Le interviste di AF: Diana Walstad

Scritto da cicerchia80 (trad. roby70) il . Postato in Acquariologia generale

L'acquascaping, gli elementi nutritivi

D. So che ha collaborato o collabora con AGA, Aquatic Gardeners Association, i cui acquari sono di solito allestiti per il tempo di una foto.

R. Devi capire che l'AGA è cambiata nel corso degli anni. Negli anni '90, quando scrivevo articoli per loro, non c'erano concorsi di aquascaping o immagini a colori. L'editore (Neil Frank) pubblicava principalmente articoli «low-tech». Uno dei miei preferiti era un articolo del 1992 su come mantenere una «gabbia» di dafnie negli acquari per sbarazzarsi delle alghe verdi unicellulari (volvox). Dopo il 2000 l'AGA ha iniziato a concentrarsi maggiormente sui concorsi di aquascaping, ma la rivista ha anche dei buoni articoli su altri argomenti.

D. Come si concilia questa esperienza con l’acquario naturale a cui si è sempre ispirata?

R. Io vedo un acquario come una finestra sul mondo della natura. Mi piace riprodurre e allevare pesci. Le piante non sono solo decorative ma mantengono i pesci sani. La maggior parte degli aquascapers utilizza le piante per raggiungere un obiettivo artistico; i pesci, di solito un banco di qualche specie di Tetra, sono un accessorio. Non vedo alcun conflitto tra il mio metodo e l'aquascaping. L’aquascaping genera interesse per la coltivazione delle piante d'acquario. Questa non è una cosa negativa.

D. Lei ha evidenziato in modo deciso l'importanza delle piante nella gestione di un acquario equilibrato. CO2, azoto, fosforo, potassio, magnesio e i vari microelementi servono alle funzioni vitali della pianta. Può illustrarci velocemente qual è la funzione di ogni elemento? Come riconosce carenze o eccessi di un elemento?

R. Lascerò che altri spieghino la funzione degli elementi e le carenze nutrizionali. Il vostro forum ha un eccellente articolo su questo [Macro e micro-elementi per le piante d'acquario]. La maggior parte delle carenze è dovuta agli acquariofili, che inseriscono artificialmente la CO2 e cercano di far crescere piante acquatiche «ad alta manutenzione» (ad es. Micranthemum «Monte Carlo»). In un acquario naturale le carenze nutrizionali sono meno importanti. Il suolo, un'acqua mediamente dura (GH maggiore di 4) e un adeguato mangime per i pesci forniranno tutti i nutrienti richiesti dalle piante. Le piante possono crescere più lentamente e le specie più deboli possono estinguersi, ma lo accetto come parte dello sviluppo naturale di un acquario.

Preferisco trattare le carenze nutrizionali in termini generali. La maggior parte delle carenze nutrizionali che ho sentito riguardano gli Echinodorus che si decompongono in vasche di acqua tenera. L'aggiunta di gusci di ostriche (fonte di calcio, ecc.) nel filtro della vasca risolve questo problema. Per molto tempo ero frustrata dal fatto che le piante galleggianti si estinguessero nei miei vecchi acquari (1-2 anni dopo l'avviamento). Per curare questa carenza di ferro ora aggiungo una pianta in vaso con terreno argilloso fresco in vasca. Altri appassionati hanno avuto successo inserendo dei cubetti di terra congelati nei loro fondi. Un terreno appena sommerso rilascia ferro nell'acqua e aiuta le piante galleggianti.

Tag: