Fattore limitante, mi aiutate a trovarlo?

Sia per l'acqua che per il fondo

Moderatori: Marta, sa.piddu

Avatar utente
ersergio
Ex-moderatore
Messaggi: 3601
Iscritto il: 21/08/14, 22:14

Re: Fattore limitante, mi aiutate a trovarlo?

Messaggio di ersergio » 06/04/2015, 11:29

Aggiornamento della situazione ragazzi,
stamane ho misurato la conducibilità che è rimasta purtroppo praticamente invariata dall'ultima misurazione di tre gg fa : 676 ms/cm.
Ho inserito altri 2 ml di ferro ;
in pratica questa settimana ne ho introdotti 18 ml su 125 litri netti.
Ho notato inoltre che sulle foglie della staurogyne le verdi puntiformi sono in aumento... :-? In compenso le filamentose sono praticamente scomparse :D
Ora dovrei fare il terzo cambio, dei quattro previsti , del 20 %(25 litri) con demineralizzata, per arrivare ai valori desiderati.
Vi pongo quindi due domandine:
quando effettuo il cambio, è come se resettassi la fertilizzazione guisto?
Quindi dopo il cambio rieseguo un ciclo di fertilizzazione completa,compreso il ferro?
Vorrei introdurre anche il magnesio che ho inserito una sola volta e solo 2,5 ml.
Come procedo secondo voi, vado con il cambio ed effettuo una fertilizzazione completa?
Avrei pensato a :
-15 ml di kno3,(non ne ho mai messo così per i numerosi stick messi nel manado , ma ho notato comunque che qualche foglia bassa di staurogyne ,presenta dei buchi)

- 5 ml di magnesio,

-5 ml di rinverdente

- ferro fino all'arrossamento;

è importante precisare che sono ancora a 5 ore di fotoperiodo(domani passo a 5,5).

Ciao ragazzi e buona Pasquetta ;) :-h
So Amare!!
Lei:"non ci credo! Dimostramelo!!"
Lui:"Allora assaggia ste olive e dimme se non so amare!!!".

Avatar utente
Rob75
Ex-moderatore
Messaggi: 3207
Iscritto il: 22/10/13, 22:35

Re: Fattore limitante, mi aiutate a trovarlo?

Messaggio di Rob75 » 06/04/2015, 13:40

Sergio, usando il metodo PMDD non puoi aspettarti di "programmare" gli interventi sul tuo acquario :-q
Il ragionamento che fai tu è:
faccio il cambio, fertilizzo e vedo che succede.
Il ragionamento giusto è faccio il cambio, vedo che succede, fertilizzo reintegrando solo ciò che manca :-bd
Poi, quando avrai maturato una certa esperienza, potrai anche anticipare l'introduzione di uno o più elementi, perché avrai maggiore consapevolezza delle reazioni del tuo acquario ;)
Questi utenti hanno ringraziato Rob75 per il messaggio:
Rox (06/04/2015, 14:02)
- Mi dica, lei sente delle voci?
- Dì di no!
- No dottore.

Tutti dicono che sono una persona orribile! ma non è vero, io ho il cuore di un ragazzino...in un vaso, sulla scrivania!!

Avatar utente
ersergio
Ex-moderatore
Messaggi: 3601
Iscritto il: 21/08/14, 22:14

Re: Fattore limitante, mi aiutate a trovarlo?

Messaggio di ersergio » 06/04/2015, 15:20

Rob75 ha scritto:Sergio, usando il metodo PMDD non puoi aspettarti di "programmare" gli interventi sul tuo acquario :-q
Il ragionamento che fai tu è:
faccio il cambio, fertilizzo e vedo che succede.
Il ragionamento giusto è faccio il cambio, vedo che succede, fertilizzo reintegrando solo ciò che manca :-bd
Poi, quando avrai maturato una certa esperienza, potrai anche anticipare l'introduzione di uno o più elementi, perché avrai maggiore consapevolezza delle reazioni del tuo acquario ;)
I cambi Rob , sono programmati per raggiungere valori adatti ai pesci che voglio Inserire ( sono partito con sola acqua di rete con KH 8 e GH 11, che poi col manado mi è arrivato a 18), ne ho fatti due, devo farne altrettanti (uno a settimana)per portare la conducibilità sotto a 500 ed il GH a valori accettabili, da qui deriva la mia programmazione.
Vi chiedevo solo se posso considerare , dopo il cambio del 20 %, la vasca resettata o quasi a livello di fertilizzazione, inoltre, come da titolo del topic sto cercando il fattore limitante che non mi fa scendere la conducibilità, per quello ho descritto i fertilizzanti che vorrei introdurre.
Quindi Rob mi suggerisci di fare il cambio e di non introdurre nulla e di attendere la risposta delle piante e della conducibilità?
Un saluto Sergio
So Amare!!
Lei:"non ci credo! Dimostramelo!!"
Lui:"Allora assaggia ste olive e dimme se non so amare!!!".

Avatar utente
GiuseppeA
Moderatore Globale
Messaggi: 9276
Iscritto il: 15/09/14, 15:48
Contatta:

Re: Fattore limitante, mi aiutate a trovarlo?

Messaggio di GiuseppeA » 06/04/2015, 15:24

Secondo me un vero fattore limitante non lo si trova mai fino a che dovrai fare cambi settimanali.. Ci sono troppi scombussolamenti in vasca
La mia non è proprio pigrizia, è più voglia di risparmio energetico. :-

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17415
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Re: Fattore limitante, mi aiutate a trovarlo?

Messaggio di cuttlebone » 06/04/2015, 15:28

Con il cambio, rimuovi anche una parte di fertilizzanti che dovrai ovviamente reintrodurre [emoji6]
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6867
Iscritto il: 30/08/14, 23:13

Re: Fattore limitante, mi aiutate a trovarlo?

Messaggio di darioc » 06/04/2015, 17:07

Forse dico una boiata ma la conducibilità che non scende non potrebbe essere dovuta al fatto che gli stick messi un mese e mezzo fa (se non sbaglio nell'articolo si dice che possono durare fino a 3 mesi) continuano a rilasciare N, P e K?
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17415
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Re: Fattore limitante, mi aiutate a trovarlo?

Messaggio di cuttlebone » 06/04/2015, 17:11

Non è una "boiata" ma esattamente ciò che succede con gli stick quando si azzecca la giusta composizione [emoji6]
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6867
Iscritto il: 30/08/14, 23:13

Re: Fattore limitante, mi aiutate a trovarlo?

Messaggio di darioc » 06/04/2015, 17:14

Allora sinceramente non capisco la preoccupazione di Esergio per la conducibilità che non scende... :-?

Con boiata mi riferivo in realtà all'affermazione: "gli stick continuano a rilasciare" comunque considerata la tempistica dovrebbero continuare...
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17415
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Re: Fattore limitante, mi aiutate a trovarlo?

Messaggio di cuttlebone » 06/04/2015, 17:18

Errori di gioventù [emoji6]
Si parla talmente di conducibilità che deve scendere dopo la fertilizzazione, da dimenticare che gli stick sono a "rilascio progressivo" ed è quindi normale che la mantengano costante (se tutto funziona) [emoji6]
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
Rob75
Ex-moderatore
Messaggi: 3207
Iscritto il: 22/10/13, 22:35

Re: Fattore limitante, mi aiutate a trovarlo?

Messaggio di Rob75 » 06/04/2015, 17:37

ersergio ha scritto: I cambi Rob , sono programmati per raggiungere valori adatti ai pesci che voglio Inserire ( sono partito con sola acqua di rete con KH 8 e GH 11, che poi col manado mi è arrivato a 18), ne ho fatti due, devo farne altrettanti (uno a settimana)per portare la conducibilità sotto a 500 ed il GH a valori accettabili, da qui deriva la mia programmazione.
Vi chiedevo solo se posso considerare , dopo il cambio del 20 %, la vasca resettata o quasi a livello di fertilizzazione, inoltre, come da titolo del topic sto cercando il fattore limitante che non mi fa scendere la conducibilità, per quello ho descritto i fertilizzanti che vorrei introdurre.
Quindi Rob mi suggerisci di fare il cambio e di non introdurre nulla e di attendere la risposta delle piante e della conducibilità?
Sostanzialmente si!
La programmazione a cui mi riferisco è quella che riguarda la fertilizzazione: non puoi sapere a priori cosa reintrodurre, te lo diranno le piante.
Devi inoltre tenere conto di altri due fattori:gli stick a rilascio graduale e il manado che trattiene parte dei fertilizzanti (per dirla in maniera semplice).

Per i cambi, devi tenere presente un altro fattoreimportante...
All'inizio con il pH dovrai tenerti su valori neutri o leggermente alcalini, per aiutare la vasca a maturare.
In base a questo, non potrai scendere troppo con le durezze, altrimenti non avrai abbastanza CO2 disciolta.
Per i pesci non preoccuparti troppo: a meno che siano esemplari di cattura, l'allevatore o il negoziante non li tengono mai in acque con valori ideali.
Tenerli qualche mese a pH7 non li ucciderà :-bd poi penserai ad abbassare gradualmente le durezze.
Infine, le razze più delicate (un esempio per tutti Otocinculus sp.) vanno inserire solo in vasche ben avviate e stabili ;)
- Mi dica, lei sente delle voci?
- Dì di no!
- No dottore.

Tutti dicono che sono una persona orribile! ma non è vero, io ho il cuore di un ragazzino...in un vaso, sulla scrivania!!

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 7 ospiti