Impacchettare le piante d'acqua dolce per spedirle in sicurezza

Scritto da Emix il . Postato in Piante per acquario ed alghe

Spedire delle piante per un acquario d’acqua dolce può sembrare un'impresa, e la paura che arrivi a destinazione una poltiglia di insalata marcia è tanta; ma con qualche piccolo accorgimento è possibile spedirle con la certezza (quasi totale) che arrivino sane e in ottime condizioni al destinatario, anche dopo sette giorni dalla spedizione.

Infatti, in questa guida spiegherò in modo (diciamo) dettagliato, come poter impacchettare le piante per spedirle in modo sicuro.

Quello che ci occorre sarà:

  • Due piatti da minestra di plastica
  • Carta Scottex assorbente
  • Scotch da pacchi
  • Una busta per alimenti

Iniziamo prendendo un piatto, e sul fondo mettiamo uno o due fogli di carta Scottex impregnati con l’acqua dell’acquario.

FaseI

Ora prendiamo ogni singola pianta, e avvolgiamola con un foglio Scottex, a mò di “involtino alla Romana”

FaseII

FaseIIA
Dopodiché mettiamo “gli involtini di piante”, nel piatto che abbiamo preparato in precedenza, e buttiamoci sopra parecchia acqua dell’acquario, in modo che le piante rimangano umide per molto tempo.
  

FaseIII

Adesso prendiamo altri due fogli di Scottex e mettiamoli sopra le piante. Ovviamente, dovranno anch’essi essere impregnati…
Vabbè, dai, lo sapete già…

FaseIV

E finiamo chiudendo con un altro piatto, e con dello Scotch da pacchi facciamo due o tre giri a X e per sigillarlo per bene anche tre o quattro lungo il perimetro.

FaseV

Le Poste, quando un pacco si rompe, talvolta non lo consegnano al destinatario, ma (nel migliore dei casi) lo rimandano al mittente.
Essendoci dell’acqua nel nostro pacchetto, il rischio che ci sia una perdita è altissimo (anche se pensate di averlo sigillato molto bene, e ai primi test non fuoriesce nulla), con la conseguente rottura della busta, dopo aver assorbito acqua dall’interno.

Per evitare tutto ciò, mettiamo il nostro “piatto di involtini alla romana con piante d’acqua dolce” (sembra di stare alla “Prova del Cuoco”…) in un sacchetto da freezer per gli alimenti, e lo sigilliamo bene con un elastico o i laccetti appositi (io ho usato direttamente lo Scotch).

FaseVI

Ora non ci resta che imbustare il tutto, buttare una mattinata alla Posta e spedire il pacco.

Concludo con un consiglio: usate SEMPRE la spedizione con la Raccomandata per spedire le piante, in quanto è tracciabile dal sito delle Poste Italiane e viene consegnata in massimo 5 giorni dalla data di spedizione (se spedite il lunedì, in genere il giovedì il pacco viene recapitato).
La Posta Prioritaria non è tracciabile in nessun modo, potrebbe andare a finire nel dimenticatoio del centro postale e venire recapitato anche dopo 15 giorni, o addirittura mai recapitato per chissà quale oscuro motivo…

 

Tag: