Problema Salvinia natans e Azola caroliniana

Galleggianti, palustri... acquatiche

Moderatori: Nijk, Marta

Rispondi
Avatar utente
GiuseppeA
Moderatore Globale
Messaggi: 9591
Iscritto il: 15/09/14, 15:48
Contatta:

Re: Problema Salvinia natans e Azola caroliniana

Messaggio di GiuseppeA » 09/10/2015, 18:55

Il nitrato d'ammonio non lo conosco.. In genere "noi" usiamo il cifo azoto.

Ti conviene chiedere in fertilizzazione e chimica eventualmente.
La mia non è proprio pigrizia, è più voglia di risparmio energetico. :-

Avatar utente
Luca.s
Moderatore Globale
Messaggi: 10742
Iscritto il: 30/03/15, 0:47
Contatta:

Re: Problema Salvinia natans e Azola caroliniana

Messaggio di Luca.s » 09/10/2015, 19:17

Quel colore rosso della Azolla mi dissero fosse riconducibile a scarsi fosfati. :-?
Acquariofilia facile

http://goo.gl/81SHJb

Avatar utente
lucazio00
Moderatore Globale
Messaggi: 10240
Iscritto il: 19/11/13, 11:48

Re: Problema Salvinia natans e Azola caroliniana

Messaggio di lucazio00 » 09/10/2015, 20:54

GiuseppeA ha scritto:Il nitrato d'ammonio non lo conosco.. In genere "noi" usiamo il cifo azoto.

Ti conviene chiedere in fertilizzazione e chimica eventualmente.
Che contiene urea...
► Mostra testo
Fosfati 1-10mg/l, nitrati 10-50mg/l Mg 5-10mg/l, K 5-10mg/l. (Secondo la JBL)
Il miglior test in assoluto è il contenuto dell'acquario!
La Vallisneria è la gramigna dell'acquario...o la ami o la odi!
Non infastidite i pesci nell'acquario!

Avatar utente
BoFe
star3
Messaggi: 483
Iscritto il: 15/05/14, 18:24

Re: Problema Salvinia natans e Azola caroliniana

Messaggio di BoFe » 09/10/2015, 22:26

Scusate l'intromissione ma mi sento chiamato in causa
LucaSabatino ha scritto:Quel colore rosso della Azolla mi dissero fosse riconducibile a scarsi fosfati. :-?
Luca, te lo dissi io basandomi su quello che ho letto e sulla variazione di colore dal rosso al verde della tua Azolla caroliniana ed io abbondo con i fosfati (forse mi sono influenzare da quello che ho letto e frettolosamente ho attribuito la variazione di colore alla carenza di fosfati escludendo quella di nitrati). Comunque un fondamento scientifico della mia affermazione c'è in quanto l'Azolla è stata studiata per un suo utilizzo in agricoltura ecc.

Se ti interessa in rete ci sono degli interessanti articoli: Azolla: Botany, physiology and use as a green manure (pag 14 del file pdf) ed questo articolo Floating aquatic macrophytes (pag. 2 del pdf).

Saluti a tutti

BoFe
Questi utenti hanno ringraziato BoFe per il messaggio:
Shadow (10/10/2015, 16:24)

Avatar utente
Artic1
Ex-moderatore
Messaggi: 5825
Iscritto il: 03/06/15, 3:17

Re: Problema Salvinia natans e Azola caroliniana

Messaggio di Artic1 » 10/10/2015, 16:19

A questo punto credo che proverò ad alzare i nitrati da 20 mg/l a 40 mg/l e vedo se cambia qualcosa, anche se non credo che questo possa limitare una specie azotofissatrice come l'Azolla.
Che ne dite? I valori potrebbero andare bene? :-?
- Quel giorno tutta l’esperienza della nostra vita diverrà parte di una più vasta conoscenza comune. Sarà il giorno, in cui ritorneremo a Gaia, per fare, ancora una volta, parte della vita e riempire con essa questo mondo -

#teamNoCO2
______________________

Avatar utente
lucazio00
Moderatore Globale
Messaggi: 10240
Iscritto il: 19/11/13, 11:48

Re: Problema Salvinia natans e Azola caroliniana

Messaggio di lucazio00 » 10/10/2015, 18:31

Ah contiene al suo interno il cianobatterio azotofissatore Anabena azollae! :D
Fosfati 1-10mg/l, nitrati 10-50mg/l Mg 5-10mg/l, K 5-10mg/l. (Secondo la JBL)
Il miglior test in assoluto è il contenuto dell'acquario!
La Vallisneria è la gramigna dell'acquario...o la ami o la odi!
Non infastidite i pesci nell'acquario!

Avatar utente
Artic1
Ex-moderatore
Messaggi: 5825
Iscritto il: 03/06/15, 3:17

Re: Problema Salvinia natans e Azola caroliniana

Messaggio di Artic1 » 11/10/2015, 19:36

Già! Figo eh? In asia la usano per concimare le risaie, coltivandola a parte e inserendola in risaia durante la sommersione, poi quando mandano in secca la risaia la pianta muore al terra e la interano a fine coltura. Così facendo risparmiano un sacco sulla concimazione azotata! Potrebbero pensarci anche i nostri agricoltori ma non so se regga bene al nostro clima!
- Quel giorno tutta l’esperienza della nostra vita diverrà parte di una più vasta conoscenza comune. Sarà il giorno, in cui ritorneremo a Gaia, per fare, ancora una volta, parte della vita e riempire con essa questo mondo -

#teamNoCO2
______________________

Avatar utente
Luca.s
Moderatore Globale
Messaggi: 10742
Iscritto il: 30/03/15, 0:47
Contatta:

Re: Problema Salvinia natans e Azola caroliniana

Messaggio di Luca.s » 11/10/2015, 19:38

lucazio00 ha scritto:Ah contiene al suo interno il cianobatterio azotofissatore Anabena azollae! :D
Ma è sempre presente o può non esserci?
Acquariofilia facile

http://goo.gl/81SHJb

Avatar utente
Artic1
Ex-moderatore
Messaggi: 5825
Iscritto il: 03/06/15, 3:17

Re: Problema Salvinia natans e Azola caroliniana

Messaggio di Artic1 » 11/10/2015, 19:55

LucaSabatino ha scritto:può non esserci?
In effetti non è detto che la pianta abbia sempre il batterio... ma essendo incistato nelle foglie della pianta (e non nelle radici come avviene per altre piante azotofissatrici terrestri) credo che sia praticamente impossibile non trovarcelo. Inoltre quando avevo la vasca i primi mesi non concimavo, 0 di tutto, e lei era la sola che cresceva più o meno bene anche se era un poco palliduccia (ferro) e tenera (potassio).

Su Wiki dicono "È in grado di fissare dai 100 ai 200 kg/(ha*anno) di azoto"
Se pensi che il Favino su terraferma ne fissa circa 150 kg/(ha*anno)... mica male! :D
- Quel giorno tutta l’esperienza della nostra vita diverrà parte di una più vasta conoscenza comune. Sarà il giorno, in cui ritorneremo a Gaia, per fare, ancora una volta, parte della vita e riempire con essa questo mondo -

#teamNoCO2
______________________

Avatar utente
Artic1
Ex-moderatore
Messaggi: 5825
Iscritto il: 03/06/15, 3:17

Re: Problema Salvinia natans e Azola caroliniana

Messaggio di Artic1 » 02/11/2015, 18:20

Sto per chiudere la questione.

L'Azolla è rimasta decimata ma alcune piantine più verdi delle altre hanno ripreso a moltiplicarsi ed a crescere di nuovo. Credo che abbia sofferto il caldo estivo e probabilmente che abbia anche perso i sui azotofissatori per non so quale evento, quindi sembrerebbe giusta l'osservazione di
LucaSabatino ha scritto:Ma è sempre presente o può non esserci?
io direi: NO, non è detto che i batteri campino bene.
Prova ne è che senza cambiar nulla tranne le temperature, l'Azolla si stia riprendendo quasi esclusivamente dalle parti che erano rimaste verdi, mentre tutte le piantine completamente arrossate sono ormai morte e non si sono più riprese. ESCLUSO PERTANTO LA CAUSA ALLELOPATICA :)

Per la Pistia, sono ormai convinto che sia realmente solo una carenza di Azoto, probabilmente legata al fatto che in vasca ho solo lumache, gamberetti e 5 Otocinclus vittatus che producono pochissimo azoto di scarto (dato confermato dai test).

Apro pertanto un Topic in Chimica, dove chiedo info per apportare azoto con il Nitrato d'Ammonio per uso agricolo. Su questo ho finito :)
:-h
- Quel giorno tutta l’esperienza della nostra vita diverrà parte di una più vasta conoscenza comune. Sarà il giorno, in cui ritorneremo a Gaia, per fare, ancora una volta, parte della vita e riempire con essa questo mondo -

#teamNoCO2
______________________

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti