provare col marino

Se hai tutto da imparare... benvenuto!

Moderatori: gem1978, roby70

Rispondi
Avatar utente
Jovy1985
Moderatore Globale
Messaggi: 16541
Iscritto il: 19/10/13, 12:53
Profilo Completo

provare col marino

  • Cita

Messaggio di Jovy1985 » 17/08/2017, 0:25

FedericoF ha scritto: Silver la lampada va in base ai coralli che vuoi allevare.
I coralli contano come pesci.
Lo schiumatoio non ti serve.
Rocce vive di qualità.
Pompa di movimento, da quel che ricordo, più movimento c'è meglio è.
Se sei vicino al Veneto posso venderti una vasca da 200 litri già con le forature per marino e la sump.
L'ossigenazione è tutto, la vasca va aperta assolutamente.
In vasche chiuse devi aiutarti con gli aeratori. Ma come diceva freef poi ti tocca usare osmoregolatori.
Che non è una cosa difficile, @Jovy1985 costruisce controller per questi. Ti basta una tanica di osmosi.
Se ti compri l'impianto fai da te, ti serve una cartuccia aggiuntiva. Mi pare sia quella antifosfati/silicati.
L'acqua va ricostruita da conducibilità 0 perché il mare ha una composizione ben diversa.
Sempre per iniziare, qualche talea te la puoi far dare da qualche appassionato vicino a te.
Eviterei pesci, ma ci sta una coppietta di pagliaccio. Non devi nemmeno preoccuparti per il sesso, si arrangiano loro =))

Questo tutto quel che mi è venuto in mente. Mi ero già informato un po' per il Marino..
Lo schiumatoio mi pare tu lo possa costruire. Con una pompa potente e un venturi. Non è difficile. Se ne senti il bisogno però ne trovi di usati a poco su subito.
Anche qui, se sei vicino al Veneto ti do un po' di contatti io. Sia per le vasche, che per la tecnica, che per i coralli.

Io, fare una pozza di marino mediterraneo se vuoi stare a costi bassi.
Se ti serve Silver, mi fai un fischio in privato per l Osmoregolatore
Questi utenti hanno ringraziato Jovy1985 per il messaggio:
Silver21100 (18/08/2017, 15:51)
"Tu non sei il pastore....tu sei la pecora!" Charles Vane ( Black Sails)

Avatar utente
Freef
star3
Messaggi: 403
Iscritto il: 28/04/17, 19:57
Profilo Completo

provare col marino

  • Cita

Messaggio di Freef » 17/08/2017, 8:11

Esperienza non ho molta, anzi e poi nel marino c'è sempre da imparare.

Comunque l'inserimento dei pesci dipende molto anche dalla vasca come gira (tralasciando il litraggio permettendo).
Comunque in 60l sei ancora in un nanoreef, e 5 pesci non riesci a farceli stare.
Il Centropyge, non te l'ho citato prima perché è un pesce farfalla, quindi non resta piccolo (cerca in rete, ci sono schede a riguardo).
Il Gramma lo puoi mettere, ma è uno di quelli che piace salatare, anche se varia da pesce a pesce.

Se vuoi comunque movimento in vasca, secondo me puoi optare per una coppia di ocellaris, un Lysmata ambonensis, un paio di lumache turbo e valori permettendo, per ultimo, un Gramma, ma sei già fuori litraggio con gli ospiti, quindi tralasciando che non è da tenere rinchiuso pesci in litraggi minimi, bisogna vedere come gira la vasca.

Avatar utente
SilvioD
star3
Messaggi: 671
Iscritto il: 12/03/16, 15:03
Profilo Completo

provare col marino

  • Cita

Messaggio di SilvioD » 17/08/2017, 13:58

Freef ha scritto: Se vuoi comunque movimento in vasca, secondo me puoi optare per una coppia di ocellaris, un Lysmata ambonensis, un paio di lumache turbo e valori permettendo, per ultimo, un Gramma, ma sei già fuori litraggio con gli ospiti, quindi tralasciando che non è da tenere rinchiuso pesci in litraggi minimi, bisogna vedere come gira la vasca.
Per ora mi sto solo documentando, non devo far nulla perchè ho avuto difficoltà notevoli (anche causa inesperienza) col dolce, figuriamoci se mi metto dietro a un marino.
Tra l'altro qui a casa non ho condizionatori attualmente, per cui abitualmente siamo tra i 26 e i 28 gradi, ma in certe giornate la temperatura sale fino a 30-31 gradi che, per quel poco che so, è una temperatura che per i coralli è sinonimo di morte certa.

Quindi secondo te il limite per un 60 litri è di 3 pesci soltanto.
Comunque, a me di un reef marino affascinano moltissimo i coralli, forse più dei pesci, per cui avere 3 pesci invece di 5 non rappresenta per un limite o una seccatura. Non voglio creare a tutti i costi un carcere per pesci pagliacco & co.
Però ho letto di gente che la pensa diversamente, e non perchè segue passivamente gli opinion-leaders dell'acquariofilia marina o perchè ha letto su un libro un determinato valore l'ha preso per buono in modo acritico, ma perchè ha provato sulla propria pelle determinate cose e le ha portate avanti per 3 anni con ottimi risultati.

http://www.acquariofilia.biz/showthread.php?t=313078

come vedi, lui 3 pesci li tiene in 30 litri appena! Metterne 5 in 60 litri non penso sia tanto più difficile o impossibile.
http://www.acquariofilia.biz/showthread.php?t=324340
Manca di mentalità matematica tanto chi non sa riconoscere rapidamente ciò che è evidente, quanto chi si attarda nei calcoli con una precisione superiore alla necessità. (Carl Friederich Gauss)

Avatar utente
Freef
star3
Messaggi: 403
Iscritto il: 28/04/17, 19:57
Profilo Completo

provare col marino

  • Cita

Messaggio di Freef » 17/08/2017, 14:23

Non apro neanche il link, so già che si parla di Erisen e del suo nanoreef; se hai letto bene la sua descrizione, dice che non è una vasca da imitare, non perché avere sps in 30l è una pazzia (li ho anch'io e proprio in queste settimane dopo un anno di crescita mi stanno dando problemi), ma perché il marino è un mondo molto vario, puoi fare due vasche uguali e vedrai che gireranno in modo diverso. Anch'io ho due pesci in 30l e non potrei, ma ho in progetto un cubo da 50cm. Il mio nano con un pagliaccio non aveva traccia di organico, ora con l'aggiunta di un hexataenia, sto al limite (e non per farli crescere ma per mantere la vasca stabile senza che collassi).
Se non ti è ancora chiaro che tralasciando l'etica di avere dei pesci soggetti di nanismo, un nanoreef è facile se lo si tratta da nanoreef e non da reef.

Poi fai come vuoi, io l'hexataenia l'ho messo per problemi di planarie e piuttosto di fare una strage di benthos con prodotti chimici ho preferito rinchiudere un pesce che ama nuotare e molto, ma so che almeno mi mangia anche cibo secco, perché se mettervo uno synchiropus, finito il vivo, moriva, perché in un nanoreef non c'è lo stesso benthos di un 200l.

Poi comunque sei libero di gestire la vasca come vuoi, non conosco nessuno che ha un acquario e non fa qualche esperimento, li sto facendo anch'io, ma in una vasca secondaria, perché il marino non è economico e vedere soldi svanire in poche ore, giorni o settimane, non credo sia piacevole

Avatar utente
SilvioD
star3
Messaggi: 671
Iscritto il: 12/03/16, 15:03
Profilo Completo

provare col marino

  • Cita

Messaggio di SilvioD » 17/08/2017, 17:18

Freef, esattamente. La discussione era proprio quella di Erisen.

Non l'ho letta tutta, mi sono limitato solo alla prima pagina, ma te l'ho linkata per dire che, forse, non esistono regole ferree sul numero massimo di pesci che si possono mettere in un determinato volume di acqua, come tu stesso hai ammesso scrivendo che due vasche delle stesse dimensioni e allestite allo stesso modo, possono girare in maniera differente.

Comunque, al momento non devo fare proprio nulla. Devo prima pensare ad un dolce da 100litri che sto lentamente riportando sulla retta via.
E poi, il giorno che volessi tentare la strada del nanoreef, prima di pensare a quanti pesci o coralli mettere, dovrei pensare a come mantenere costante la temperatura nella stanza.
Avevo letto in altri topic che la temperatura massima tollerata dai coralli è 27-28°C, a temperature più alte muiono.
Una curiosità, e poi lascio la parola a Silver (il thread è suo!! :D ): in estate, in una stanza priva di condizionatore, è possibile mantenersi sotto questo limite usando solo delle ventoline di raffreddamento?
Ho visto in vendita dei sistemi di raffreddamento che si montano sui bordi della vasca, come una normale plafoniera, e che contengono tante ventoline in serie.
Tu come gestisci il fattore "temperatura dell'acqua" nel tuo reef?
Manca di mentalità matematica tanto chi non sa riconoscere rapidamente ciò che è evidente, quanto chi si attarda nei calcoli con una precisione superiore alla necessità. (Carl Friederich Gauss)

Avatar utente
Freef
star3
Messaggi: 403
Iscritto il: 28/04/17, 19:57
Profilo Completo

provare col marino

  • Cita

Messaggio di Freef » 17/08/2017, 17:54

Accendo il clima e sono a posto 😂

Comunque puoi stare sui 28°, è se arrivi a 30° il problema.

Le ventoline abbassano di un paio di gradi, ma funzionano solo se la temperatura della stanza è più bassa di quella della vasca, se no non funzionano più di tanto, anzi, fanno solo evaporare acqua
Questi utenti hanno ringraziato Freef per il messaggio:
SilvioD (17/08/2017, 18:59)

Avatar utente
Silver21100
Moderatore Globale
Messaggi: 3970
Iscritto il: 07/06/15, 17:41
Profilo Completo

provare col marino

  • Cita

Messaggio di Silver21100 » 18/08/2017, 16:07

Freef ha scritto: Accendo il clima e sono a posto 😂

Comunque puoi stare sui 28°, è se arrivi a 30° il problema.

Le ventoline abbassano di un paio di gradi, ma funzionano solo se la temperatura della stanza è più bassa di quella della vasca, se no non funzionano più di tanto, anzi, fanno solo evaporare acqua

purtroppo è vero... le ventoline servono a ben poco, nel forum ci sono diversi progetti in corso ma a causa della mia recente prolungata assenza non so se sono andati a buon fine, nel dubbio ecco perchè mi sto limitando ad un marino semplice e basilare in grado di sopportare sbalzi di temperatura senza soffrire più di tanto, purtroppo è già da un paio di anni che anche nelle mie zone si arriva a punte di oltre 30 gradi, :-s

p.s.
oggi sono andato da un paio di pescivendoli ed entrambi, oltre all'idea che mi ero fatto, mi hanno consigliato di mantenere anche cannolicchi e spugne ( ? ) come mai ? le rocce vive da sole non bastano ?

Avatar utente
Freef
star3
Messaggi: 403
Iscritto il: 28/04/17, 19:57
Profilo Completo

provare col marino

  • Cita

Messaggio di Freef » 18/08/2017, 18:59

Perché vogliono far danni, semplice 😂
Oppure sono rimasti indietro di 20 anni 🤔
In ogni caso, lascia perdere, molti anni fa andava l'uso di molte rocce e cannolicchi (spugne no, perché sono solo un cumulo di inquinanti), ma la tecnica si è evoluta; ora abbiamo a disposizione illuminazione, skimmer, pompe, rocce leggere, porose e freschissime che prima se lo sognavano, quindi, non c'è bisogno di un filtro meccanico e biologico, fanno tutto le rocce ed i batteri, l'importante è prendere delle buone rocce (che non significa prendere dei sassi da giardino, mettere cannolicchi e spugna ed avere la vasca che va bene).

Avatar utente
Silver21100
Moderatore Globale
Messaggi: 3970
Iscritto il: 07/06/15, 17:41
Profilo Completo

provare col marino

  • Cita

Messaggio di Silver21100 » 18/08/2017, 21:43

Freef ha scritto: Perché vogliono far danni, semplice 😂
Oppure sono rimasti indietro di 20 anni 🤔
In ogni caso, lascia perdere, molti anni fa andava l'uso di molte rocce e cannolicchi (spugne no, perché sono solo un cumulo di inquinanti), ma la tecnica si è evoluta; ora abbiamo a disposizione illuminazione, skimmer, pompe, rocce leggere, porose e freschissime che prima se lo sognavano, quindi, non c'è bisogno di un filtro meccanico e biologico, fanno tutto le rocce ed i batteri, l'importante è prendere delle buone rocce (che non significa prendere dei sassi da giardino, mettere cannolicchi e spugna ed avere la vasca che va bene).
rocce leggere
oggi il pescivendolo mi ha spiegato che va a fortuna, a volta arrivano rocce grosse o pesanti mente altre volte arrivano rocce leggere , è veramente così ? ma come fare per riconoscere una buona roccia ?

Avatar utente
Freef
star3
Messaggi: 403
Iscritto il: 28/04/17, 19:57
Profilo Completo

provare col marino

  • Cita

Messaggio di Freef » 18/08/2017, 21:52

Lascia stare, quei negozianti che ti hanno consigliato cannolicchi e spugna lasciali stare per le rocce.
Se non hai negozi, o le prendi online o da privati, ma quest'ultimi spesso non vendono rocce di qualità

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: gem1978, Google Adsense [Bot], panajaquel e 9 ospiti