LED in acquario

Scritto da Diego, Luigidrumz e Scheccia il . Postato in Tecnica in acquario

medaglia2 2° classificato al articoli concorso di Acquariofilia Facile

Cos'è un LED?

Principio di funzionamento

Vediamo in maniera semplice cosa sia e come funzioni un LED, senza chiamare in causa la Fisica quantistica e le formule matematiche complesse, che descrivono questi oggetti.


La spiegazione sarà necessariamente semplificata e non rigorosa, poiché quel che ci interessa è comprendere il principio di funzionamento dei LED, anche a chi non ha alcuna competenza in Fisica o Elettronica.
In particolare, gli schemi presenti in questa pagina sono creati con il solo scopo di capire il principio di funzionamento, poiché, di fatto, sono scorretti.
Tuttavia, dovrebbero convogliare l'idea, che è quello che ci interessa.


LED è un acronimo inglese che sta per Light-Emitting Diode, ovvero Diodo Emettitore di Luce. Un diodo è un componente elettronico costruito con semiconduttori.

I semiconduttori sono dei materiali che hanno delle proprietà intermedie tra quelle dei conduttori e quelle degli isolanti.
Il più comune è il silicio.

Vediamo a cosa è dovuta questa differenza: tutti gli atomi sono composti da un nucleo circondato da un numero variabile di elettroni.
In un atomo isolato, questi elettroni sono obbligati a stare a livelli di energia fissi rispetto al nucleo e non possono stare al di fuori di tali livelli.
Possiamo pensare questi livelli come i piani di una casa particolare: noi (gli elettroni) possiamo stare ai vari piani (più in alto siamo, più abbiamo energia rispetto al livello del terreno), ma ci è vietato sostare sulle scale che collegano i vari piani.

Livelli energetici di un atomoRappresentazione dei livelli energetici di un atomo.

Questi livelli di energia sono detti bande e chiamiamo banda di valenza la banda più esterna dove sono presenti elettroni, mentre la prima banda vuota è detta banda di conduzione.

Nei conduttori, banda di valenza e banda di conduzione sono sovrapposte, ovvero gli elettroni sono debolmente vincolati al nucleo, mentre negli isolanti le due bande sono molto distanti.
Pertanto, nei conduttori è facile spostare gli elettroni, generando una corrente elettrica; negli isolanti, invece, l'energia richiesta per svincolare gli elettroni è molto alta.

Nei semiconduttori, le bande di valenza e di conduzione sono molto vicine, ma non sovrapposte: questi materiali hanno quindi delle proprietà intermedie tra conduttori e isolanti.

Livelli energetici in conduttori, isolanti e semiconduttori.Rappresentazione dei livelli energetici in conduttori, isolanti e semiconduttori.

Sfruttando questa proprietà è "facile" far succedere qualcosa di interessante.

Se, usando dell'energia - e abbiamo visto che ne serve poca - spostiamo un elettrone di un semiconduttore dalla banda di valenza a quella di conduzione, questo elettrone, spostandosi, ha lasciato un posto libero, detto "lacuna".
Non appena può, l'elettrone torna indietro al suo posto, poiché quella è la sua posizione di equilibrio.

Rappresentazione del salto energetico di un elettroneRappresentazione del salto energetico di un elettrone.

Abbiamo parlato di un solo elettrone, ma in un semiconduttore è possibile raggiungere facilmente concentrazioni molto alte, anche miliardi di coppie elettrone-lacuna in un solo centimetro cubo di semiconduttore!

Così facendo, fornendo la giusta quantità di energia, riusciamo a far passare un'enorme quantità di elettroni dalla banda di valenza a quella di conduzione ma, quando tornano indietro, dove va questa energia usata per spostarli?
Poiché l'energia non può distruggersi, deve andare da qualche parte...

Vedremo la risposta nel prossimo capitolo!

Tag: