Confronto sui metodi di gestione. Si può? Pare di no!

Per presentarsi, conoscersi e chiacchierare
Avatar utente
pantera
star3
Messaggi: 1966
Iscritto il: 03/01/14, 16:22

Confronto sui metodi di gestione. Si può? Pare di no!

Messaggio di pantera » 24/07/2017, 2:24

Ma si ora giusto per non farci mancare niente mettiamo anche in discussione l'evoluzione dei pesci nei propri ecosistemi con strampalate teorie sul adattabilità ~x(

Avatar utente
Sini
Amministratore
Messaggi: 17139
Iscritto il: 12/03/15, 9:33

Confronto sui metodi di gestione. Si può? Pare di no!

Messaggio di Sini » 24/07/2017, 9:01

pantera ha scritto: Ma si ora giusto per non farci mancare niente mettiamo anche in discussione l'evoluzione dei pesci nei propri ecosistemi con strampalate teorie sul adattabilità ~x(
:)) :)) :))

Pantera, è estate, di qualcosa si dovrà pur chiacchierare... ;)
I pesci non si possono inserire prima di un mese (almeno) senza cambi d'acqua né lavaggi del filtro.

Prima di qualsiasi acquisto, chiedi sul forum!

Noi, un branco di morti di fame che potano con le unghie...

Avatar utente
MatteoR
Ex-moderatore
Messaggi: 2806
Iscritto il: 29/05/16, 10:18
Contatta:

Confronto sui metodi di gestione. Si può? Pare di no!

Messaggio di MatteoR » 24/07/2017, 10:54

Luca.s ha scritto: Mattè ti chiedo una cosa al riguardo, detto così sembra che tutti i pesci possono essere tenuti, bene o male, nell'acqua del rubinetto perché molti sono stati riprodotti forzatamente grazie ad ormoni.

Le riproduzioni di quel tipo vanno chiaramente escluse. Sono forzature che cambiano le regole in gioco.
Per il resto, siccome non sono per il fissismo, non posso negare che copiose generazioni in acqua di un certo tipo portino ad avere un ceppo meglio resistente e idonei a quell'ambiente. Ve ne sono tante prove in natura così come in cattività. Chiedi a VIttorio dei suoi Phenacogrammus... o di tutte quelle specie alloctone che dovevano morire d'inverno invece ora infestano i nostri corpi d'acqua. Non solo è oggettivamente possibile, ma spesso è pure un processo rapido.
Che poi qualcuno ritenga più valida la scheda online che spara due valori e ripudi la realtà di quello che accade... non serve discuterne.
“Se gettassi su di un piatto della bilancia tutto ciò che ho imparato a comprendere in quelle ore di meditazione di fronte all'acquario, e sull'altro tutto ciò che ho ricavato dai libri, come rimarrebbe leggero il secondo!”
Konrad Lorenz

Avatar utente
pantera
star3
Messaggi: 1966
Iscritto il: 03/01/14, 16:22

Confronto sui metodi di gestione. Si può? Pare di no!

Messaggio di pantera » 24/07/2017, 14:06

Dopo tante chiacchiere si è tornati al punto di partenza,ma si i pesci vivono ugualmente perché sbatterci tanto a leggere...

Avatar utente
Giueli
Moderatore Globale
Messaggi: 11102
Iscritto il: 21/01/17, 22:27

Confronto sui metodi di gestione. Si può? Pare di no!

Messaggio di Giueli » 24/07/2017, 14:25

Concordo con Matteo,evoluzione e l'adattabilta di una specie non dipende dal tempo passato in un determinato ambiente,ma dalla sua velocità di riproduzione in primis,maggiore è il numero di generazioni è più velocemente gli alleli dei caratteri idonei all'ambiente sì ripeteranno nel genoma,se poi parliamo d'alleli dominanti allora il tutto sarà ancora più rapido.
Il Dao di cui si può parlare non è l'eterno Dao...
Daodejing.

Seguo...😎

Avatar utente
MatteoR
Ex-moderatore
Messaggi: 2806
Iscritto il: 29/05/16, 10:18
Contatta:

Confronto sui metodi di gestione. Si può? Pare di no!

Messaggio di MatteoR » 24/07/2017, 15:18

Giueli ha scritto: Concordo con Matteo,evoluzione e l'adattabilta di una specie non dipende dal tempo passato in un determinato ambiente,ma dalla sua velocità di riproduzione in primis,maggiore è il numero di generazioni è più velocemente gli alleli dei caratteri idonei all'ambiente sì ripeteranno nel genoma,se poi parliamo d'alleli dominanti allora il tutto sarà ancora più rapido.
Esattamente... Dire che una specie X deve vivere assolutamente a condizioni Y sempre e comunque significa negare l'evoluzionismo e quindi è evidentemente errato.

Ha senso parlare di condizioni ambientali precise quando si vuole tenere in vita un determinato pesce, ma non se si osserva una popolazione. Le caratteristiche di questa sono mutevoli, il processo richiede tempo o in particolare generazioni nuove, ma è innegabile.
Invece che un qualunque pesce sbattuto in un ambiente diverso in un paio di mesi si adatti è una palesa sciocchezza. Vi è l'acclimatazione nelle prime ore dall'arrivo, quando ci sono da sistemare i problemi osmotici per esempio, poi basta. Un singolo non evolve.
“Se gettassi su di un piatto della bilancia tutto ciò che ho imparato a comprendere in quelle ore di meditazione di fronte all'acquario, e sull'altro tutto ciò che ho ricavato dai libri, come rimarrebbe leggero il secondo!”
Konrad Lorenz

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20538
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Confronto sui metodi di gestione. Si può? Pare di no!

Messaggio di Rox » 30/07/2017, 15:25

Chiedo ai moderatori di consentirmi un piccolo OT.
Come sapete, non frequento più il forum, per cui mi accorgo solo adesso di queste 45 pagine di topic.

In alcune di quelle precedenti, è stata tirata fuori la solita accusa al rinverdente, che introdurrebbe un eccesso di boro.
In passato era stato detto lo stesso anche dello zinco.

Voglio quindi ribadire, per l'ennesima volta, che quella abbondanza di boro e zinco è voluta!
Entrambi gli elementi hanno effetto sugli ormoni della crescita; nel giardinaggio, dove le radici sono sempre le stesse, questo effetto stimola la produzione di germogli e fiori.
In acquario, invece, il problema è legato alle radici, perché le piante a stelo vengono sempre potate dal basso.
Ogni volta si taglia e si ricolloca la parte superiore, costringendo la giovane piantina a riformare l'intero apparato radicale.

Quelli che non sono abituati al PMDD, spesso rimangono stupiti di come le piante ripartano in fretta, dopo una potatura, quando iniziano ad usare il rinverdente.
Il motivo è legato proprio a quella abbondanza di boro e zinco, uno dei motivi principali per cui scegliemmo quel prodotto, all'inizio, rispetto ad altri molto più famosi e facili da reperire.

In altre parole, le nostre potature creano una richiesta di boro (e zinco) molto alta, per le piante d'acquario, rispetto alle "cugine" che vivono in un bacino idrico naturale.
Questi utenti hanno ringraziato Rox per il messaggio (totale 5):
Luca.s (30/07/2017, 17:06) • Sini (30/07/2017, 17:54) • nicolatc (30/07/2017, 17:55) • pantera (31/07/2017, 16:16) • Steinoff (31/07/2017, 16:20)
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
trotasalmonata
Moderatore Globale
Messaggi: 8611
Iscritto il: 09/01/17, 22:24

Confronto sui metodi di gestione. Si può? Pare di no!

Messaggio di trotasalmonata » 30/07/2017, 17:04

Ciao rox. È un piacere rileggerti.

Ho parlato di accesso di boro per spiegare come facendo cambi regolari un elemento immesso in eccesso non aumenti all'infinito ma raggiunge un limite. Serviva come esempio per una spiegazione matematica, per cui ho scelto un elemento del rinverdente. Perché il rinverdente? Perché è l'unico degli elementi del pmdd che non ha elementi separati, per cui o inserisce elementi in eccesso, o saranno scarsi o entrambi, o siamo particolarmente fortunati per cui il rinverdente ha percentuali perfetti per il nostro acquario.
cioè non era un'accusa al rinverdente, che da ottimi risultati.

Spero di rileggerti più spesso.
''L'acquario funziona meglio senza di me! E può andare bene nonostante me! ''
trotasalmonata

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20538
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Confronto sui metodi di gestione. Si può? Pare di no!

Messaggio di Rox » 30/07/2017, 19:39

trotasalmonata ha scritto: facendo cambi regolari un elemento immesso in eccesso non aumenti all'infinito ma raggiunge un limite.
In un acquario ben piantumato, nessun elemento aumenta all'infinito, anche senza i cambi regolari.
Le piante non sono così selettive nell'assorbire i nutrienti. Hanno sviluppato riserve anche notevoli, che consentono loro di sopravvivere, in natura, anche nei periodi di vacche magre.

Esempio: una piccola frana mette a nudo dell'ematite, o altri minerali di ferro; il ruscello sottostante, per qualche giorno, diventa addirittura rosso.
A fondo valle c'è una palude piena di vegetazione, dove le piante approfittano dell'occasione per "fare il pieno"; in seguito, anche se il ferro si riduce a zero, loro campano per mesi grazie a quell'accumulo.

Tornando a noi...
Se in acquario c'è molto boro, le piante ne assorbono di più e lo immagazzinano (generalmente nello stelo), perché non sanno quanto durerà quell'abbondanza; poi lo usano quando serve... e se non serve lo butti via tu, con le tue potature.
Ovviamente, esistono altri elementi che possono avvelenare tutto, se vanno in eccesso; ma non sono certo il boro e lo zinco.
Il più pericoloso è il rame... che infatti nel Rinverdente non c'è.

trotasalmonata ha scritto:
30/07/2017, 17:04
...o siamo particolarmente fortunati per cui il rinverdente ha percentuali perfetti per il nostro acquario.
All'epoca, analizzammo le etichette di 14 prodotti in commercio, prima di consigliare quello.
Non siamo stati "fortunati", lo abbiamo scelto apposta. ;) (Compreso il boro)

Comunque, stiamo abusando della pazienza dei Moderatori. Il Rinverdente non è argomento da "Salotto".
Ti consiglio di aprire un topic in "Fertilizzazione", dove potrai iniziare la chiacchierata quotando questi miei post, se lo vorrai.
...Dopo tutti questi mesi, ho ancora la deformazione da Mod. :))
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
trotasalmonata
Moderatore Globale
Messaggi: 8611
Iscritto il: 09/01/17, 22:24

Confronto sui metodi di gestione. Si può? Pare di no!

Messaggio di trotasalmonata » 30/07/2017, 20:06

Non preoccuparti io ho una delega per gli OT.

Parlare del rinverdente serve per capire se ci sono accumuli ed evitare i cambi.
Avere il pmdd a elementi separati ci permette di mettere in acquario quello che serve. Col rinverdente non possiamo farlo. Quindi uno sarà in abbondanza.

Giustamente dici che se un elemento è in abbondanza le piante lo assorbono di piu per fare scorta.

Ma possono accumulare all'infinito?
significa anche che effettivamente ne mettiamo più del necessario....
cosa succede se ne mettiamo più del necessario per molto tempo e non facciamo cambi?
quello che togliamo con le potature è sufficiente per evitare accumuli?

Quindi per toglierlo o facciamo cambi d'acqua o buttiamo via le potature.
Ovvio che se buttiamo dentro qualcosa, in qualche modo dobbiamo toglierlo o deve uscire da solo dall'acquario, se no si accumula..

Poi per ora nessuno ha quantificato un eccesso peeicoloso. Quello di rame, ma non lo mettiamo dentro. Anche lo zinco può essere dannoso, se mi ricordo bene..

Quindi si torna ad uno dei punti della discussione sui metodi di gestione: cambi d'acqua si, no, con che frequenza e con che quantità.

Hai notato che ogni volta che torni ti arrivano una montagna di grazie? Mi sa che gli manchi molto...
''L'acquario funziona meglio senza di me! E può andare bene nonostante me! ''
trotasalmonata

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Maury e 2 ospiti