consigli per passare a gestione low tech

Galleggianti, palustri... acquatiche

Moderatori: Nijk, Marta

Avatar utente
matrix5
Ex-moderatore
Messaggi: 1644
Iscritto il: 10/09/14, 14:24

consigli per passare a gestione low tech

Messaggio di matrix5 » 19/08/2015, 18:46

Ciao a tutti, voglio approfittare di un inconveniente capitato ai pesci dell'acquario piccolo (30lt) per fare un cambio di gestione.. faticavo a tenere le caridina, il fondo fertile mi da problemi sia di gestione che estetici e quindi ho deciso di cambiare!

Per il fondo sono ancora indecisa se qualcosa di apposito per caridina, manado o semplice ghiaino inerte, vorrei levare la CO2 e tenere galleggianti, muschi Cryptocoryne, microsorum e anubias..

Delle attuali piante terrei: Cryptocoryne parva, microsorum, limnobium e riccia galleggianti e sono indecisa se tenere rotala indica e rotala rotundifolia (non so se senza CO2 ce la farebbero!)

cosa mi consigliereste di mettere per completare un po' il layout? Come crypto quali potrei aggiungere?

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17789
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

consigli per passare a gestione low tech

Messaggio di cuttlebone » 19/08/2015, 18:57

Con la tua bella vaschetta sei già a metà dell'opera [emoji6]
Fondo adatto per granulometria alle Neocaridine, un bel legno con funzione estetica ma anche acidificante.
Tante foglie sul fondo per ambrare ed acidificare l'acqua.
Muschi, tanti, epifite poco esigenti ed un paio di essenze, una efficiente come Egeria o Cerato ed una bella come Bacopa.
Qualche galleggiante a schermare la luce di una CFL da una 20 na di Watt.
Fertilizzazione ridotta ai minimi termini con un frammento di stick ogni tanto.
Puoi pensare seriamente di togliere anche il filtro [emoji6]


Alessandro
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
matrix5
Ex-moderatore
Messaggi: 1644
Iscritto il: 10/09/14, 14:24

Re: consigli per passare a gestione low tech

Messaggio di matrix5 » 19/08/2015, 19:01

cuttlebone ha scritto:Con la tua bella vaschetta sei già a metà dell'opera [emoji6]
Fondo adatto per granulometria alle Neocaridine, un bel legno con funzione estetica ma anche acidificante.
Tante foglie sul fondo per ambiare ed acidificare l'acqua.
Muschi, tanti, epifite poco esigenti ed un paio di essenze, una efficiente come Egeria o Cerato ed una bella come Bacopa.
Qualche galleggiante a schermare la luce di una CFL da una 20 na di Watt.
Fertilizzazione ridotta ai minimi termini con un frammento di stick ogni tanto.
Puoi pensare seriamente di togliere anche il filtro [emoji6]


Alessandro
Esatto hai capito perfettamente in che direzione voglio andare! (per il filtro se metto qualche pesce preferisco tenerlo!) penso che metterò l'egeria come rapida.. la bacopa senza CO2 non avrà problemi?

come luce ora ho due CFL una da 13W e una da 20W, forse potrei tenere solo quella da 20..

mi è venuta in mente una cosa.. se fosse usare la limnophila invece che l'egeria? la prenderei dall'acquario grosso senza andare a cercarla.. ma se è meglio l'egeria cerco quella!

Matteorall
Top User
Messaggi: 1474
Iscritto il: 22/01/15, 20:32
Contatta:

Re: consigli per passare a gestione low tech

Messaggio di Matteorall » 19/08/2015, 20:39

L'egeria è più veloce, ma in genere tutte quelle a stelo sono buone perchè crescono rapidamente, almeno rispetto alle altre.
Il filtro serve qualora tu voglia tenere più animali di quanti l'acquario senza di esso possa reggere, quindi, che pesci vuoi tenere?

Avatar utente
matrix5
Ex-moderatore
Messaggi: 1644
Iscritto il: 10/09/14, 14:24

Re: consigli per passare a gestione low tech

Messaggio di matrix5 » 19/08/2015, 22:44

matteo.rancan ha scritto:L'egeria è più veloce, ma in genere tutte quelle a stelo sono buone perchè crescono rapidamente, almeno rispetto alle altre.
Il filtro serve qualora tu voglia tenere più animali di quanti l'acquario senza di esso possa reggere, quindi, che pesci vuoi tenere?
ah non lo so.. una decina di nanofish massimo insieme alle caridina.. ma non credo di rimettere le galaxy, o boraras o erythromicron

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17789
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Re: consigli per passare a gestione low tech

Messaggio di cuttlebone » 20/08/2015, 1:00

Bacopa e Egeria campano bene anche senza CO2
La Limno non saprei...
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20493
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: consigli per passare a gestione low tech

Messaggio di Rox » 20/08/2015, 3:43

Scusate ragazzi... ma quanta roba pensate di metterci, in 30 litri? :(
Considerando che i muschi sono obbligatori (con relativi legni), secondo me lo spazio è già finito così.
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
matrix5
Ex-moderatore
Messaggi: 1644
Iscritto il: 10/09/14, 14:24

Re: consigli per passare a gestione low tech

Messaggio di matrix5 » 20/08/2015, 8:16

Rox ha scritto:Scusate ragazzi... ma quanta roba pensate di metterci, in 30 litri? :(
Considerando che i muschi sono obbligatori (con relativi legni), secondo me lo spazio è già finito così.
Quindi dici di non mettere ne egeria ne bacopa?
Un paio di piante a stelo pensavo di metterle se no rimane troppo vuoto..

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17789
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Re: consigli per passare a gestione low tech

Messaggio di cuttlebone » 20/08/2015, 8:43

Oh, io parlavo di 4/5 steli per ciascuna essenza, mica un bosco [emoji6]
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6867
Iscritto il: 30/08/14, 23:13

Re: consigli per passare a gestione low tech

Messaggio di darioc » 20/08/2015, 9:49

Posso testimoniare che la Rotala rotundifolia vive senza CO2.
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti