Prima fertilizzazione.. metodi e consigli

Sia per l'acqua che per il fondo

Moderatori: Daniela, Dandano, sa.piddu

Avatar utente
cristianoroma
Ex-moderatore
Messaggi: 1103
Iscritto il: 11/09/14, 15:22

Re: Prima fertilizzazione.. metodi e consigli

Messaggio di cristianoroma » 02/10/2014, 16:30

cuttlebone ha scritto:I cambi servono a rimuovere gli eccessi e correggere gli errori ;)
:-bd

un ultima cosa... sempre per la fertilizzazione ho letto che è sconsigliata in presenza delle caridinie.. io vorrei introdurre tre red cherry per cominciare, potrebbe essere un problema?

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17270
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Re: Prima fertilizzazione.. metodi e consigli

Messaggio di cuttlebone » 02/10/2014, 16:36

Le Caridina sono sensibili ad alcuni elementi, il Ferro in particolare, motivo per cui sono poco compatibili con piante esigenti.
Io le allevo nel mio plantacquario, molto piantumato, senza alcun problema, nella proporzione di 0,5 ml/giorno per 110 litri. Nei caridinai, invece, uso pastiglie sottofondo ed un micro pezzetto di stick ogni tanto ;)
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
cristianoroma
Ex-moderatore
Messaggi: 1103
Iscritto il: 11/09/14, 15:22

Re: Prima fertilizzazione.. metodi e consigli

Messaggio di cristianoroma » 02/10/2014, 16:51

cuttlebone ha scritto:Le Caridina sono sensibili ad alcuni elementi, il Ferro in particolare, motivo per cui sono poco compatibili con piante esigenti.
Io le allevo nel mio plantacquario, molto piantumato, senza alcun problema, nella proporzione di 0,5 ml/giorno per 110 litri. Nei caridinai, invece, uso pastiglie sottofondo ed un micro pezzetto di stick ogni tanto ;)
infatti la mia idea era proprio questa :D utilizzare le pastiglie da mettere in prossimità delle radici ed utilizzare ogni tanto questi stick di npk ... preferirei cominciare al momento in questo modo, che ritengo più semplice, e iniziare la mia prima esperienza con pmdd nel 60 lt in cui ho più margine di errore..
nel mio 20 al momento solo l egeria richiede infatti nutrienti da assorbire dall acqua (e comunque sono sicuro che riuscirebbe a sopravvivere anche senza, con un pò di CO2 cresceva tantissimo in una sola notte! ), le altre da quello che ho potuto leggere assorbono solo dalle radici...
In questo senso cosa mi consigli? le pastiglie da interrare ogni quanto andrebbero messe? gli stick di npk ogni quanto e in che quantità?

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17270
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Re: Prima fertilizzazione.. metodi e consigli

Messaggio di cuttlebone » 02/10/2014, 16:59

L'Egeria anche senza CO2 può crescere bene e vigorosa, spessa e con internodi ravvicinati, anche "solo" con un po' di "sporcizia" creata ad arte: poche o nulle sifonature e relativa abbondanza di cibo ai pinnuti in modo da creare quell'eccesso di NO3- tanto gradito alla Signora ;)
Le pastiglie io le rinnovo molto raramente, quando avverti le carenze o vedi le radici avventizie (non funziona su tutte le piante); gli stick, nel 30 litri, 1/4 buttato sul fondo fino a che si dissolve (solo Compo, però, perché si scioglie più lentamente) ;)
Cmq, anche nel tuo 20 litri, se usi il conduttivimetro due gocce di Rinverdente, Ferro e Potassio non sono mica un dramma. Cominci con 2 gocce, misuri la conducibilità prima e dopo, e vedi quanto ne viene assorbito; se hai abbondato, piccolo cambio, sennò, aggiusti il tiro ;)
Questi utenti hanno ringraziato cuttlebone per il messaggio:
cristianoroma (02/10/2014, 17:05)
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
cristianoroma
Ex-moderatore
Messaggi: 1103
Iscritto il: 11/09/14, 15:22

Re: Prima fertilizzazione.. metodi e consigli

Messaggio di cristianoroma » 02/10/2014, 17:05

cuttlebone ha scritto:L'Egeria anche senza CO2 può crescere bene e vigorosa, spessa e con internodi ravvicinati, anche "solo" con un po' di "sporcizia" creata ad arte: poche o nulle sifonature e relativa abbondanza di cibo ai pinnuti in modo da creare quell'eccesso di NO3- tanto gradito alla Signora ;)
Le pastiglie io le rinnovo molto raramente, quando avverti le carenze o vedi le radici avventizie (non funziona su tutte le piante); gli stick, nel 30 litri, 1/4 buttato sul fondo fino a che si dissolve (solo Compo, però, perché si scioglie più lentamente) ;)
Cmq, anche nel tuo 20 litri, se usi il conduttivimetro due gocce di Rinverdente, Ferro e Potassio non sono mica un dramma. Cominci con 2 gocce, misuri la conducibilità prima e dopo, e vedi quanto ne viene assorbito; se hai abbondato, piccolo cambio, sennò, aggiusti il tiro ;)
perfetto, allora provo in questo modo!
comincio in maniera più tranquilla con stick e pastigliette e se noto carenze o comunque colori non troppo vivi provo con 1-2 gocce di riverdente e ferro.. e magari una in più di potassio e vedo come va !
per gli stick di npk una volta disciolti vanno rimessi oppure si può aspettare? se bisogna aspettare ogni quanto?
appena arriva l impianto per la CO2 comincio.

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17270
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Re: Prima fertilizzazione.. metodi e consigli

Messaggio di cuttlebone » 02/10/2014, 17:10

Occhio sempre al conduttivimetro e non disdegnare l'acqua di rete, più completa anche di quei micro elementi che non trovi nell'osmosi e che non riesci a riequilibrare nemmeno con i sali.
Se non l'hai ancora fatto, ti suggerisco di leggere gli articoli di @Rox sulla legge di Liebig, secondo la quale TUTTI gli elementi concorrono alla crescita sana delle piante; la carenza anche solo di uno di questi (talvolta presente solo nell'acqua di rete) può determinare l'arresto dello sviluppo cui consegue la mancata assimilazione degli altri nutrienti ed il loro eccesso in vasca. Il loro eccesso non significa che la pianta non ne abbia bisogno, ma solo che non è in grado di assimilarli.
In altri termini, avresti i segnali di una carenza pur avendo un eccesso ;)
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
cristianoroma
Ex-moderatore
Messaggi: 1103
Iscritto il: 11/09/14, 15:22

Re: Prima fertilizzazione.. metodi e consigli

Messaggio di cristianoroma » 02/10/2014, 17:18

cuttlebone ha scritto:Occhio sempre al conduttivimetro e non disdegnare l'acqua di rete, più completa anche di quei micro elementi che non trovi nell'osmosi e che non riesci a riequilibrare nemmeno con i sali.
Se non l'hai ancora fatto, ti suggerisco di leggere gli articoli di @Rox sulla legge di Liebig, secondo la quale TUTTI gli elementi concorrono alla crescita sana delle piante; la carenza anche solo di uno di questi (talvolta presente solo nell'acqua di rete) può determinare l'arresto dello sviluppo cui consegue la mancata assimilazione degli altri nutrienti ed il loro eccesso in vasca. Il loro eccesso non significa che la pianta non ne abbia bisogno, ma solo che non è in grado di assimilarli.
In altri termini, avresti i segnali di una carenza pur avendo un eccesso ;)
perfetto, vado subito a dare un occhiata!
un' ultima domanda poi non vi assillo più :D
gli stick dove si possono acquistare? ho paura di non trovarli nei supermercati della zona.
Leroy mirlin potrebbe averli nella sezione giardinaggio?

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17270
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Re: Prima fertilizzazione.. metodi e consigli

Messaggio di cuttlebone » 02/10/2014, 17:20

C'è un thread specifico con tutti i luoghi dove sono stati trovati. Cerca i Compo per piante fiorite ;)
Se non li trovi a Roma...'nnamo bbene...;)
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
cristianoroma
Ex-moderatore
Messaggi: 1103
Iscritto il: 11/09/14, 15:22

Re: Prima fertilizzazione.. metodi e consigli

Messaggio di cristianoroma » 02/10/2014, 17:22

cuttlebone ha scritto:C'è un thread specifico con tutti i luoghi dove sono stati trovati. Cerca i Compo per piante fiorite ;)
Se non li trovi a Roma...'nnamo bbene...;)
:-bd

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20404
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Prima fertilizzazione.. metodi e consigli

Messaggio di Rox » 02/10/2014, 17:33

cuttlebone ha scritto:I cambi servono a rimuovere gli eccessi e correggere gli errori ;)
Esatto!...
Ma con un 20 litri, di solito, l'errore diventa la regola.

Basta un mangime sbagliato, un'interruzione di qualche giorno della CO2, un dosaggio doppio di ferro per dimenticanza... Una piccola stupidaggine può portarti ad eccessi gravi, che in 150 litri... non vedresti nemmeno con il conduttivimetro.

Proviamoci, ma non sarà una passeggiata.
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Topo e 4 ospiti