Molly acqua salmastra oppure no ?

Guppy, Platy, Endler, ecc...

Moderatori: Phenomena, Gioele

Avatar utente
Velvet
star3
Messaggi: 40
Iscritto il: 21/02/24, 11:11

Molly acqua salmastra oppure no ?

Messaggio di Velvet » 21/02/2024, 18:31

Intanto che studio per la parte per me fondamentale iniziale per un futuro acquario ovvero la fauna mi è capitato di leggere che i Molly vengono venduti come pesci d'acqua dolce ma invece sarebbero pesci da acque salmastre che si adattano alle acque dolci per un breve periodo ma che a lungo andare questo accorcia loro la vita.
Li vedo spesso invece con Platy ed Endler, è quindi sbagliato ? Dovrebbero avere un acquario a loro dedicato ? 

Avatar utente
bitless
PRO Acquariologia
Messaggi: 9209
Iscritto il: 12/07/20, 17:17
Contatta:

Molly acqua salmastra oppure no ?

Messaggio di bitless » 21/02/2024, 19:59

i molly commerciali l'acqua salmastra non l'hanno mai
provata; ciò non toglie che (a mio avviso) siano una
specie estremamente delicata e soggetta a molte
brutte patologie
 
di solito appena immessi in un acquario di comunità
i molly sono i primi ad ammalarsi, soprattutto quelli
in livrea completamente nera
 
non credo sia frequente tenere i molly in salmastro:
per me il gioco non vale la candela
mm

Avatar utente
malu
Pro altri
Messaggi: 4389
Iscritto il: 18/04/21, 23:50

Molly acqua salmastra oppure no ?

Messaggio di malu » 21/02/2024, 22:33

Tradotto "al volo" con il traduttore da un articolo  del 2007 di Neale Monks (forse uno dei maggiori conoscitori al mondo di salmastro)

Poecilia latipinna (Lesueur 1821) è conosciuta come Sailfin molly per via della pinna dorsale molto grande sfoggiata dai pesci maschi. Originario degli Stati Uniti meridionali, principalmente in acque salmastre, a volte in mare. Usano la pinna per manifestazioni di minaccia tra loro e per impressionare le femmine. Corpo verdastro con numerose macchie blu, bianche e gialle. Varie varietà artificiali: nero, cioccolato, arancione, ecc. I Molly sono decisamente erbivori e richiedono molti cibi verdi nella loro dieta. Al posto dei comuni alimenti in scaglie a base di carne si dovrebbero utilizzare alghe o alimenti in scaglie a base di alghe (“fiocchi di ovovivipari”). Inoltre becca le alghe nell'acquario e le verdure morbide come la lattuga sbollentata e il cetriolo a fette sottili. Ama larve di insetti, dafnie, ecc. Condizioni dell'acqua: pH 7,5-8,0, durezza 20 dH, temperatura 20-28°C. Si comporta meglio in acque salmastre e può essere acclimatato anche alle condizioni marine.

Poecilia mexicana Steindachner 1863 è uno dei molly a pinna corta che potrebbe essere messo in vendita, anche se non è così comune nell'hobby. Originario del Messico e di parti dell'America centrale. Ha una pinna dorsale relativamente piccola rispetto al Sailfin molly, ma per il resto simile per dimensioni e forma. Circa 3-4 pollici, le femmine sono più grandi dei maschi. Richiede cure simili a Poecilia latipinna. Condizioni dell'acqua: pH 7,5-8,0, durezza 20-30 dH, temperatura 23-28°C. Si comporta bene in acqua salmastra.
Poecilia salvatoris Regan 1907 è conosciuta come la libertà molly. Naturalmente si trova solo in El Salvador. Corpo verde argentato, ravvivato da pinne dorsali e caudali rosse, bianche e blu (da cui il nome comune, almeno negli Stati Uniti). Apparentemente confinato negli habitat di acqua dolce in natura, ma per il resto richiede cure simili agli altri Molly. Condizioni dell'acqua: pH 7,5-8,0, durezza 20 dH, temperatura 25-28°C.

Poecilia sphenops Valenciennes 1846 è un altro dei molly a pinne corte e molto probabilmente il principale antenato del Balloon Molly e del Black Molly. La gamma naturale va dal Messico alla Colombia; ampiamente introdotto altrove. Più piccola (2-3") ma per il resto simile a Poecilia mexicana. Condizioni dell'acqua: pH 7,5-8,0, durezza 20 dH, temperatura 25-28°C. Si comporta molto bene in acquari salmastri e marini (spesso utilizzato per acquari marini maturi).

Poecilia velifera (Regan 1914) è il gigantesco Sailfin molly. Una specie spettacolare ma piuttosto insolitamente commercializzata. Endemico del Messico. La lunghezza massima dei maschi è 6", le femmine 7". Un acquario grande e profondo è essenziale a causa delle dimensioni di questi pesci. Per il resto, la manutenzione è simile a quella degli altri Molly, ma le condizioni dell'acqua salmastra sembrano essere più importanti; pH 8,0, durezza 20-30 dH, temperatura 25-28 C, SG 1.005-1.025. Si comporta molto bene negli acquari marini e si dice che diventi più grande in tali condizioni.
Questi utenti hanno ringraziato malu per il messaggio (totale 2):
bitless (21/02/2024, 22:40) • Alex_N (22/02/2024, 11:21)

Avatar utente
Matteod97
star3
Messaggi: 234
Iscritto il: 13/12/21, 22:01

Molly acqua salmastra oppure no ?

Messaggio di Matteod97 » 21/02/2024, 23:36

I Molly in commercio sono per la quasi totalità nati e cresciuti in acqua dolce pertanto a parer mio non è necessario allevarli in acqua salmastra 

Posted with AF APP

Avatar utente
malu
Pro altri
Messaggi: 4389
Iscritto il: 18/04/21, 23:50

Molly acqua salmastra oppure no ?

Messaggio di malu » 21/02/2024, 23:40


Matteod97 ha scritto:
21/02/2024, 23:36
I Molly in commercio sono per la quasi totalità nati e cresciuti in acqua dolce pertanto a parer mio non è necessario allevarli in acqua salmastra

Può anche non essere necessario......ma potrebbe essere meglio, ricordiamoci sempre che anche diverse gerazioni di cattività, non cancellano millenni di evoluzione.

Avatar utente
Matteod97
star3
Messaggi: 234
Iscritto il: 13/12/21, 22:01

Molly acqua salmastra oppure no ?

Messaggio di Matteod97 » 21/02/2024, 23:46


malu ha scritto:
21/02/2024, 23:40
Può anche non essere necessario......ma potrebbe essere meglio, ricordiamoci sempre che anche diverse gerazioni di cattività, non cancellano millenni di evoluzione.

Per esperienza di quando li avevo, se sono nati e cresciuti da generazioni in acqua dolce possono tranquillamente continuare a viverci per tutta la vita in tranquillità.... Se invece sono pesci allevati in ambiente salmastro per quanto ci ho provato più di qualche mese in dolce non resistono ed è meglio rimetterli in salmastro pena il deperimento...
Questo per esperienza personale
Comunque certo come dici tu poche generazioni non cancellano millenni di evoluzione....

Posted with AF APP

Avatar utente
cicerchia80
Amministratore
Messaggi: 52217
Iscritto il: 07/06/15, 8:12

Molly acqua salmastra oppure no ?

Messaggio di cicerchia80 » 21/02/2024, 23:50

...la questione é abbastanza controversa
Diciamo che in acqua dura stanno meglio
Gli attuali molly sono incroci di varie specie, ed effettivamente molti potrebbero nemmeno averla vista mai l'acqua salmastra
Stand by

Avatar utente
Alex_N
Moderatore Globale
Messaggi: 1723
Iscritto il: 27/01/16, 15:50

Molly acqua salmastra oppure no ?

Messaggio di Alex_N » 22/02/2024, 11:20

Velvet giusto per chiarire, diversi Pecilidi sono pesci eurialini, che dopo un periodo di acclimatazione possono vivere in acqua dolce, salmastra o completamente marina. Non hanno quindi la necessità di rispettare un range di valori ristretto, tuttavia potrebbero vivere meglio ad una certa salinità.
 
Qui in Friuli conosco una sorgente termale strapiena di guppy e molly (specie miste), un canale che si collega alla laguna e quindi verosimilmente riceve quantità variabili d’acqua dolce e acqua marina.
C’è un video di Chris Lukhaup che mostra una composizione faunistica simile (mi sembra però che manchi Poecilia velifera) in una ex miniera di carbone vicino a Saarbrücken, e lì il mare è ben distante.
 
Purtroppo non riesco a trovare le mie vecchie foto del posto, a parte questa che scopro essere stata usata dall’Ente Tutela Pesca:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
25 years and my life is still
Tryin' to get up that great big hill of hope
For a destination

Avatar utente
Velvet
star3
Messaggi: 40
Iscritto il: 21/02/24, 11:11

Molly acqua salmastra oppure no ?

Messaggio di Velvet » 23/02/2024, 2:44

Quindi sembra che quello che richiede di più il salmastro sia il velifera

Avatar utente
bitless
PRO Acquariologia
Messaggi: 9209
Iscritto il: 12/07/20, 17:17
Contatta:

Molly acqua salmastra oppure no ?

Messaggio di bitless » 23/02/2024, 3:06

se ti riferisci al post di @malu sì, sembra quello più adatto
al salmastro, ma rimango della mia idea: a meno che non si
vada in Messico a catturarli in natura, quelli che troviamo
in commercio sono esemplari probabilmente nati e cresciuti
in acque dolci da decine e decine di generazioni
 
magari cercare di riportarli al salmastro richiede solo tempo,
dedizione e controllo! cui prodest?
mm

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti