riconoscere carenze piante

Sia per l'acqua che per il fondo

Moderatori: Marta, sa.piddu

Rispondi
Avatar utente
carlo
star3
Messaggi: 49
Iscritto il: 30/11/13, 10:38

riconoscere carenze piante

Messaggio di carlo » 30/11/2013, 17:53

salve, mi sono appena iscritto anche se seguo il sito praticamente dalla nascita....ho conosciuto rox per il suo articolo sul pmdd e ho deciso di provare in uno dei miei acquari... quello descritto nel profilo... cosi' un paio di mesi fa allestisto il tutto, fondo pesci e naturalmente piante..

le piante sono quelle nel profilo, io non sono esperto di acquari, anzi , sono proprio scarso... non ho conoscenze ed e' un hobby che seguo da pochi mesi.... quindi chiedo a voi tutti una mano per cercare di far stare al meglio piante e pesci...

veniamo al dunque...
i valori dell'acqua sono

pH 7,5
KH 7
GH 13
NO2- 0
NO3- 10-25 mg/l (misura fatta con test reagenti acquili, non e' molto esatta la scala colori...una via di mezza fra i 2 valori)
conducibilita 1140 µS... dal rubinetto esce a 1040 us circa...l'acquario e' stato allestito con 100% acqua di rubinetto
la conducibilita' era salita a 1350 quando la misurai la prima volta e da circa 3 settimane, faccio cambi d'acqua di 13 lt a settimana circa (10%), con 50 e 50 rubinetto e osmosi...l'acqua ottenuta ha una conducibilita a 500 circa cercando piano piano di far scendere quella che ho adesso in vasca..

come fondo ho seguito un articolo credo famoso trovato in rete per l'akadama...
riepilogando, 2/3 cm di lapillo vulcanico (pomice non l'ho trovata, credo sia uguale) mischiato con 50 o 100gr di osmocote x agrumi (non ricordo di preciso se 50 o 100), torba in granuli e un cucchiaino di carbone attivo
2/3 cm di akadama grossa
3 cm di akadama fine

l'illuminazione e' affidata a 2 neon t5 da 39w ognuno..
osram x la precisione, 865 HO e una 840 HO, fotoperiodo di 7 ore (erano 8 ma ho abbassato x la presenza, di di poche alghe ancora da identificare bene)

impianto di CO2 bombola da 2kg ricaricabile, riduttore pressione askoll in ottone, e diffusore fai da te venturi, esattamente 25 bolle al minuto

uso la fertilizzazione preparata cosi' come spiega l'articolo di rox
con le seguenti dosi:

5ml al giorno di nitrato di potassio e solo una volta a settimana visto che ne ho a disposizione, al posto del nitrato pmdd, aggiungo 5 ml di flourish potassium

1ml al giorno di magnesio (questo da circa 3gg, perche' avendo GH a 13 leggevo che fosse inutile aggiungerlo, ma, ripeto visto che non sono esperto a riconoscere le carenze, 1ml glielo sto mettendo x capire se fosse il magnesio quello che manca)

10 gocce di sempreverde al giorno, uno di quelli raffigurati nelle foto degli articoli, x la precisione, quello dell'auchan

1 goccia al giorno di ferro chelato, la bustina disciolta come spiega nell'articolo (credo serva x la rossa che ho)

ora , vi posto alcune foto delle mie piante x capire con il vostor aiuto cos'e' che non va....

Immagine
foto dell'insieme della vasca.. giusto per farsi un'idea di cosa parliamo
Immagine
questa e' una potatura della ludwigia, quando la tagliaia era rossa rossa, ora e' quasi bloccata nella crescita ed e' alta circa 10 15 cm
Immagine
particolare della ludwigia che presenta alghe verdi a puntini con qualche alga scura che sinceramente non ho ancora ben identificato fra bba o Staghorn ( ad essere sicnero sembrano piu' staghorn) con tante radici..
Immagine
altro stelo di ludwigia che cresce a pochi cm dall'altra, ma questo sembra in forma... bhooo...
Immagine
altro stelo, altra carenza....
Immagine
questa invece e' come si presenta la cabomba aquatica... internodi distanti e non folti, con le punte tendente al giallo/marrone, alcuni gravi altre meno
Immagine
ecco la rotala rotundifolia quasi a pelo d'acqua... figlie piccoline, gialline, stelo misero, piu' scende sullo stelo, peggio sta messa
Immagine
Immagine
Immagine
questa e' quella che mi fa penare di piu', le foglie nuove crescono verdi e abbastanza grandi, dopodiche' ingialliscono, marciscono, si bucano , spaccano ecc ecc....
Immagine
lei vabbe', non ne vuole sapere... le foglie nuove crescono belle e verdi, dopo 24 ore diventano come in foto...
Immagine
per ultimo, lei, cresce veloce, in 30 40 gg, ha colonizzato quasi tutto, ma come si vede in foto, alcune foglie presentano quei danni, come se si consumassero, e si spezzano, alcune hanno le punte marce..

non so cosa pensare... purtroppo io sono un tecnico informatico.... di acquari e piante ne capisco poco o nulla, sto cercando di imparare...
scusate il post lungo, spero che qualcuno mi dia una mano per capire e correggere i miei errori.. grazie

p.s. leggevo sul forum che rox stava preparando un articolo x riconoscere le carenze delle piante.... spero sia fatto bene come suo solito perche' lo aspetto con moltissima speranza...

Avatar utente
gibogi
Ex-moderatore
Messaggi: 5058
Iscritto il: 19/10/13, 23:46

Re: riconoscere carenze piante

Messaggio di gibogi » 30/11/2013, 18:59

beh, io intanto farei un cambio di 20lt con acqua demineralizzata per tirare giù quella conducibilità, e fra qualche giorno un altro ancora, devi cercare di portarti attorno ai 600.
magnesio non ne hai bisogno.
le rosse sono belle rosse, si vede che di ferro ne hanno, con tutto quel rinverdente e ferro che gli dai, forse anche troppo.

Io fare così, ma spetta i più esperti
Se osservando una Harley vedi solo una moto, allora non stai guardando una Harley!

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20432
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: riconoscere carenze piante

Messaggio di Rox » 30/11/2013, 19:48

Carlo, tu non hai un problema unico, ma una serie di piccoli problemini che si manifestano in modo diverso sulle varie specie.

- La Cabomba caroliniana ha chiari sintomi di allelopatia esattamente come L'Hydrocotyle, non so quale pianta dia loro fastidio.
Forse la Rotala o la Limnophila, di solito si sospetta prima delle "aliene". Ma anche il Ceratophyllum ha fatto parecchie vittime.

- La CO2 è insufficiente. Non so dove finiscono quelle 25 bolle, ma non nell'acqua.
Controlla il Venturi.

- Il pH è troppo alto, va bene solo per le due Ludwigia, che infatti stanno benone.
Se sistemi la CO2 si abbasserà.

- Le radici avventizie sono tipiche di quella specie.
Non è Ludwigia glandulosa, è Ludwigia repens. Le sue radici hanno una funzione decorativa, nei concorsi.

- L'Echinodorus bleheri (adesso è grisebachii) fa mezzo metro di diametro.
Non può stare nel tuo acquario, nemmeno se ci fosse solo lui.

- La conducibilità è altissima per tutte. I prossimi cambi falli con sola acqua demineralizzata.
Scendi gradualmente a 500 µS. Poi ne riparliamo.
carlo ha scritto:un articolo credo famoso trovato in rete per l'akadama...
L'ho letto anch'io.
Mi sembrava di essere tornato indietro di 4-500 anni, quando c'erano ancora gli alchimisti. :))
Male non fa, ma è stato un inutile sbattimento.
Un miscuglio di roba, dettata dalla fantasia di qualcuno che probabilmente ce l'aveva in casa... avanzata da precedenti allestimenti. *-:)

Un'ottima idea, per lui, recuperarla così; ma addirittura comprare tutto apposta... @-)
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
lucazio00
Moderatore Globale
Messaggi: 10248
Iscritto il: 19/11/13, 11:48

Re: riconoscere carenze piante

Messaggio di lucazio00 » 30/11/2013, 20:11

Attenzione, attenzione, ho visto un Ceratophyllum demersum, non escludo quindi effetti di allelopatia. E' molto potente in fatto di "guerra chimica"! Poi tra Echinodorus e Vallisneria ci sarà una guerra sotterranea a colpi di radici e allelopatici, se verranno in contatto tra di loro!
Ultima modifica di lucazio00 il 01/12/2013, 11:43, modificato 1 volta in totale.
Fosfati 1-10mg/l, nitrati 10-50mg/l Mg 5-10mg/l, K 5-10mg/l. (Secondo la JBL)
Il miglior test in assoluto è il contenuto dell'acquario!
La Vallisneria è la gramigna dell'acquario...o la ami o la odi!
Non infastidite i pesci nell'acquario!

Avatar utente
carlo
star3
Messaggi: 49
Iscritto il: 30/11/13, 10:38

Re: riconoscere carenze piante

Messaggio di carlo » 01/12/2013, 0:14

vi ringrazio x le risposte....

le painte sono anubias e ho ancora conservate le etichette... la ludwigia e' etichettata come ludwigia glandulosa "red"... ma non mi meraviglia che i nomi delle etichette a volte non sono ben identificati... ad esempio, ho 2 specie di cabomba, dalle etichette anubias leggo, cabomba acquatica e cabomba caroliniana... ma ad essere sincero, cresce con foglie a ciuffetto rosse come da foto....e' un po' rovinata ma ho scoperto che una platy grandicella , adorava mangiarsela e strapparla tutta.. tolta la platy 2 gg fa i ciuffetti iniziano ad uscire....sembra una cabomba furcata...
Immagine

che la conducibilita' sia alta, l'avevo letto, la mia paura era di farla scendere troppo velocemente... quindi me la stavo prendendo comoda, procedero' con un cambio corposo del 20% con solo acqua demiralizzata... sperando che non mi crei problemi lo sbalzo di KH e GH che si creera' aggiungendo acqua con valori di 0...

x la CO2 , aumentero', portando il valore del pH a quanto?? 7 va bene ? uno sbalzo di 0,5 crea problemi??
in realta', quando ho messo la CO2, il primo gg x mio errore ho messo troppe bolle, x mezza giornata ho avuto un pH di 5, circa 1 mese fa....questo sbalzo mi ha creato non pochi problemi ai pesci, sopratutto i guppy, che nell'arco di 24/48 ore dopo hanno iniziato con uno sfrangiamento della coda....che mano mano sta rientrando....a dire il vero la coda migliora gg dopo gg, ma non so se mai ritornera' perfetta....

come fertilizazione continuo con queste dosi? ho letto che gli do troppo ferro e microelementi..

5ml nitrato potassio al gg
10 gocce di microelementi al gg , dovrebbe essere circa 1/2 ml al gg, 3ml a settimana
1 goccia di ferro al gg, calcolando 1ml sono 22 gocce circa e' come dare 1ml ogni 15 20gg
1 ml al giorno di magnesio..il magnesio quindi ritorno a non darlo?? non l'ho mai messo il magnesio, solo negli ultimi gg glielo davo pensando di avere una carenza
la domenica non fertilizzo e effettuo 10% come scritto, 50 e 50... passero' , dopo aver effettuato quello del 20% solo osmotica.... ad un cambio settimanale del 10% con solo acqua osmotica fin quando raggiungo i 500us...x il cambio settimanale futuro, devo sistemare i valori del GH e KH come quelli che ho in vasca con i sali?? o inserisco direttamente acqua a valore 0??
l'impianto osmotico che ho io e' a 4 stadi, quindi assenza anche di NO3-, PO43- e silicati

altra cosa, rox, si parla di allelopatia, mi consigli di togliere dalla vasca qualche specie, oppure di iniziare con i consigli senza toccare la flora, e aspettare l'evolversi della situazione???

ti posto una foto del caridinaio 22lt che ho... senza CO2, ho solo 2 specie di piante....Limnophila e una piantina Hydrocotyle... convivono perfettamente e sembrano in ottima forma entrambi...e' un caso che non si fanno guerra a vicenda nel 22 mentre nel 100lt si?? dimmi tu, io di allelopatia non ne cpaisco assolutamente nulla...
Immagine
Immagine

scusate i post lunghi e le miellemila domande.... spero di non dare troppo fastidio e vi ringrazio tutti x le risposte e l'interessamento....

Avatar utente
Jovy1985
Ex-moderatore
Messaggi: 16696
Iscritto il: 19/10/13, 12:53

Re: R: riconoscere carenze piante

Messaggio di Jovy1985 » 01/12/2013, 0:23

carlo ha scritto: in realta', quando ho messo la CO2, il primo gg x mio errore ho messo troppe bolle, x mezza giornata ho avuto un pH di 5, circa 1 mese fa....questo sbalzo mi ha creato non pochi problemi ai pesci, sopratutto i guppy, che nell'arco di 24/48 ore dopo hanno iniziato con uno sfrangiamento della coda....che mano mano sta rientrando....a dire il vero la coda migliora gg dopo gg, ma non so se mai ritornera' perfetta....
tipico stress da pH :) uno sbalzo troppo repentino..comunque se la lesione è arrivata fino al peduncolo caudale, difficile che la coda ricresca come prima. se vuoi approfondire questo aspetto né possiamo parlare in acquariologia :)

Inviato dal mio LG-P880 utilizzando Tapatalk
"Tu non sei il pastore....tu sei la pecora!" Charles Vane ( Black Sails)[/size]

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20432
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: riconoscere carenze piante

Messaggio di Rox » 01/12/2013, 1:27

carlo ha scritto:ho 2 specie di cabomba, dalle etichette anubias leggo, cabomba acquatica e cabomba caroliniana...ma ad essere sincero, cresce con foglie a ciuffetto rosse come da foto....
....sembra una cabomba furcata...
Forse ti è sfuggita una parola, sull'etichetta.
Non è che c'era scritto Cabomba caroliniana "Pulcherrima"?
carlo ha scritto:sperando che non mi crei problemi lo sbalzo di KH e GH che si creera' aggiungendo acqua con valori di 0...
Metti un osso di seppia nel filtro, oppure un guscio d'uovo sbriciolato.
Se il pH si abbasserà troppo, il carbonato di calcio si scioglierà e tamponerà.

Oppure aspetta senza fertilizzare, per qualche settimana, e vedi se la conducibilità si riduce da sola.
Con CO2 a sufficienza, tutte quelle piante potrebbero riuscire ad assorbire gli eccessi.
Ripensandoci, con le specie che hai tu, non c'è bisogno di arrivare a 500 µS.

Comunque, l'osso di seppia è indispensabile.
Non puoi erogare CO2 sufficiente con i Guppy, se sei a KH 7.
Devi arrivare almeno a 11-12, per farlo.
Non aggiungere magnesio fino a Natale... dell'anno prossimo.

Quando avrai una concentrazione adeguata di CO2, vedremo di approfondire i dubbi sull'allelopatia.
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 6 ospiti