 53
Iscritto il: 10/04/16, 12:22

Re: Sintomi simili a quelli del Whirling Disease

Messaggio di LazarusLong » 01/08/2016, 6:02

Grazie. Questa mattina prendo una pausa e passo in farmacia provando a chiedere se mi danno l'augmentin senza ricetta dicendo che si tratta di una cura per i pesci. Altrimenti dovrò attendere di andare dal medico.

Avatar utente
Jovy1985
Ex-moderatore
Messaggi: 16682
Iscritto il: 19/10/13, 12:53

Re: Sintomi simili a quelli del Whirling Disease

Messaggio di Jovy1985 » 01/08/2016, 8:48

Chiedi prima a parenti e amici ;) quasi sicuramente qualcuno se la ritrova a casa...se invece devo chiedere in farmacia, chiedi il generico! Digli amoxicillina..ti costa la metà
"Tu non sei il pastore....tu sei la pecora!" Charles Vane ( Black Sails)[/size]

Avatar utente
LazarusLong
star3
Messaggi: 53
Iscritto il: 10/04/16, 12:22

Re: Sintomi simili a quelli del Whirling Disease

Messaggio di LazarusLong » 02/08/2016, 10:31

Ciao Jovy1985.
Ieri non ho trovato l'Amoxicillina tra i conoscenti e quindi ho comprato il generico. Sono capsule da 1000mg. Quindi ho solo grattato un pochino di compressa che approssimativamente dovrebbe essere meno della centesima parte. Poi ho aggiunto più o meno un grammo di cibo secco e ho disciolto in acqua calda della colla di pesce.
Dopo aver amalgamato il tutto, dopo che si è raffreddato la pastella, mi è uscita una pallinetta dura. Sinceramente sono rimasto sorpreso. Pensavo restasse più morbida.
Spezzandone un pezzettino l'ho dato hai pescetti che fanno ovviamente fatica a cibarsi.
Forse dentro l'acqua col tempo si ammorbidice e i pesci la mangiano. In questo caso però temo che anche l'antibiotico si disciolga in acqua prima che venga mangiato.
Non so se ho seguito la procedura corretta.

Avatar utente
Jovy1985
Ex-moderatore
Messaggi: 16682
Iscritto il: 19/10/13, 12:53

Re: Sintomi simili a quelli del Whirling Disease

Messaggio di Jovy1985 » 03/08/2016, 14:39

Hai sicuramente sbagliato :) ti consiglio di preparare a freddo...cioè devi semplicemente riscaldare la colla di pesce sul fuoco. Amalgami con il mangime, e quando è tiepido aggiungi il medicinale! Non aver paura di mettere antibiotico,non essere parsimonioso..meglio un pochino in più che in meno.

Devi ottenere una consistenza simile alla gelatina
"Tu non sei il pastore....tu sei la pecora!" Charles Vane ( Black Sails)[/size]

Avatar utente
LazarusLong
star3
Messaggi: 53
Iscritto il: 10/04/16, 12:22

Re: Sintomi simili a quelli del Whirling Disease

Messaggio di LazarusLong » 05/08/2016, 15:42

Ciao.
Vi aggiorno su come sta procedendo.
Sono riuscito a dare la pappa medicata ai due pesciolini. Non sembra per ora che si notino miglioramenti.
Stanno succedendo purtroppo altre cose spiacevoli in acquario. Sarà questo caldo intenso. Avevo 2 cardinali che non mi hanno dato mai problemi. Ieri mattina quando ho dato il cibo era tutto nella norma. La sera sul tardi non vedevo nè la corydoras albina, ne uno dei 2 cardinali. Come sapete ho cercato di sistemarli altrove da quando li ho ma non ho trovato nessuno che li volesse o che mi desse garanzie che sarebbero andati a stare meglio. Ebbene mi accorgo che erano rimasti incastrati, chissà da quanto tempo, dietro il filtro. Incastrati in una posizione stranissima. Il primo a ficcarsi lì dietro è stato il cardinale. Subito dopo la corydoras (è una femmina). Pensavo fossero morti entrambi.
Invece sposto il filtro e il cardinale tutto mangiucchiato cade sul fondo e la cory torna a scorrazzare in vasca. Non so quale sia il comportamento dei corydoras ma credo che la dinamica sia stata molto sfortunata per il cardinale. Ogni tanto li vedevo che provavano a ficcarsi in quello spazio angusto, come i guppy. I guppy, molto più piccoli, entrano ed escono con estrema facilità.I cardinali facevano fatica perchè dovevano uscire in "retromarcia". Probabilmente il cory è entrato subito dietro e sono rimasti bloccati. Ed alla fine la cory ha fatto un pastone del cardinale. Non so se prima è morto o se lo stesso cory trovandoselo a portata di bocca e bloccato in quel modo, abbia iniziato a mangiarlo.
Ora mi spiace per il cardinale superstite. Non ho intenzione di proseguire con l'errore di prendergli almeno un compagno. Non so se sarebbe una soluzione darlo a chi ha dei neon con guppy. E' un errore tipico che vedo in giro. Non ho incontrato gente con cardinali. I neon rispetto al mio cardinale sono la metà in dimensioni. Non so neanche se farebbe branco con loro o si sentirebbe sempre isolato. Questa comunque è un'altra storia rispetto al problema dei guppy che vorticano. Continuano a vorticare. Se non fosse che li nutro in quella piccola vaschetta, probabilmente sarebbero già morti di inedia. Non sono in grado di competere con gli altri e anche se il problema non fosse di natura batterica o causato da altri agenti patogeni, non potrei comunque rimetterli in acquario in quelle condizioni. Nè me la sento di farli vivere in quel modo per lungo tempo. Staremo a vedere.

Avatar utente
LazarusLong
star3
Messaggi: 53
Iscritto il: 10/04/16, 12:22

Re: Sintomi simili a quelli del Whirling Disease

Messaggio di LazarusLong » 06/08/2016, 13:30

Ciao.
Io mi sto preoccupando di curare i due guppyni malati con risultati nulli e intanto nellll'acquario muoiono i pesci. Oggi ho trovato stecchita sul fondo la corydoras albina dell'episodio raccontato nel precedente post. E siamo a 3 morti. Un guppy un cardinale e un corydoras. Mi spiace molto che adesso sono rimasti da soli pesci che vivono in gruppi. Un solo corydoras e un solo cardinale. Oggi rieffettuero' i principali test anche se non vedo perché dovrebbe essere successo qualcosa di particolare. Continuo la manutenzione dell'acquario così come faccio da anni. 2 settimane fa i valori erano pH 7.8, GH 10, KH 10, NO3- 25 (prima di un cambio d'acqua del 30%), NO2- a zero e temperatura intorno ai 30 gradi. Domani dovrei effettuare un cambio del 20% d'acqua a meno che non noti qualcosa di strano. Ormai non mi resta che attendere. Osservare se si stabilizza la situazione. Per curiosità, quanto è la vita media dei corydoras aeneus albini e dei cardinali? Volevo capire se avevo comunque dei soggetti anziani o se in teoria, in condizioni ideali, avrebbero avuto un'aspettativa di vita molto più lunga. Io li avevo con me da 20 mesi. Penso che anche i 2 sopravvissuti abbiano poco più di 2 anni. Forse i cory 2 anni e mezzo. Erano già abbastanza grandi in dimensioni e non so a che età in allevamento raggiungono quella taglia.
Grazie a chi saprà darmi queste informazioni.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti