Vorrei convertire il mio acquario da dolce a marino

Se hai tutto da imparare... benvenuto!

Moderatori: gem1978, roby70

Bloccato
Avatar utente
lucaam86
star3
Messaggi: 75
Iscritto il: 18/06/16, 15:23

Re: Vorrei convertire il mio acquario da dolce a marino

Messaggio di lucaam86 » 19/06/2016, 12:15

FedericoFavotto ha scritto:Si secondo me sarebbe meglio ma non saprei proprio da dove devo cominciare il percorso...
dire prima un bel respiro profondo :D
Costruire le basi con gli articoli già riportati sopra.

poi un attimo di riflessione su quale specie di pesce ti aggrada di più, visto che non ti soddisfano i tuoi (ma secondo me corydoras e apistogramma sono belli e simpatici :- )
Quindi, leggere i vari articoli dedicati alle specie per conoscerle meglio.

Dopo di che, si pensa a come dovrebbe essere l'habitat in termini di piante, legni, fondo e valori di acqua[/quote]
FedericoFavotto ha scritto:Se vuoi farti qualche idea, gira la sezione "mostraci il tuo acquario" e metti il link di un acquario che ti piace, così ci ispiriamo a quello! Ci dirai tu cosa vuoi di diverso.
Vi inserisco qualche link di cose che rispecchiano il mio gusto estetico:

Immagine
http://www.acquariofiliafacile.it/downl ... d=6922&t=1

Immagine
http://www.acquariofiliafacile.it/artic ... quario.jpg (sempre con fondo nero però)

Immagine
http://www.acquariofiliafacile.it/artic ... quario.jpg

Immagine
http://www.acquariofiliafacile.it/artic ... zonico.jpg

Mi piace molto il fatto che l'acquario sia completamente NERO / SCURO e che la luce si concentri solo a far risaltare le piante. Non mi piacciono gli acquari chiari (ovviamente il mio askoll è bianchissimo in tutto e per tutto, maledizione!!)
FedericoFavotto ha scritto:Il gel o comunque la CO2 fatta in casa non sarà sufficiente e quindi dovrai quasi sicuramente acquistare bombole e tutto ciò che ne segue.
Qua secondo me può aspettare, tanta luce = tanta CO2, ma già con sistemi artigianali si arrivano a risultati soddisfacenti, dovrà trovare un modo di scioglierla perfettamente, secondo me. Poi ovviamente hai ragione, ma può partire con un impianto artigianale, guardare i risultati, pensare "ma guarda che figo che è il mio acquario grazie ad acquariofiliafacile" e poi valutare se i risultati son comunque al di sotto delle aspettative e pensare se affrontare la spesa o no. ;)
Era proprio quello che avevo pensato per non spendere ulteriori soldi e magari per cercare di avere in futuro qualche soddisfazione in più per essere riuscito a fare un bell'acquario senza aver speso cifre assurde ... ma con rimedi manuali e artigianli realizzati da me :)

Avatar utente
FedericoF
Ex-moderatore
Messaggi: 10820
Iscritto il: 29/03/16, 21:14
Contatta:

Re: Vorrei convertire il mio acquario da dolce a marino

Messaggio di FedericoF » 19/06/2016, 12:35

lucaam86 ha scritto:Era proprio quello che avevo pensato per non spendere ulteriori soldi e magari per cercare di avere in futuro qualche soddisfazione in più per essere riuscito a fare un bell'acquario senza aver speso cifre assurde ... ma con rimedi manuali e artigianli realizzati da me
Gli acquari che hai scritto che ti piacciono sono a costo quasi zero!!! Quindi non ci saranno problemi.
Passiamo al biotopo, 70 litri.. Mmm che dici di un acquario pieno di piante con un gruppo di caracidi o ciprinidi? questi pesci son piccolini e nuotano solitamente in branco.
Se ti orienti ad un asiatico ci sono le varie specie di trigonostima o boraras, e forse come pesci da fondo ci sta un gruppetto di pangio (però qui devi chiedere nelle sezioni giuste, che se le dimensioni della vasca non vanno bene mi picchiano per averti dato questa idea) :D :D :D

A quel punto potresti prendere piante abbastanza riempitive e che arrivano quasi alla superficie per schermare la luce. Lo sfondo dell'acquario ti consiglio un bel cartoncino nero, risalterà il colore dei pesci.
Se non ti piace il tuo fondo, è sabbia bianca? Possiamo in allestimento ricoprirlo di foglie di quercia, che dici? In questo caso allora io metterei qualche bella galleggiante, che scenderà con le radici.
Com'è il coperchio del tuo acquario? Hai mai pensato di..... Rimuoverlo? :ymdevil: :ymdevil: :ymdevil: :ymdevil:
Molte galleggianti fioriscono, quindi ti godresti l'acquario anche da sopra, come ti sembra come idea?

Dimenticavo, hai già alcune piante, possiamo riutilizzarle ovviamente :D
La perfezione è una strada, non un punto d'arrivo.
cit.

Avatar utente
Michele09
star3
Messaggi: 891
Iscritto il: 30/04/16, 17:19
Contatta:

Re: Vorrei convertire il mio acquario da dolce a marino

Messaggio di Michele09 » 19/06/2016, 12:45

Dovrebbe cambiare filtro per fare ciò, visto che è posizionato nel coperchio. A mio parere vs bene così, soprattutto perché è decisamente comodo un filtro posizionato lì. Per quanto riguarda i pagio se non sbaglio sono 67l e certo che ci stanno bene 0_0
L'importante è che quella cosa bianca sia sabbia. Caracidi eviterei, hanno tutti grandi esigenze di nuoto, sebbene si possano adattare. Punterei su specie come boraras o rasbore ma taaaaaante. Comunque non capisco perché la gente mette sempre sabbia bianca 0_0 sono l'unico a trovarlo artificioso 0_0 persino gli allestimenti ADA usano fondo marrone, certo con qualche vialetto bianco-grigio per spezzare ma è un altro effetto
Parlare di "Pesci" trovo non abbia senso, è un po' come parlare di cani, senza considerare che esistono diverse specie, Barboncini, volpini, pastori tedeschi... direste che hanno tutte le stesse esigenze?

Avatar utente
Luca.s
Moderatore Globale
Messaggi: 10739
Iscritto il: 30/03/15, 0:47
Contatta:

Re: Vorrei convertire il mio acquario da dolce a marino

Messaggio di Luca.s » 19/06/2016, 12:47

lucaam86 ha scritto:Mi potresti linkare qualche articolo del forum che parla delle specie di pesci?
Non c'è un articolo generale, ne abbiamo tanti specifici. A te piace qualcosa in particolare?
lucaam86 ha scritto: inserirei specie piccole ripetute magari abbastanza scenografiche che creano solo movimento.
Ci sarebbero i Neon o i Cardinali ma in meno di 60 cm proprio non te li farei mettere però... :-?
lucaam86 ha scritto:ci sono negozi online in cui posso scegliere questi prodotti a buon prezzo?
C'è la natura!! :D :D Se hai modo di farti un giro in montagna o in campagna sai quanti tronchetti trovi! E tutti gratuiti!! :-bd

Le mie vasche sono arredate solamente con legni e pietre trovate in natura. Spendere 10/15/20 euro per un pezzo di legno, proprio non mi convince affatto!!

Immagine

Questa è tanto bella quanto "semplice". Certo, l'autore non ha messo 4 piante appena comprate e l'ha fatta, anzi, ci ha speso del tempo per capire cosa mancava e cosa no!

Permettimi di fare un appunto, sarà l'inesperienza ma voglio farti capire che ogni vasca, ha una sua "vita", una sua evoluzione. Nessuna vasca che vedi in questo forum è stata creata allestita e fotografata. Ogni vasca e ogni acquariofilo dietro, ha passato un periodo di crescita e di studio.

La vasca sopra, o qualsiasi altra che hai postato, non è nata già in quel modo. Ci è diventata a mano a mano che l'acquariofilo diventava bravo.

Una volta capito questo, hai capito che l'acquario è un ecosistema in evoluzione, non una cartolina che allestisci e rimane così a vita :-bd
Acquariofilia facile

http://goo.gl/81SHJb

Avatar utente
lucaam86
star3
Messaggi: 75
Iscritto il: 18/06/16, 15:23

Re: Vorrei convertire il mio acquario da dolce a marino

Messaggio di lucaam86 » 19/06/2016, 13:15

Si il concetto dell'evoluzione biologica dell'acquario c'è l'ho in mene e sono consapevole che non è una cartolina da fotografare ma una cosa a cui dedicare tempo e infatti a me non piacciono le situazioni tropo automatizzate in cui io non mi sentirei così partecipe dell'evoluzione dell'acquario.

Il mio coperchio si toglie solo per 2/3. 1/3 rimane fisso dove alloggia il filtro e l'altra parte di può rimuovere e l'idea di avere vegetazione che esca superiormente mi piace tantissimo.

La mia è sabbia bianca ma non mi piace e voglio cambiare il fondo.
Vivo in campagna e ho una grandissima possibilità di avere rami...rocce...ma mi chiedo se posso inserire qualsiasi tipo di ramo...ho letto che non si possono inserire rami resinosi perché presumo non si imbevano di acqua e quindi galleggerebbero....ma ho disponibilità di rami di olivo...quercia....pino...abete...non so quali potrei prendere. Per le rocce ne ho tantissime anche a casa.

Per quanto riguarda le specie devo fare una ricerca per conoscere le specie che mi avete segnalato qui sopra...oggi lo farò.
Questo pomeriggio farò un disegno di come io immagino il mio acquario che sicuramente avrà un rigore tipico dello ZEN giapponese...quindi non amo molto le piante molto lunghe che spargono rami ovunque "inquinando" un po la pulizia estetica della vasca. Mi piace ricreare anche un albero tipo bonsai che faccia veramente caratterizzazione della scena.

Mi scuso se sono poco tecnico e più esteta dell'acquario ma in questa fase il mio apporto può limitarsi quasi esclusivamente al gusto personale....

Avatar utente
MatteoR
Ex-moderatore
Messaggi: 2735
Iscritto il: 29/05/16, 10:18
Contatta:

Re: Vorrei convertire il mio acquario da dolce a marino

Messaggio di MatteoR » 19/06/2016, 13:27

Lucaam86, ti devo dire una cosa sugli allestimenti "marca X".

Dal momento che la chimica è la chimica e la biologia è la biologia... unica...
La "bellezza" di ciò che crei dipende al 95% dalla tua personale bravura e "gusto estetico".
Puoi usare i prodotti più costosi, ma se non sei tu a capire come disporli e esaltarli, la vasca non "dice" nulla dal punto estetico.

In una delle foto che ti piacciono, c'è un acquari dove la vegetazione è quasi completamente costituita da alghe a pennello BBA... quelle che normalmente si eliminano. Quelle costano 0, o meglio, un po di concime come tutti i vegetali, ma neanche tanto.
Luca.s ha scritto:Una volta capito questo, hai capito che l'acquario è un ecosistema in evoluzione, non una cartolina che allestisci e rimane così a vita
Luca.s ti dirò... dipende. Se l'altro Luca vuole una cartolina, vuole un cartolina. FInchè rispetta un minimo i pesci, va tutto bene. Che poi abbia rischi, soldi da spendere e tempo da dedicarci, lo decide lui :)

Lucaam86, in questo forum tendiamo a creare vasche abbastanza naturali, partendo da dei prinicipi, da alcuni scritti (di scienziati, non di fotografi*) e esperimenti che ci permettono di ottenere un acquario ben bilanciato, che esso stesso "vive" autonomamente.
La differenza sostanziale, e preciso che non critico nulla essendo possessore di entrambi i tipi, sia comuni che vasche estreme in ambo le parti:

- vasca "ecosistema": con i propri limiti, imita un ecosistema naturale autonomo. La maggior parte delle dinamiche avvengono regolarmente in vasca senza intervento. Casomai, un po di concime aiuta a esaltare, ma non è di sostanza. Qui vi sono tante sfumatore e "livelli". Si passa dalla vasca che non accumula nitrato, a quella che, sigillata, dura decenni.


- vasca "stalla": come diceva il mitico Konrad Lorenz. A dire il vero, noto due tipologie di stalla acquatica in questi anni. Quella da bellezza, cioè tutti gli acquari di marca X o Y o Z etc super costosa, che quasi sempre senza importanti interventi... collassano. Necessitano di concime in abbondanza, ma allo stesso tempo grandi cambi d'acqua, l'impiego di molti prodotti etc
Oppure, la vasca stalla da allevamento, si tratta di vasche piuttosto vuote da piante e arredi, con grossi cambi anche più volte a settimana, per accrescere molti pesci in poco spazio.


Entrambi i tipi sono rispettabilissimi, come dicevo, purchè non si costringano pesci in vasche per loro inadatte. Come P. scalare in 60 litri :-?? Per fortuna si può risolvere ;)


* ADA, o meglio Amano, è fotografo.
* Lorenz, Walstad, Warrington e compagnia sono scienziati.
“Se gettassi su di un piatto della bilancia tutto ciò che ho imparato a comprendere in quelle ore di meditazione di fronte all'acquario, e sull'altro tutto ciò che ho ricavato dai libri, come rimarrebbe leggero il secondo!”
Konrad Lorenz

Avatar utente
Luca.s
Moderatore Globale
Messaggi: 10739
Iscritto il: 30/03/15, 0:47
Contatta:

Re: Vorrei convertire il mio acquario da dolce a marino

Messaggio di Luca.s » 19/06/2016, 13:36

MatteoR ha scritto:Luca.s ti dirò... dipende. Se l'altro Luca vuole una cartolina, vuole un cartolina. FInchè rispetta un minimo i pesci, va tutto bene. Che poi abbia rischi, soldi da spendere e tempo da dedicarci, lo decide lui
Un conto è volere, un conto è riuscire ad aveere ciò che si vuole. ;)

Come avrai capito benissimo, il mio messaggio di prima aveva l'intento di far capire che non sempre ciò che si vede lo si ottiene facilmente. Che le vasche belle, seppur facili richiedono studio e osservazione. Richiedono errori e piccoli cambi di percorso.
lucaam86 ha scritto:Vivo in campagna e ho una grandissima possibilità di avere rami...rocce...
Benissimo! Io inizierei proprio da qua, prendi tutti i rami di quercia ( no pino e simili perchè non vogliamo resine in acqua) e incomincia a disporli a tuo piacimento ;)
lucaam86 ha scritto:farò un disegno di come io immagino il mio acquario che sicuramente avrà un rigore tipico dello ZEN giapponese
Ne hai mai visto uno sul forum? Temo di no. Temo di no perchè acquari così sono solo da cartolina e la cartolina è un qualcosa di momentaneo.

Possiamo provare, ma ti assicuro per certo che sarà veramente difficile creare un qualcosa di ZEN cercando di rispettare alcuni "standard" :-?

Io ti propongo, come dicevo prima, di prendere rami e rocce e di creare un layout, un hardscape che ti piaccia. Fallo zen fallo come vuoi, ma partiamo da cose concrete!

I disegni lasciano sempre il tempo che trovano dato che la realtà spesso è ben diversa! :D
Acquariofilia facile

http://goo.gl/81SHJb

Avatar utente
FedericoF
Ex-moderatore
Messaggi: 10820
Iscritto il: 29/03/16, 21:14
Contatta:

Re: Vorrei convertire il mio acquario da dolce a marino

Messaggio di FedericoF » 19/06/2016, 13:43

lucaam86 ha scritto:La mia è sabbia bianca ma non mi piace e voglio cambiare il fondo.
Vivo in campagna e ho una grandissima possibilità di avere rami...rocce...ma mi chiedo se posso inserire qualsiasi tipo di ramo...ho letto che non si possono inserire rami resinosi perché presumo non si imbevano di acqua e quindi galleggerebbero....ma ho disponibilità di rami di olivo...quercia....pino...abete...non so quali potrei prendere. Per le rocce ne ho tantissime anche a casa.
Allora legni: Non resinosi e non di alberi da frutto, quindi quercia va bene, gli altri no.
Le rocce quelle che ti piacciono di più, ma non devono essere calcaree, per vederlo buttaci un goccio di acido muriatico, se frizzano non vanno bene. Mi raccomando cautela mentre usi l'acido e mettici in una bacinella in PLASTICA, ricorda che il muriatico attacca qualsiasi metallo.
E della sabbia che ci fai?? :-?? :-??
Allora prendi un fondo scuro, ti consiglio akadama (è allofano però eh) io userei quella sabbia per far una zona sabbiosa in acquario.
Luca.s ha scritto:Ne hai mai visto uno sul forum? Temo di no. Temo di no perchè acquari così sono solo da cartolina e la cartolina è un qualcosa di momentaneo.

Possiamo provare, ma ti assicuro per certo che sarà veramente difficile creare un qualcosa di ZEN cercando di rispettare alcuni "standard"

Io ti propongo, come dicevo prima, di prendere rami e rocce e di creare un layout, un hardscape che ti piaccia. Fallo zen fallo come vuoi, ma partiamo da cose concrete!

I disegni lasciano sempre il tempo che trovano dato che la realtà spesso è ben diversa!
Aspetta di vedere cosa intende per zen, quelli che ha linkato che gli piacciono non sono zen. Quindi per me si può fare.
Sappi che i risultati che hai linkato son stati ottenuti da acquariofili del forum che son diventati molto bravi, e hanno ottenuto risultati del genere dopo mesi. Quindi, mi raccomando, pazienza.
Poi all'inizio dovremo far crescere le piante "a giungla" perché così contrastano le alghe, solo dopo potremo pensare a potarle
La perfezione è una strada, non un punto d'arrivo.
cit.

Avatar utente
MatteoR
Ex-moderatore
Messaggi: 2735
Iscritto il: 29/05/16, 10:18
Contatta:

Re: Vorrei convertire il mio acquario da dolce a marino

Messaggio di MatteoR » 19/06/2016, 13:45

Luca.s ha scritto:Un conto è volere, un conto è riuscire ad aveere ciò che si vuole.

Come avrai capito benissimo, il mio messaggio di prima aveva l'intento di far capire che non sempre ciò che si vede lo si ottiene facilmente. Che le vasche belle, seppur facili richiedono studio e osservazione. Richiedono errori e piccoli cambi di percorso.
Ma dai tanto sai che sono d'accordo con te.
Luca.s ha scritto:Possiamo provare, ma ti assicuro per certo che sarà veramente difficile creare un qualcosa di ZEN cercando di rispettare alcuni "standard"
Potate e ben concimate, si riescono a fare degli alberelli con alghe filamentose.
L'importante è toglierle periodicamente, perchè le Oedogonium "invecchiando" perdono vivacità e si sporcano con detriti.
“Se gettassi su di un piatto della bilancia tutto ciò che ho imparato a comprendere in quelle ore di meditazione di fronte all'acquario, e sull'altro tutto ciò che ho ricavato dai libri, come rimarrebbe leggero il secondo!”
Konrad Lorenz

Avatar utente
Nijk
Moderatore Globale
Messaggi: 4753
Iscritto il: 07/02/14, 14:35

Re: Vorrei convertire il mio acquario da dolce a marino

Messaggio di Nijk » 19/06/2016, 15:28

lucaam86 benvenuto :-h

A quello che hanno detto i ragazzi aggiungo solo alcune cose giusto per specificare ulteriormente alcuni concetti, normale che tu in questo primo approccio ti senta un pochino spaesato.

Nella tua vasca puoi fare sia un dolce che un marino, la spesa dipende solo da cosa tu vuoi fare.
Per un marino "solo pesci" potresti anche non aver bisogno di null'altro, se non di acqua, sale e pesci appunto.
Potresti certamente aggiungere qualche decorazione artificiale ma il risultato alla fine non sarà molto diverso da quello attuale, a parte i pesci.
Considera che già adesso non è il massimo la popolazione scelta per un dolce, alcuni pesci, come ti hanno fatto notare, sono proprio inadeguati alla vasca, con il marino sarebbe ancora più limitante in quanto le opzioni sarebbe anche minori, sia in fatto di specie che di numeri.
Questo se vuoi tenere bene gli animali, e non ho dubbi su questo.

Diverso è il discorso se si comincia a considerare un acquario di barriera, con i coralli, qui i costi cambiano e lievitano, anche di molto, in base agli animali ( i coralli lo sono ) che vorrai tenere, ce ne sono di più o meno esigenti e quindi dovrai regolarti di conseguenza.
Con un dolce, se parliamo di ADA le cose poi però, in termini economici, non cambiano di molto, anzi forse con un marino riesci pure a risparmiare qualcosa ...
ADA di per se non vuol dire nulla se non la marca di un'azienda che opera nel settore dell'acquariofilia.
Se un vetro marchiato ADA costa tre volte in più del tuo marchiato Askoll poi è una questione di mercato, ma non mi interessa entrare nell'argomento perché nessuno è obbligato a comprare nulla.
In realtà però se hai sentito parlare di ADA il motivo è che il suo fondatore, ormai deceduto, era Tagashi Amano, un fotografo naturalista che ha rivoluzionato il modo di vedere l'acquario dolce, per non fartela lunga, oggi la tendenza, anche e soprattutto grazie a lui, è quella di unire piante, fondo, pietre e legni cercando di ottenere una composizione paesaggistica e più gradevole alla vista, che va più in contro alle esigenze estetiche di appassionati e non.
In alcuni casi determinati "layout" ( nel senso di disposizione di arredi e piante ) riescono ad eguagliare ed anche a superare i più bei acquari marini di barriera.

Sempre in termini di spesa, per semplificare, e per ottenere determinati risultati la differenza tra dolce e marino te la riassumerei così: un pianta costa 5 euro mentre un corallo 50, tutto il resto è più o meno rapportato a questa proporzione, tutto poi si può fare ma se hai 500 euro di coralli in vasca ( una decina di piccole talee, niente di che ... ) è meglio fare le cose per bene e nel modo giusto, perché ci metti poco a buttare via dei bei soldi.

A livello di gestione quindi il dolce ti potrà permettere di cominciare a prendere confidenza con l'acquariofilia nel modo meno traumatico possibile, con la passione e nel tempo poi riuscirai a fare sia un acquario funzionale che bello, non che nel marino sia impossibile, anzi, se hai voglia e risorse forse sotto certi punti di risulta alla fine essere anche meno complicato di quello che si pensa.

Se la tua decisione è quella di passare al marino non ha senso però questo dibattito, apri un nuovo topic così chi sa, e ci sono ragazzi che sanno anche di marino qui dentro, ti daranno una mano certamente :-bd
I mandarini sono l'essenza della vita...
cit. Christopher Mccandless

Bloccato

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti