Nuova casa, nuovo acquario

Deve funzionare, ma... facciamolo anche bello!

Moderatori: Steinoff, Monica

Rispondi
Avatar utente
ocram
Ex-moderatore
Messaggi: 3857
Iscritto il: 02/04/15, 10:14

Nuova casa, nuovo acquario

Messaggio di ocram » 06/12/2016, 9:00

Ciao!

Mentre leggerete che cosa sto per allestire potreste pensare che sia impazzito, che una forza oscura mi abbia spinto oltre il confine del non-ritorno, come se dopo 2 anni di Asus ZenFone andassi al Samsung store per acquistare un Galaxy S7 Edge.
Abbiate fede, amici.

Ogni nuovo allestimento è sempre un fermento per la nostra passione, tutto il mondo dell'acquariofilia si riapre per lasciarsi studiare in tutte le sue varianti e concedersi in prestito in 4 vetri.


Ho preso un meraviglioso Juwel Rio 125, alla faccia degli acquari da discount, ho voluto optare per un elemento di arredo degno di nota, a pescindere da quello che c'era dentro. L'ho comunque preso usato, facendo un affare e prendendolo da una persona davvero molto precisa, tanto che l'acquario ai miei occhi decisamente non inesperti sarebbe potuto passare come nuovo: tutto in scatola originale, senza l'ombra di un graffio né di incrostazioni, fenomenale.

Parliamo quindi di 80 x 35 cm con una colonna d'acqua di 50 cm.

Ho sia le luci di serie, che da quel che ho capito non sono il massimo, sia - udite! udite! - due Dennerle Trocal Amazon Day. Correggetemi se sbaglio - non ho approfondito perché ho caricato tutto al secondo piano ieri sera tardi e oggi non tornerò prima di sera - le prime hanno una gradazione di 8000 K, le seconde di 6000 K; da come consigliamo sarebbe opportuno abbinare ad una Amazon Day una Special Plant (3000 K), per ora di comprarne non se ne parla assolutamente, le mie piante si adatteranno alle "misere" Amazon Day.
Mi sento un VIP a parlare di roba Dennerle, ecco perché la premessa. Fino a ieri stavo con le CFL del discount, adesso mi sembra di avere una plafoniera ADA HQI che un negoziante voleva vendermi a soli 349,90 €.

Ai doppi tubi si aggiungono dei riflettori Juwel HiFlex Reflector che a quanto pare fanno davvero bene il loro lavoro. E io che fino a ieri stavo con la stagnola... :-$
Se non dovesse bastare, ho anche un nastro adesivo riflettente della Dennerle (quello del Brico non andava bene? :D).

_____

Questi sono i dati certi, da aggiungere alla zona geografica che sarà, per intenderci, Sudamericana, con una fauna sicura dalle due vasche vecchie di Gymnocorymbus ternetzi e Paracheirodon innesi, che verrà aumentata di numero con aggiunte altre specie che ho in mente e che dirò di seguito.
Ora passiamo ai dubbi preliminari che mi sono posto: ancora devo decidere che tipo di gestione avere.


Filtro sì, filtro no.

Ho il filtro interno di serie della Juwel, che il vecchio proprietario ha magistralmente tolto (di serie è siliconato) per usare un Pratiko.
Di siliconarlo al vetro non se ne parla, potrei trovare il modo di agganciarlo, ma diciamo che non mi fa impazzire l'idea.
Forse è il primo dubbio che mi sono posto, ma anche il primo ad aver eliminato. L'ho posto in essere solo perché da un periodo penso che sia diventata una questione di principio avere un acquario senza, ma poi mi sono ricordato di quanti lati negativi abbia, tra cui indubbiamente l'orribile presenza nera all'interno del paesaggio sommerso.
Se siete d'accordo, direi no.


Fauna.

A partire dai due detti sopra, che ho già, che quindi non posso modificare:

Gymnocorymbus ternetzi: ne ho 10, vorrei portare a 15, forse 20, ma non saprei. Ho visto che di spazio ne occupano per i propri perimetri personali, non voglio creare disturbi intraspecifici per questo motivo. Di positivo c'è che occupano tutta la colonna d'acqua, a partire dal centro.

Paracheirodon innesi: i miei primi pesci, i fedelissimi. Nessuno più di loro merita una nuova casa. Ne ho 3, diventeranno almeno 20.

Gyrinocheilus aymonieri: quasi lo dimenticavo, lui che porta il nome di un vecchio amico che giocava con me, l'unico che lo ha. Il più fedelissimo, il primo ad arrivare insieme al primo acquario e agli errori che fa un neofita. È da solo, troveremo una nuova tana per lui per dargli una restrizione meno traumatica possibile.

Corydoras aeneus: o comunque Corydoras; mi piacerebbe metterli e questo inciderà ovviamente nella scelta del fondo e saranno strettamente collegati. Ne vorrei mettere un banchetto dai 7 ai 10 esemplari.

Apistogramma borellii: o altro Apistogramma, c'ho la pulce da parecchio, il vecchio acquario doveva ospitarli, ma poi sono rimasto nel monospecifico.

Come fauna stiamo molto abbondanti, è una scelta. A smaltire l'organico non ci saranno problemi e voglio una vasca più movimentata di quelle avute finora dove i pesci, senza simulare la cena, andavano cercati tra le frasche.


Flora.

Qualcosina ne so... :D
Dalle vecchie vasche erediterò sicuramente la Rotala rotundifolia, sticavoli che è in trasferta, il muschio e le Anubias. Non so se manterrò l'Elodea canadensis, mi ha dato molte soddisfazioni, ma forse è il momento di passare al lato oscuro della Heteranthera zosterifolia.
Ci sarà ovviamente una presenza di galleggianti, una o due specie: Limnobium laevigatum sicuramente, insieme ad una Salvinia natans? Non saprei.
Non mancherà un Myriophyllum mattogrossense.
Non voglio assolutamente farmi mancare una rossa, con le luci da gara. Non saprei proprio quale. Che sia il momento della Proserpinaca palustris?
Una pianta bassa? La Staurogyne repens, mi ha dato grosse soddisfazioni e non mi ha mai annoiato, ma anche una pianta in stile prato non mi dispiacerebbe, anche se la vedo più dura per la colonna molto alta.

Con questo di specie ce ne sono abbastanza per i miei gusti, il problema è un grosso dubbio che ho: CO2 sì, CO2 no?.
Per la prima volta ho un mobile con i cassetti dove potrei nascondere tutto, la CO2 dà indubbiamente una marcia in più alla crescita delle piante e semplifica molto, ma di fatto è un aggeggio che va ricaricato una volta al mese con una spesa di tempo variabile dai 5 ai 15 minuti. Ne vale la pena? Secondo me sì, ma ancora non riesco a decidere.


Layout.

Per questo motivo il layout verrà condizionato, cercando di lasciare una colonna ordinata e libera, con la presenza ristretta di arredi.
Diciamo da destra verso sinistra (dopo vi darò una foto), un legno ben articolato ed appariscente, più forse uno o due piccoli da contorno, sul quale verranno ancorate delle Anubias, sotto delle galleggianti: è un po' l'idea che mi sono fatto per il layout base.



Fondo.

Questo è forse il fulcro del topic, e forse addirittura il principale motivo della sua apertura.
Da esso dipendono una parte della fauna, i Corydoras, e la flora, di sicuro ne dipendono la rossa e la pianta bassa, che ovviamente avranno un bell'apparato radicale.
Sul tipo non ho molti dubbi: inerte.
Il pensiero lo faccio sulla dimensione, qual è il giusto compromesso?
Sarà un fondo molto wild, marrone scuro con foglie adagiate oppure più pompato, con stick interrati e piante a radici? Una via di mezzo?


Ora devo scappare, vi ringrazio e mi scuso per aver scritto un libro.
Se avete letto tutto, siete dei bravi mod.
Se non siete mod e avete letto tutto, lo sarete presto.
Se non avete letto tutto, rileggete due volte.

Ciao!
Dove giace il frutto soffocante che giunse dalla mano del peccatore io partorirò i semi dei morti per dividerli con i vermi che si raccolgono nelle tenebre e circondano il mondo col potere delle loro vite...



Area X

Avatar utente
Diego
star3
Messaggi: 16794
Iscritto il: 14/12/15, 17:39

Re: Nuova casa, nuovo acquario

Messaggio di Diego » 06/12/2016, 9:09

Innanzitutto complimenti per il traguardo :-bd

Rispondo per la mia parte:
ocram ha scritto:due Dennerle Trocal Amazon Day
Sono lampade a 6000 K, spettro molto simile alle CFL della temperatura di colore. Vanno bene anche da sole, non serve necessariamente accoppiarle con le Special Plant (3000 K).
Quindi non sono misere (basta guardare il prezzo...)!
Questi utenti hanno ringraziato Diego per il messaggio:
ocram (06/12/2016, 9:46)
Qualsiasi progresso scientifico deriva da sfida intellettuale, da compensazione di limitazioni. Niente limitazioni, niente progresso. Niente progresso, stagnazione culturale! Valido anche opposto. Progresso prima di cultura è vero disastro. (ME2)

Avatar utente
ocram
Ex-moderatore
Messaggi: 3857
Iscritto il: 02/04/15, 10:14

Re: Nuova casa, nuovo acquario

Messaggio di ocram » 06/12/2016, 9:45

Era volutamente ironico il "misere". Le mie piante non hanno mai visto qualcosa che costasse più di 2 €... =)) =))
Dove giace il frutto soffocante che giunse dalla mano del peccatore io partorirò i semi dei morti per dividerli con i vermi che si raccolgono nelle tenebre e circondano il mondo col potere delle loro vite...



Area X

Avatar utente
Diego
star3
Messaggi: 16794
Iscritto il: 14/12/15, 17:39

Re: Nuova casa, nuovo acquario

Messaggio di Diego » 06/12/2016, 9:48

ocram ha scritto:Era volutamente ironico il "misere". Le mie piante non hanno mai visto qualcosa che costasse più di 2 €... =)) =))
=))
Sono ottime lampade, nulla di trascendentale, ma fanno il loro lavoro
Qualsiasi progresso scientifico deriva da sfida intellettuale, da compensazione di limitazioni. Niente limitazioni, niente progresso. Niente progresso, stagnazione culturale! Valido anche opposto. Progresso prima di cultura è vero disastro. (ME2)

Avatar utente
GiuseppeA
Moderatore Globale
Messaggi: 9953
Iscritto il: 15/09/14, 15:48
Contatta:

Re: Nuova casa, nuovo acquario

Messaggio di GiuseppeA » 06/12/2016, 9:51

Secondo me ti hanno fregato. :-? :-?
ocram ha scritto:concedersi in prestito in 4 vetri.
Se ha solo 4 vetri, come fai a riempirlo? Non ti esce tutto da sotto? :-?? :-??

:)) :)) :)) :))


Io dico la mia...
Filtro:
Indeciso come te..ma, opinione mia, se vuoi spingere con piante e fertilizzanti io non ci rinuncerei così a cuor leggero.


Flora:
Salvinia natans?
Ti dico solo di stare attento. Se trova da mangiare diventa peggio della così odiata Lemna. Cresce a dismisura e soffoca tutto.
Proserpinaca palustris?
Perchè no? Se poi hai intenzione di spingere è anche un'ottima "spia". :-bd
ma anche una pianta in stile prato non mi dispiacerebbe
Lilaeopsis brasiliensis..che ne dici? :-?
CO2 sì, CO2 no?.
Se spingi sulle luci ne avrai sicuramente bisogno.


Fondo:
Sarà un fondo molto wild, marrone scuro con foglie adagiate oppure più pompato, con stick interrati e piante a radici? Una via di mezzo?
Il vantaggio dell'inerte, come ben sai, è che lo "pompi" dove ne hai bisogno. Quindi scegli in base alle esigenze dei pinnuti e non delle piante.


Buona avventura! :-h :-h :-h
Questi utenti hanno ringraziato GiuseppeA per il messaggio:
ocram (06/12/2016, 10:03)
La mia non è proprio pigrizia, è più voglia di risparmio energetico. :-

Avatar utente
ocram
Ex-moderatore
Messaggi: 3857
Iscritto il: 02/04/15, 10:14

Re: Nuova casa, nuovo acquario

Messaggio di ocram » 06/12/2016, 11:19

GiuseppeA ha scritto:Se ha solo 4 vetri, come fai a riempirlo? Non ti esce tutto da sotto?
Ci sto lavorando... =))

GiuseppeA ha scritto:Lilaeopsis brasiliensis..che ne dici?
Se po' fa, mi ha incuriosito da parecchio.
GiuseppeA ha scritto:Se spingi sulle luci ne avrai sicuramente bisogno.
Ahimè!

Poi senza un venturi? Ahimè! x_x
Dove giace il frutto soffocante che giunse dalla mano del peccatore io partorirò i semi dei morti per dividerli con i vermi che si raccolgono nelle tenebre e circondano il mondo col potere delle loro vite...



Area X

Avatar utente
alessio0504
star3
Messaggi: 4823
Iscritto il: 14/12/15, 1:50

Re: Nuova casa, nuovo acquario

Messaggio di alessio0504 » 07/12/2016, 7:10

Ho letto tutto quindi son già stato bravo! :-B Ti do i miei pareri, per quello che valgono! :D
Hai tra le mani un bell'oggetto. Ben messo, abbastanza grande e con luci di partenza che non hanno nulla da invidiare a nessuno. Farei un pensierino a raddoppiarle tra qualche tempo se opti per una vasca spinta. Spesa non indifferente, ma facilissima da eseguire eventualmente. Però puoi partire così e vedere come va. 50cm non sono pochi comunque...

Flora mi permetto di dire che secondo me staurogyne o brasiliensis sono un po' grandicelle secondo me. In una vasca di quelle dimensioni vedo meglio qualcosa di più contenuto come una eloacharis mini.
Come rossa la Palustris è bella ma, puoi puntare più in alto se metti la CO2 che sarebbe fondamentale anche in vista di un bel pratino! ;)

Mi è parso che la vasca sia bella e le luci siano sopra allo standard che hai sempre usato. Questo è un buono stimolo per azzardare una vasca un po' più spintarella, come dicevo. Se opti per qualcosa del genere eliminerei anche una galleggiante, altrimenti sotto non arriva abbastanza luce!
Se la vasca la vuoi meno spinta allora ben venga la galleggiante ma rivaluterei sulla pianta bassa davanti e dovremmo abbassare le pretese con il rosso!

Fondo inerte marrone scuro secondo me va bene 1-3mm. Più grosso fa sembrare tutto il resto più piccolo e la vasca sembra una pozzanghera. Abbiamo una vasca abbastanza grossa, valorizziamola!

Il layout è la cosa più importante in questa sezione ma non c'ho capito una mazza! Aspetto disegni/foto! :D
Questi utenti hanno ringraziato alessio0504 per il messaggio:
ocram (07/12/2016, 13:28)
Si viaggia non per cambiare luogo, ma idea.
(Hippolyte Adolphe Taine 1828-1893)

Avatar utente
Sini
Amministratore
Messaggi: 15910
Iscritto il: 12/03/15, 9:33

Re: Nuova casa, nuovo acquario

Messaggio di Sini » 07/12/2016, 8:20

Marco, mi sa che alla fine vien fuori il gemello del mio... :ymdevil:

Manado, niente CO2, niente filtro, niente galleggianti, heteranthera (occhio che non è così arrabbiata con le alghe...)...

Ah, concordo con Beppe su una cosa...
► Mostra testo
I pesci non si possono inserire prima di un mese (almeno) senza cambi d'acqua né lavaggi del filtro.

Prima di qualsiasi acquisto, chiedi sul forum!

Noi, un branco di morti di fame che potano con le unghie...

Avatar utente
naftone1
Ex-moderatore
Messaggi: 5739
Iscritto il: 15/07/15, 10:01

Re: Nuova casa, nuovo acquario

Messaggio di naftone1 » 07/12/2016, 8:55

anche io ci metterei un vetro sotto, oppure puoi siliconarlo al mobile e vedere cosa succede... :))
comunque tutto il tuo piano mi piace, seguo ;)
Mio padre era una persona di poche parole... un giorno mi disse: "figliolo"

Avatar utente
DxGx
Amministratore
Messaggi: 7145
Iscritto il: 20/10/13, 20:22

Re: Nuova casa, nuovo acquario

Messaggio di DxGx » 07/12/2016, 9:38

Sono da poco passato dalla tua stessa situazione, trasferito, casa nuova e acquario nuovo... da quando ho cominciato seriamente ad iniziare a pensarci (che acquario, dove metterlo, cosa mettere dentro, come fare) non ho altro in mente :))

...

Se parti senza filtro, metti qualche pianta galleggiante, anche solo limitate in un angolo. In questo modo faranno loro da filtro naturale. Almeno fino a quando quelle sotto non saranno partite per bene.
Io ho fatto così, siamo a un mese e tutto sta andando bene. Un accenno di filamentose, ma proprio due fili, che sono sparite subito :-bd

Se vuoi mettere o no la CO2 pensaci subito, in modo da capire anche come diffonderla. Il mio unico problema è stato quello, perchè usando il citrico, i diffusori a setto ceramico non vanno (pressione troppo bassa), per il venturi ci vuole una pompa... per un attimo la pazzia mi stava facendo venire in mente di mettere un filtro esterno... solo per CO2!! [-x
Di conseguenza, in base al diffusore, cambia anche il tempo di ricarica, con il venturi non vai a 20 bolle al minuto, quindi ti dura sicuramente di più ;) e magari ti potrebbe cambiare leggermente il layout, per nascondere l'eventuale diffusore o pompa per il venturi/miscelatore.

:-bd
Questi utenti hanno ringraziato DxGx per il messaggio:
ocram (07/12/2016, 10:13)
Chiamatemi Nio, AntoNio

"Per non essere d'accordo non serve essere sgradevoli."

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Loryemme10 e 6 ospiti