Nanoreef marino

Se hai tutto da imparare... benvenuto!

Moderatori: gem1978, roby70

Rispondi
Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6857
Iscritto il: 30/08/14, 23:13
Profilo Completo

Re: Nanoreef marino

  • Cita

Messaggio di darioc » 27/07/2016, 10:42

FedericoF ha scritto:Appunto, le piante preferiscono gradazioni di blu e rossi. Siamo noi che non li mettiamo perché il blu favorisce molto le alghe.
Dove lo hai letto?
La gradazione migliore è 6500 che io sappia. :-? Pensa che cianobatteri che possono produrre 3/4 sostanze fotosintetiche diverse con quella gradazione producono proprio... la clorofilla! Stai attento a fare miscuglio strani che le fanerogame si difendono moto male dalle alghe. Un conto sono le aziende che hanno controllo assoluto sullo spettro della lampada che producono....
FedericoF ha scritto:Tra l'altro essendo piante prettamente marine allora a maggior ragione preferiscono il blu, visto che è una delle poche lunghezze d'onda che riesce ad arrivare in profondità..
Questo è anche vero... Ma le fanerogame non i spingono troppo in profondità perché oltre un certo punto la luce diventa inadatta a loro.
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
FedericoF
Ex-moderatore
Messaggi: 10820
Iscritto il: 29/03/16, 21:14
Profilo Completo
Contatta:

Re: Nanoreef marino

  • Cita

Messaggio di FedericoF » 27/07/2016, 10:49

darioc ha scritto:Dove lo hai letto?
La gradazione migliore è 6500 che io sappia.
Certo, si adatta perfettamente a uno spettro per piante in acqua dolce. Per il resto è discutibile. In emerso è totalmente falso, in sommerso invece è vero.
darioc ha scritto:nsa che cianobatteri che possono produrre 3/4 sostanze fotosintetiche diverse con quella gradazione producono proprio...
Infatti i ciano non sono alghe. Le altre alghe preferiscono gradazioni alte. I ciano si adattano a tutto? Mmm, impreciso, in realtà esistono talmente tanti ceppi di ciano che esisterà sicuramente il ciano adatto ad una certa gradazione.
Ma siamo OT.
P.s. fai una prova: fai crescere i ciano con una fluorescente da 6500k. Poi metti una lampada LED blu, vedrai che i ciano si bloccheranno, forse scompariranno per poi riapparire, ecco, quello è il momento del cambio di ceppo.
darioc ha scritto:Stai attento a fare miscuglio strani che le fanerogame si difendono moto male dalle alghe.
Beh certo, un po' di prudenza, poi mi informerei sicuramente meglio. Di certo non possiamo applicare le tecniche che conosciamo nel dolce, in quando le piante marine son almeno a 1 metro di profondità, le nostre invece combattono e fanno di tutto per arrivare in superficie.
darioc ha scritto:Un conto sono le aziende che hanno controllo assoluto sullo spettro della lampada che producono....
Solo pubblicità.... Casualmente le migliori lampade per dolce per far crescere piante hanno lo spettro che coincide con un neon da 6500k che costa 1/10...... :ymdevil: :ymdevil: :ymdevil:
La perfezione è una strada, non un punto d'arrivo.
cit.

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6857
Iscritto il: 30/08/14, 23:13
Profilo Completo

Re: Nanoreef marino

  • Cita

Messaggio di darioc » 27/07/2016, 10:55

FedericoF ha scritto:Le altre alghe preferiscono gradazioni alte. I ciano si adattano a tutto? Mmm, impreciso, in realtà esistono talmente tanti ceppi di ciano che esisterà sicuramente il ciano adatto ad una certa gradazione.
Ma siamo OT.
Apri un Topic in alghe. Non funziona così. Le alghe sono in grado di sfruttare anche gradazioni più alte, si adattando di più, le piante no. Ma non è che per le alghe 6500 non vada, semplicemente una gradazione diversa sfavorisce le piante a vantaggio delle alghe.
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6857
Iscritto il: 30/08/14, 23:13
Profilo Completo

Re: Nanoreef marino

  • Cita

Messaggio di darioc » 27/07/2016, 11:22

FedericoF ha scritto: Di certo non possiamo applicare le tecniche che conosciamo nel dolce, in quando le piante marine son almeno a 1 metro di profondità, le nostre invece combattono e fanno di tutto per arrivare in superficie
Se u medici blu però io penso alle luci attiniche, e il rosso c'entra poco. :D
Io penso sia un buon compromesso mettere una parte a 6500 e una a 10000 :) L'unico che ho trovato che la abbia coltivata ha fatto così. :D
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
FedericoF
Ex-moderatore
Messaggi: 10820
Iscritto il: 29/03/16, 21:14
Profilo Completo
Contatta:

Re: Nanoreef marino

  • Cita

Messaggio di FedericoF » 27/07/2016, 11:28

darioc ha scritto:
FedericoF ha scritto: Di certo non possiamo applicare le tecniche che conosciamo nel dolce, in quando le piante marine son almeno a 1 metro di profondità, le nostre invece combattono e fanno di tutto per arrivare in superficie
Se u medici blu però io penso alle luci attiniche, e il rosso c'entra poco. :D
Io penso sia un buon compromesso mettere una parte a 6500 e una a 10000 :) L'unico che ho trovato che la abbia coltivata ha fatto così. :D
Il rosso non c'entra NULLA, infatti è una cosa in più, che tra l'altro le alghe macrofite marine nemmeno sfruttano :-?
La cosa che mi fa pensare che lo facciano è che queste alghe ci sono solo fino a una certa profondità, dopo no, quindi vuol dire che un po' di rosso lo vogliono.
A questo punto metterei solo la 10000k e LED blu..
Non so bisognerebbe studiare gli spettri.
Comunque nel dolce si mettono le 6500k perché altrimenti si avvantaggiano TROPPO le alghe. Tuttavia penso che nel marino sia ben diverso, stiamo coltivando cose che son comunque alghe, e non piante adattate alla vita sommersa :-?

Ti ripeto, non so, dovrei vedere gli spettri e capire che fasci passano sul mare sotto 1 metro di profondità.
La perfezione è una strada, non un punto d'arrivo.
cit.

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6857
Iscritto il: 30/08/14, 23:13
Profilo Completo

Re: Nanoreef marino

  • Cita

Messaggio di darioc » 27/07/2016, 11:44

FedericoF ha scritto:a cosa che mi fa pensare che lo facciano è che queste alghe ci sono solo fino a una certa profondità, dopo no, quindi vuol dire che un po' di rosso lo vogliono.
È questione di intensità. ;)
E comunque non esistono esistono solo blu e rosso, ma tutte le lunghezze intermedie che stai trascurando. ;)
FedericoF ha scritto:Tuttavia penso che nel marino sia ben diverso, stiamo coltivando cose che son comunque alghe, e non piante adattate alla vita sommersa
Io parlo delle fanerogame, che sono piante un tempo emerse che si sono adattate nei milioni di anni alla vita marina. ;)
FedericoF ha scritto:Ti ripeto, non so, dovrei vedere gli spettri e capire che fasci passano sul mare sotto 1 metro di profondità.
Questo è vero... L'unica è provare. :-??
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
FedericoF
Ex-moderatore
Messaggi: 10820
Iscritto il: 29/03/16, 21:14
Profilo Completo
Contatta:

Re: Nanoreef marino

  • Cita

Messaggio di FedericoF » 27/07/2016, 11:54

darioc ha scritto:È questione di intensità.
E comunque non esistono esistono solo blu e rosso, ma tutte le lunghezze intermedie che stai trascurando.
Certamente, infatti almeno una bianca secondo me serve.
Comunque in coltivazione emersa si mettono solo LED blu e rossi ;)
Il discorso immerso invece è totalmente diverso, e sì, anche secondo me almeno una lampada bianca serve.
darioc ha scritto:Io parlo delle fanerogame, che sono piante un tempo emerse che si sono adattate nei milioni di anni alla vita marina.
Ma sempre immerse! Cioè, mi spiego, gran parte delle piante d'acquario dolce son sommerse solo in una parte dell'anno, oppure fan di tutto per colonizzare la superficie oppure per emergere, mentre le piante(o alghe) che stiamo considerando ora, non credo tentino di emergere a tutti i costi, giusto? :-? :-?
darioc ha scritto:Questo è vero... L'unica è provare.
Sì, si potrebbe anche fare qualche calcolo, sicuramente i rossi son molto ridotti, gli ultravioletti probabilmente anche.
I blu prevalgono sicuramente, i verdi penso non vengano usati ma arrivino a fondo.
Son abbastanza sicuro che tutte le frequenze basse vengano molto smorzate.

Anche nel dolce si ottengono buoni risultati con LED blu (se ci sono anche altre lampade che completano lo spettro). C'è poco da fare, le piante sfruttano quella gradazione. L'unico problema è che le alghe la sfruttano meglio, bisogna trovare un buon compromesso :-?

Per il resto, temperature quanto vogliono? Servirà riscaldatore o refrigeratore?
Sarebbe bellino secondo me un layout con poche pietre grandi, sullo sfondo piante a crescita alta (o alghe, non so cosa siano, quelle verde fluo che assomigliano agli aponogeon), una buona zona di sola sabbia, magari più buia, e una zona fortemente illuminata per il "pratino"..
Bisogna vedere prima quali specie meglio si adattano, poi anche quale fauna inserire. Tuttavia starei sulla pozza di marea. Per la corrente io metterei due pompe, una all'opposto dell'altra, bisogna vedere se si può fare un piccolo controllore con arduino, in questo modo si potrebbe fare un effetto onde. C'è poco da fare, nel marino secondo me qualche piccolo accrocchio tecnologico dobbiamo inserirlo
La perfezione è una strada, non un punto d'arrivo.
cit.

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6857
Iscritto il: 30/08/14, 23:13
Profilo Completo

Re: Nanoreef marino

  • Cita

Messaggio di darioc » 27/07/2016, 13:24

FedericoF ha scritto:Certamente, infatti almeno una bianca secondo me serve.
Comunque in coltivazione emersa si mettono solo LED blu e rossi
Non so che coltivazioni siano, ma in quel modo non ricrei uno spettro, ma hai solo due lunghezze d'onda, entrambe poco utili alle piante. Gli hobbysti che conosco io per semenzai e simili usano lampadine da 6500.

Comunque tutto quello che stiamo dicendo è abbastanza campato per aria, visto che non conosciamo lo spettro con cui vive la pianta.
Secondo me quindi la cosa più sensata è mettere una lampadina con picco spostato verso i toni del blu (è l'unica certezza) ma con spettro completo.
FedericoF ha scritto:Per il resto, temperature quanto vogliono? Servirà riscaldatore o refrigeratore?
T sui 18 gradi, salinità stabile.
Io pensavo di fare una vasca molto piccola e risolvere con celle di peltier o ventole e rivestendo la i isolante d'estate che tanto sono via.
FedericoF ha scritto: buona zona di sola sabbia, magari più buia, e una zona fortemente illuminata per il "pratino"..
Pratico alto dai 40 cm al metro e mezzo. :D
Io almeno inizialmente mi concentrerà sulla coltivazione più che sul layout.
FedericoF ha scritto:Bisogna vedere prima quali specie meglio si adattano, poi anche quale fauna inserire. Tuttavia starei sulla pozza di marea. Per la corrente io metterei due pompe, una all'opposto dell'altra, bisogna vedere se si può fare un piccolo controllore con arduino, in questo modo si potrebbe fare un effetto onde. C'è poco da fare, nel marino secondo me qualche piccolo accrocchio tecnologico dobbiamo inserirlo
Sì, nella pozza di marea anche no, ma questa non è più una pozza di marea... La prateria di fanerogame è uno degli ambienti più delicati del med, forse quasi al livello del fondo duro coralligeno.
Serve qualcosa Er regolare la temperatura è per mantenere l'acqua pulita, poi pompe di movimento. Se fai un acquario che va bene per le fanerogame puoi metterci pure gorgonia e madrepora poi. :D
Le pompe di movimento dopo molto importanti e vvanno messe proprio come dici tu, in modo a evitare che si formino alghe e si depositino detriti ulteriori foglie.
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
FedericoF
Ex-moderatore
Messaggi: 10820
Iscritto il: 29/03/16, 21:14
Profilo Completo
Contatta:

Re: Nanoreef marino

  • Cita

Messaggio di FedericoF » 27/07/2016, 13:40

darioc ha scritto:Non so che coltivazioni siano, ma in quel modo non ricrei uno spettro, ma hai solo due lunghezze d'onda, entrambe poco utili alle piante.
Hai due lunghezze d'onda, entrambe utili alle piante....
darioc ha scritto:Gli hobbysti che conosco io per semenzai e simili usano lampadine da 6500.
CFL con attacco E40 e wattaggi elevati. In più sono 6500k e 2700k, credo che tu abbia già intuito a che coltivazioni servono quelle due particolari temperature.
darioc ha scritto:Secondo me quindi la cosa più sensata è mettere una lampadina con picco spostato verso i toni del blu (è l'unica certezza) ma con spettro completo.
Sono d'accordissimo, spettro completo, ma molto sbilanciato sul blu, per quello parlavo di LED blu. E se conoscessimo le frequenze, potremmo metterci i LED ad una lunghezza d'onda particolare. :-bd
darioc ha scritto:La prateria di fanerogame è uno degli ambienti più delicati del med, forse quasi al livello del fondo duro coralligeno.
Serve qualcosa Er regolare la temperatura è per mantenere l'acqua pulita, poi pompe di movimento. Se fai un acquario che va bene per le fanerogame puoi metterci pure gorgonia e madrepora poi.
Mmm quindi abbastanza complicato.
8-| 8-|
La perfezione è una strada, non un punto d'arrivo.
cit.

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6857
Iscritto il: 30/08/14, 23:13
Profilo Completo

Re: Nanoreef marino

  • Cita

Messaggio di darioc » 27/07/2016, 14:53

FedericoF ha scritto:Sono d'accordissimo, spettro completo, ma molto sbilanciato sul blu, per quello parlavo di LED blu. E se conoscessimo le frequenze, potremmo metterci i LED ad una lunghezza d'onda particolare.
:-?
Il fatto è che coltivare una prateria di fanerogame è di per se un "esperimento strano"... se ne mettiamo in mezzo altri aumentiamo i rischi secondo me... In acquario non mi risultano esperienze con impianti come quelli di cui parli tu. L'acqua non trasmette la luce come l'aria. :-??
Riguardo il blu non mi sbilancerei neppure troppo... Sempre clorofilla producono... Le alghe producono anche altri pigmenti fotosintetici.
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti