Condizionatore Acquario

Non solo per risparmiare, ma anche per divertirsi

Moderatori: Steinoff, merk

Rispondi
Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17465
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Condizionatore Acquario

Messaggio di cuttlebone » 13/07/2015, 7:21

Qualche tempo fa avevo pensato di farlo con un "intercooler" di derivazione automobilistica di recupero.
Poi ho abbandonato l'idea perché ho pensato che lo scambio di calore tra l'acqua della vasca a 30 gradi, con l'ambiente domestico a 28 gradi non sarebbe stato particolarmente efficiente, probabilmente anche con la classica ventola a da pc.
Questo sistema in cosa differisce sostanzialmente?


Alessandro
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
Artic1
Ex-moderatore
Messaggi: 5824
Iscritto il: 03/06/15, 3:17

Re: Condizionatore Acquario

Messaggio di Artic1 » 13/07/2015, 9:13

cuttlebone ha scritto:Questo sistema in cosa differisce sostanzialmente?
Questo sistema in pratica utilizza una cella di Peltier come "pompa di calore".
La cella sottoposta ad una corrente raffredda un lato e scalda l'altro e la sua efficienza è proporzionale alla quantità di dissipazione. Inoltre la peltier ha la caratteristica che se viene invertita la polarità (lavora in corrente continua 12 V) inverte faccia calda e faccia fredda, potendo lavorare pertanto sia come "riscaldatore" che come "raffreddatore". Rispetto ai solito riscaldatori da vasca è decisamente più efficiente perché non trasforma l'elettricità in calore, ma la usa per spostare il calore già esistente, proprio come una pompa di calore.
Il tuo intercooler non ti avrebbe permesso di raggiungere temperature inferiori a quelle dell'aria stessa, con le Peltier si può scendere di parecchi gradi se la cosa è ben strutturata... e dato che in vasca vorrei farci riprodurre Apistogramma, Paracheirodon e Otocinclus...
Attualmente un sistema a celle di Peltier per condizionare l'acquario è in vendita ad un prezzo esorbitante, io vorrei autoprodurloesattamete come chi mi ha preceduto ma utilizzando un dissipatore da CPU un poco più performante.
Ultima modifica di Artic1 il 13/07/2015, 9:57, modificato 1 volta in totale.
Questi utenti hanno ringraziato Artic1 per il messaggio (totale 2):
cuttlebone (13/07/2015, 9:44) • Rob75 (14/07/2015, 23:28)
- Quel giorno tutta l’esperienza della nostra vita diverrà parte di una più vasta conoscenza comune. Sarà il giorno, in cui ritorneremo a Gaia, per fare, ancora una volta, parte della vita e riempire con essa questo mondo -

#teamNoCO2
______________________

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17465
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Re: Condizionatore Acquario

Messaggio di cuttlebone » 13/07/2015, 9:46

Capito (più o meno [emoji6])
Comunque, mi sembra un bel progetto che seguirò con interesse [emoji106]


Alessandro
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
GGmmFF
Top User
Messaggi: 612
Iscritto il: 02/05/15, 23:49

Re: Condizionatore Acquario

Messaggio di GGmmFF » 13/07/2015, 9:52

Seguo anche io con interesse, atteneo sviluppi e di avere il tempo di realizzare una cosa del genere anche io.
Il fatto che un solo apparecchio possa funzionare sia da raffreddatore che da riscaldatore mi intriga e penso che permetta una maggiore efficienza nei consumi elettrici del canonici watt/litro.


Gianluigi
Il giorno che smise di essere pazzo diventò stupido.

"True heroism is remarkably sober, very undramatic. It is not the urge to surpass all others at whatever cost, but the urge to serve others at whatever cost."
Arthur Ashe

Avatar utente
Rob75
Ex-moderatore
Messaggi: 3207
Iscritto il: 22/10/13, 22:35

Re: Condizionatore Acquario

Messaggio di Rob75 » 14/07/2015, 23:52

Seguo interessato anch'io, ma ho una reminiscenza da overclocker :-?
quando si parlava di waterblock, il problema nel tempo era l'ossidazione che si formava nei tubi e all'interno dello stesso, che facevano perdere efficenza all'impianto (minore scambio termico), costringendo di tanto in tanto a smontare tutto e pulire. Il tutto succedeva con semplice acqua con aggiunta o meno di additivi, mentre negli acquari si parla di acqua "sporca", ricca di particelle di ogni tipo e sedimenti, per non parlare delle alghe che potrebbero formarsi all'interno del circuito (forse no, se non filtra luce).
Quindi credo che nel lungo termine, l'impianto potrebbe perdere un bel po della sua inizialmente alta efficenza :-s
- Mi dica, lei sente delle voci?
- Dì di no!
- No dottore.

Tutti dicono che sono una persona orribile! ma non è vero, io ho il cuore di un ragazzino...in un vaso, sulla scrivania!!

Avatar utente
GGmmFF
Top User
Messaggi: 612
Iscritto il: 02/05/15, 23:49

Re: Condizionatore Acquario

Messaggio di GGmmFF » 15/07/2015, 0:14

Rob75 ha scritto:Seguo interessato anch'io, ma ho una reminiscenza da overclocker :-?
quando si parlava di waterblock, il problema nel tempo era l'ossidazione che si formava nei tubi e all'interno dello stesso, che facevano perdere efficenza all'impianto (minore scambio termico), costringendo di tanto in tanto a smontare tutto e pulire. Il tutto succedeva con semplice acqua con aggiunta o meno di additivi, mentre negli acquari si parla di acqua "sporca", ricca di particelle di ogni tipo e sedimenti, per non parlare delle alghe che potrebbero formarsi all'interno del circuito (forse no, se non filtra luce).
Quindi credo che nel lungo termine, l'impianto potrebbe perdere un bel po della sua inizialmente alta efficenza :-s
Ma qui non si parla di realizzare un impianto di refrigerazione permanente ma un sistama di raffreddamento da usare al massimo un paio di mesil'anno per poi essere smontato, pulito e riposto per l'anno successivo! ;)
Il giorno che smise di essere pazzo diventò stupido.

"True heroism is remarkably sober, very undramatic. It is not the urge to surpass all others at whatever cost, but the urge to serve others at whatever cost."
Arthur Ashe

Avatar utente
Rob75
Ex-moderatore
Messaggi: 3207
Iscritto il: 22/10/13, 22:35

Re: Condizionatore Acquario

Messaggio di Rob75 » 15/07/2015, 12:37

GGmmFF ha scritto:Ma qui non si parla di realizzare un impianto di refrigerazione permanente ma un sistama di raffreddamento da usare al massimo un paio di mesil'anno per poi essere smontato, pulito e riposto per l'anno successivo!
[-x [-( ... la premessa iniziale è un'altra
Artic1 ha scritto:Il centro di controllo avrà una soglia di temperatura minima per l'avvio del riscaldamento ed una soglia di temperatura massima per l'avvio del raffreddamento. In questo modo tolgo di vasca il riscaldatore ed aumento l'efficienza energetica dato che la cella peltier in pratica "sposta" il calore invece di crearlo
infatti lo spiega anche successivamente
Artic1 ha scritto:Inoltre la peltier ha la caratteristica che se viene invertita la polarità (lavora in corrente continua 12 V) inverte faccia calda e faccia fredda, potendo lavorare pertanto sia come "riscaldatore" che come "raffreddatore"
;)
- Mi dica, lei sente delle voci?
- Dì di no!
- No dottore.

Tutti dicono che sono una persona orribile! ma non è vero, io ho il cuore di un ragazzino...in un vaso, sulla scrivania!!

Avatar utente
Artic1
Ex-moderatore
Messaggi: 5824
Iscritto il: 03/06/15, 3:17

Re: Condizionatore Acquario

Messaggio di Artic1 » 15/07/2015, 22:22

Rob75 ha scritto: ... la premessa iniziale è un'altra
Infatti! Qui si parla di un sistema permanente (estate-inverno) di condizionamento.
Tuttavia anche fosse necessara la pulizia... quante volte all'anno pulisci la pompa?
Intendo dire che la manutenzione sarà comunque limitata e ben ripagata (in salute dei miei poveri pesci che rischio di lessare in questi giorni torridi nonostante un ventilatore da 30 cm di diametro e un evaporazione di 2-3 litri al giorno).

E comunque la perdita di efficienza è innegabile su un sistema che deve raffreddare processori che arrivano sino a 120 gradi Celsius se non controllati a dovere. Ma su un acquario in cui parliamo di far scendere le temperature di una manciata (forse due manciate :D ) di gradi non penso che la cosa desti particolari problemi.
Rob75 ha scritto:per non parlare delle alghe
infatti, non parliamone =)) ... Scherzo ovviamente. Comunque dentro il waterblock l'unica cosa che mi da a pensare sono i sedimenti ma anche quelli, con una lavatina all'anno nelle mezze stagioni direi che risolve il problema. No? Le alghe al buio totale non credo spuntino ;) .
- Quel giorno tutta l’esperienza della nostra vita diverrà parte di una più vasta conoscenza comune. Sarà il giorno, in cui ritorneremo a Gaia, per fare, ancora una volta, parte della vita e riempire con essa questo mondo -

#teamNoCO2
______________________

Avatar utente
Rob75
Ex-moderatore
Messaggi: 3207
Iscritto il: 22/10/13, 22:35

Re: Condizionatore Acquario

Messaggio di Rob75 » 15/07/2015, 22:56

Bravo Artic, siamo giunti alle stesse conclusioni :D
nel pc abbiamo temperature più...importanti(?!) da gestire, il delta è molto alto e nell'occare una cpu, il grado fa la differenza.
Qui parliamo di 5°in estate e 10° in inverno, ma il vero problema è la massa d'acqua da raffreddare o riscaldare. Secondo me i problemi principali sono due: il dimensionamento della Peltier rispetto al volume dell'acquario (ma come è già stato detto se ne possono montare più di una in serie) e la velocità dell'acqua all'interno del circuito: troppo veloce non scambia, troppo lenta sprechiamo corrente :-?
- Mi dica, lei sente delle voci?
- Dì di no!
- No dottore.

Tutti dicono che sono una persona orribile! ma non è vero, io ho il cuore di un ragazzino...in un vaso, sulla scrivania!!

Avatar utente
Artic1
Ex-moderatore
Messaggi: 5824
Iscritto il: 03/06/15, 3:17

Re: Condizionatore Acquario

Messaggio di Artic1 » 15/07/2015, 23:06

Ah... una piccola osservazione, se una sola peltier non riuscsse a erogare potenza sufficiente per raffreddare, potrei montarne due, da un lato e dall'altro del waterblock (ovviamente messe in modo speculare in modo che entrambe scaldino o raffreddino il waterblock). La dispersione dovuta al passaggio del liquido sarà sicuramente molto più efficiente di quella dei dissipatori con ventola.

Cerco di farvi uno schema...
2 Peltier - 1 Waterblock.gif
LEGENDA:
  • BLU - Waterblock con connessione per il tubo
  • ROSSO BIANCO e BLU - Celle di Peltier
  • ARANCIONE - la piastra del dissipatore
  • ROSSO SCURO - Le heatpipe
  • GRIGIO - Dissipatore a lamelle
  • GRIGIO SCURO - Ventole
in questo modo i tubi di mandata e ritorno dell'acqua rimangono orientati dentro la camera del filtro interno in cui ho la pompa e le ventole soffiano l'aria (calda o fredda a seconda della stagione) esternamente all'acquario per non ridurre l'efficienza.
Che ne dite?
Premetto che al momento lo creerò con una sola peltier e non due!!! :)
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di Artic1 il 15/07/2015, 23:16, modificato 2 volte in totale.
Questi utenti hanno ringraziato Artic1 per il messaggio:
kimotori (21/12/2016, 14:57)
- Quel giorno tutta l’esperienza della nostra vita diverrà parte di una più vasta conoscenza comune. Sarà il giorno, in cui ritorneremo a Gaia, per fare, ancora una volta, parte della vita e riempire con essa questo mondo -

#teamNoCO2
______________________

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: vellut e 3 ospiti