Vorrei provare il PMDD di Rox

Sia per l'acqua che per il fondo

Moderatori: Daniela, Dandano, sa.piddu

Rispondi
Avatar utente
Patt
star3
Messaggi: 18
Iscritto il: 19/11/14, 15:58

Vorrei provare il PMDD di Rox

Messaggio di Patt » 18/04/2015, 12:50

Saluto tutti i lettori
Come da titolo, vorrei "provare" il PMDD descritto nei fantastici articoli di Rox.
Ma (e se non c'era un "ma" non stavo qui a scrivervi) ho un po' di confusione in testa.
Premetto che sono una neofita in acquariologìa e non sono laureata in chimica, per cui mi serve un aiuto per capire ciò che vado a testare in vasca.
E partiamo dalla vasca: un 80 lt netti, in maturazione da 3 settimane, filtro biologico e luci a LED di serie (vasca aquatlantis advance LED 80) + CO2 artigianale ad acido citrico, acqua iniziale metà di rete e metà di osmosi.
E' stato allestito utilizzando per metà vecchi arredi del mio precedente acquario e per metà fondo e rocce nuove. Tutte le piante sono descritte nel mio profilo, mentre, al momento, i pesciolini sono ospitati in una vasca a parte.
I valori attuali sono
pH 7 GH 7 KH 6 NO2- 0 NO3- 0 Fe 0 PO43- 0,03

Prima di allestire questo nuovo acquario, nella vecchia vasca, ho cominciato ad avere qualche problema con la microsorum e poi con la Bolbitis (margini foliari marroni e buchini e macchiette scure) ed ad avvistare le prime alghe staghorn e, preoccupata, ho cominciato a stravolgere il protocollo di fertilizzazione Seachem che utilizzavo...lo stravolgimento mi ha portato a tamponare l'avanzata delle Staghorn (che sono ricomparse nel nuovo acquario in maturazione) ed a decidere di voler "provare" il PMDD di Rox.

Fatta questa premessa (perdonatemi la lunghezza), dopo aver studiato gli articoli di Rox, mi rimane il dubbio su quali debbano essere i valori ottimali da raggiungere in acquario per potassio e fosforo e "quando e quanto" fertilizzante introdurre anche solo per cominciare...
ho ben capito che ogni vasca è diversa da un'altra e che ogni pianta assorbe nutrienti in quantità diversa da altri tipi di piante, e poi varia l'assorbimento in base al pH e in base alla luce e alla temp., ma....

ma se io ho una bottiglia con Solfato di Potassio, un'altra con il Nitrato di potassio (250gr/lt osmosi) + reinverdente + bottiglia con sale inglese (300gr/lt osmosi) + sassolini CIFO (con NPK 10-12-30 + Cu+Mn+Zn equivalenti al 5% di fosforo e 24% di Potassio) come faccio a crearmi un protocollo iniziale di fertilizzazione per la mia vasca? Anche se poi dovrò modificarlo in base alle esigenze delle mie piante, come comincio?

Perdonatemi, non so se sono riuscita a spiegarmi...dare troppo fertilizzante mi alimenterebbe le alghette che si stanno affacciando anche nella nuova vasca e...non so come partire, ecco... :-s :ymblushing:
So che mi sono dilungata troppo...vi prego di scusarmi
Grazie anticipatamente
Allego foto dell'acquario in maturazione
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17261
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Vorrei provare il PMDD di Rox

Messaggio di cuttlebone » 18/04/2015, 13:48

Patt, non esiste un dosaggio standard ma solo, come avrai letto nell'articolo, un dosaggio iniziale, che tiene conto delle principali carenze delle nostre acque.
Poi, bisogna imparare a cogliere i segnali delle piante, non a cercare di raggiungere improbabili valori corretti mediante test.
Il pmdd non è un protocollo ma un metodo. Ciò implica che se ne conosca il principio al fine di adattarlo alle nostre esigenze.
Parti con i dosaggi iniziali, ragguagliati al tuo litraggio, e poi aggiusti il tiro [emoji6]
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6858
Iscritto il: 30/08/14, 23:13

Re: Vorrei provare il PMDD di Rox

Messaggio di darioc » 18/04/2015, 14:13

Patt ha scritto:e non sono laureata in chimica, e
Quasi nessuno di noi lo è, non è necessario.
Patt ha scritto: ma se io ho una bottiglia con Solfato di Potassio,
... e hai letto con attenzione gli articoli sai già che quello non va bene, sai che bisogna usare il nitrato ed anche perché.
Patt ha scritto:Fe 0
Elimina quel test. Non rileva il ferro chelato del pmdd. Devi basati solo sul trucco del l'arrossamento e sulle piante.
Patt ha scritto: dopo aver studiato gli articoli di Rox, mi rimane il dubbio su quali debbano essere i valori ottimali da raggiungere in acquario per potassio e fosforo e "quando e quanto" fertilizzante introdurre anche solo per cominciare...
come faccio a crearmi un protocollo iniziale di fertilizzazione per la mia vasca? Anche se poi dovrò modificarlo in base alle esigenze delle mie piante, come comincio?
Per iniziare devi partire con le dosi dell'articolo. Per le somministrazioni successive devi cercare di capire cosa si sta esaurendo basandosi sui test e sulle piante. Ogni volta che hai una carenza apri un topic così ti aiutiamo.
Il pmdd non è un protocollo ma un metodo. Vale a dire che non puoi individuare dosi definitive. Le esigenze delle piante non variano solo da una vasca all'altra ma cambiano sensibilmente anche nella stessa vasca da una settimana all'altra in e a troppi fattori non controllabili. Per questo non ha senso cercare di prevedere cosa consumerà la vasca in base al consumo passato ma bisogna limitarsi a cercare di capire cosa sta finendo per reintegrare quello. ;)
Sovrapposti :-!!!, scusa cuttlebone.
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
Rob75
Ex-moderatore
Messaggi: 3207
Iscritto il: 22/10/13, 22:35

Re: Vorrei provare il PMDD di Rox

Messaggio di Rob75 » 18/04/2015, 14:30

Ciao Patt, sei stata molto esauriente nell'esporre la tua situazione, ma prima di iniziare vorrei togliermi qualche dubbio...
Do per scontato che con quei valori le rocce non siano calcaree, e questo va bene.
Quando elenchi i valori, ometti la conducibilità, che con il metodo PMDD è un parametro molto importante. Hai un conduttivimetro?! Se la risposta è no, puoi procurartelo online a circa 10€. Prendilo EC (misura in µS) e non TDS.
Il pH come lo misuri? Test, striscette, oppure hai un pHmetro?!
Ho visto che usi il sistema con acido citrico per produrre CO2, ma come la dissolvi in acqua? Usi il venturi o un micronizzatore?!
;)
- Mi dica, lei sente delle voci?
- Dì di no!
- No dottore.

Tutti dicono che sono una persona orribile! ma non è vero, io ho il cuore di un ragazzino...in un vaso, sulla scrivania!!

Avatar utente
Patt
star3
Messaggi: 18
Iscritto il: 19/11/14, 15:58

Re: Vorrei provare il PMDD di Rox

Messaggio di Patt » 18/04/2015, 16:34

Ringrazio tutti per le numerose ed esaurienti risposte.
Il mio dubbio era principalmente sul potassio: ho piante molto esigenti in merito (l'ho capito, in ritardo, dalle carenze che avevo nella vecchia vasca)
Se al metodo PMDD base aggiungo, nel filtro, un terzo di "sassolino CIFO" (con 24% di potassio) non sarà che sto introducendo troppo potassio? :-?

Chissà se riuscirò a capire le esigenze/carenze delle mie piante... #:-s

Rispondo a Rob75:
1) le rocce sono quasi tutte vulcaniche, eccetto le tre "striate" in primo piano acquistate in negozio specifico d'acquariologia;

2) per misurare i valori dell'acqua uso test a reagenti di diverse marche (JBL per il pH, Aquili per il GH, KH, NO2- ed NO3-, Sera per il fe, Salifert per il PO43-);

3) non ho un conduttivimetro...ho già affrontato tante spese per il nuovo acquario...ma se lo ritenete necessario...

4) per la CO2 ho un piccolo diffusore in vetro della Aquili...ma, appena ho un po' di tempo, sperimenterò i filtrini delle sigarette che mi hanno detto essere ottimi micronizzatori di CO2 in acquario

5) ho sempre cambiato il 10% dell'acqua ogni settimana nel vecchio acquario sostituendola con sola acqua di osmosi + sali e continuerò a fare cambi settimanali anche nel nuovo acquario, benché sia ancora in dubbio se usare solo acqua di osmosi + sali o acqua di rete + osmosi al 50%

Credo, a questo punto, di aver scritto proprio tutto...o no? @-)
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di Patt il 18/04/2015, 17:10, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17261
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Vorrei provare il PMDD di Rox

Messaggio di cuttlebone » 18/04/2015, 17:10

Patt ha scritto:Ringrazio tutti per le numerose ed esaurienti risposte.
Il mio dubbio era principalmente sul potassio: ho piante molto esigenti in merito (l'ho capito, in ritardo, dalle carenze che avevo nella vecchia vasca)
Se al metodo PMDD base aggiungo, nel filtro, un terzo di "sassolino CIFO" (con 24% di potassio) non sarà che sto introducendo troppo potassio? :-?

Chissà se riuscirò a capire le esigenze/carenze delle mie piante... #:-s

Rispondo a Rob75:
1) le rocce sono quasi tutte vulcaniche, eccetto le tre "striate" in primo piano acquistate in negozio specifico d'acquariologia;

2) per misurare i valori dell'acqua uso test a reagenti di diverse marche (JBL per il pH, Aquili per il GH, KH, NO2- ed NO3-, Sera per il fe, Salifert per il PO43-);

3) non ho un conduttivimetro...ho già affrontato tante spese per il nuovo acquario...ma se lo ritenete necessario...

4) per la CO2 ho un piccolo diffusore in vetro della Aquili...ma, appena ho un po' di tempo, sperimenterò i filtrini delle sigarette che mi hanno detto essere ottimi micronizzatori di CO2 in acquario
Se usi i sassolini o gli stick che, tra l'altro, contengono potassio in quantità variabile DEVI tenerne conto quando lo dosi, altrimenti vai in eccedenza.
Nulla di grave, prima o poi lo consumeresti, ma è meglio evitare.
Leggere le piante è, per ora, il tuo obiettivo e, ne sono certo, ci riuscirai [emoji6]
Conduttivimetro e pHmetro sono spese necessarie, quantomeno opportune, ma non sono certo esagerate. Con 25€ li prendi entrambi:
Utilizzo del conduttivimetro
Immagine
Il micronizzatore dovrebbe svolgere egregiamente la sua funzione.
Col tempo, potrai sperimentare anche un sistema più efficace e molto semplice. A mero titolo di esempio:
Sistema venturi per la CO2 su un filtro Askoll Pratiko
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
Patt
star3
Messaggi: 18
Iscritto il: 19/11/14, 15:58

Re: Vorrei provare il PMDD di Rox

Messaggio di Patt » 18/04/2015, 17:21

Non capisco questa tua frase:
"Se usi i sassolini o gli stick che, tra l'altro, contengono potassio in quantità variabile DEVI detenerne conto quando dosi il o de, altrimenti vai in eccedenza"

Che cos'è il o de?
E' proprio l'eccesso di potassio che vorrei evitare! E allora torno alla domanda iniziale: quanto potassio devo avere mediamente in vasca? Come faccio a regolarmi sulle dosi di nitrato di potassio da introdurre in presenza di 1/3 di sassolino nel filtro?

Sui phmetro a basso costo in generale ho letto molte recensioni negative e non l'ho voluto acquistare. Il test della JBL è precisissimo e va da 6 a 7,6 con variazioni di 0,2.

Avatar utente
Rob75
Ex-moderatore
Messaggi: 3207
Iscritto il: 22/10/13, 22:35

Re: Vorrei provare il PMDD di Rox

Messaggio di Rob75 » 18/04/2015, 17:29

Ti ha già risposto cut su tutto...o quasi!
Patt ha scritto: 5) ho sempre cambiato il 10% dell'acqua ogni settimana nel vecchio acquario sostituendola con sola acqua di osmosi + sali e continuerò a fare cambi settimanali anche nel nuovo acquario, benché sia ancora in dubbio se usare solo acqua di osmosi + sali o acqua di rete + osmosi al 50%
Con i normali protocolli commerciali, sei "costretta" a fare cambi settimanali, per smaltire gli eccessi che si accumulano con la fertilizzazione. Con il metodo PMDD, non solo i cambi si fanno solo quando strettamente necessari, ma danneggiano il suo funzionamento, che si basa sul somministrare ciò che serve quando serve. Ogni volta che fai un cambio, vai in qualche modo a resettare i parametri della vasca e diventa oltremodo difficile leggere bi segnali delle tue piante e capire come si comporta la tua vasca.
Inoltre, con gli accumuli "cattivi" vai a diluire anche sostanze importanti per il benessere delle nostre vasche, come gli alghicidi naturali (alleochimici) che producono le nostre piante per difendersi da questi fastidiosi ospiti.
In questo forum, ci sono persone che, usando il PMDD, cambiano l'acqua una o due volte l'anno, pur avendo acquari splendidi :-bd
Patt ha scritto:Non capisco questa tua frase:
"Se usi i sassolini o gli stick che, tra l'altro, contengono potassio in quantità variabile DEVI detenerne conto quando dosi il o de, altrimenti vai in eccedenza"

Che cos'è il o de?
E' proprio l'eccesso di potassio che vorrei evitare! E allora torno alla domanda iniziale: quanto potassio devo avere mediamente in vasca? Come faccio a regolarmi sulle dosi di nitrato di potassio da introdurre in presenza di 1/3 di sassolino nel filtro?

Sui phmetro a basso costo in generale ho letto molte recensioni negative e non l'ho voluto acquistare. Il test della JBL è precisissimo e va da 6 a 7,6 con variazioni di 0,2.
Sorvolando errori di battitura o correttori automatici, è proprio il conduttivimetro che ci da l'idea di quanto potassio abbiamo in vasca. Questo elemento è quello che influisce maggiormente sull'innalzamento della conducibilità (ovvero la quantità di sali disciolta in acqua) e quindi l'andamento della conducibilità stessa ci indica se le piante stanno consumando potassio o meno.
Qello che voleva dire cuttlebone, è che se metti gli stick che già contengono potassio e altri elementi, dovrai somministrarne di meno in forma liquida: dovrai cioè tenere conto di quello che nel tempo rilasceranno gli stick o le tabs.

Per quanto riguarda il pHmetro, quelli economici vanno più che bene per i nostri scopi, basta rispettare alcuni semplici accorgimenti per la loro manutenzione.
Purtroppo nel nostro hobby, tra i test meno attendibili ci sono quello del ferro e quelllo...del pH.
Questo test serve a misurare l'acidità e, siccome la CO2 è un acidificante, ci da l'idea di quanta ne è disciolta in acqua, dopo aver preso un po di dimestichezza nell'interpretare il risultato.
Il problema è che durante la manipolazione di piccole quantità di acqua, come avviene per l'appunto nei test, la CO2 tende a separarsi e i risultati sono difficilmente attendibili. La sonda di un pH metro come quello che ti ha mostrato cuttlebone, funziona in immersione direttamente nella vasca. Se ben tarato e conservato, avremo delle letture attendibili ;)
Questi utenti hanno ringraziato Rob75 per il messaggio:
Patt (18/04/2015, 18:06)
- Mi dica, lei sente delle voci?
- Dì di no!
- No dottore.

Tutti dicono che sono una persona orribile! ma non è vero, io ho il cuore di un ragazzino...in un vaso, sulla scrivania!!

Avatar utente
Patt
star3
Messaggi: 18
Iscritto il: 19/11/14, 15:58

Re: Vorrei provare il PMDD di Rox

Messaggio di Patt » 18/04/2015, 18:12

ho la sensazione che dovrò continuare a studiare la fertilizzazione PMDD prima di testarla in vasca: sono abituata a studiare le cose e a capirle prima di provarle!!!
Davvero non sapevo dei cambi d'acqua così diradati :-o e dovrò fornirmi del conduttivimetro che non ho
Mi prendo qualche altro giorno di tempo per leggere ancora e rifornirmi dell'occorrente. Ci risentiremo presto.
Grazie ancora a tutti

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17261
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Re: Vorrei provare il PMDD di Rox

Messaggio di cuttlebone » 18/04/2015, 19:12

Mafy, scusami, ma mi hai quotato mentre stavo correggendo un refuso.
Se rileggi il mio post ora si dovrebbe capire
"Fotti il sistema. Studia!"

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: nunzia e 6 ospiti