Inizio fertilizzazione.

Sia per l'acqua che per il fondo

Moderatori: Marta, sa.piddu

Rispondi
Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20432
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Inizio fertilizzazione.

Messaggio di Rox » 18/12/2014, 22:55

Quell'articolo che hai letto contiene delle inesattezze, ma non devi fidarti di me sulla parola.
Basta analizzare questa affermazione iniziale...
  • Non a caso si trova in quantità proporzionali a quelle del calcio.
...e poi controllare 5 o 6 acquedotti italiani, presi a caso.
Ti accorgerai che non c'è nessuna proporzionalità, nemmeno approssimativa.
I due metalli sono completamente indipendenti, l'uno dall'altro.

Per quanto riguarda l'assimilazione di potassio, è vero solo in parte.
Per arrivare a quel punto, l'eccesso di magnesio deve essere tale che bisogna farlo apposta.

Infine, è vero che in certe zone non serve aggiungerlo.
Ma se scrivo un articolo e lo metto in rete, devo rivolgermi a tutti; non posso fare distinzioni tra un acquariofilo piemontese, uno abruzzese e uno sardo.
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
Forcellone
star3
Messaggi: 1724
Iscritto il: 10/10/14, 13:18

Re: Inizio fertilizzazione.

Messaggio di Forcellone » 19/12/2014, 10:27

Capisco .... ma guarda cosa ho trovato in rete, stavo cercando le indicazioni delle confezioni delle acque e questo signore ha fatto un mega controllo ..... per gli uomini ..... io devo farlo per i pesci????
Ho paura se ne prendo una non adatta faccio un casotto. :-o

Ma cosa ci fanno bere sti.....

Ho copiato le cose che ha scritto:
____________________________________
La Sangemini e' un acqua bicarbonato-calcica, non so dirti
se il bicarbonato od il calcio possano fare questo effetto.
La ferralelle pero' e' molto piu' bicarbonato e piu' calcio,
chissa' se aveva lo stesso effetto.

Anzitutto, dico subito che sto cominciando a cambiare idea
sulla convenienza delle acque minerali: sto vedendo che l'
acqua di rubinetto e' sottoposta a molti piu' controlli e
deve rispettare limiti molto piu' restrittivi: insomma,
quasi sempre le acque dei nostri rubinetti si rivela
migliore di quella in bottiglia, certo ci sono le eccezioni
ma si tratta appunto di casi singoli.

Siete pronti all' immersione nel mondo delle acque minerali?
Benvenuti all' inferno...

NITRATI unico valore riportato in etichetta

toka (34) vivian (17.4) col fabrizia (10.2) galvanina (34.9)
paradiso (16.5) egeria (35.1) candida (15.4) eleonora (18.2)
fonte fria (14.9) isola antica (16.0) lughentina (15.8)
smeraldina(12.2) tamara (18.7) santa maria (30.0) goccia
viva (12.9) santa fiora (11.1) fonte aura (16.1) orvieto
(20.5)


TROPPO ACIDE (pH basso, si raccomanda di non scendere sotto
i 6,5. Alcune queste acque arrivano a 4,1, rientrando a
pieno titolo nella categoria degli acidi. La pioggia acida
ha un pH attorno ai 5)

felicia, gaudianello, sveva, toka, vivien, fontedoro,
serricella, lete, sant' agata, acqua di nepi, claudia,
egeria, fonte santa vittoria friela,san pellegrino,
lauretana, monte rosa, isola antica, sandalia, santa lucia,
kaiserwasser, maraner mineralwasser,san zaccaria, fonte
napoleone, lavaredo, uliveto, fabiaviva, dolomiti

ALLUMINIO

L’esposizione all’alluminio, è un fattore di rischio per la
comparsa e la progressione del morbo di Alzheimer. E sia
l’OMS che la legge italiana per le acque di rubinetto fissa
in 200 microgrammi/litro la concentrazione massima. Peccato
però che questo limite non sia presente per la legislazione
che regolamenta le acque in bottiglia; l’Acqua di Nepi (237)
e l’acqua Sandalia (267) sono nei limiti di legge, ma non in
quelli di salute.



ARSENICO

L’arsenico è un noto elemento cancerogeno (è associato a
diversi tipi di cancro, come cancro alla pelle, polmoni,
vescica, rene e altre malattie della pelle) e tutte le acque
minerali campionate sono risultate al di sotto del tetto
massimo di 10 microgrammi/litro.
Tuttavia, secondo gli scienziati, andrebbero monitorate
quelle acque che hanno un valore superiore a 5

acqua di Nepi (5,7) egeria (8.9) friela (5.6) levissima
(6.2) vala (5.3) sant' anna (5.2) candida (5.4) fonte fria
(5.6) isola antica (7.4) orvieto (6.0)

BORO

Il valore guida dell’OMS fissa una concentrazione massima di
500 microgrammi/litro. Per le acque del rubinetto, la
tolleranza in Italia è fissata a 1000 microgrammi/litro, e
per le acque minerali arriviamo a 5000 microgrammi/litro. Le
acque minerali nostrane sono tutti nei (larghi) limiti di
legge, ma l’acqua Toka arriva oltre (1170) il limite fissato
per l’acqua del rubinetto. Se invece ci riferiamo al valore
massimo secondo l’OMS, allora i bocciati sono di più:
l’acqua Ferrarelle arriva a una concentrazione di boro di
551 microgrammi/litro, la Fonte Chiara tocca i 536, la San
Martino si attesta su 847, la Sandalia su 849, Uliveto su
548, Claudia su 738.

BERILLIO

Classificato dall’EPA, l’agenzia per la protezione
ambientale americana, come elemento cancerogeno di classe A
– ossia provoca il cancro nell’uomo – ed è uno degli
elementi più tossici della tavola periodica. Se una falda
acquifera presenta più di 4 microgrammi/litro (dato fissato
proprio dall’EPA) si rende subito necessario un intervento
di bonifica (anche se non è destinata al consumo umano).
Ebbene, nelle tabelle che riportano i limiti per le acque
minerali, non è prescritto nessun valore massimo. L’Acqua di
Nepi fa registrare una concentrazione di 4,69
microgrammi/litro.


FLUORO

Il fluoro, in alte concentrazioni, può provocare fluorosi
dentale e fluorosi scheletrica. Anche qui l’anomalìa
legislativa tutta Italia fissa un tetto massimo di 1,5
milligrammi/litro nell’acqua di rubinetto ma di ben 5
milligrammi/litro nelle acque minerali. Rispetto a questo
limite, solo la Sandalia è in difetto (7,93). Se invece
guardiamo al valore 1,5 (che è anche quello fissato dalle
linee guida dell’OMS) sono diverse le marche che lo
superano: Acqua di Nepi (1,64), Acqua Claudia (1,52), Egeria
(1,71), Santa Lucia (2,33).

SODIO

Il sodio è uno dei macronutrienti più importanti dal punto
di vista biologico. Una sua carenza provoca problemi di
salute, ma anche un suo eccesso può causare i ben noti danni
all’organismo, ad esempio ai vasi sanguigni. Tutte le acque
minerali analizzate rientrano nei limiti di legge, anche
perché questi limiti non sono stati fissati. Se invece
guardiamo ai valori guida dell’OMS, che coincidono con i
limiti di legge stabiliti (quelli sì) per le acque di
rubinetto, 200 milligrammi/litro, sono molte le acque anche
li superano. Dalla più alta concentrazione alla più bassa:
San Martino (774), Sandalia (527), Toka (428) , Santa Lucia
(293) e infine Sveva (222)

URANIO

L’uranio, certamente tossico, nella legislazione italiana
non ha limiti massimi di riferimento, né per le acque
minerali né per le acque del rubinetto. Rifacendosi al
valore guida di 15 microgrammi/litro dell’OMS, l’acqua Rocce
Sarde raggiunge una concentrazione di 31 microgrammi/litro,
dovuta all’ubicazione della sorgente in rocce granitoidi. Le
altre marche sono ben al di sotto del valore di 15, anche se
val la pena segnalare i valori di 11,85 dell’acqua Santa
Lucia e di 10,95 dell’acqua Courmayeur

VANADIO

L’azione tossica del vanadio è confinata al tratto
respiratorio: sono frequenti bronchiti e broncopolmoniti fra
i lavoratori esposti a composti del vanadio. In Italia è
fissato un tetto massimo di concentrazione solo nelle acque
del rubinetto, ed è di 50 microgrammi/litro, mentre per le
acque minerali non è prevista alcuna limitazione. Se ci
riferiamo a quella soglia, tutte le acque minerali sono al
di sotto di quel valore, ma l’acqua Leggera della Basilicata
tocca i 48.9 microgrammi/litro.

---------------------------------------------------------------------

MA insomma, che c'e' rimasto??

Solo nel caso che l' acqua dell' acquedotto non sia di buona
qualita' o se si hanno particolari esigenze:

fonte primavera, fonte valle reale, santa croce, lilia,
calabria certosa, fabrizia, fontenoce, futura, limpida,
mangiatorella, sorgente dell' amore, vita sana, fior d'
acqua, fonte ofella, prata, santo stefano, cerella, CONAD
fonte lieta, fonte vela, fonte ventasso, fonti san fermo,
COOP monte cimone, dolomia, goccia di carnia, pocenia,
pradis, cottorella, fiuggi, alta valle del trebbia, santa
clara, allegra, balda, bernina, boario, bracca, COOP
sorgente grigna, fonte tavina, gaverina, leonardo, primaluna
allsea, maniva, neve, norda, daggio, pineta, sorgente sales,
pureland, naturale, primula, san francesco, santa corina,
sant' antonio, stella alpina, casteldelci, elisa, frasassl,
gala, nerea, tinnea, valdimeti, mollsla, seolnia, alpe
guizza, alpi cozie, alte vette, cime bianche, crodo lislel,
fonte delle alpi, lurisia, martina, san bernardo, sovrana,
sparea, stella del monviso, valmora, acqua light, alturo,
boschetta, federica, levia, meribia, montes, pura,
quercetta, san giorgio, san leonardo, sant' abba, slete
fuentuea, cavagrande, fontalba, gerasia, santa rosalia,
pejo, plose, acqua silva, cintoia, fonte azzurrina, fonte
de' medici, fonte viva, goccia viva, monte verde, panna,
sorgente tesorino, verna, angelica, CONAD acqua minerale,
goccia blue, lieve, misia motette, rocchetta, sangemini,
viva, don carlo, fonte margherita, recoaro


Oddiomio, sono distrutto...controlli incrociati su tutte le
acque. Perdonatemi eventuali errori e se avete dei dubbi su
un' acqua controllo
________________________________
Fine

Che dire....... x_x
La calma salva l'acquario, anzi... quello che c'è dentro. Mani in tasca e zero panico :-bd

Avatar utente
Uthopya
Ex-moderatore
Messaggi: 4885
Iscritto il: 19/10/13, 9:20

Re: Inizio fertilizzazione.

Messaggio di Uthopya » 19/12/2014, 14:45

Forcellone due cose: ti ho messo tra il tag "quote" tutta la parte presa da altri "lidi" (questione di correttezza per far comprendere che stiamo riportando parole altrui) e secondo: questa sezione tratta la fertilizzazione mentre il tuo post è un ottimo argomento in "Chimica".
Apri un nuovo Topic per discuterne :-bd
Sono responsabile di quel che dico, non di quel che ne fai tu delle mie parole!
“Non è la materia che genera il pensiero, è il
pensiero che genera la materia”
(G. Bruno)
(i∂̸-m)ψ=0

Avatar utente
Forcellone
star3
Messaggi: 1724
Iscritto il: 10/10/14, 13:18

Re: Inizio fertilizzazione.

Messaggio di Forcellone » 22/12/2014, 8:14

Fatto il cambio 45 litri minerale + 5 demineralizzata, volevo abbassare un pochino il KH altino, (avevo una tanichetta in mezzo alle scatole e l'ho usata). :D

Dopo il cambio i valori sono questi:
- PO43-: si sono abbassati di molto, l'acqua nella "ampolla del test" è molto più chiara, forse stiamo a 2 +o -. Servirà un altro intervento forse... *-:)
- Tds: 573
- NO3-: 10
- NO2-: 0
- GH: 15 Questo è più alto, prima avevo 13 vediamo in seguito come si comporta.
- KH: 8 Prima avevo 7
- pH: 7
- Cl: 0

Ho concimato:
Potassio: 5 ml.
Magnesio: 1
Rinverdente: 1.5
Ferro: 1.5
Tds: dopo la concimazione è salita da 573 a 612 (+ 39).

Subito dopo il cambio dell'acqua le pianate hanno immediatamente cominciato ad emettere bollicine di ossigeno, la cosa è aumentata molto con le luci fino a sera.
Il fenomeno è stato molto evidente ed in superfice avevo il pelo dell'acqua completamente pieno di microbollicine, anche alcune piante avevano abbastanza pearling. Ho fatto delle foto: ;) .
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
La calma salva l'acquario, anzi... quello che c'è dentro. Mani in tasca e zero panico :-bd

Avatar utente
Forcellone
star3
Messaggi: 1724
Iscritto il: 10/10/14, 13:18

Re: Inizio fertilizzazione.

Messaggio di Forcellone » 23/12/2014, 7:56

Ma secondo voi devo programmare un altro cambio del genere per abbassare ancora i Fosfati o potrebbe andare già bene?

Se devo intervenire ancora con un cambio più o meno è il caso di aspettare ....X.... quanti giorni????
La calma salva l'acquario, anzi... quello che c'è dentro. Mani in tasca e zero panico :-bd

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17479
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Re: Inizio fertilizzazione.

Messaggio di cuttlebone » 23/12/2014, 9:20

Le bollicine che vedi dopo il cambio non sono pearling ;)
Come mai introduci anche il Magnesio? Con una differenza così alta tra GH e KH dovresti averne già abbastanza, e quello contribuisce non poco ad alzarti la conducibilità.
Se non hai problem particolarei, perché vuoi abbassare i fosfati? Non mi sembrano così alti...
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
Specy
Ex-moderatore
Messaggi: 3868
Iscritto il: 20/10/13, 12:34

Re: Inizio fertilizzazione.

Messaggio di Specy » 23/12/2014, 9:25

Secondo me, se hai tutto quel pearling, significa che le piante hanno tutto ciò cui hanno bisogno e la fotosintesi va alla grande. Vedi l'andamento della conducibilità nei prossimi giorni e regolati di conseguenza con la fertilizzazione.
I fosfati a 2, io li terrei così e controllerei l'andamento della vasca. Non mi sembra opportuno fare un cambio per abbassare solo quelli. Piuttosto eviterei di somministrare magnesio, visti i valori di KH e GH, penso sia abbondante.

---------
Edit :
Ci siamo sovrapposti con Cuttlebone.
Quoto Cuttlebone, se il pearling si è verificato immediatamente dopo il cambio.
Inviato dal mio ZenFone 2 64gb :-h Giuseppe

Avatar utente
Forcellone
star3
Messaggi: 1724
Iscritto il: 10/10/14, 13:18

Re: Inizio fertilizzazione.

Messaggio di Forcellone » 23/12/2014, 10:50

Ieri non ho avuto tutte quelle bollicine, è tornato nella norma.

Dopo il cambio di 50 litri su 80 scarsi ho inserito un pochino tutto.

Ieri la conducibilità era scesa di pochissimo. Vediamo in seguito se è costante.

Vediamo se le famose alche marroncine vanno via, stavano aumentando troppo.

OK, i valori possono funzionare, pensavo che i fosfati erano ancora altini, aspettiamo e vediamo come procede, prima di fare chiedo. :-h
La calma salva l'acquario, anzi... quello che c'è dentro. Mani in tasca e zero panico :-bd

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17479
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Re: Inizio fertilizzazione.

Messaggio di cuttlebone » 23/12/2014, 11:55

Forcellone ha scritto:
Dopo il cambio di 50 litri su 80 scarsi ho inserito un pochino tutto.

Vediamo se le famose alche marroncine vanno via, stavano aumentando troppo.
50 litri su80 (pure scarsi...) sono un buon 60%... direi decisamente eccessivo.
Non è con cambi così cospicui che risolvi certi problemi anzi, rischi seriamente di peggiorare la situazione, alghe marroncine in testa ;)
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
Forcellone
star3
Messaggi: 1724
Iscritto il: 10/10/14, 13:18

Re: Inizio fertilizzazione.

Messaggio di Forcellone » 23/12/2014, 12:25

Rox ha scritto:Forcellone, se nel tuo acquedotto c'è del sodio, si spiega la conducibilità così alta senza incolpare il potassio.
Con GH e KH che hai nella tua città, conosco gente che sta a 300 µS, mentre tu sei a 800.

Sono convinto al 90% che quell'acqua contiene sodio abbondante.
Il problema non lo risolvi regolando i dosaggi, oppure usando resine e correttori chimici.

Con una spesa minima, 4-5 Euro, dovresti comprare 40-50 litri di acqua minerale imbottigliata, di qualsiasi marca purché un po' duretta; evita quelle acque leggerissime tipo Levissima o Pejo, che non vanno bene per i carassi.

Generalmente, le acque minerali sono quasi prive di sodio; se fai un bel cambio con quella dovresti risolvere tutto.
Inevitabilmente, si ridurranno anche i fosfati, che hai introdotto per errore.
Non sono intervenuto "pesantemente" per le alghe, ho capito da questo post di Rox che oltre i fosfati da me introdotti forse ho anche del sodio ecc.,, andando avanti nel discorso ho fatto tutto il resto.
PS: (Ho fatto il controllo dei fosfati sull'acqua minerale che ho inserito ed erano a zero).
La calma salva l'acquario, anzi... quello che c'è dentro. Mani in tasca e zero panico :-bd

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bronto82 e 3 ospiti