Fertilizzazione e conducibilità

Sia per l'acqua che per il fondo

Moderatori: Daniela, Dandano, sa.piddu

Rispondi
Avatar utente
Braccobaldo
star3
Messaggi: 58
Iscritto il: 06/12/13, 13:42

Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Braccobaldo » 19/03/2014, 18:16

Cerco di aprire una discussione per focalizzare su un problema che ho riscontrato di recente in giro per il forum e che, peraltro, coincide con quanto sto sperimentando nel mio acquario.
Questo, per capirci.
Il mio Dubai 80 debitamente modificato.jpg
I dettagli li trovate nel profilo.
Aggiungo settimanalmente, opportunamente distribuiti in vari giorni, complessivi 20 ppm di NO3- con soluzione di KNO3, 1,5 ppm di PO43- con soluzione di KH2PO3 e 24 ml di Profito EasyLife per gli oligoelementi basandomi sul contenuto di Fe.
Il problema?
Misuro tutti i parametri dell'acquario dopo il cambio e li annoto. Misuro anche la conducibilità dopo diverse ore dai vari dosaggi e rilevo un vero incremento, come è ovvio, solo dopo aver dato KNO3 che suddivido in due somministrazioni. Fin qui tutto normale.
Passata la settimana, pH, GH, KH, NO3-, PO43- e Fe ritornano ai livelli di prima, per quanto sono capaci di rilevare i test tutti JBL, tranne la conducibilità che resta fissa al livello raggiunto sommando gli incrementi delle varie somministrazioni.
A questo punto, quali elementi si accumulano non consumati in vasca?
Il maggior indiziato, visto quello che si aggiunge e quello che appare consumarsi, sembrerebbe il K.
Eppure, se mi distraggo un poco, le piante mostrano sintomi di carenze come: blocco della crescita o BBA, staghorn o foglie e apici piccoli; addirittura foglie vecchie bucate che ingialliscono e poi muoiono, tipico della carenza di potassio.
Che ruolo può avere un fondo come il Manado in tutto ciò?
Grande pentola vero?! Dai, ragazzi, vediamo cosa possiamo metterci a cuocere.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20404
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Rox » 19/03/2014, 19:56

Discussione interessante che farei partire dal Manado.
Trattandosi di un fondo drenante, non c'è differenza tra acqua e terreno. Tutti i nurienti che stanno nell'acqua, vengono immediatamente messi a disposizione delle radici.

E' per questo che riesci a coltivare quelle specie, pur fertlizzando solo in colonna.
A parte la Bacopa, tutte le tue piante si alimentano dalle radici.

Per quanto riguarda il potassio, sappiamo che alza la conducibilità più di tutti, ma questo non significa che dipenda solo da lui.
Oltretutto, non è possibile che si riducano calcio, magnesio, azoto e fosforo, mentre il potassio... che fa?... aumenta da solo?...
Se la conducibilità rimane invariata, nonostante tutti quei cali...

La mia ipotesi è che forse non stai tenendo conto del mangime.
Magari è lui che contiene parecchio potassio, visto che serve anche ai pesci (e pure a noi).
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
Braccobaldo
star3
Messaggi: 58
Iscritto il: 06/12/13, 13:42

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Braccobaldo » 19/03/2014, 22:47

Io escluderei il mangime se non altro per le esigue quantità che immetto. La fauna in vasca non necessita di molto. La alimento max 6 volte a settimana alternando pizzichi di granulato e liofilizzati, opportunamente reidratati fuori vasca. Non datemi dell'affamatore di creature vi prego! :ymblushing:
Ma le considerazioni di Rox sul Manado mi hanno acceso una *-:) .
E se fino ad ora avessi sottofertilizzato? :-? L'Acquabasis nel fondo avrebbe coperto le carenze anche in colonna, per la natura evidenziata del Manado in modo inverso, fino ad esaurire gli elementi più carenti. Adesso adsorbe quello che ha ceduto e che non viene assorbito dalla vegetazione ad eccezione del K di cui evidentemente è rimasto saturo!?
Oh. La butto li eh! x_x

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20404
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Rox » 20/03/2014, 12:09

Braccobaldo ha scritto:E se fino ad ora avessi sottofertilizzato?
Vediamo se ho capito...
Tu fertilizzi in colonna, ma gran parte di quella roba verrebbe assorbita dal fondo in tempi brevi.
Solo il potassio, secondo la tua ipotesi, resterebbe nell'acqua perché il terreno ne è già saturo.

- Obiezione
Se fosse così, la conducibilità dovrebbe comunque ridursi.

Supponiamo che i nutrienti introdotti facciano 100 µS di aumento (cifra tonda per fare un esempio), portandoci da 500 a 600.
Diciamo che magnesio, calcio, fosforo, zolfo, ecc. ecc., con i tuoi dosaggi, ne facciano solo metà; il "pesantissimo" potassio, pertanto, ne produrrebbe 50 da solo (sto volutamente esagerando).

Nei giorni successivi, fondo e piante assorbono tutto tranne il potassio (perché il terreno ne sarebbe già saturo).
Quei 600 µS non torneranno a 500, ma dovrebbero comunque assestarsi a 550.
Invece tu riferisci che il valore resta invariato.

Inoltre, in tale periodo, le piante avrebbero avuto un assorbimento di potassio pari a zero.
Anche se ce ne fosse da buttar via, per la legge di Liebig trovo strano che non sia calato affatto, nemmeno in piccola parte.
Si tratta pur sempre del secondo macronutriente più importante, dopo l'azoto.

Insomma... il tuo ragionamento è interessante, ma presenta dei punti oscuri difficilmente spiegabili.
(Non solo quelli che ho descritto)
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
Simo63
Ex-moderatore
Messaggi: 3188
Iscritto il: 21/10/13, 0:06

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Simo63 » 20/03/2014, 13:12

L'assorbimento di potassio può essere bloccato da carenza o eccesso di altri nutrienti?


Stay hungry, stay foolish
Immagine
"It's more fun to be a pirate than to join the navy "
"E' più divertente essere pirati che essere nella Marina"
Jobs 1983

Avatar utente
DxGx
Amministratore
Messaggi: 6886
Iscritto il: 20/10/13, 20:22

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di DxGx » 20/03/2014, 13:58

Comunque quell'acquario è uno spettacolo... presentacelo!!! :D
Chiamatemi Nio, AntoNio

"Per non essere d'accordo non serve essere sgradevoli."

Avatar utente
Braccobaldo
star3
Messaggi: 58
Iscritto il: 06/12/13, 13:42

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Braccobaldo » 20/03/2014, 16:53

Rox ha scritto:Vediamo se ho capito...
Si, Rox, hai capito il mio ragionamento di partenza e i punti oscuri della tua obiezione sono anche i miei. :-bd Allora… rilancio. :ymdevil:
Se con i dosaggi indicati: le piante per adesso sembrano crescere bene; i test effettuati mostrano che sia N che P, prodotti o immessi, vengono consumati o precipitano; che gli oligoelementi, dal test del Fe, suppongo, fanno la stessa fine e comunque incidono relativamente sulla conducibilità; che non riesco a dare la colpa ad altri “elementi di disturbo” :-l ; che non riesco a misurare sto benedetto K!!!... :ymsick: Con chi me la prendo? … Col fondo, poverino! @-)
Fermo restando quanto già detto su quest’ultimo e cioè che, fino agli ultimi segni di carenza, la sottofertilizzazione sia stata da questo compensata finchè ha potuto e, dopo ormai circa un anno, abbia esaurito tutto ad eccezione del K. A questo punto riesce a tamponare, ai vari livelli raggiunti dopo ogni fertlizzazione, solo il K consumato ma non ha più alcuna influenza sugli altri elementi che, se può, addirittura tende ad assorbire. Ancorpiù che, come hai detto tu, la maggior parte delle mie piante si ciuccia il necessario, compreso il K, direttamente dal fondo, lasciando quello in colonna solo alla Bacopa che, infatti, ultimamente è la più in salute.
Ecco perché vorrei innescare un consumo di K, aggiungendo NO3- (che reputo l’attuale fattore limitante) senza ulteriore K aggiunto, neanche con bastoncini NPK. ;)
Se, con le eventuali opportune correzioni sugli altri agenti di sviluppo delle piante, l’incremento di conducibilità si riduce, quanto detto fino ad ora non è più un’ipotesi. :ymparty:
Altrimenti potrebbe voler dire che l’effetto tampone rilevato sulla conducibilità avviene con qualcos’altro tranne che con ciò che sia misurabile o utile alle piante. :((
Allora, relativamente alla mia voglia di avvicinarmi il più possibile alla gestione ottimale della mia vasca, non mi resta altro che agire di secchio. :(
DxGx ha scritto:Comunque quell'acquario è uno spettacolo... presentacelo!!!
Beh... Grazie per l'apprezzamento :ymblushing:
E’ mia intenzione presentarlo non appena riuscirò a produrre delle foto decenti.

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20404
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Rox » 21/03/2014, 13:26

Braccobaldo ha scritto:senza ulteriore K aggiunto, neanche con bastoncini NPK. ;)
Questo lo puoi ottenere facilmente a costo zero.
In un qualunque Auchan, Carrefour, o simili, compra un mangime in fiocchi di quelli da supermercato (tipo Friskies, per capirci).

I nitrati dovrebbero salire abbastanza rapidamente, questione di giorni.
Se non aumentano in modo apprezzabile, hai ragione tu: l'azoto è il tuo fattore limitante.
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
Braccobaldo
star3
Messaggi: 58
Iscritto il: 06/12/13, 13:42

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Braccobaldo » 24/03/2014, 10:38

No, non sono andato via! :) Sto mettendo in pratica il suggerimento di Rox provando a dosare mangime a base di cereali saltando il dosaggio di KNO3 e KH2PO4. Vediamo cosa succede.
Riguardo alla mia ipotesi che il fondo tamponi con K (forse) e/o ioni di “nonsocosa” l’abbassamento di conducibilità che dovrebbe verificarsi per il consumo dei nutrienti? Cosa ne pensate?

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20404
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Rox » 24/03/2014, 14:28

Braccobaldo ha scritto:Cosa ne pensate?
Sappiamo che GH e KH non misurano tutto, ma il "grosso" sì.
Quando si abbassano tutti i carbonati, tutti gli altri sali-tampone, tutti i composti del calcio e tutti quelli del magnesio, i nitrati e i fosfati... cosa rimane in quell'acqua?

O meglio, di fronte a tutte quelle diminuzioni, cosa c'è che può tenere su la conducibilità?
Il potassio?... D'accordo, è possibile... ma in che forma?
Nitrato no... fosfato no... bicarbonato no... forse il solfato...
Tra l'altro, è il sale più diffuso tra i fertilizzanti commerciali.

Non conosco il Profito EasyLife... contiene solfato di potassio?
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Coga89, nunzia e 10 ospiti