Paracheirodon, il genere più diffuso

Scritto da Rox il . Postato in Caracidi e Ciprinidi

medaglia2 2° classificato al articoli concorso di Acquariofilia Facile

Nell'immensa famiglia dei Caracidi, che attualmente conta quasi 1200 specie, esiste un genere che ne ha soltanto tre: i Paracheirodon.
Per adesso, mi limito ad elencarli in ordine alfabetico: Paracheirodon axelrodi, Paracheirodon innesi, Paracheirodon simulans.

Alla pubblicazione di questo articolo, negli ambienti scientifici si discute di una quarta specie, che sembra sia stata scoperta recentemente.
In questa trattazione non ne parleremo affatto, perché non ci sono ancora certezze sulla classificazione. Ci limitiamo quindi a parlare dei tre già citati.

Il numero sembra insignificante, rispetto ai quasi 60 Hemigrammus ed agli oltre 100 Hyphessobrycon; tuttavia, i Paracheirodon sono senz'altro i pesci più diffusi in acquariofilia, quantomeno negli acquari tropicali. Forse vengono battuti soltanto dai Carassi, che però sono pesci d'acqua fredda.

Questi primati appartengono in particolare ai primi due, che quasi tutti conosciamo con il nome comune di "Tetra Cardinale" (Paracheirodon axelrodi) e "Tetra Neon" (Paracheirodon innesi). Il simulans si incontra molto più raramente, quasi tutti i negozi lo offrono solo su ordinazione.

In futuro verranno proposte delle schede sintetiche, su tutte e tre le specie, ma c'è un motivo molto preciso se abbiamo deciso di iniziare a parlarne proponendo un articolo: la classificazione di questi pesci.
È una storia piuttosto avvincente, che coinvolge diversi scienziati e merita una trattazione estesa.

Del resto, con l'indice in alto a destra, nessuno è costretto a leggerla.
A chi non è interessato basterà un click, per passare direttamente ai capitoli sulle caratteristiche dei pesci; ma almeno una volta, vi consiglio di dedicare qualche minuto al primo capitolo...
Già... il primo... perché è proprio dalla classificazione che andremo ad iniziare.

Prima di lasciarvi alla lettura, desidero ringraziare Saxmax, per aver fornito alcuni preziosi contributi alla stesura dell'articolo.

Tag: