Allevamento delle Neocaridina davidi

SCHEDA

Scritto da Luca.s il . Postato in Invertebrati

medaglia2 2° classificato al articoli concorso di Acquariofilia Facile

Curiosità

È facile dire Neocaridina... un pò più complesso orientarsi tra le numerose varianti!

Il genere Neocaridina è composto da 23 specie e 10 sottospecie; senza dubbio quella più comune è la davidi.

Chi volesse orientarsi nella classificazione tassonomica di questi animali sappia che si appresta ad un compito tutt'altro che facile: sono stati descritti più volte con denominazioni diverse, più volte hanno cambiato classificazione e probabilmente la parola definitiva non è ancora stata scritta.

Tra le numerose descrizioni, quella primigenia viene solitamente attribuita a Eugène Louis Bouvier, un entomologo francese esperto di crostacei.

Eugène Louis Bouvier 1911Eugène Louis Bouvier (1856-1944)

Nel 1904 Bouvier pubblicò per primo, sul Bulletin du Muséum d'Histoire naturelle, una descrizione approfondita delle Neocaridina.

Negli anni seguenti questi animali furono considerati specie a se stante fino a quando, nel 1996, il fotografo e naturalista Cai Yixiong propose una revisione tassonomica del genere Neocaridina. La sua proposta fu accettata e la specie davidi divenne una sottospecie di Neocaridina denticulata, la  Neocaridina denticulata davidi.

Nel 2004 il cinese Liang Xiangqiu suggerì che la Caridina davidi Bouvier (ossia la Neocaridina denticulata davidi, secondo la proposta di Cai) altro non fosse che la Neocaridina heteropoda, gamberetto proveniente dalla provincia di Zhejiang in Cina.

Insomma: la tassonomia di questi piccoli invertebrati è tutt'altro che definita. Per il momento... prendiamola com'è e viviamo sereni.

Banda chiara sul dorso o "Neon"

In alcuni esemplari è facile osservare una banda chiara che si estende dalla testa fino alla coda. Viene chiamata, in gergo, neon. 

Banda neon 3

Si tratta di una variazione genetica e, per alcune varianti cromatiche, è considerata un plus.

Ad esempio nelle Yellow: 

golden back yellow sakura shrimpFonte: pro-shrimp.co.uk

Siamo giunti al termine di questo nostro articolo che abbiamo desiderato il più chiaro e didattico possibile.

Concludo invitandovi ad iscrivervi al sito di Acquariofilia facile dove potrete chiedere per qualsiasi informazione o delucidazione. 

Ringrazio gli amici nonchè moderatori Fernando89 e Cuttlebone e tutti gli utenti del forum per l'aiuto ricevuto per la realizzazione di questo contributo.

Tag: