Impianto osmotico... questo sconosciuto!

Scritto da Gery il . Postato in Tecnica in acquario

Acqua tropicale

In genere, chi desidera dell'acqua tropicale, utilizza dell'acqua osmotica e poi la arricchisce con i sali.

Utilizzando l'impianto per acqua osmotica potremmo utilizzare l'acqua con i valori che desideriamo, senza aggiungere alcunché!

Com'è possibile?
Semplice!

L'acqua «di scarto» dell'impianto non contiene sabbia, sedimenti, ruggine, batteri, spore, parassiti, cloro e metalli pesanti.
Eppure ha molte sostanze che aggiungeremmo con i sali!
Perché, quindi, non utilizzare quest'acqua per arricchire la nostra acqua d'osmosi?

Idea

Ma come possiamo fare?

Partiamo dalla nostra acqua del rubinetto.
Prendiamo come esempio i valori della seguente tabella.

markaf Valori acqua 4

Facciamo qualche calcolo e otteniamo i seguenti valori.
 
Acqua del rubinetto:
GH 11, KH 8, EC 342 μS/cm
 
Acqua d'osmosi:
GH 0, KH 0, EC 10 μS/cm
 
Acqua «di scarto»:
GH 19, KH 15, EC 430 μS/cm

Qualcuno si stupirà nello scoprire che l'acqua «di scarto» ottenuta da quella del rubinetto ha durezze e conducibilità superiori alla seconda.

È normale: l'acqua «di scarto» è semplicemente più concentrata di quella del rubinetto.

Quindi basterà calcolare le giuste proporzioni per arricchire l'acqua d'osmosi con quella «di scarto».
 
È sufficiente montare due T ai tubicini dai quali escono l’acqua osmotica e quella «di scarto»; e un rubinetto per regolare il flusso di quest’ultima.
 
markaf schema OS 3
 
Dal rubinetto uscirà una miscela di acqua d'osmosi e di acqua «di scarto».
 
Come possiamo trovare il corretto GH semplicemente girando un rubinetto?
Basterà fare la proporzione rispetto alla conducibilità iniziale e trovare la conducibilità di riferimento.
 
E se invece la nostra acqua di rubinetto avesse troppo sodio (es: 40 mg/litro)?

In questo caso la discriminante sarà la percentuale massima di sodio che voglio introdurre.
Per cui torniamo a fare qualche calcolo.

Se la mia acqua di rubinetto ha 40 mg/litro di sodio, grazie all'impianto questo finirà tutto nell'acqua «di scarto».
Considerato che il mio impianto produce 4 litri di acqua «di scarto» per ogni litro d'acqua omsotica, per avere 10 mg/litro di sodio potrò usare un litro di acqua «di scarto» per ogni litro di acqua d'osmosi.
Come faccio a sapere quale è la regolazione del rubinetto per avere un litro di acqua «di scarto» per ogni litro di acqua d'osmosi?
Utilizzeremo ancora il conduttivimetro: la mia miscela avrà i valori desiderati quando la conducibilità sarà ridotta del 25% rispetto al valore iniziale [(342-25%)=256 μS/cm].

E se il GH e il KH non fossero ottimali?
Allora potremo utilizzare i sali ma, considerato che la mia acqua ha già un GH e KH iniziale diverso da zero, ne userò molti meno.

Al posto dei sali possiamo utilizzare:

  • solfato di magnesio (che usiamo nel PMDD) per aumentare il GH;
  • bicarbonato di potassio per aumentare solo il KH;
  • carbonato di calcio (osso di seppia) per aumentare entrambi.

Facciamo un esempio.

Aleph0 ha un'acqua di rubinetto con il sodio a 118 mg/litro e una conducibilità di 1460 µS/cm.
Utilizzando l'acqua di rete, il suo impianto gli fornisce un'acqua d'osmosi con una conducibilità di circa 40 µS/cm.
Per arrivare ad avere 10 mg/litro di sodio dovrebbe utilizzare l'8,47% dell'acqua «di scarto» prodotta.
In questo modo avrebbe un'acqua tropicale con 3,46 dGH e una conducibilità di 123,66 µS/cm.

markaf valori acqua 3

Ha quindi messo 20 litri di acqua d'osmosi un una tanica da 25 litri.
Dopodiché ha aggiunto gradualmente (200 mL alla volta) l'acqua di scarto fino a raggiungere una conducibilità di 120 µS/cm.
Ha ottenuto un'acqua tropicale con 3 dKH e 3 dGH.

Aleph ha però bisogno di durezze più elevate.
Con un osso di seppia ha quindi alzato il KH a 4; con i Sera Mineral Salt ha portato il GH a 6.

Per alzare il GH avrebbe anche potuto utilizzare il solfato di magnesio e solfato di calcio.

Tag: