diffusore CO2 nuova idea (almeno credo)

Non solo per risparmiare, ma anche per divertirsi

Moderatori: Steinoff, merk

Rispondi
Avatar utente
Tritium
star3
Messaggi: 26
Iscritto il: 29/09/17, 16:32

diffusore CO2 nuova idea (almeno credo)

Messaggio di Tritium » 03/10/2017, 23:35

Giordano16491 ha scritto: Se il pH è sceso significa che non ci sono perdite..
Non è un po' un azzardo imputare il cambio di 0.5 pH solo alla CO2 casalinga?

Comunque l'idea del corrugato ci starebbe. Bisognerebbe vedere se il Reynolds è abbastanza elevato da far passare il flusso da laminare a turbolento. Perché se così non fosse, forse le bolle tendono a salire verso l'alto nel tubo orizzontale (nonostante la corrente.. fanno un moto parabolico inverso) e si incastrano tra le conche del corrugato. Prova a dare una bella stecca al tubo, e vedi se esce della CO2 incastrata.

PS. "Stecca" termine tecnico

Avatar utente
nicolatc
PRO Chimica
Messaggi: 3083
Iscritto il: 27/02/17, 16:59

diffusore CO2 nuova idea (almeno credo)

Messaggio di nicolatc » 05/10/2017, 16:47

Tritium ha scritto: Non è un po' un azzardo imputare il cambio di 0.5 pH solo alla CO2 casalinga?
Beh, se poco prima della modifica il pH era 7,5 e poco dopo la modifica è sceso a 7, e se non ha cambiato acqua, a cosa altro possiamo imputare quel mezzo punto di pH in meno se non ad una maggiore CO2 disciolta? :-??

Avatar utente
smon
star3
Messaggi: 228
Iscritto il: 07/09/15, 15:37

diffusore CO2 nuova idea (almeno credo)

Messaggio di smon » 05/10/2017, 19:03

Scusate se mi faccio vivo solo ora. Devo dire delle precisazioni:
Il corrugato che ho io é un pezzo di tubo grigio tagliato dallo scarico della condensa del climatizzatore, e nella mia ignoranza ho parlato di corrugato per elettricisti pensando fosse uno standard e potesse essere di varie colorazioni.
Il tubo del venturi, prima liscio e ora corrugato é lungo c.a un metro, l’acquario è 100l lordi e la pompa se non ricordo male dovrebbe essere o 400 l/h o 300, Non ricordo.
Adesso se aumento il numero di bolle qualcosa esce, quindi secondo me è come diceva Giordano16491 e Tritium all’inizio non usciva niente perché la CO2 doveva riempire tutte le spirali.
Una volta riempite piano piano (credo) si sciolgono bene, complice anche l’acqua che comunque dovrebbe avere un flusso non proprio lineare visto le spire che creano “attrito”.
Giordano16491 non penso ci possa essere uno sbalzo di CO2. E poi, a pensarci bene, con qualsiasi sistema fai da te uno sbalzo la CO2 lo fa: sia se fatta con acido citrico e ancor più col sistema del lievito, sia all’inizio (lievito) che alla fine quando diminuisce la pressione diminuisce anche l’erogazione.
Penso anzi che il tubo corrugato (una volta stabilizzato) potrebbe fare da “tampone” ad una minore erogazione dovuta alla CO2 in esaurimento, perché ha una riserva nelle spirali. una volta sostituite le bottiglie esaurite con quelle nuove basta aprire per un po’ la valvola del contabolle fino a quando non si vede uscire la CO2 in acqua, per ripristinare il tutto.
Naturalmente questo a livello teorico O:-)
Comunque questa notte o la prossima provo a togliere il frangigetto per vedere se è ancora utile o meno, e provo anche a dare una “stecca” al tubo.
Per gli sperimentatori sarebbe utile vedere se si potrebbe usare un pezzo di tubo corrugato più corto.

Avatar utente
Tritium
star3
Messaggi: 26
Iscritto il: 29/09/17, 16:32

diffusore CO2 nuova idea (almeno credo)

Messaggio di Tritium » 05/10/2017, 19:51

nicolatc ha scritto:
Tritium ha scritto: Non è un po' un azzardo imputare il cambio di 0.5 pH solo alla CO2 casalinga?
Beh, se poco prima della modifica il pH era 7,5 e poco dopo la modifica è sceso a 7, e se non ha cambiato acqua, a cosa altro possiamo imputare quel mezzo punto di pH in meno se non ad una maggiore CO2 disciolta? :-??
La temperatura, ad esempio. 5°C danno una differenza di circa 0.3 pH. Contando che le misurazioni danno su un range di pH (da 7 in su, da 7.5 in su ecc, bastava che fossi a 7.52 e ti veniva segnato col colorante un 7.5 pH, ma perdendo 0.03, sei a 7.49, rilevato come pH 7. il viraggio purtroppo è "quantizzato", non ha scale intermedie

Avevi omesso la questione del metro di tubo. A sto punto direi al 90% che le bolle vanno "a galla" e si piantano nella spirale, con tutta sta strada da fare
smon ha scritto:
05/10/2017, 19:03
una volta sostituite le bottiglie esaurite con quelle nuove basta aprire per un po’ la valvola del contabolle fino a quando non si vede uscire la CO2 in acqua, per ripristinare il tutto.
Mmh no, non è necessario. Ipotizzando che le cose stiano come abbiamo detto, cioè che la CO2 si incastra nei tubi (bella cosa, perchè ha tempo di sciogliersi tutta), non serve che tu faccia uscire bolle sparando a mille la valvola.

Seguimi nel ragionamento: Facciamo che il corrugato abbia 1 spira a cm, 100 spire. La pompa ha una velocità che, tra tutti i casini fluidodinamici che avvengono lì dentro, fa si che la PRIMA spira ad essere occupata è la 30°. Hai cioè 70 spire buone per ospitare CO2. Bene o male, qualsiasi sia il tuo dosaggio normale, hai un range piuttosto ampio per far sciogliere la CO2. Metti che in modalità normale fai dalla spira 30 alla 70 (30-70). Se spingi di più arrivi a 30-90, se cali, arrivi a 30-40. Ipoteticamente il tuo tubo non si saturerà mai, ma meglio così, vuol dire che tu non vedrai mai uscire la CO2, perchè questa è tutta incastrata e riesce a sciogliersi prima che se ne incastri altra. È un ciclo continuo.
Far ultra-saturare il tubo (facendo uscire CO2 "a vista") sarebbe uno spreco
Questi utenti hanno ringraziato Tritium per il messaggio:
smon (06/10/2017, 1:59)

Avatar utente
nicolatc
PRO Chimica
Messaggi: 3083
Iscritto il: 27/02/17, 16:59

diffusore CO2 nuova idea (almeno credo)

Messaggio di nicolatc » 05/10/2017, 21:10

Tritium ha scritto: Contando che le misurazioni danno su un range di pH (da 7 in su, da 7.5 in su ecc, bastava che fossi a 7.52 e ti veniva segnato col colorante un 7.5 pH, ma perdendo 0.03, sei a 7.49, rilevato come pH 7. il viraggio purtroppo è "quantizzato", non ha scale intermedie
Magari il colore che esce da quelle striscette fosse "quantizzato" così bene! Sarebbe già un ottimo risultato.
Intendo dire, ti do ragione sul fatto che discernere mezzo punto di differenza pH tra due misurazioni con striscette non è facile, ma non per il motivo che hai scritto.
Per valutare e comparare i risultati dei test con i diversi tipi di corrugati sarebbe senzaltro più opportuno utilizzare un pHmetro. Proseguire su questo argomento però sarebbe probabilmente OT.

Avatar utente
smon
star3
Messaggi: 228
Iscritto il: 07/09/15, 15:37

diffusore CO2 nuova idea (almeno credo)

Messaggio di smon » 06/10/2017, 1:58

Tritium ha scritto: La temperatura, ad esempio. 5°C danno una differenza di circa 0.3 pH. Contando che le misurazioni danno su un range di pH (da 7 in su, da 7.5 in su ecc, bastava che fossi a 7.52 e ti veniva segnato col colorante un 7.5 pH, ma perdendo 0.03, sei a 7.49, rilevato come pH 7. il viraggio purtroppo è "quantizzato", non ha scale intermedie
il problema delle striscette secondo me è anche il tempo, nel senso che nelle istruzioni si parla di guardare il risultato dopo un minuto: se si guarda dopo 15 secondi il pH è a 6.00 (il reagente inizia a fare effetto?) ma se si guarda dopo 5 minuti il reagente indica più di 8!
quindi desumo che bastano pochi secondi di differenza per cambiare il risultato. o mi sbaglio?

dovrei comunque avere da qualche parte dei reagenti a "gocce" acquistato 5 o 6 anni fa, sarà ancora buono?

Tritium ha scritto: Avevi omesso la questione del metro di tubo. A sto punto direi al 90% che le bolle vanno "a galla" e si piantano nella spirale, con tutta sta strada da fare
quindi secondo te ci vorrebbe più corto?

stasera tra l'altro ho provato a togliere il frangigetto ed ho notato che la portata dell'acqua è aumentata non essendoci più il freno del frangigetto, le bolle uscivano ma erano anche belle grosse! ho spento la pompa, ho rimesso il frangigetto, riacceso il tutto e... di nuovo non esce più niente!!
forse aumentando la pressione l'acqua scorre più piano nel tubo e le bolle hanno il tempo per infilarsi nelle spirali, o con l'aumento della pressione escono da una qualche piccola perdita che per adesso non ho trovato.
la cosa sta diventando sempre più misteriosa.

un'ultima indicazione il corrugato che ho io non è a spirale ma sono tanti cerchi isolati uno dal'altro.


[OT] spendendo 10/15 euro in farmacia la soluzione definitiva forse ci sarebbe.
basta scrivere su un motore di ricerca "atomizzatore nasale" e vedrete un aggeggio che si usa per fare i lavaggi nasali ai bimbi.
questo "coso" si aggancia ad una siringa e facendo una discreta pressione sul pistone della siringa, atomizza l'acqua salata a 30 micron.
non so se inserendoci il tubicino della CO2 possa esserci la pressione giusta per farla uscire micronizzata.
La curiosità di provare è tanta, ma la voglia di cacciar soldini... manca :-D

Avatar utente
Tritium
star3
Messaggi: 26
Iscritto il: 29/09/17, 16:32

diffusore CO2 nuova idea (almeno credo)

Messaggio di Tritium » 06/10/2017, 15:14

smon ha scritto: quindi secondo te ci vorrebbe più corto?
Allora, dipende. Bisognerebbe innanzitutto capire cosa accade effettivamente, perchè ci sono troppe incognite. Qua non sappiamo se la CO2 esca o meno, se c'è una perdita e quali siano le effettive modifiche al flusso d'acqua del frangigetto.

Ti converebbe fare qualche test, per scoprire qualcosa di più. Prova ad esempio a tornare al tubo liscio e a vedere cosa accade con il frangigetto. Tieni la CO2 fissa, prova con, prova senza e trai le tue conclusioni

Certo è che se ti fa i "bolloni giganti", vuol dire che si accumula negli spazi del corrugato. Ridurre il tubo (zona tratteggiata) aiuta a prevenire l'accumulo verso l'alto
Però prima di mettere mano alle forbici, accertati del lavoro del frangigetto

Immagine

Avatar utente
smon
star3
Messaggi: 228
Iscritto il: 07/09/15, 15:37

diffusore CO2 nuova idea (almeno credo)

Messaggio di smon » 07/10/2017, 22:33

Tritium ha scritto:
smon ha scritto: quindi secondo te ci vorrebbe più corto?
Allora, dipende. Bisognerebbe innanzitutto capire cosa accade effettivamente, perchè ci sono troppe incognite. Qua non sappiamo se la CO2 esca o meno, se c'è una perdita e quali siano le effettive modifiche al flusso d'acqua del frangigetto.

Ti converebbe fare qualche test, per scoprire qualcosa di più. Prova ad esempio a tornare al tubo liscio e a vedere cosa accade con il frangigetto. Tieni la CO2 fissa, prova con, prova senza e trai le tue conclusioni

Certo è che se ti fa i "bolloni giganti", vuol dire che si accumula negli spazi del corrugato. Ridurre il tubo (zona tratteggiata) aiuta a prevenire l'accumulo verso l'alto
Però prima di mettere mano alle forbici, accertati del lavoro del frangigetto

ho capito, un bel casotto :-? . piano piano cerco di fare delle prove e poi vi faccio sapere. Se poi qualcuno ha voglia e tempo di provare o ha delle indicazioni da dare, ben venga. :D

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: KS34, Silver21100 e 3 ospiti