cardinali Vari sintomi

Alimentazione, malattie, organismi spontanei

Moderatori: Marah-chan, lauretta, fernando89

Avatar utente
fernando89
Moderatore Globale
Messaggi: 16535
Iscritto il: 27/11/15, 14:57

Re: Come salvare i miei Cardinali? Vari sintomi

Messaggio di fernando89 » 24/03/2016, 12:39

usate del betadine su pesci così piccoli può causare problemi..se gli finisce in branche o occhi facciamo danno
Amo è la parola più pericolosa per il pesce e per l'uomo

Avatar utente
Jovy1985
Ex-moderatore
Messaggi: 16682
Iscritto il: 19/10/13, 12:53

Re: Come salvare i miei Cardinali? Vari sintomi

Messaggio di Jovy1985 » 24/03/2016, 13:54

Stai andando benissimo alex ;) metti meno artemia e più mangime :-bd
"Tu non sei il pastore....tu sei la pecora!" Charles Vane ( Black Sails)[/size]

Avatar utente
Alex_N
star3
Messaggi: 456
Iscritto il: 27/01/16, 15:50
Contatta:

Re: Come salvare i miei Cardinali? Vari sintomi

Messaggio di Alex_N » 25/03/2016, 11:43

Anche oggi hanno mangiato.
Le code corrose ci sono ancora, ma senza patina bianca e il taglio sembra più pulito. Quello che aveva la "sella" ha la base della dorsale opaca, e basta. Tutti gli altri come prima, forse un po' più vivaci perché ho risistemato l'Egeria dandogli più spazio, o perché mangiano di più e meglio.
Credo che in giro ci siano sempre degli ectoparassiti, avevo visto un tetra grattarsi l'altro giorno.
Alessandro

Avatar utente
Jovy1985
Ex-moderatore
Messaggi: 16682
Iscritto il: 19/10/13, 12:53

Re: Come salvare i miei Cardinali? Vari sintomi

Messaggio di Jovy1985 » 25/03/2016, 12:11

Quelli l antibiotico non può farli andare via.

Se becchi quello con la "sella",gli possiamo fare un bagno a parte
"Tu non sei il pastore....tu sei la pecora!" Charles Vane ( Black Sails)[/size]

Avatar utente
Alex_N
star3
Messaggi: 456
Iscritto il: 27/01/16, 15:50
Contatta:

Re: Come salvare i miei Cardinali? Vari sintomi

Messaggio di Alex_N » 25/03/2016, 12:59

Jovy1985 ha scritto:Se becchi quello con la "sella",gli possiamo fare un bagno a parte
Fosse facile, è della categoria "piccoli e velocissimi"! Mi costringerebbe ad attuare il piano B, difficilmente attuabile per me, ovvero smontare tutto.
Comunque non ce l'ha più, ha la patina solo sulla dorsale, alla base dei raggi ma non sulle scaglie del dorso, e pure meno opaca sembrerebbe. Intanto vorrei continuare con la terapia attuale e vedere se migliora e quanto... il primo giorno sembrava avere anche il ventre un po' gonfio e scolorito solo da un lato e tale sintomo è completamente scomparso.

Se vedessi miglioramenti ma la malattia non fosse del tutto scomparsa dopo i 10 giorni, quando dovrei riprendere a curarli?
Alessandro

Avatar utente
Jovy1985
Ex-moderatore
Messaggi: 16682
Iscritto il: 19/10/13, 12:53

Re: Come salvare i miei Cardinali? Vari sintomi

Messaggio di Jovy1985 » 25/03/2016, 22:36

Semplicemente...prosegui fino alle 2 settimane ;)
"Tu non sei il pastore....tu sei la pecora!" Charles Vane ( Black Sails)[/size]

Avatar utente
Alex_N
star3
Messaggi: 456
Iscritto il: 27/01/16, 15:50
Contatta:

Re: Come salvare i miei Cardinali? Vari sintomi

Messaggio di Alex_N » 27/03/2016, 12:46

Aggiorno: il "sellato" quasi non lo distinguo più dagli altri di pari dimensione, ha un'opacità scarsamente percepibile sulla dorsale. I due con le code malridotte invece non capisco se stanno migliorando o meno, il più grosso sembra messo meglio, forse è in rigenerazione. Se riesco magari domani li fotografo, con mooolta pazienza.

Ormai mi sa che Epistylis gira un po' dappertutto, forse era arrivato già in origine coi Cyclops. Potrebbe essere la causa della macchia sulla pinna adiposa di un esemplare e magari costituire l'infestazione principale di cui Flavobacterium ha approfittato (?).
Ho letto di uno studio scientifico in cui lo ammazzavano completamente in vivo sulla tilapia del Nilo a colpi di Humate®, ovvero acidi umici, ulmici e fulvici a 3 mg/l (guardacaso non è stato rilevato proprio in laghi con enorme apporto di sostanze umiche)... ma allora il filtraggio su torba non dovrebbe averlo già fatto secco? Uso quella della Sera, magari è troppo blanda e per questo non mi ha mai portato a crolli di pH.
Alessandro

Avatar utente
Alex_N
star3
Messaggi: 456
Iscritto il: 27/01/16, 15:50
Contatta:

Re: Come salvare i miei Cardinali? Vari sintomi

Messaggio di Alex_N » 30/03/2016, 16:54

Ottavo giorno... "Sellato" e quell'altro con la coda rovinata non li distinguo più dagli altri sani! Mi ha stupito in particolare la risposta del secondo, già un paio di giorni fa l'infezione stava regredendo e oggi la coda è ricresciuta, perfetta!
Invece il terzo esemplare infetto, che è l'ultimo nella gerarchia della vasca, ha la coda messa parecchio male... l'infezione sul lobo inferiore è proseguita lentamente, ancora senza raggiungere la metà della pinna, su quello superiore c'è una sfrangiatura comparsa oggi. Anche quell'altro aveva assunto un aspetto non proprio bellissimo ed è guarito o sembra, ma ai pasti si riempie come una botte.
Purtroppo questo invece non si ingozza, è quasi al limite ma la pancia non è proprio sempre piatta come una tavola, segno che mangia qualche microbo di cibo.
Da come lo vedo non mi sembra rifiutare il cibo, se non magari i pezzi più grossi, ma ha sempre avuto l'aspetto "da deboluccio" e i granuli gli vengono spesso sottratti dai compagni più forti.
La cura su di lui non è molto efficace: pensavo di prolungarla a due settimane, ma se non funziona lo pesco per un bagno (sempre amoxicillina?).
Si direbbe l'unico peggiorato da quando ho aperto il topic ad oggi.
Per il discorso prevenzione... se non guarisce e non riesco a isolarlo tempestivamente, il batterio tornerà a dettar legge nel branco?
Alessandro

Avatar utente
Jovy1985
Ex-moderatore
Messaggi: 16682
Iscritto il: 19/10/13, 12:53

Re: Come salvare i miei Cardinali? Vari sintomi

Messaggio di Jovy1985 » 30/03/2016, 17:47

L esemplare che non si riprende cercherei di pescarlo e trattarlo a parte.

Per tutti gli altri invece, arrivati a 10 giorni, sospenderei il medicinale ;)
"Tu non sei il pastore....tu sei la pecora!" Charles Vane ( Black Sails)[/size]

Avatar utente
Alex_N
star3
Messaggi: 456
Iscritto il: 27/01/16, 15:50
Contatta:

Re: Come salvare i miei Cardinali? Vari sintomi

Messaggio di Alex_N » 30/03/2016, 22:29

Allora a questo punto dopodomani (domani non credo mi sia possibile), finito col pastone, cercherò di isolarlo, e se proprio non trovo un posto dove metterlo potrei tenerlo in una qualche vaschetta galleggiante, è un pescetto minuscolo e magrolino, quasi anoressico...
va bene sempre lo stesso antibiotico, vero?

EDIT: Già, che stupido, non posso usarlo sotto le luci quindi niente vaschetta galleggiante, se non oscurata.
Alessandro

Bloccato

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti