Eutanasia - La dolce morte per i nostri pesci

Scritto da Luca.s il . Postato in Acquariologia generale

Approfondimento: acqua ghiacciata vs MS-222

Nonostante l'AVMA (Associazione dei Medici Veterinari Americani) consigli l'uso dell'MS-222, uno studio condotto dall'Università della Pennsylvania dimostra come l'eutanasia mediante l'uso dell'acqua fredda sia meno stressante, più rapida e più efficace rispetto al farmaco.

È stato condotto un esperimento nel quale sono stati identificati dei cosidetti «segni di stress» del pesce: i medesimi già elencati, con l'aggiunta di boccheggiamento, spasmi, nuoto afinalistico.
La ricerca prevedeva anche la misurazione del glucosio nel sangue e del cortisolo (ormone dello stress).
Per questo esperimento sono stati usati dei Danio rerio, pesci d'elezione nella ricerca scientifica.

Sono state allestite tre vasche differenti da un litro.
Nella prima è stata versata dell'acqua a 3 °C circa (2-4 °C); nella seconda una soluzione a pH non stabilizzato (3,4 pH) di MS-222; nella terza acqua con una soluzione a pH stabilizzato (7 pH) del medesimo farmaco.
La concentrazione di MS-222 usata è stata quella suggerita dall'AVMA.

I pesci sono stati inseriti nelle vasche e dichiarati morti alla cessazione dei movimenti opercolari.

Il risultato finale, contro ogni previsione, dimostra come i pesci soppressi in acqua fredda abbiano avuto sensibilmente meno segni di stress rispetto a quelli soppressi con la soluzione (tamponata o meno) del farmaco MS-222.
Addirittura 4 dei 23 pesci delle vasche con il farmaco si sono ripresi dopo essere stati messi in una quarta vasca di rianimazione!

figura 2 valutazione freddo ms222Wilson JM, Bunte RM, Carty AJ, Evaluation of rapid cooling and tricaine methanesulfonate (MS222) as methods of euthanasia in zebrafish (Danio rerio)

In questo schema la rapida ipotermia è paragonata all'esposizione alla MS-222. Il tempo dall'esposizione fino alla perdita del nuoto del pesce è stato di circa 5 secondi per l'ipotermia contro i 20 del farmaco. Il tempo che ha preceduto la perdita dei riflessi è stato di 5 secondi per l'acqua contro i 26 del farmaco. Il decesso è avvenuto circa 7 secondi dopo l'esposizione al freddo contro i 50 secondi per i pesci esposti al farmaco. 

Nonostante siano necessari ulteriori approfondimenti, questa ricerca dimostra come l'uso dell'ipotermia sia da preferire a qualsiasi soluzione chimica.