Acquario Ferplast Cayman 80

SCHEDA

Scritto da GiuseppeA il . Postato in Tecnica in acquario

Premessa: la Ferplast, in passato, adottava una diversa nomenclatura.
Il modello Cayman 80, descritto qui, è quello che si trova in commercio attualmente, alla data di pubblicazione di questa scheda.

Vista completa dell'acquario

Posseggo questo acquario da circa un paio di mesi; per la mia modesta esperienza è un ottimo prodotto per iniziare.
Ha una buona capienza ed accessori di serie molto utili, che permettono vari tipi di allestimenti senza dover aggiungere optional.
Passiamo ora a descriverlo...

Caratteristiche e dotazione di serie

La vasca ha una capienza lorda di 120 litri ed è chiusa da un comodo coperchio, che si può aprire completamente e che descriveremo più avanti.
Ha uno sviluppo di 81,5 x 36 x h 52,5 cm; dalla lunghezza interna di 80 cm prende appunto il nome: Cayman 80.
Questa lunghezza consente di ospitare pesci con elevate esigenze di nuoto, come un banco di caracidi.

Lo spessore dei vetri è di 8 mm.

Come parco luci, monta di serie due tubi fluorescenti (i "neon") con attacco T5, comprensivi di riflettori che coprono tutto il "sottocoperchio"; nel capitolo successivo approfondiremo l'argomento.

Il filtro è un ottimo Bluwave 05, interno, con riscaldatore e materiali filtranti compresi.
Anche lui sarà oggetto di approfondimento, nel prossimo capitolo.

Infine, nella confezione si trova, oltre al libretto d'istruzioni, un CD-ROM con qualche consiglio per l'allestimento.

Curiosità ed approfondimenti

Il coperchio, che si apre completamente, è molto comodo sopratutto per l'allestimento iniziale.
Si riesce a lavorare bene senza nessun ingombro.

Se non è necessario aprirlo tutto, nella parte interna, sulla destra, si trova una comoda astina di circa 20 cm, che lo tiene sollevato parzialmente.

Per la manutenzione ordinaria, io utilizzo questa seconda soluzione.

Integrati nel coperchio, nella parte posteriore destra, si trova uno scompartimento chiuso con uno sportellino.
Ci sono installati l'interruttore generale, comando luci e timer.

In un altro scompartimento, più a sinistra, si può installare un distributore automatico di mangime (non compreso).
Nella parte frontale si trova un'apertura, da dove si può comodamente introdurre cibo senza dover aprire tutto.

Apertura per mangime

Il comando delle luci, che mostro nella foto qui sotto...

...ci fornisce 3 step:

  1. acceso
  2. spento
  3. funzione timer

Se si inserisce il timer, sarà ovviamente lui a gestire accensione e spegnimento.
La regolazione è molto facile e va di mezz'ora alla volta.

Il timer è una dotazione molto comoda, che si trova di serie in questo acquario.
Altrettanto comodo è lo sportellino per dare cibo, nella parte anteriore.

L'impianto luci è senza infamia e senza lode.
A parte i riflettori, abbiamo già visto che monta 2 lampade T5 da 24 W.

In dotazione troviamo 1 Toplife da 5000 K ed 1 Freshlife da 10000 K.
Trattandosi di lampade specifiche per acquaristica, le temperature di colore danno solo un'idea dell'aspetto estetico.
Per chi volesse saperne di più, mostro gli spettri di emissione:

Se non si hanno tante pretese, 48 W totali possono anche bastare.
Io ho incrementato la potenza delle luci con estrema facilità, con 2 lampade CFL da 24 W l'una.
Quindi, se si vuole, è molto semplice ampliare il parco luci come si vede in foto:


Avvertenze

Lo Staff di Acquariofilia facile ricorda ai lettori che la corrente elettrica, storicamente, ha sempre prodotto un alto numero di incidenti domestici, talvolta drammatici.
Le normative vigenti sono abbastanza ridondanti, in materia di sicurezza, tuttavia è sempre possibile che i nostri articoli di Bricolage vengano messi in atto da persone con scarsa competenza tecnica, oppure in abitazioni con impianti elettrici obsoleti, difettosi o illegali.

Lo Staff, nonché gli autori degli articoli, declinano pertanto ogni responsabilità su qualsiasi problema derivante dalla loro attuazione, in tutte le proposte di modifica che riguardano componenti elettrici.


Per quanto riguarda il filtro non ho molto da dire.
Si può posizionare, grazie a comodi binari, sia nei lati corti come nel lato lungo posteriore; è silenzioso e diviso in quattro scomparti, dove si trovano il termostato, le spugne, i cannolicchi, le bio balls e la pompa, con la spugna a carboni attivi (tutti i materiali filtranti sono compresi).

All'uscita della pompa c'è una piccola protuberanza, che permette di regolare la direzione del getto dell'acqua a 360°.
Ho introdotto un'erogazione di CO2 e mi sono affidato al sistema Venturi, che comporta una piccola modifica all'uscita della pompa.
Anche qui è stato molto semplice, ho ottenuto ottimi risultati con il minimo sforzo.

Conclusioni

Come già detto, l'acquario è con me da circa un paio di mesi; non ho riscontrato alcun problema.
Si presta molto bene ad effettuare modifiche di fai-da-te, grazie a buoni spazi di manovra.

Come avrete notato, non ho mai parlato di quanto costa... ma non per dimenticanza.
Io l'ho acquistato in un negozio che, dovendo chiudere, aveva degli ottimi sconti; quindi non metterò il mio costo.
Sul web ho visto vari prezzi, che variano da 200,00 € a 270,00 €, e il mobile non è compreso (questo è forse un problema che si potrebbe risolvere).
Comunque, ripeto, per me è un ottimo prodotto; il rapporto tra qualità e prezzo è buono.

Sperando di esservi stato utile, vorrei ringraziare il forum di Acquariofilia Facile, per i consigli e i suggerimenti dati alla realizzazione della scheda.

Tag: