Aiuto per primo marino

Se hai tutto da imparare... benvenuto!

Moderatori: gem1978, roby70

Rispondi
Avatar utente
_Teo_
star3
Messaggi: 321
Iscritto il: 29/07/17, 10:50

Aiuto per primo marino

Messaggio di _Teo_ » 05/01/2019, 1:17

Ciao Ragazzi,
Avrei in mente un progetto per un nanoreef, ma ho bisogno di molti consigli ed informazioni, ho 2 vasca dolci da 100l e 240l e sarei curioso di prova un'esperieza con un marino.
Faccio una premessa: oggi sono stato in un negozio di animali, svendevano tutto all'80% di sconto ed oltre a quasi 2 Kg di mangimi di varie marche mi sono portato a casa.un Askoll edge 23l LED, lo so, è piccolo, ma a 29€ non sono riuscito a resistere, da qui la volontà di far partire un nanoreef in questa vasca.
Come già detto so poco niente, questo poco niente riguarda solo la tecnica della Sump, che da quel che ho letto nei nanoreef non si usa.
Potete darmi pareri.ed.aiuto su cosa usare.come rocce, coralli, come modificare il filtro e soprattutto come farlo maturare?

Avatar utente
lucasabao
Messaggi: 11
Iscritto il: 11/12/18, 9:58

Aiuto per primo marino

Messaggio di lucasabao » 05/01/2019, 8:08

ciao teo,
non è facile riassumere la corretta gestione di un nanoreef in poche righe, ci provo comunque:

tutto quello che sai della gestione di un acquario dolce.......dimenticalo quando sei davanti al nanoreef!

il "filtraggio" è garantito dalle rocce vive quindi la prima cosa da procurarsi sono quelle, per il tuo nano ne bastano 2-3kg ma che siano di buona qualità e soprattutto vive.
all'esterno delle rocce vive si insediano infatti i batteri nitrificanti che funzionano da biologico, la differenza con un biologico però sta nel fatto che negli strati interni delle rocce vive si sviluppano batteri anaerobi denitrificanti che, oltre ad eliminarti i nitrati (prodotto finale dei nitrificanti ma questo presumo tu lo sappia) trasformandoli in azoto atmosferico ti riducono anche i fosfati. Pertanto un acquario gestito bene avrà sempre nitrati e fosfati bassi anche senza cambi d'acqua.
I cambi d'acqua nel marino vengono infatti effettuati non per ridurre gli inquinanti (sempre a patto che la vasca "giri bene") ma bensì per ripristinare gli oligoelementi (e non solo) consumati dagli invertebrati in crescita. Pertanto è fondamentale usare sale di ottima qualità ed acqua osmotica altrettanto buona (conducibilità più vicina possibile allo 0, consigliato utilizzare resine post membrana per togliere gli ultimi residui di sali disciolti).

io guarda per il momento mi fermerei qui riassumendo quanto detto e dandoti i primi step per avviarti, poi mano mano che procedi se vuoi approfondiamo.....

Un nanoreef ben gestito si basa su pochi ma fondamentali punti:
- rocce vive di buona qualità
- sale di ottima qualità
- acqua RO a conducibilità 0 o quasi
- cambi d'acqua settimanali del 10%
- molti coralli, qualche detritivoro (lumache, paguri, gamberetti) e pesci anche no su 30 litri, al massimo un paio che rimangano di piccole dimensioni (Gobidi in prevalenza)


Per partire procurati 2-3 kg di rocce, un sacchetto di buon sale e mettiti in condizione di farti l'acqua come spiegato sopra. Inserisci le rocce cercando di creare un layout aeroso e non troppo ammassato. Tieni in considerazione che buona parte dei coralli che inserirai ha la propria roccetta su cui è attaccato....dai acqua (preparata precedentemente con una densità di 1024/1025), attacca il riscaldatore e una pompa di movimento (se l'acquario è provvisto di vano filtro puoi inserire un po di carbone attivo (poco) ed accendere anche la pompa filtro......poi non fare più nulla per almeno un mesetto (va solo reintegrata l'acqua evaporata altrimenti la densità ti schizza alle stelle) lasciando la vasca al buio

se hai dubbi io sono quì, altrimenti segue la seconda puntata quando sarai partito :-h

Avatar utente
_Teo_
star3
Messaggi: 321
Iscritto il: 29/07/17, 10:50

Aiuto per primo marino

Messaggio di _Teo_ » 05/01/2019, 10:04

Ciao @lucasabao ti ringrazio per la risposta molto esauriente!!! Ti faccio alcune domande giusto per "capire se ho capito bene":

- All'acqua d'osmosi aggiungo solo il sale da marino, nessun sale per integrare KH e GH, corretto?
- Temperatura da tenere media?
- Servono test particolari? Io ho i classici per dolce PO43- NO2- NO3- KH GH o2 phmetro e conducibilità
- I coralli si aggiungolo dopo il primo mese di maturazione?
- Dovrò convertire le luci nel periodo post maturazione, che temperatura dovranno avere?

Avatar utente
lucasabao
Messaggi: 11
Iscritto il: 11/12/18, 9:58

Aiuto per primo marino

Messaggio di lucasabao » 05/01/2019, 22:19

_Teo_ ha scritto: Ciao @[mention_url=#,8637]lucasabao[/mention_url] ti ringrazio per la risposta molto esauriente!!! Ti faccio alcune domande giusto per "capire se ho capito bene":

- All'acqua d'osmosi aggiungo solo il sale da marino, nessun sale per integrare KH e GH, corretto?
- Temperatura da tenere media?
- Servono test particolari? Io ho i classici per dolce PO43- NO2- NO3- KH GH o2 phmetro e conducibilità
- I coralli si aggiungolo dopo il primo mese di maturazione?
- Dovrò convertire le luci nel periodo post maturazione, che temperatura dovranno avere?
Un buon sale marino porta già ad un KH adeguato (diciamo tra 7 e 10)....il GH è una di quelle cose da dimenticare quando sei davanti al nanoreef :-)
la temperatura media sarà 25 gradi
ti servirà un rifrattometro per misurare la densità, test fosfati, nitriti, nitrati e KH vanno bene, il test GH vedi sopra....il phmetro è molto utile (il pH non deve mai scendere sotto 8,1/8,2), l'ossimetro mai usato in acquario personalmente ed il conduttivimetro non ti serve (a meno che non abbia la possibilità di variare la scala di lettura da µS a millisiemens....in questo caso potresti misurare la salinità risalendo dal valore di millisiemens ma tutte le volte devi stre li a convertire con la formula....troppo complesso a mio parere
alla fine del primo mese inizierai gradualmente ad illuminare (prima settimana 2 ore, seconda settimana 4 ore, terza settimana 6-7 ore, quarta settimana 10 ore) alla fine del secondo mese puoi iniziare ad inserire coralli e detritivori, per gli eventuali pesci io aspetterei il terzo mese.

a tal proposito un'ulteriore legge fondamentale nel marino: non avere MAI fretta, tutti i meccanismi ed i cambiamenti nell'acquario marino sono molto lenti e la stabilità è una delle chiavi di successo!
Le mosse affrettate, te lo dio per esperienza, le paghi care e ci metti una vita a rimettere la vasca in carreggiata quindi mani in tasca e pazienza ;-)
Questi utenti hanno ringraziato lucasabao per il messaggio:
_Teo_ (05/01/2019, 22:30)

Avatar utente
_Teo_
star3
Messaggi: 321
Iscritto il: 29/07/17, 10:50

Aiuto per primo marino

Messaggio di _Teo_ » 05/01/2019, 22:32

Grazie @lucasabao
Ti chiedo un'ultima informazione, giusto per regolarmi: a che temperatura dev'essere la luce per un nanoreef? Quanti K?

Avatar utente
gem1978
Moderatore Globale
Messaggi: 8537
Iscritto il: 04/09/17, 12:50

Aiuto per primo marino

Messaggio di gem1978 » 06/01/2019, 2:56

lucasabao ha scritto: a tal proposito un'ulteriore legge fondamentale nel marino: non avere MAI fretta,
Vale anche per il dolce :D magari nel marino ancora di più.

Posted with AF APP
Steinoff wrote:Lo Zen e l'arte di aspettare che il silicone asciughi...
Monica said:Lo Zen e l'arte di aspettare che l'acquario maturi...
Trotasalmonata declared:Lo Zen e l'arte di farsi i c@...
Lo Zen è ammirare l'acquario

Avatar utente
lucasabao
Messaggi: 11
Iscritto il: 11/12/18, 9:58

Aiuto per primo marino

Messaggio di lucasabao » 12/01/2019, 12:38

_Teo_ ha scritto: Grazie @[mention_url=#,8637]lucasabao[/mention_url]
Ti chiedo un'ultima informazione, giusto per regolarmi: a che temperatura dev'essere la luce per un nanoreef? Quanti K?
14000K

Aggiunto dopo 29 minuti 45 secondi:
gem1978 ha scritto:
lucasabao ha scritto: a tal proposito un'ulteriore legge fondamentale nel marino: non avere MAI fretta,
Vale anche per il dolce :D magari nel marino ancora di più.
moolto di più :)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 7 ospiti