Quale substrato in Acquario?

Deve funzionare, ma... facciamolo anche bello!

Moderatori: Monica, Steinoff

Bloccato
Avatar utente
luigi66
star3
Messaggi: 148
Iscritto il: 06/02/15, 22:25

Quale substrato in Acquario?

Messaggio di luigi66 » 25/10/2015, 1:00

Anche al fine di non appesantire il post precedente su input di Ocram apro questa nuovo post circa il più idoneo substrato da utilizzare nei nostri acquari.
Ordunque credo che la prima grande scelta che si deve operare è quella se in quest’acquario dovranno esserci delle piante, se queste saranno ancorate al fondo o solo galleggianti o piante sciafile ancorate a legni e rocce.

Assodato ciò :

1) Il compito primario e scontato di un substrato è quello di fornire uno stabile ancoraggio per le piante introdotte.

2) Il secondo compito è quello di fornire alle piante tramite le loro radici, una fonte di riserva di nutrienti che possano sostenere la loro crescita, anche se poi alla fine non ci dobbiamo mai dimenticare della nutrizione fogliare immessa tramite i c.d fertilizzanti in colonna.

3) Il substrato scelto può avere un ruolo molto importante nella filtrazione biologica dell’acquario.

4) Secondo me il fondo di un acquario deve anche assolvere un’importante finalità estetica.

Nell'altro post si discuteva appunto tra le diversità, benefici e gestibilità tra un fondo inerte ed uno fertilizzato.
Se non ho frainteso ciò che Ocram mi faceva giustamente notare è appunto questo che tra un fondo inerte ed un fondo diciamo già fertilizzato "chiavi in mano" passatemi il paragone non proprio ordotosso è che in quello inerte alla fine inserisco ciò che effettivamente mi servirebbe per la piantumazione che andrò ad eseguire mentre in quello fertilizzato ovviamente detta fertilizzazione sarà per forza di cose generica in quanto il produttore non saprà mai quali piante dovrò poi in seguito nutrire..... ocram spero di non aver capito male ciò che hai voluto comunicarmi.
Ora dato che siamo in argomento e non so se si è capito sono molto intrigato dalla flourite ( come fondo unico ovviamente ) ti chiedo ma secondo te la Fluorite aiuta di più le piante rispetto alla semplice akadama oppure non ci sono differenze sostanziali rispetto alla più economica miscela akadama+pomice?
Grazie
" La perfezione è raggiunta non quando non c'è più niente da aggiungere, ma quando non c'è più niente da togliere"

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17724
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Quale substrato in Acquario?

Messaggio di cuttlebone » 25/10/2015, 8:08

Intanto, una precisazione terminologica altrimenti si rischia confusione [emoji6]
Substrato, sta sotto e, quando c'è, è fertile;
Fondo, sta sopra e può essere di diversi materiali ed aspetti.
Di solito, ci sono tre modi di allestire il fondo della vasca,
Substrato e fondo: il più completo, probabilmente più efficace, ma anche il più difficile e problematico. Non sempre il gioco vale la candela.
Fondo inerte: il più semplice ed economico, senza particolari problemi, lo versi, riempi la vasca, attendi la maturazione ed inserisci i pesci. Non ha risorse proprie, quindi devi provvederlo tu dei nutrienti necessari alle piante. Richiede più competenza (direi consapevolezza più che competenza) nella scelta dei fertilizzanti ma più semplice da gestire, soprattutto qui in AF dove usiamo banali ed economici stick da giradinaggio.
Akadama o Manado: anzitutto bellissimi fondi allofani. L'Akadama] è "vuoto", nel senso che assorbe tutto ciò che metti in vasca, durezze dell'acqua incluse, acqua che diventa quasi distillata, idoneo per allestire vasche amazzoniche a pH e durezze bassissime.
Quando si satura nel tempo, diventa come il suo cugino Manado che, al contrario, rilascia tutto il suo contenuto in acqua, sino a quando non si raggiunge un equilibrio.
Sono fondi fantastici ma potrebbero creare qualche difficoltà all'inizio. Una volta raggiunta la stabilità, però, chi li usa ne è molto soddisfatto. Ottimi per nutrire le piante, qualcuno lamenta una non ottimale capacità di trattenere le giovani piantine. Dopo, però, pare che le radici non lo mollino più [emoji12]
Cosa fare, quindi, dipende da te, dalle tue esigenze estetiche e/o di allestimento.
Chiudo stimolandoti una riflessione. A quanti mi dicono che non mettono il fondo inerte perché vogliono coltivare molte piante, di solito rispondo con una foto
Immagine
plantacquario da 110 litri netti allestito con fondo inerte e stick NPK
Immagine
[emoji6]
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
Specy
Ex-moderatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: 20/10/13, 12:34

Re: Quale substrato in Acquario?

Messaggio di Specy » 25/10/2015, 8:17

Non conosco la Flourite black sand nel senso che non l'ho mai usata, però dalla sua composizione noto che ha un bel po' di sodio. Non so se quella quantità possa impedire l'assorbimento di altri elementi in primis il potassio. Ma per semplice deduzione, mi auguro, essendo prodotta da una azienda tra quelle leader, penso che quella quantità sia adeguata.

Per la scelta del fondo, sono sempre dell'avviso che dipenda da che tipo di piante si voglia mettere in vasca. Cioè se si metteranno maggiormente piante che si alimentano prevalentemente dalle radice oppure dalla colonna d'acqua. Ma non solo. Secondo me dipende anche da che acqua richieda allestimento. Per esempio se si vuole realizzare un amazzonico, l'Akadama risulta essere l'optimum per me, in quanto in pochissimo tempo ti assorbe i carbonati facendoti scendere di conseguenza il pH, raggiungendo facilmente quei valori caratteristiche di quella regione senza andare ad utilizzare altri materiali come per esempio la torba. Inoltre essendo un materiale allofano ti permette di fertilizzare in colonna e di alimentare anche le piante che si alimentano dall'apparato radicale.
Scusami ma ti ripeto quello scritto nell'altro topic, è meglio sceglere la cosiddetta specie regina, che spuo essere un pesce oppure una pianta, e attorna ad essa allestire la vasca secondo le Sue esigenze; quindi di conseguenza si metteranno in vasca gli altri ospiti, le piante, l'illuminazione, il fondo e l'acqua adeguata.

Mi sembra di capire che vuoi partire dal fondo. Dunque secondo me tutto dipende da che piante vuoi inserire, e siamo sempre là, cioè piante rapide che si alimentano prevalentemente dalla colonna d'acqua oppure dal fondo.
Nel primo caso è ovvio che risulti sprecato (e forse dannoso) un fondo fertile, mentre nel secondo caso il fondo fertile risulta l'optimum.

P. S. : l'Akadama va usata da sola.

Scusa ale, ci siamo accavvallati
Inviato dal mio ZenFone 2 64gb :-h Giuseppe

Avatar utente
ocram
Ex-moderatore
Messaggi: 3857
Iscritto il: 02/04/15, 10:14

Re: Quale substrato in Acquario?

Messaggio di ocram » 25/10/2015, 9:18

Vedi Luigi, aprendo nuovi thread ogni volta hai sempre risposte precise da più persone ed era quello che volevo.
Io ti ho già detto tutto, e Cuttlebone l'ha ribadito con molta semplicità. Lui ha il primo acquario che mi viene in mente quando si associa un fondo inerte al poco nutrimento delle piante, come vedi dalla foto che ha pubblicato sembra esattamente il contrario!
In ogni caso tu hai pure bisogno di tempo per digerire queste gestioni visto che sei con noi da poco, parti avvantaggiato visto che sei stato definito "eretico incompreso"! :))
Se ho capito un po' che acquario vuoi io ti darei due opportunità: se non vuoi uscire dall'ottica del fondo fertile vai col Manado, mentre se vuoi uscirne... Akadama. Come ha detto Specy questi non sono substrati e vanno usati soli.
Io credo che un fondo fertile per un acquario a lungo termine sia una scelta sbagliata, perché una volta esaurito è al pari di un inerte. Mentre il Manado, una volta esaurito, è al pari dell'Akadama, fondamentalmente senza nutrienti non rimane mai.

Scritto dal mio Lumia 535, Marco.
Dove giace il frutto soffocante che giunse dalla mano del peccatore io partorirò i semi dei morti per dividerli con i vermi che si raccolgono nelle tenebre e circondano il mondo col potere delle loro vite...



Area X

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17724
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Re: Quale substrato in Acquario?

Messaggio di cuttlebone » 25/10/2015, 9:24

ocram ha scritto: Io credo che un fondo fertile per un acquario a lungo termine sia una scelta sbagliata, perché una volta esaurito è al pari di un inerte. Mentre il Manado, una volta esaurito, è al pari dell'Akadama, fondamentalmente senza nutrienti non rimane mai.

Scritto dal mio Lumia 535, Marco.
In realtà, leggendo la Walstad mi sono meravigliato di scoprire l'eccezionale durata di un substrato fertile come il banale terriccio da giardino: per alcuni nutrienti addirittura molti d'anni! [emoji6]
Ferme le altre considerazioni [emoji6]
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
cicerchia80
Amministratore
Messaggi: 31749
Iscritto il: 07/06/15, 8:12
Contatta:

Re: Quale substrato in Acquario?

Messaggio di cicerchia80 » 26/10/2015, 14:52

Specy ha scritto:Non conosco la Flourite black sand nel senso che non l'ho mai usata, però dalla sua composizione noto che ha un bel po' di sodio. Non so se quella quantità possa impedire l'assorbimento di altri elementi in primis il potassio. Ma per semplice deduzione, mi auguro, essendo prodotta da una azienda tra quelle leader, penso che quella quantità sia adeguata.
avvallo il post di Specy riportando il concetto del nostro "capo tribù" ad un altro utente(purtroppo non lo ritrovo)la Back Sand a un alto tenore di sodio e molti nutrimenti in meno,soprattutto potassio....è consigliata dolo per estetica e diventa pericoloso il rilascio di sodio a pH acido e ne consiglia l'allestim3nto con piante che assorbono nutrimenti per via fogliare e poecilidi.....dicchiù nin só ;)
'effetto Dunning-Kruger è una distorsione cognitiva a causa della quale individui poco esperti in un campo tendono a sopravvalutare le proprie abilità autovalutandosi, a torto, esperti in materia.

...è sempre solo per te

Avatar utente
luigi66
star3
Messaggi: 148
Iscritto il: 06/02/15, 22:25

Re: Quale substrato in Acquario?

Messaggio di luigi66 » 26/10/2015, 16:37

Innanzitutto mi sembra doveroso ringraziare tutti voi che state intervenendo al post :-bd :-bd :-bd
" La perfezione è raggiunta non quando non c'è più niente da aggiungere, ma quando non c'è più niente da togliere"

Avatar utente
luigi66
star3
Messaggi: 148
Iscritto il: 06/02/15, 22:25

Re: Quale substrato in Acquario?

Messaggio di luigi66 » 26/10/2015, 16:43

cuttlebone ha scritto:
ocram ha scritto: Io credo che un fondo fertile per un acquario a lungo termine sia una scelta sbagliata, perché una volta esaurito è al pari di un inerte. Mentre il Manado, una volta esaurito, è al pari dell'Akadama, fondamentalmente senza nutrienti non rimane mai.

Scritto dal mio Lumia 535, Marco.
In realtà, leggendo la Walstad mi sono meravigliato di scoprire l'eccezionale durata di un substrato fertile come il banale terriccio da giardino: per alcuni nutrienti addirittura molti d'anni! [emoji6]
Ferme le altre considerazioni [emoji6]
Colgo il tuo intervento per porre una domanda a tutti voi e se ad esempio su un fondo fertile ci si spolverizzasse pure uno strato di torba..... ovviamente poi il tutto andrebbe coperto con del ghiaino inerte sarebbe balsana e impraticabile l'idea??
Se non ricordo male tempo fa la prodac ne produceva uno ad uso prettamente acquariologico ma credo che poi alla fine sempre di torba trattasi sbaglio?
Grazie
" La perfezione è raggiunta non quando non c'è più niente da aggiungere, ma quando non c'è più niente da togliere"

Avatar utente
luigi66
star3
Messaggi: 148
Iscritto il: 06/02/15, 22:25

Re: Quale substrato in Acquario?

Messaggio di luigi66 » 26/10/2015, 16:45

cicerchia80 ha scritto:
Specy ha scritto:Non conosco la Flourite black sand nel senso che non l'ho mai usata, però dalla sua composizione noto che ha un bel po' di sodio. Non so se quella quantità possa impedire l'assorbimento di altri elementi in primis il potassio. Ma per semplice deduzione, mi auguro, essendo prodotta da una azienda tra quelle leader, penso che quella quantità sia adeguata.
avvallo il post di Specy riportando il concetto del nostro "capo tribù" ad un altro utente(purtroppo non lo ritrovo)la Back Sand a un alto tenore di sodio e molti nutrimenti in meno,soprattutto potassio....è consigliata dolo per estetica e diventa pericoloso il rilascio di sodio a pH acido e ne consiglia l'allestim3nto con piante che assorbono nutrimenti per via fogliare e poecilidi.....dicchiù nin só ;)
Quindi visto anche l'altro costo depenno anche questa.....ragazzi mi sa che alla fine se proprio voglio creare un fondo fertile sarà qualcosa su tipologia dennerle substrato sotto e ghiaino inerte sopra ...
" La perfezione è raggiunta non quando non c'è più niente da aggiungere, ma quando non c'è più niente da togliere"

Avatar utente
ocram
Ex-moderatore
Messaggi: 3857
Iscritto il: 02/04/15, 10:14

Re: Quale substrato in Acquario?

Messaggio di ocram » 26/10/2015, 16:45

Il terriccio universale contiene già torba! ;)

Scritto dal mio Lumia 535, Marco.
Dove giace il frutto soffocante che giunse dalla mano del peccatore io partorirò i semi dei morti per dividerli con i vermi che si raccolgono nelle tenebre e circondano il mondo col potere delle loro vite...



Area X

Bloccato

Chi c’è in linea

Visitano il forum: androx2k e 7 ospiti