Gli attivatori batterici: questi sconosciuti

Senza essere scienziati: spiegazioni facili per tutti

Moderatori: cicerchia80, lucazio00

Avatar utente
WilliamWollace
Ex-moderatore
Messaggi: 2083
Iscritto il: 20/10/13, 4:09

Gli attivatori batterici: questi sconosciuti

Messaggio di WilliamWollace » 13/02/2014, 16:45

Bene, lo apro io il topic. Gli attivatori batterici in molti li hanno usati almeno una volta. Cosa dite? Sono utili? Inutili? Possono servire in determinati casi? Io lo so già o credo di saperlo, ma non resisto a vedere una bella scazzottata su questo argomento...... =)) =)) =))

Magari un giorno poi parliamo dei carboni adsorbenti?
Ash nazg durbatulûk, ash nazg gimbatul,
ash nazg thrakatulûk, agh burzum-ishi krimpatul.

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20498
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Gli attivatori batterici: questi sconosciuti

Messaggio di Rox » 13/02/2014, 18:50

Con piccole variazioni, per evitare riferimenti di allora, questo è ciò che scrivevo un anno e mezzo fa:
I batteri nitrificanti che si formano spontaneamente nel filtro sono Nitrospira.
Quelli artificiali nel flacone sono Nitrobacter.
La scelta ricade su di loro, perché sono facili da coltivare in laboratorio, e alla fin fine svolgono la stessa funzione.

Il problema è che nel filtro tendono comunque a svilupparsi i Nitrospira, che però, se sono stati usati gli attivatori, trovano i Nitrobacter in competizione.

Dopo un certo tempo, i Nitrospira la spuntano sempre.
In un acquario avviato da un anno, dei Nitrobacter non c'è più alcuna traccia.

Tuttavia, quella guerra iniziale penalizza entrambi, riducendo l'attività di trasformazione da nitriti a nitrati.
Nel frattempo, i Nitrosomonas (che trasformano l'ammonio in nitriti, la prima fase) proliferano senza concorrenza.
(Voglio ricordare che si riproducono 5 volte più velocemente dei Nitrospira, anche in condizioni normali)

E' come quando due piloti di Formula Uno si confrontano in un duello, dove uno tenta il sorpasso e l'altro cerca di resistere.
Controllando i tempi sul giro, ci si accorge che quel duello penalizza tutti e due; tant'è vero che i piloti più avanti, con pista libera, riescono ad guadagnare terreno su entrambi aumentando il distacco.

Possiamo pensare al Nitrobacter come al pilota in seconda posizione, mentre il Nitrospira è terzo e cerca di superarlo.
Finché il confronto continua, entrambi perdono efficacia.
Intanto, il Nitrosomonas che sta in testa guadagna sempre più terreno.
Questo esempio serviva a spiegare un fenomeno di cui si parla da tempo.
Molti si sono accorti che la maturazione del filtro viene spesso ritardata, usando gli attivatori artificiali.

La domanda che capita spesso è: "Ma come?... Io ce li ho messi apposta, per non dover aspettare...!"
Il picco di nitriti, oltre ad arrivare più tardi, spesso è anche molto più evidente.
Questi utenti hanno ringraziato Rox per il messaggio:
Elisa Rossi (15/02/2014, 13:20)
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
exacting
Ex-moderatore
Messaggi: 2585
Iscritto il: 11/12/13, 23:20

Re: Gli attivatori batterici: questi sconosciuti

Messaggio di exacting » 15/02/2014, 2:11

quindi questi attivatori non fanno altro che aumentare il picco di nitriti... bella storia
juwel lido120 white
dennerle 30lt minireef

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20498
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Gli attivatori batterici: questi sconosciuti

Messaggio di Rox » 15/02/2014, 10:00

exacting ha scritto:non fanno altro che aumentare il picco di nitriti...
Diciamo che ci sono tre possibilità:

- Di solito non fanno nulla.

- Se fanno qualcosa, generalmente è peggiorativo.

- A quanto mi hanno riferito, funzionano solo quelli della Dennerle (come al solito), ma non li ho mai provati personalmente e parlo solo per sentito dire.
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
Elisa Rossi
star3
Messaggi: 60
Iscritto il: 12/02/14, 17:25

Re: Gli attivatori batterici: questi sconosciuti

Messaggio di Elisa Rossi » 15/02/2014, 13:19

Io avevo utilizzato Amtra Pro Cult, batteri da tenere in frigorifero, e mi aveva risolto un picco di nitriti altissimo nel giro di una notte. Qualcuno di voi lo ha mai utilizzato?

Inviato dal mio GT-I8260 utilizzando Tapatalk
"Una donna ha bisogno di un uomo come un pesce ha bisogno di una bicicletta"
(Irina Dunn)


Immagine

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20498
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Gli attivatori batterici: questi sconosciuti

Messaggio di Rox » 15/02/2014, 14:43

Elisa Rossi ha scritto:mi aveva risolto un picco di nitriti altissimo nel giro di una notte.
Qualsiasi marca di batteri artificiali ti risolve il picco nell'immediato.
Il problema è quello che succede nelle settimane successive.

Non conosco il prodotto che hai usato tu, anche perché mi risulta più apprezzato nel marino. Parlo quindi in senso generale.
Personalmente, ho smesso di usare quei prodotti nel 2004, dopo averne provati di 3 o 4 marche diverse e valutato la loro inefficacia.
In seguito, ho ricevuto numerose conferme frequentando i forum.

In ogni caso, anche nel caso di prodotti sicurissimi, preferisco sempre il buon vecchio pizzico di mangime.
E' solo una fissa psicologica, ma vedo quei batteri come una forzatura.
Perché devo affrettarmi ad avere pesci dopo tre giorni, anziché dopo un mese, visto che l'acquario dovrà stare lì per anni e anni?
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
Saxmax
Amministratore
Messaggi: 7005
Iscritto il: 06/10/13, 16:39

Re: Gli attivatori batterici: questi sconosciuti

Messaggio di Saxmax » 15/02/2014, 14:48

Rox ha scritto:Qualsiasi marca di batteri artificiali ti risolve il picco nell'immediato.
Il problema è quello che succede nelle settimane successive.
A questo riguardo segnalo che esistono prodotti che hanno la stessa efficacia (eliminazione dei nitriti e dell'ammonio) senza l'effetto secondario relativo all'attecchimento dei batteri. Penso per esempio al toxivec, tanto per dirne uno.
Quindi nel caso si presentasse un problema del genere e non trovassi altre soluzioni, io propenderei per quello, almeno non rischio di fare paciughi coi batteri (o comunque molto meno). :-bd
"Con le palanche son buoni tutti.." Motto di famiglia

Per alcune persone nemmeno mi siedo sulla riva del fiume.
Probabilmente passerà il loro cadavere mentre sono a farmi una birra.

Avatar utente
Elisa Rossi
star3
Messaggi: 60
Iscritto il: 12/02/14, 17:25

Re: Gli attivatori batterici: questi sconosciuti

Messaggio di Elisa Rossi » 15/02/2014, 16:34

Già, ma la mia situazione era tragica, e devo dire che poi è rientrato tutto alla normalità, anche perché trattavasi di acquario di due anni circa. Ma il vostro ragionamento non fa una grinza. Ora vado a piangere sugli euro spesi e butto via tutto. Grazie. :3

Inviato dal mio GT-I8260 utilizzando Tapatalk
"Una donna ha bisogno di un uomo come un pesce ha bisogno di una bicicletta"
(Irina Dunn)


Immagine

Avatar utente
Saxmax
Amministratore
Messaggi: 7005
Iscritto il: 06/10/13, 16:39

Re: Gli attivatori batterici: questi sconosciuti

Messaggio di Saxmax » 15/02/2014, 20:55

Elisa Rossi ha scritto:Ora vado a piangere sugli euro spesi
=))
Dai, non fare così.. Ci siamo passati tutti. I negozianti sono bravissimi a scucire grano. E' il loro lavoro. Sta a noi informarci e capire. :-bd
Ora che sai, non ti farai più convincere. Tutto di guadagnato! :-bd
"Con le palanche son buoni tutti.." Motto di famiglia

Per alcune persone nemmeno mi siedo sulla riva del fiume.
Probabilmente passerà il loro cadavere mentre sono a farmi una birra.

Avatar utente
Uthopya
Ex-moderatore
Messaggi: 4885
Iscritto il: 19/10/13, 9:20

Re: Gli attivatori batterici: questi sconosciuti

Messaggio di Uthopya » 15/02/2014, 21:01

Elisa pensa che in molti (compreso me) hanno iniziato quando Forum di acquariofilia non esistevano e ci si doveva affidare unicamente ai negozianti almeno all'inizio... :(

Inviato dal mio LG-E610 utilizzando Tapatalk
Sono responsabile di quel che dico, non di quel che ne fai tu delle mie parole!
“Non è la materia che genera il pensiero, è il
pensiero che genera la materia”
(G. Bruno)
(i∂̸-m)ψ=0

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti