Ricerca sui parassiti dei pesci d'acquario

Scritto da Diana Walstad (trad. roby70; editor: Sini) il . Postato in Acquariologia generale


Conclusioni

Le 11 ricerche riportate rappresentano, a mio parere, un quadro complessivo più realistico delle malattie rispetto a una singola ricerca basata su un unico pesce malato portato in una clinica veterinaria per la diagnosi. Per esempio, la classifica di diffusione dei parassiti di un veterinario (Tabella 2) mostra per primi i parassiti EPIS, CHIL e MONO essendo tutti «molto comuni». Tuttavia, le ricerche riportate in questo articolo rivelano un prevalenza schiacciante dei MONO e quasi nulla degli altri due parassiti.

Due ricerche [13,14] riportano che i parassiti sono molto più diffusi delle infezioni batteriche. E che tra i parassiti, i MONO sono di gran lunga i parassiti più comuni nei pesci d'acquario. L'unica eccezione è il Neon che è portatore di un diverso gruppo di parassiti (Tabella 7).

I parassiti non sono in alcun modo limitati ai pesci d'allevamento. I risultati dello studio «Rio Negro» [5] mostrano un’alta diffusione di parassiti nei pesci selvatici. Non sorprende che più ricerche sui pesci selvatici e di cattura negli Stati Uniti forniscano una lunga lista di parassiti trovati sui pesci analizzati [16,17].

Dato che i parassiti fanno parte del mondo naturale, ci si aspetta che i pesci selvatici li abbiano. Nel corso dell'evoluzione, i parassiti hanno «imparato» a nutrirsi delle popolazioni ittiche che li trasportano senza «distruggere» la loro fonte di cibo. In circostanze normali, la resistenza del pesce impedisce ai parassiti di moltiplicarsi fino a numeri che causano la malattia. Tuttavia, quando i pesci sono stressati dalla cattura, dalla gestione approssimativa e dal sovraffollamento, alcuni parassiti possono moltiplicarsi e causare problemi.

I pesci rossi sembrano essere i pesci più colpiti dai parassiti (tabelle 5 e 8).

L'effetto dei parassiti sarà sempre peggiore dove c'è un afflusso continuo di nuovi pesci, come nei negozi al dettaglio o negli acquari degli appassionati nei quali vengono continuamente aggiunti nuovi pesci. I pesci in vasche stabili sono diventati resistenti, ma i pesci appena introdotti sono spesso immunologicamente «ingenui». I nuovi pesci stimolano la moltiplicazione della popolazione parassita, minacciando così l'intero acquario.

Gli studi suggeriscono che gli sforzi necessari per sradicare i parassiti dagli allevamenti possano essere piuttosto impegnativi. Gli allevamenti dello Sri Lanka, attentamente regolati dal governo, hanno probabilmente un alto livello di gestione e controllo; ma solo in 3 delle 26 aziende esaminate non sono stati rilevati parassiti.

Mantenere popolari i pesci «per principianti» come Platy, Guppy, Betta e Pesci angelo è diventato più difficile con gli anni. In passato i negozianti locali spesso vendevano pesci allevati da loro stessi e/o presi da allevatori locali. Ora, molti dei pesci più popolari vengono importati da allevamenti ittici di tutto il mondo. La globalizzazione promuove la diffusione di nuovi parassiti e inoltre i pesci sono stressati per come sono trattati e dalle procedure di spedizione.

Il risultato è che i «pesci per principianti», poco costosi ed acquistati nei negozi di acquari o di animali, non sono sempre i pesci più facili da mantenere. Acquistare pesci direttamente dall'allevatore, come nelle aste dell’«aquarium society», è un primo passo prudente. Tuttavia i parassiti sono così diffusi nei pesci, sia selvatici che allevati, che non si dovrebbe dare per scontata la loro assenza.

Le informazioni recuperate da queste 11 ricerche hanno aumentato la mia consapevolezza nel mantenere sani i pesci in acquario. Sembra che i parassiti, in particolare i MONO, siano la causa più comune delle loro malattie.

Spero che queste informazioni siano utili anche agli altri acquariofili.

 

Riferimenti

1. Noga EJ., 2000, Fish Disease: Diagnosis and Treatment, Iowa State University Press, 367 pp.

2. Johnson, Erik, 2018a, http://koivet.com/index.php/2018/01/19/how-to-use-salt-in-fish-tanks-and-ponds/

3. Photo from: https://fishtanx.wordpress.com/2011/11/26/make-your-betta-happy/

4. Johnson MB et al, 2011, Parasite transmission in social interacting hosts: Monogenean epidemics in guppies, PloS One 6: e22634 (6 pages).

5. Tavares-Dias M et al, 2010, Parasitic fauna of eight species of ornamental freshwater fish species from the middle Negro River in the Brazilian Amazon Region, Rev. Bras. Parasitol. Vet. 19: 103-107.

6. Tavares-Dias M et al, 2009, Metazoan and protozoan parasites of freshwater ornamental fish from Brazil, in: Tavares-Dias M (org.), Manejo e Sanidade de Peixes em Cultivo. Embrapa Amapá, Macapá, pp 469–494.

7. Piazza RS et al, 2006, Parasitic diseases of freshwater ornamental fishes commercialized in Florianopolis, Santa Catarina, Brazil, B. Inst. Pesca, Sao Paulo 32: 51-56.

8. Thilakaratne IDSIP et al, 2003, Parasitic infections in freshwater ornamental fish in Sri Lanka, Dis. Aquat. Organisms 54: 157-162.

9. Adel M et al, 2015, Survey of parasitic fauna of different ornamental freshwater fish species in Iran, Veterinary Research Forum 6: 75-78.

10. Kim J-H et al, 2002, Parasitic infections in live freshwater tropical fishes imported to Korea, Dis. Aquat. Organisms 52: 169-73.

11. Koyuncu CE, 2009, Parasites of ornamental fish in Turkey, Bull. Eur. Ass. Fish Pathol. 29: 25-27.

12. Evans BE and RJG Lester, 2001, Parasites of ornamental fish imported into Australia, Bull. Eur. Ass. Fish Pathol. 21: 51-55.

13. Hongslo T and E Jansson, 2009, Health survey of aquarium fish in Swedish pet-shops, Bull. Eur. Ass. Fish Pathol. 29: 163-174.

14. Wickins SC et al, 2011, Histopathological survey of lesions and infections affecting sick ornamental fish in pet shops in New South Wales, Australia, Dis. Aquat. Organisms 94: 143-152.

15. Iqbal Z and F Haroon, 2014, Parasitic infections of some freshwater ornamental fishes imported in Pakistan, Pakistan J. Zool. 46: 651-656.

16. Bangham RV, 1941, Parasites from fish of Buckeye Lake, Ohio, Ohio J Sci 41: 44-448.

17. Becker DA and WC Houghton, 1969, A survey of the helminth parasites of selected game fishes of Lake Fort Smith, Arkansas, J Arkansas Acad Sci 23: 110-17.


Diana Walstad è l'autrice di «Ecology of the Planted Aquarium» (2013). Per maggiori informazioni sul suo libro, visitate: http://dianawalstad.com.

Tag: