I chelanti

Scritto da Sini il . Postato in Chimica dell'acquario

medaglia1 1° classificato al articoli concorso di Acquariofilia Facile

Chelanti e pH

Oltre alla forza del legame, bisogna considerare un'altra variabile: i chelanti sono attivi a pH diversi.

Il Gluconato è attivo a valori basici. Quindi, oltre ad essere un chelante debole, è anche instabile.

L'EDTA, invece, chela fino a pH 6,5; superato quel valore lascia il ferro che precipita. Considerato che molti acquari stanno tra questo valore e la neutralità, è meglio evitare.

Il DTPA è efficace fino a pH 7,5. In effetti è un po' al limite, ma a quel valore è difficile l'assorbimento di molti nutrienti, non solo del ferro.

Akxo NobelFonte: Akzo Nobel

L'EDDHA chela da pH 3 a pH 10: con questo range è ideale per l'acquariofilia: ogni acquario rientra sicuramente in questo intervallo.

L'HBED lavora da pH 3 a pH 11 e oltre. Anche in questo caso non ci sono problemi in nessun acquario.

Tag: