Cardinali appena acquistati e problematiche

Alimentazione, malattie, organismi spontanei

Moderatori: lauretta, Marah-chan, fernando89

Avatar utente
Slevin
star3
Messaggi: 225
Iscritto il: 09/08/18, 16:46

Cardinali appena acquistati e problematiche

Messaggio di Slevin » 12/10/2018, 23:37

Buonasera,
giovedì mattina sono andato in negozio ed ho comprato 16 cardinali, il tipo del negozio ne ha levato via uno tra quelli pescati perché secondo Lui non stava bene.. per poi inserirlo nell'acqua dove stanno le piante e ci sono altri pesciolini sparsi qui e là .. a questo punto presumo siano i "malaticci" che raccolgono in quella zona .. e mi chiedo: ma va bene metterli nell'acqua delle piante??

va beh andiamo oltre... mi dice che sono di una buona partita, non sò come faccio a dirlo ma va bene pure questo, e mi avverte per l'inserimento di fare con molto calma l'acclimatazione.

E qui ho fatto una cazzata probabilmente, ero stretto con i tempi e ho dovuto fare tutto nel giro di 1 ora

ho messo il sacchetto dentro l'acquario e lasciato così per 15 minuti
dopo i 15 min l'ho aperto ed aggiunto 1/3 di bicchiere di plastica
dopo 10 minuti ho aggiunto un altro mezzo bicchiere
dopo 10 minuti un 3/4 di bicchiere
dopo 10 minuti un bicchiere intero
dopo altri 10 minuti li ho dovuti inserire in acquario: prelevandoli con un retino e buttando via tutta l'acqua della sacca di plastica

corro al lavoro e mi dimentico di settare off l'illuminazione.. dunque si è accesa alle 18 ed io sono tornato a casa alle 19.45 .. sembra tutto ok.. tanto che decido di non spegnerla.. e addirittura di dare loro un po' di cibo.. mangiano tutto nel giro di pochi secondi... e solo a questo punto noto che uno di loro aveva il pancino un po' gonfietto.. faccio ricerche e già tempo per l'idropsia.. non sò se toglierlo e lasciarlo.. lo lascio.

Stasera torno a casa alle 19.30 e in acquario noto un cardinale che sta fermo a metà vasca senza seguire gli altri, osservato per 15 minuti e mai mosso, ed un altro (quello con la pancia gonfietta di ieri sera) che pare far fatica a stare al passo con gli altri.
Decisione drastica e poco umana: prendo il retino e faccio eutanasia per non compromettere la vita degli altri..

Ora sò che sono stato crudele, ma
1- non ho una vasca di quarantena
2- non ho gli antibiotici

ho letto tantissime discussioni sull'argomento.. probabilmente quei 2 pesciolini erano con il sistema immunitario basso e si sono ammalati (stress?) .. me lo auguro e spero di averli tolti in tempo per non arrischiare gli altri che per il momento sembrano stare benone.




inoltre aggiungo se sia normale che i cardinali stiano sempre nella zona di primo piano dell'acquario e non vadano mai per sbaglio in quella posteriore, nuotano costantemente avanti ed indietro in zona primo piano.. mai che nemmeno 1 si addentri all'interno dell'acquario.
Infine: devo dargli da mangiare tutti i giorni? e quanto? ..le luci oggi sono accese, spero di non aver sbagliato

Ho fatto bene? che dovevo fare? cosa mi consigliate di fare?

Grazie per chi mi saprà essere di aiuto
Ultima modifica di fernando89 il 13/10/2018, 20:02, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Modificato titolo

Avatar utente
lauretta
Moderatore Globale
Messaggi: 10741
Iscritto il: 10/04/17, 13:44

Cardinali, idropsia?

Messaggio di lauretta » 13/10/2018, 1:47

Ciao @Slevin :)

Slevin ha scritto: Ora sò che sono stato crudele, ma
1- non ho una vasca di quarantena
2- non ho gli antibiotici
:-?
Da queste tue parole, mi viene da escludere che tu abbia aperto il topic per chiedere come poter curare altri pesci che dovessero mostrare sintomi di malattie.
Oppure ho inteso male? :-\

Un paio di info generiche:
- la "vaschetta di quarantena" può essere anche un contenitore da pochi euro sui 5 litri, tipo le Samla di Ikea :)
- non sempre è necessario usare un antibiotico per curare i pesci, ovviamente dipende dal tipo di malattia. Alcune cure prevedono l'acquisto di medicinali in farmacia, e non sempre è necessaria la ricetta (spesso si riesce ad avere anche gli antibiotici senza ricetta, spiegando che si dovranno usare per dei pesci).

Non avendo visto neanche una foto, non sono in grado di dirti se il "pesce gonfio" soffriva di idropisia.
Quello che posso dirti è che escludo - nel caso si sia trattato di idropisia - che questa possa essere stata causata nel giro di poche ore da un'acclimatazione errata e da stress.
L'idropisia è la forma conclamata di un insieme di concause. Il pesce in questione quindi doveva essere già debilitato da prima che tu lo acquistassi, anche se il gonfiore potrebbe essersi manifestato in seguito allo stress del cambio vasca.

Riguardo l'altro pesce "fermo a metà vasca", dalla sintetica descrizione del suo comportamento so neanche dirti se era davvero malato oppure soltanto temporaneamente isolato dal banco, magari per una lite con un altro pesce :-??

Per approfondire le operazioni di acclimatazione e inserimento di nuovi pesci in acquario (soprattutto in considerazione della quarantena a cui ti consiglio di sottoporre i prossimi pesci che prenderai) puoi leggere questi due articoli:
Metodo per l'acclimatazione dei nostri pesci ...
Inserimento e quarantena dei nuovi pesci ...


Per tutte le domande specifiche sulle esigenze dei Cardinali e su come comportarti per allevarli al meglio (alimentazione, valori dell'acqua, allestimento, compagni di vasca...), ti consiglio di aprire un topic in sezione Caracidi e Ciprinidi ;)

Lì sapranno dirti se la vasca è allestita correttamente per questi bellissimi pescetti, e se il comportamento che stanno mostrando è solo temporaneo a causa del nuovo habitat oppure se è sintomatico di qualcosa che non va (di getto, mi viene da dire che probabilmente dovresti schermare un po' la luce, ma non avendoli mai avuti non ne sono sicura).

Io intanto ti consiglio la lettura di questo articolo: Paracheirodon, il genere più diffuso :)
i pignoli salveranno il mondo!! ... in ritardo ... :-!!!

Avatar utente
Slevin
star3
Messaggi: 225
Iscritto il: 09/08/18, 16:46

Cardinali, idropsia?

Messaggio di Slevin » 13/10/2018, 11:51

@lauretta

Anzitutto grazie per l'intervento esaustivo! Ottimi i link di acclimatazione e quarantena che mi hai passato, li ho letti immediatamente e procederò presto a procurarmi una vaschetta come quella del sito per l'inserimento e quarantena futura di pesci acciaccati (sperando non succeda).
Il link sui Cardinali invece l'avevo già letto, ma ovviamente grazie anche per quello :)

Stamane ho fatto per l'ultima volta il cattivo, sono andato a vedere e c'era un Cardinale che se ne stava mezzo storto in un angolo in basso ed era quello che ieri sera presentava la coda mangiata.. avevo dubbi e l'avevo lasciato poiché ieri sera nuotava comunque con gli altri, seppur tendeva a voler andare contro corrente della pompa di aerazione .. quindi stamane l'ho levato e ho fatto eutanasia anche per lui :(
Confesso che mi sento male quando lo faccio, poiché non ho dato loro una possibilità di poter guarire. Possa io essere perdonato.
Ma il panico era una pandemia anche per gli altri.. mentre ora almeno sono sicuro che tutti quelli che sono rimasti in acquario stanno al momento benone, quindi d'ora in avanti se si ammalerà qualche altro comincerò a pensare che ci sia qualcosa di batterico in acqua.. spero di no!

L'inserimento giovedì purtroppo l'ho fatto non seguendo le linee guida, ed evidentemente i 3 pesciolini ammalati erano quelli che non hanno sopportato il cambio di habitat, voglio pensarla così. Faccio bene?

Oggi passo in negozio e compro una quarantena e la riempo con acqua dell'acquario, mentre nell'acquario rabbocco con acqua di osmosi.
Posso secondo voi comprare altri Cardinali e metterli in quarantena, seguendo il metodo di acclimatazione, e poi successivamente inserirli in acquario con gli altri? Riseguendo il metodo di acclimatazione? Solo un paio di cose non mi sono chiare: il sale non iodato va messo anche per i nuovi arrivati nella quarantena o solo per quelli malati, e dopo quanto tempo posso spostare i nuovi arrivati dalla quarantena all'acquario?

Ultima cosa: vorrei evitare di aspirare l'acqua dell'acquario, per evitare la rara situazione di contrarre patogeni, c'è un altro metodo per riuscire ad aspirare l'acqua dell'acquario? Pensavo: se utilizzassi un sifone per lo sgocciolamento? attaccando un tubo cristal nella parte dove c'è il sacchetto raccogli rifiuti e l'altra estremità collegandola con il tubo del regolatore?

Grazie :)

Avatar utente
Slevin
star3
Messaggi: 225
Iscritto il: 09/08/18, 16:46

Cardinali, idropsia?

Messaggio di Slevin » 13/10/2018, 14:23

Aggiornamento rapido:

verso le 12.30 ho trovato un cardinale morto attaccato al risucchio del filtro.. non ci potevo credere in quanto sono certo che alle 11.30 stavano tutti benissimo

dunque li ho osservati un po' prima (15 minuti a luci spente - le luci si accendono dalle 17.30 alle 00.30) e ho notato che all'interno del branco bisticciano :-l
nel senso che non capisco se sia sempre lo stesso perchè sono velocissimi, ma c'è 1 o forse 2 ( non lo sò) che attaccano gli altri ... è un comportamento normale?

non vorrei ieri aver ucciso un pesce che si era isolato per litigio @-)

e mi chiedo: è possibile che i Cardinali possano arrecarsi ferite mortali? non mi spiego se no la morte in nemmeno 1 ora di un pesce che prima sembrava essere a a posto.. ~x(

fatto sta che dai 15 cardinali d'origine, da giovedì mattina ad ora, ne sono rimasti 11 ~x(

Avatar utente
Marah-chan
Moderatore Globale
Messaggi: 3395
Iscritto il: 22/01/15, 18:30

Cardinali, idropsia?

Messaggio di Marah-chan » 13/10/2018, 15:23

Hai modo di fare delle foto ai tuoi pesci? Sei sicuro che non abbiano ferite o altro? I valori dell’acqua hai modo di misurarli?
“The mind is its own place, and in itself can make a heaven of hell, a hell of heaven..”
― John Milton, Paradise Lost[/size][/color]

Avatar utente
Slevin
star3
Messaggi: 225
Iscritto il: 09/08/18, 16:46

Cardinali, idropsia?

Messaggio di Slevin » 13/10/2018, 16:16

Marah-chan ha scritto: Hai modo di fare delle foto ai tuoi pesci? Sei sicuro che non abbiano ferite o altro? I valori dell’acqua hai modo di misurarli?
i miei valori sono, calcolati adesso tramite le striscette della tetra 6 in 1:
Nitrato e Nitriti a 0
Durezza totale a 9
durezza carbonatica a 14
pH 7.4
cloro 0
diossido di carbonio 14

Purtroppo i morti li ho eliminati senza fotografarli e non ho più modo di recuperarli. Ne ho estratti comunque via 2 da vivi: uno perchè stava fermo in solitario in acquario e aveva un respiro affannato e l'altro perchè aveva la pancia gonfia e si muoveva anche Lei decisamente meno degli altri e non in branco. E prima purtroppo ne ho trovato uno morto attaccato al risucchio del filtro, quando 1 ora prima stava almeno all'apparenza benissimo. Era smilzo e non saprei dire..

io ho 10 Caridina japoniche.. e ho notato che 1 di loro è un po' più grande delle altre.. è possibile che attacchino i Cardinali?

Avatar utente
lauretta
Moderatore Globale
Messaggi: 10741
Iscritto il: 10/04/17, 13:44

Cardinali appena acquistati e problematiche

Messaggio di lauretta » 14/10/2018, 11:15

Slevin ha scritto: il panico era una pandemia anche per gli altri..
#-o
Slevin, ti confesso che mi sembri un filino ansiosetto... :-t

Hai mai considerato che, prima di metterli nel tuo acquario, questi pesci hanno passato chissà quanto tempo assieme, uno vicino all'altro, nella vasca del negozio? E prima nel sacchetto del trasporto del fornitore del negozio? E prima ancora nella sua vasca chissà dove?...

Quello che sto cercando di dirti è che i pesci che mostrano sintomi qui nel tuo acquario, al 99% erano già debilitati in precedenza!
Un giorno in più o in meno assieme ai loro compagni non fa differenza rispetto alla "pandemia" di cui hai paura!!

Il discorso sarebbe diverso se tu avessi in acquario pesci sani, una situazione stabile, e improvvisamente aggiungessi pesci nuovi!
Ecco perchè sarebbe importante far fare ai pesci nuovi la quarantena descritta nell'articolo.

Quindi per favore, adesso fai un bel respiro e tieni giù le mani dalla vasca per un secondo!! :-bd

Slevin ha scritto: ora almeno sono sicuro che tutti quelli che sono rimasti in acquario stanno al momento benone
Tutta questa sicurezza sinceramente non so da dove ti possa venire.
Non dare per scontato che i pesci nei negozi siano sempre tutti sani, purtroppo la maggior parte delle volte non è così.
Però se l'habitat e l'alimentazione che gli metti a disposizione sono giusti per loro, anche quelli che hanno eventualmente piccoli problemi possono tornare in salute.
Si tratta di dargli il tempo di abituarsi al nuovo ambiente, abbassare il livello di stress (la prima causa di malattie nei nostri pesci) e rafforzare il loro sistema immunitario :)
Se poi ci fossero pesci che mostrano malattie conclamate, allora puoi fare due cose: spostarli in una vaschetta di quarantena per tentare di curarli, oppure ucciderli.
Ma, Slevin, te lo dirò direttamente, per la massima trasparenza: se intendi ucciderli, allora possiamo chiudere questo topic in Acquariologia Generale, perchè in questa sezione cerchiamo di individuare le malattie per provare a curarli!
E' come se tu andassi in ospedale a chiedere se hai fatto bene a uccidere un paio di amici malaticci per evitare pandemie nel gruppo del sabato sera!!! :))
Ipotesi non supportata da alcuna prova, direi... :-??

Slevin ha scritto: se si ammalerà qualche altro comincerò a pensare che ci sia qualcosa di batterico in acqua
Slevin ha scritto: Oggi passo in negozio e compro una quarantena e la riempo con acqua dell'acquario, mentre nell'acquario rabbocco con acqua di osmosi.
La vaschetta di quarantena si riempie solo quando serve, è un contenitore vuoto con dell'acqua. Al massimo, per attrezzarla potrebbe servire un riscaldatore, e a volte è utile anche un aeratore.

Se dall'acquario togli l'acqua e la sostituisci con quella di osmosi otterrai un abbassamento delle durezze (stai togliendo acqua con sali e aggiungendo acqua senza sali). Normalmente, per mantenere la giusta stabilità di valori in acquario, dovresti sostituire con acqua agli stessi valori di quella tolta :)

Slevin ha scritto: Posso secondo voi comprare altri Cardinali
Credo che sia ancora presto. Quelli che hai in vasca li hai messi mi pare da meno di una settimana, no?
Aspetta che la situazione si sia stabilizzata, e soprattutto sistema prima i valori dell'acqua, perchè mi sembrano parecchio sballati, soprattuto per i cardinali.

Slevin ha scritto: il sale non iodato va messo anche per i nuovi arrivati nella quarantena o solo per quelli malati, e dopo quanto tempo posso spostare i nuovi arrivati dalla quarantena all'acquario?
Stai attento con il sale, perchè se non sbaglio i cardinali non lo tollerano :-?
La quarantena dovrebbe durare qualche giorno, anche una settimana. Non c'è una durata stabilita.
Sarà il tempo che ti servirà per capire se qualche pesce mostra segni di parassitosi o malattie.

Slevin ha scritto: vorrei evitare di aspirare l'acqua dell'acquario, per evitare la rara situazione di contrarre patogeni, c'è un altro metodo per riuscire ad aspirare l'acqua dell'acquario? Pensavo: se utilizzassi un sifone per lo sgocciolamento? attaccando un tubo cristal nella parte dove c'è il sacchetto raccogli rifiuti e l'altra estremità collegandola con il tubo del regolatore?
Non so cosa sia il "sifone per lo sgocciolamento" :-??
Comunque sarà sufficiente usare un tubo che avrai parzialmente riempito con acqua di rubinetto, tenendo tappate con i pollici le due estremità. Ne metti una in acqua e l'altra in un secchio, togli le dita liberando il tubo e l'acqua scenderà verso il secchio :)

Slevin ha scritto: è possibile che i Cardinali possano arrecarsi ferite mortali?
Come dicevo, le domande sul comportamento specifico dei Cardinali dovresti farle nella sezione Caracidi e Ciprinidi.
Vediamo se @Monica e @stefano94 ci sanno aiutare :)
Slevin ha scritto: non vorrei ieri aver ucciso un pesce che si era isolato per litigio
Già... :-!!!
Slevin ha scritto: ho 10 Caridina japoniche.. e ho notato che 1 di loro è un po' più grande delle altre.. è possibile che attacchino i Cardinali?
No, a meno che un pesce non giaccia morente da qualche parte, allora le Caridina ne approfitterebbero.

Slevin ha scritto: Durezza totale a 9
durezza carbonatica a 14
Questo è strano, il KH è molto più alto del GH. Questo fa pensare ad acqua carica di sodio... Non avevi già un topic aperto in Primo acquario? Hai verificato i valori con loro?
Slevin ha scritto: pH 7.4
Il pH mi sembra decisamente troppo alto per i Cardinali, se non sbaglio vogliono pH acido... :-?
i pignoli salveranno il mondo!! ... in ritardo ... :-!!!

Avatar utente
Monica
Moderatore Globale
Messaggi: 23144
Iscritto il: 26/02/16, 19:05

Cardinali appena acquistati e problematiche

Messaggio di Monica » 14/10/2018, 12:44

I valori sono da abbassare, era stato detto in allestimento :) sinceramente io mi ero fossilizzata sui Nitriti e mi erano sfuggiti, ma per fortuna é comparso Gem :) sono comunque pesci appena inseriti in un acquario con piante non ancora al 100% devono ambientarsi, non far fuori un pesce solo perché ti sembra strano Slevin, ha veramente poco senso :) tieni monitorati gli altri e segui i consigli delle ragazze :) se hai qualunque dubbio scrivi

Posted with AF APP
...So close, no matter how far
Couldn't be much more from the heart...
And nothing else matters

Avatar utente
Slevin
star3
Messaggi: 225
Iscritto il: 09/08/18, 16:46

Cardinali appena acquistati e problematiche

Messaggio di Slevin » 14/10/2018, 18:12

@lauretta @Monica

Grazie!!

Per prima cosa: i pesciolini stanno benone e sono contentoni! :-*
Nuotano tutti pacificamente in gruppo ora, e sono tutti belli luminosi e sembrano tutti magri e in forma!

Vediamo di rispondere a tutto ora :)

Inizio dalla fine, dai valori della mia acqua, e come premessa dico che sono valori "dubbi" nel senso che li calcolo sempre con le strisce della tetra 6in1 ed uso l'app per tirare giù i risultati.. quindi potrebbero lasciare il tempo che trovano. Devo decidermi a portare l'acqua in negozio e farmela controllare, o comprare tutti i kit per farmelo da solo (ma costicchiano parecchio)
Ad ogni modo avevo letto che i Cardinali sono pesci da range basico, ossia pH intorno al 6/6,5 ma che si adattano anche a pH fino ai 7,5 :-?
quindi sarebbe ottimo viste le mie condizioni attuale di togliere acqua dell'acquario e cambiarla con solo osmotica (per abbassarne la durezza), se ho capito male ditemelo!

Come faccio altrimenti ad abbassare il KH? per il pH quando mi arriva l'ultimo pezzo dalla Cina per l'impianti di CO2 si dovrebbe abbassare.. ci sono altri modi per riuscirci? l'acqua purtroppo è quella che è .. e già l'ho tagliata con un 40% di osmosi quando lo riempii e 60% di rubinetto.

Sulla tirata di orecchie sulla gestione dei pesci "malaticci", direi severa ma giusta. In futuro agirò in termini diversi, e la quarantena sarà il passaggio che mi è mancato a questo giro. Sono il primo a dispiacermene :(

Avatar utente
lauretta
Moderatore Globale
Messaggi: 10741
Iscritto il: 10/04/17, 13:44

Cardinali appena acquistati e problematiche

Messaggio di lauretta » 15/10/2018, 12:00

Slevin ha scritto: avevo letto che i Cardinali sono pesci da range basico, ossia pH intorno al 6/6,5 ma che si adattano anche a pH fino ai 7,5
È buona norma non tenersi mai sui valori più estremi dei range indicati. Soprattutto, se vuoi vederli in salute, tieniti sotto pH 7 :)
Slevin ha scritto: sarebbe ottimo viste le mie condizioni attuale di togliere acqua dell'acquario e cambiarla con solo osmotica (per abbassarne la durezza), se ho capito male ditemelo!
Corretto :)
Se vuoi una mano ad aggiustare i valori dell'acqua apri un topic in Chimica o continua in Primo Acquario :)

Slevin ha scritto: Come faccio altrimenti ad abbassare il KH?
CO2, pH e KH: spiegazione semplice dell'effetto-tampone ...
Riflessioni su GH, KH, pH ed EC ...
:)
Per tutto il resto, c'è la sezione di Chimica ;)

Slevin ha scritto: Sono il primo a dispiacermene
Il secondo! I primi sono stati i pesci... :-??

Posted with AF APP
i pignoli salveranno il mondo!! ... in ritardo ... :-!!!

Bloccato

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Caipi, Google [Bot] e 9 ospiti