Conduttivimetro, uso e taratura

Lampade, filtri ed accessori

Moderatori: trotasalmonata, luigidrumz

Avatar utente
enkuz
Ex-moderatore
Messaggi: 4742
Iscritto il: 20/10/13, 13:42

Re: Conduttivimetro - uso e taratura

Messaggio di enkuz » 28/01/2014, 10:48

Io la taratura la faccio ogni tanto... utilizzando della normalissima acqua minerale in bottiglia (sull'etichetta troverai il valore della conducibilità... tarerai il tuo strumento in base a questo).

Penso che le soluzioni di taratura siano inutili, meglio piuttosto utilizzare 2 marche di acqua differenti per avere il doppio confronto.

Io per la misurazione lo lascio immerso (solo la testa, ovvio) per circa 2 minuti... il valore deve avere tempo di stabilizzarsi.

Dentro al tappo ho inserito del cotone che rimane sempre umido/bagnato: avevo letto in rete che gli elettrodi non devono asciugarsi mai.

Ce l'ho da qualche mese... ed utilizzandolo così funziona da dio.

;)

Avatar utente
DxGx
Amministratore
Messaggi: 7254
Iscritto il: 20/10/13, 20:22

Re: Conduttivimetro - uso e taratura

Messaggio di DxGx » 28/01/2014, 11:17

Qualcuno ha o conosce una tabella della conducibilità in base alle varie temperature, come per il pH per intenderci?
Chiamatemi Nio, AntoNio

"Per non essere d'accordo non serve essere sgradevoli."

Avatar utente
Saxmax
Amministratore
Messaggi: 7002
Iscritto il: 06/10/13, 16:39

Re: Conduttivimetro - uso e taratura

Messaggio di Saxmax » 28/01/2014, 11:26

Dxgx, dipende dalla sostanza. Non è relativa solo alla temperatura, ma anche a cosa misuri. Quindi a meno di parlare di soluzioni campione, non credo esista quello che tu chiedi..
"Con le palanche son buoni tutti.." Motto di famiglia

Per alcune persone nemmeno mi siedo sulla riva del fiume.
Probabilmente passerà il loro cadavere mentre sono a farmi una birra.

Avatar utente
DxGx
Amministratore
Messaggi: 7254
Iscritto il: 20/10/13, 20:22

Re: Conduttivimetro - uso e taratura

Messaggio di DxGx » 28/01/2014, 11:30

Ah ok, grazie.
Lo chiedevo perchè mi è capitata una bottiglietta da mezzo litro con segnata la conducibilità a 18°, dato che in casa la temperatura ambiente è sui 22/23, volevo capire di quanto poteva cambiare la misurazione.

Ma probabilmente faccio prima con un'altra marca dato che li c'è scritto anche "valori alla sorgente" (o qualcosa del genere), quindi magari sono diversi rispetto a quelli che ci sono nella bottiglia... mah
Chiamatemi Nio, AntoNio

"Per non essere d'accordo non serve essere sgradevoli."

Avatar utente
enkuz
Ex-moderatore
Messaggi: 4742
Iscritto il: 20/10/13, 13:42

Re: Conduttivimetro - uso e taratura

Messaggio di enkuz » 28/01/2014, 14:28

mi pare che da un grado all'altro cambi veramente di poco il valore... se non erro.

Avatar utente
DxGx
Amministratore
Messaggi: 7254
Iscritto il: 20/10/13, 20:22

Re: Conduttivimetro - uso e taratura

Messaggio di DxGx » 28/01/2014, 14:39

Quindi se mi da un valore più alto >60, anche se la temperatura non è 18° ma 22°, dovrei/potrei dargli una regolata?
Chiamatemi Nio, AntoNio

"Per non essere d'accordo non serve essere sgradevoli."

Avatar utente
gibogi
Ex-moderatore
Messaggi: 5059
Iscritto il: 19/10/13, 23:46

Re: Conduttivimetro - uso e taratura

Messaggio di gibogi » 28/01/2014, 23:03

enkuz ha scritto: Dentro al tappo ho inserito del cotone che rimane sempre umido/bagnato: avevo letto in rete che gli elettrodi non devono asciugarsi mai.
Questo è vero per il pHmetro, ma non per il conduttivimetro.
DxGx ha scritto:Qualcuno ha o conosce una tabella della conducibilità in base alle varie temperature, come per il pH per intenderci?
Ti posto questa foto:
soluci_nsobre_de_calibraci_n_hanna_ec_1413_scm_20ml_hi_70031_.jpg
Potrebbe darti qualche indicazione di massima, ma come dice Sax
Saxmax ha scritto:Dxgx, dipende dalla sostanza. Non è relativa solo alla temperatura, ma anche a cosa misuri. Quindi a meno di parlare di soluzioni campione, non credo esista quello che tu chiedi..
enkuz ha scritto:Penso che le soluzioni di taratura siano inutili, meglio piuttosto utilizzare 2 marche di acqua differenti per avere il doppio confronto.
Non sono inutili, sono costose, ma con una bottiglietta di soluzione campione vai avanti qualche anno.

Per il discorso acqua in bottiglia, è vero che fa risparmiare i soldi, ma è anche vero che la conducibilità scritta sulla bottiglia possa non corrispondere a verità, in quanto le analisi di controllo vengono fatte 2 volte l'anno e tra il valore scritto e quello reale può esserci una rilevante discrepanza.

Questo solo per precisare che se non perfettamente tarato lo strumento possiamo avere un errore di 70-80 uS/cm, e magari poi ci fissiamo a cambiare l'acqua perchè raggiunti i 700 uS/cm
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Se osservando una Harley vedi solo una moto, allora non stai guardando una Harley!

Avatar utente
enkuz
Ex-moderatore
Messaggi: 4742
Iscritto il: 20/10/13, 13:42

Re: Conduttivimetro - uso e taratura

Messaggio di enkuz » 29/01/2014, 10:09

Io riporto la mia esperienza diretta di utilizzo di qualche mese: tarature con 2 acque diverse (incrociando quindi i dati) penso che ci sia poco spazio ad errori (volendo possiamo anche utilizzare 3 o 4 acque diverse così siamo più tranquilli) mentre di contro ho avuto dei seri problemi con un boccettino di soluzione di taratura che avevo comprato e che era completamente sballato (credetemi, era così e me ne sono reso conto incrociando i dati sia dell'acquario che di alcune acque minerali in bottiglia).
In pratica una ciofeca di soluzione di taratura (che poi le fanno anche pagare).

Discorso cotone bagnato nel tappo: io ho letto in rete che anche il conduttivimetro va tenuto in questo modo... e di fatto non ho mai avuto problemi... (nel senso che lo strumento così facendo si ''stara'' veramente di rado tanto che l'ultima volta che l'ho tarato si trattava di novembre minimo).

Gli elettrodi non devono MAI asciugarsi completamente... così ho letto io.

;)

Avatar utente
gibogi
Ex-moderatore
Messaggi: 5059
Iscritto il: 19/10/13, 23:46

Re: Conduttivimetro - uso e taratura

Messaggio di gibogi » 29/01/2014, 15:13

Per quanto riguarda la sonda del conduttivimetro, ripeto che non hanno bisogno di essere tenuti a bagno.

Io ho usato conduttivimetri e pHmetri della Hanna Instrumencts ed Hach e mentre sulle schede del pHmetro era riportato chiaramente che la sonda deve essere tenuta umida, inoltre il puntale è dotato di un particolare tappo per tale scopo.

per i conduttivimetri, non viene riportato di tenere la sonda umida e il puntale non è dotato di tappo.

Per quanto riguarda il sistema di taratura con le bottiglie di acqua, lo consiglio anche io per un discorso di risparmio, ma da qui ad asserire che sono più precise delle soluzioni campione ce ne passa.

Penso tu possa aver trovato una soluzione avariata o inquinata.
Se osservando una Harley vedi solo una moto, allora non stai guardando una Harley!

Avatar utente
enkuz
Ex-moderatore
Messaggi: 4742
Iscritto il: 20/10/13, 13:42

Re: Conduttivimetro - uso e taratura

Messaggio di enkuz » 29/01/2014, 15:36

...Il mio conduttivimetro ha un puntale con il tappo!
Evidentemente esistono diversi tipi di strumento...

A prescindere da tutto a me piace basarmi soprattutto sulla mia esperienza diretta e personale e ti confermo che la soluzione di taratura nel mio caso non ha funzionato mentre utilizzando vari tipi di acqua minerale ed incrociando i dati ho una taratura pressochè perfetta.

Insomma: se ho 3 tipi di acqua ognuna con 3 valori diversi (e discordanti fra di loro del tipo acqua 1 700 acqua 2 500 acqua 3 300) ed inserisco il conduttivimentro e lo taro ed in tutti 3 i bicchieri ho il valore corrispondente a quanto indicato sulla bottiglia è chiaro e limpido che la taratura è corretta, suvvia.
Se utilizzo + acque ed i valori corrispondono a mio modo di vedere ci siamo alla grande.

Non si tratta di risparmio eh ma del fatto che se incroci i dati ed utilizzi + tipologie di acqua la taratura è cmq precisa, tanto come una soluzione specifica (che, ripeto, nel mio caso non ha funzionato).

Senza sapere ne leggere ne scrivere, consiglio di evitare di comprare la soluzione ma di utilizzare l'acqua minerale... questo è il senso.

Sia chiaro: sono 2 modi di agire corretti allo stesso modo... diverse vie, stesso risultato (poi ognuno in base alle sue esperienze decide quale intraprendere).


;)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: gerrylacorte, Ketto, Ronny e 9 ospiti