Allevamento copepodi

Tutte le Caridina, le lumache, ...

Moderatori: stefano94, Luca.s

Rispondi
Avatar utente
Tritium
star3
Messaggi: 677
Iscritto il: 29/09/17, 16:32

Allevamento copepodi

Messaggio di Tritium » 17/06/2019, 11:56

Sono tecnicamente invertebrati, no? Dovrebbe essere la sezione giusta :))

Salve popolo di AF :-h

E' da un po' di settimane che ho difficoltà nell'allevare una colonia stabile di cyclops.

Ho preso un contentore in plastica PET, ho forato il coperchio in diversi punti che ho riempito con della lana di perlon, in modo da favorire lo scambio di ossigeno e sfavorire la fuoriuscita di umidità e acqua (in caso di movimenti accidentali)

Sto comprando degli starter di cyclops che vengono venduti dentro a dei sacchettini di plastica riempiti d'acqua (forse SERA? Non sono sicuro)
► Mostra testo
I cyclops in negozio vengono conservati in frigo, ma una volta aperto il sacchetto sono belli vispi e attivi da subito

Passiamo alle domande:

Non ho sono riuscito a cavare un ragno dal buco su che tipo di acqua vada usata. Distillata? Salmastra? Rubinetto? :))
► Mostra testo
Fino ad ora ho riversato l'intero contenuto del sacchetto dentro al mio contenitore in plastica e l'ho "tagliato" con un pochettino di acqua di osmosi (un 20% del totale) giusto per dare un po' più di volume, senza alterare troppo un'eventuale salinità dell'acqua

Ho notato inoltre che fin da subito i cyclops sono senza nutrienti. Ho provato con il classico "lievito di birra" sciolto in acqua, ma oltre ad intorbidirmi l'acqua, non sembro aver ottenuto grandi risultati.
Ho provato anche con del mangime a base di spirulina, ma le conseguenze sono state identiche: il mangime/lievito viene per lo più ignorato, ed oltre ad inquinarmi l'acqua, i cyclops preferiscono mangiarsi fra di loro (si vede chiaramente quando uno addentra l'altro, ques'ultimo inizia a nuotare disperato portandosi appresso l'aggressore attaccato al carapace #-o #-o )
E vi dirò: il cannibalismo è un bel problema per chi sta cercando di sviluppare una colonia stabile

Vale la pena specificare che non tengo il contenitore al sole, all'esterno, per un motivo: sebbene forse andrebbe fatto così, per permettere a microrganismi vegetali di svilupparsi, in modo da essere nutrimento per i cyclops, io stesso dovrò usare quell'acqua per nutrire i miei pescetti nel nano acquario, acquario che non ha visto un alga per ben 6 mesi di fila
Mi dispiacerebbe alquanto interrompere questa striscia positiva sparandoci dentro dell'acqua infestata da spore di alghe e quant'altro.

Infin, parliamo della qualità dell'acqua stessa. Ho fatto diversi test, come accennato: lievito, spirulina... ho provato anche a NON dar loro niente.
In tutti e tre i casi ho notato che il fondo si è riempito di una sostanza a metà tra la sabbia e un'alga marrone: inizialmente ho dato la colpa alle eventuali mute (spesso visibili) abbandonate e decomposte, ma dopo una settimana circa l'intero fondo era completamente pieno.
Fanno davvero così tante mute? Sono causa della breve sopravvivenza dei miei cyclops (acqua inquinata?)
Una volta ho addirittura provato a sifonare il fondo con una siringa, evitando meticolosamente i cyclops in vita, ma dopo poco si è riformato, e tutti i cyclops erano spariti... polverizzati?


Più o meno sto riscontrando lo stesso problema con le artemie saline: non riesco a produrre una colonia stabile, però almeno di queste ultime ho un barattolino pieno zeppo di uova: ogni settimana mi basta ripulire il contenitore, ricreare la condizione salmastra descritta dal produttore e attendere la schiusa un paio di giorni

Per i cyclops, il sacchettino, mi sparo 4€ a botta, e non è sostenibile


E' un peccato, perchè oltre ad essere più ciccioni e graditi ai miei Dario Dario, non posso anche farne a meno: i suddetti pesci, in assenza di cibo vivo da me fornito, diventano mooooolto più aggressivi fra di loro, cercando di spartirsi le colonie di microrganismi dell'acquario, con un aumento dello stress generale della fauna.

Sapete darmi qualche consiglio? (sia su cyclops che artemie :) )
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di Tritium il 17/06/2019, 23:55, modificato 1 volta in totale.
Soltanto... un altro... acquario... ancora... :(|)
#TeamNoFilter [-x

Avatar utente
cicerchia80
Amministratore
Messaggi: 34795
Iscritto il: 07/06/15, 8:12
Contatta:

Allevamento cyclops

Messaggio di cicerchia80 » 17/06/2019, 23:34

Questi utenti hanno ringraziato cicerchia80 per il messaggio:
Tritium (17/06/2019, 23:57)
'effetto Dunning-Kruger è una distorsione cognitiva a causa della quale individui poco esperti in un campo tendono a sopravvalutare le proprie abilità autovalutandosi, a torto, esperti in materia.

...è sempre solo per te

Avatar utente
MatteoR
Ex-moderatore
Messaggi: 2813
Iscritto il: 29/05/16, 10:18
Contatta:

Allevamento cyclops

Messaggio di MatteoR » 18/06/2019, 0:27

Ciao, non hai acquistato Cyclops, un genere di copepodi d'acqua dolce, ma una bustina di copepodi marini molto probabilmente arpacticoidi oppure calanoidi. Se ti sono sopravvissuti facilmente direi i primi, ma dipende da vari fattori.

I Cyclops non sono normalmente oggetto di interesse commerciale in quanto la produzione è meno redditizia e trova un minore mercato rispetto alle specie marine, le quali rientrano nello zooplancton somministrato negli acquari di barriera e non solo.

Se alleghi una foto dei copepodi ti posso dire l'ordine.

Tritium ha scritto: In tutti e tre i casi ho notato che il fondo si è riempito di una sostanza a metà tra la sabbia e un'alga marrone: inizialmente ho dato la colpa alle eventuali mute (spesso visibili) abbandonate e decomposte, ma dopo una settimana circa l'intero fondo era completamente pieno.
Possono essere depositi di varia natura. In genere in quei sacchetti, stoccati anche per settimane e settimane, una certa percentuale di esemplari non è vitale e quindi cade sul fondo e si ricopre di microrganismi.

.
“Se gettassi su di un piatto della bilancia tutto ciò che ho imparato a comprendere in quelle ore di meditazione di fronte all'acquario, e sull'altro tutto ciò che ho ricavato dai libri, come rimarrebbe leggero il secondo!”
Konrad Lorenz

Avatar utente
Tritium
star3
Messaggi: 677
Iscritto il: 29/09/17, 16:32

Allevamento cyclops

Messaggio di Tritium » 18/06/2019, 0:41

@MatteoR Con così poche informazioni mi sei già stato utile, confermando la salinità dell'acqua (avrei voluto assaggiarla... ma anche no :)) )
D'ora in poi eviterò di sparare la soluzione direttamente in acquario, ma usero il retino in micron
64804431_673293729780389_2763473977920716800_n.jpg
64397771_2274682069514240_1766591822043283456_n.jpg
Questo è quanto più riesco a fare con il mio scarso cellulare.
Posso farti notare solo la divisione del carapace in due segmenti (tipo le formiche, che ne hanno tre). Uno (la testa?) è decisamente più rossastro
Il colore generale è marrone

Riesci con così poco a determinare di cosa si tratta? Non ho un microscopio, ma a occhio sembrano più arpacticoidi (nonostante siano simili ai calanoidi)

Posso gestire una colonia di questa specie? DI cosa si alimentano? Hanno bisogno di luce? Areatore? ecc

:-??

Aggiunto dopo 20 minuti 41 secondi:
Update: ho trovato questo interessante articolo che cito

" Si somministra mangime in polvere, in sospensione, sostituto di plancton liquido oppure concentrati di arricchimento. Questi non dovrebbero fluttuare e neppure disciogliersi, ma possibilmente depositarsi sul fondo formando uno strato sottile. Il mangime viene rapidamente e completamente consumato e si crea una melma (detrito) molto fine formata dagli scarti metabolici (“fecal pellets”) dei copepodi. Questa melma viene colonizzata dai batteri e da altri organismi unicellulari, che in seguito vengono a loro volta assunti dai copepodi come nutrimento. Questa colonizzazione secondaria evita che la melma inizi a “collassare” biologicamente diventando anossica. La leggera aerazione fa in modo che la melma si raccolga in piccoli mucchi intorno ai quali si formano forti insediamenti di copepodi. I mucchietti di per se non vengono colonizzati. Se questi mucchietti di melma raggiungono uno spessore eccessivo, dopo pochi giorni diventano anossici e si ricoprono di uno strato spesso e bianco."

Questo spiega la melma del primo post

Qua parla di areazione e di una vasca 50x50 per l'allevamento :-o :-o :-o
Mi sembra un attimino esagerato...

Qua dice mangime in polvere... provo con i classici flakes?
Che poi teoricamente è tutto a gestione "marino", io ho i fiocchi classici da acquario tropicale dolce :-? Andrà bene? :-?

Butto dentro un @aleph0 che so destreggiarsi con gli acquari marini, magari ci ha già avuto a che fare :-??
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Soltanto... un altro... acquario... ancora... :(|)
#TeamNoFilter [-x

Avatar utente
MatteoR
Ex-moderatore
Messaggi: 2813
Iscritto il: 29/05/16, 10:18
Contatta:

Allevamento cyclops

Messaggio di MatteoR » 18/06/2019, 17:29

Tritium ha scritto: Questo spiega la melma del primo post
Fino a un certo punto. I depositi ci sono se effettivamente introduci regolarmente fonti alimentari, altrimenti sono semplicemente copepodi morti e altri detriti diversi dal fenomeno della citazione.
Tritium ha scritto: Posso gestire una colonia di questa specie? DI cosa si alimentano? Hanno bisogno di luce? Areatore? ecc
Dalle foto non si vede quasi nulla, prova a capire se vivono più in sospensione ed hanno antenne lunghe oppure vivono più sulle superfici e non sono visibili le antenne.

Se sono arpacticoidi sono molto facili da allevare. Puoi nutrirli con spirulina e lievito sciolti in poca acqua e somministrati a gocce.
Ti linko una guida:

http://acquacoltura.rancan.org/zooplanc ... r-coralli/
Questi utenti hanno ringraziato MatteoR per il messaggio:
Tritium (18/06/2019, 17:46)
“Se gettassi su di un piatto della bilancia tutto ciò che ho imparato a comprendere in quelle ore di meditazione di fronte all'acquario, e sull'altro tutto ciò che ho ricavato dai libri, come rimarrebbe leggero il secondo!”
Konrad Lorenz

Avatar utente
Tritium
star3
Messaggi: 677
Iscritto il: 29/09/17, 16:32

Allevamento cyclops

Messaggio di Tritium » 18/06/2019, 17:46

MatteoR ha scritto: Dalle foto non si vede quasi nulla, prova a capire se vivono più in sospensione ed hanno antenne lunghe oppure vivono più sulle superfici e non sono visibili le antenne.
Eh lo so e me ne dispiaccio, ma è ciò che ho potuto fare.
Con il fatto poi che incorrono in apparenti mute continue, ho un bel range lì dentro, che non so se addiitare alla presenza di più specie o di diversi "step" evolutivi

Ci sono "esseri" più grandi, più piccoli, alcuni tendenti al giallo/trasparente (piccoli) altri al marrone, altri ancora al rosso+nero (addome doppio), simile come già detto a delle formiche...
► Mostra testo
Un po' vanno verso la superficie, molti (quasi tutti) stanno sulle pareti/fondo.
Non ho visto antenne, quanto più un carapace ricurvo e sotto tante zampette, vedendole in controluce quando li do ai pesci.

Una versione in miniatura di
► Mostra testo

Grazie per il link, leggo subito! :x

Aggiunto dopo 16 minuti 58 secondi:
ps. da tre mesi ho sul balcone un contenitore chiuso (apribile con un tappo) di acqua stagnante. (l'idea era di allevare larve di zanzara, lasciando svitato il tappo una notte e poi richiudendolo, prelevandole a comando).

Diciamo che la cosa mi è un attimo sfuggita di mano, e l'acqua si è riempita altro che di fitoplancton.. lì dentro ci sarà dai ciano in poi.

Ora, da quel che ho letto nell'articolo sarebbe l'acqua ideale per allevare sti UCO (Unidentified Copepodi Objects =)) ), però se mai volessi pescarli per metterli in vasca, come diavolo faccio? :-?

Aggiunto dopo 2 minuti 44 secondi:
pps. @cicerchia80 hai voglia di cambiare il titolo (se possibile) in "allevamento copepodi" dato che abbiamo appurato non essere cyclops?
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Soltanto... un altro... acquario... ancora... :(|)
#TeamNoFilter [-x

Avatar utente
Tritium
star3
Messaggi: 677
Iscritto il: 29/09/17, 16:32

Allevamento cyclops

Messaggio di Tritium » 18/06/2019, 20:01

Ultimo aggiornamento: ho provato a seguire le istruzioni date online, fornendo poche scaglie di cibo singolarmente.

Fino ad oggi pomeriggio erano tutti belli vivaci e pensavo di aver risolto, ma aprendo il coperchio qualche minuto fa
64803546_527342857801698_7600015218059509760_n.jpg
Moria totale. 2 confezioni, 9€ in totale.

L'avventura con i copepodi mi sa che termina qua
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Soltanto... un altro... acquario... ancora... :(|)
#TeamNoFilter [-x

Avatar utente
MatteoR
Ex-moderatore
Messaggi: 2813
Iscritto il: 29/05/16, 10:18
Contatta:

Allevamento copepodi

Messaggio di MatteoR » 19/06/2019, 18:30

Tritium ha scritto: fornendo poche scaglie di cibo singolarmente.
Se si tratta di quel detrito che vedo... ne hai messo un po' troppo.
Tritium ha scritto: L'avventura con i copepodi mi sa che termina qua
Diciamo che se hai un acquario d'acqua dolce sarebbe probabilmente più indicato l'allevamento di specie dulcicole... Al di là dell'aspetto puramente nutrizionale.
“Se gettassi su di un piatto della bilancia tutto ciò che ho imparato a comprendere in quelle ore di meditazione di fronte all'acquario, e sull'altro tutto ciò che ho ricavato dai libri, come rimarrebbe leggero il secondo!”
Konrad Lorenz

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti