Alghe in acquario: rimedi contro le specie più comuni

Scritto da Rox il . Postato in Piante per acquario ed alghe

medaglia2 2° classificato al articoli concorso di Acquariofilia Facile

Volvox
(alghe unicellulari)


Per molti di noi, la "nebbia verde" è un vero incubo.
Qualunque cosa facciamo, sembra che non ci sia soluzione.

Si tratta di alghe unicellulari, che tutti chiamano impropriamente "Volvox", con il nome della specie più famosa.

In realtà, ne esistono a centinaia, ma sono legate tra loro da parecchie caratteristiche comuni.
E' per questo motivo che le trattiamo insieme in un unico capitolo.

La cosa più importante è il colore della nebbia. Se appare bianca, come un bicchiere di latte caduto nell'acquario, non si tratta di alghe ma di nebbia batterica.
Questo sarà argomento da trattare in un articolo a parte.
Volvox Volvox

Cause più probabili:

  • Grave squilibrio di nutrienti. C'è un eccesso di sostanze nutritive, soprattutto nitrati.
  • Probabile carenza di CO2. Le piante risultano bloccate, il fattore limitante spesso è il carbonio.
  • Conducibilità troppo alta. E' un altro fattore che rallenta le piante, può anche bloccarle.
  • Luce troppo forte. Una lampada potente può diventare un problema, se non c'e equilibrio tra carico organico, fertilizzazione ed erogazione CO2.

Rimedi consigliati:

  • La cosiddetta "Terapia del buio". Lampade spente e luce ambientale schermata, per 4-5 giorni.
    Le piante hanno riserve e le alghe no. Eseguire un consistente cambio d'acqua prima della riaccensione.
  • Flocculanti chimici. Sono reperibili in quasi tutti i negozi di acquaristica; legano tra loro le particelle e consentono al filtro di trattenerle.
    I più famosi sono probabilmente il "Clearol" della JBL e il "Clarity" della Seachem, ma ce ne sono tanti di parecchie marche.
  • Acqua ossigenata (12 volumi). 20 ml ogni 100 litri d'acqua, solo una volta al giorno. il filtro deve rimanere spento per almeno un'ora.
  • Sterilizzazione con ultravioletti. La lampada UV è l'unica soluzione sicura. Purtroppo costa parecchio.
    Prima di spendere 100 Euro e forse più, consiglio di tentare i rimedi precedenti, anche combinati tra loro.
    Nota: il costo della lampada UV è dato dalla purezza del quarzo utilizzato, non dalla potenza. Quelle da 20-30 Euro, che spesso si trovano in rete, generalmente non funzionano o richiedono tempi molto lunghi.
    Se non potete permettervi un prodotto professionale, non buttate via soldi, ma cercate un negoziante che la fornisca a noleggio.
Tag: