Come fotografare i nostri acquari

Scritto da Marlin_anziano (editor: Sini) il . Postato in Tecnica in acquario

La post-produzione (abbreviata con PP) ha una funzione importantissima, soprattutto se la fotocamera riesce a restituire file DNG, detti negativi digitali (RAW, RAF): con questi ultimi si riesce a cambiare qualsiasi valore dello scatto.
Anche i file JPEG possono essere modificati, ma solo in minima parte.

Ci sono diversi software gratuiti che permettono la PP ed ovviamente ci sono anche quelli professionali, molto costosi.

Uno di questi ultimi, largamente utilizzato dai professionisti nonchè dal sottoscritto, è Adobe Photoshop Lightroom (da non confondersi con il più costoso Adobe Photoshop CC) che permette di variare qualsiasi livello come quelli professionali, ma non di lavorare con i livelli (strati di più fotografie) o aggiungere scrittura e disegni.
Per questo programma esistono anche molti video tutorial gratuiti.

Un software gratuito che si può paragonare a Lightroom è Darktable, compatibile per Windows, macOS e Linux.

Facciamo un esempio di PP utilizzando una foto di Elisabeth:

Markaf Ely 1Foto di Elisabeth

Ecco la maschera dei livelli base di Lightroom:

Markaf PP

Ed ecco il risultato finale:

Markaf Ely 3Foto di Elisabeth

Questa è una foto di cicerchia80 prima...

Markaf cicerchia1Foto di Cicerchia80

... e dopo la PP:

Markaf cicerchia2Foto di cicerchia80

L'eccesso di PP rischia di creare un mondo irreale e visibilmente artefatto.
Quando si riesce a variare i livelli nei minimi particolari ed eventualmente a clonare punti della fotografia, si è già ottenuto tutto ciò che si può avere da una foto.

Si può ovviamente usare qualunque applicazione di fotoritocco, anche semplice e gratuita; L'importante è che ci sia la possibilità di variare almeno i seguenti livelli:

  • WB;
  • tinta;
  • contrasto;
  • mezzi toni;
  • alte luci;
  • ombre;
  • nitidezza;
  • chiarezza.