Nuovo ecosistema Tanganica per apprendista

Mbuna, Haplos, conchigliofili, ...

Moderatori: Nijk, Giueli

Rispondi
Avatar utente
DavideMotta
star3
Messaggi: 205
Iscritto il: 18/09/16, 13:41
Contatta:

Nuovo ecosistema Tanganica per apprendista

Messaggio di DavideMotta » 22/03/2019, 15:43

Sì, intanto inizia col mangime continuando per il periodo di maturazione. Se non vuoi fare troppo il preciso puoi anche aspettare di vedere direttamente i nitriti, per quello ci vorranno in media un paio di settimane almeno mi sa.
Altrimenti, visto che hai il test per NH, tra qualche giorno, in cui nel frattempo si sarà decomposto il cibo, puoi misurare l'ammonio e seguirne il suo picco che precede quello dei nitriti.

Posted with AF APP
Questi utenti hanno ringraziato DavideMotta per il messaggio:
Giueli (22/03/2019, 16:01)

Avatar utente
oceanoprofondo81
star3
Messaggi: 142
Iscritto il: 22/01/19, 15:22

Nuovo ecosistema Tanganica per apprendista

Messaggio di oceanoprofondo81 » 22/03/2019, 18:57

Grazie, quindi io sa stasera do un paio di pallini di cibo e fra tre giorni rifaccio io test dell’ammonio. Solo quello? Come capisco quando è ora di controllare poi nitriti ed infine nitrati? Scusa la mia ignoranza ;))

Avatar utente
DavideMotta
star3
Messaggi: 205
Iscritto il: 18/09/16, 13:41
Contatta:

Nuovo ecosistema Tanganica per apprendista

Messaggio di DavideMotta » 22/03/2019, 20:02

Sì da qui a pochi giorni rifai solo quello dell'ammonio e lo testi, una volta al giorno o un giorno sì e uno no giusto per vedere quando inizia a salire arrivare a un valore massimo e poi iniziare a scendere...
A quel punto, quando l'ammonio inizia a scendere, puoi iniziare a testare i nitriti.

Stesso ragionamento coi nitrati... Quando i nitriti dopo essere saliti accennano a scendere, puoi avere conferma che tutto stia procedendo, iniziando a misurare i nitrati. Dovresti vederli salire... R
icorda che questi ultimi, non essendoci piante, non scendono da soli, ecco perché a fine maturazione (mi raccomando non prima) andrai a fare in cambio d'acqua.

Posted with AF APP

Avatar utente
oceanoprofondo81
star3
Messaggi: 142
Iscritto il: 22/01/19, 15:22

Nuovo ecosistema Tanganica per apprendista

Messaggio di oceanoprofondo81 » 23/03/2019, 15:40

Grazie Davide. Farò il test tra 3 giorni e poi a giorni alterni quello dell’ammonio. In vasca la temperatura è di 18 gradi, conviene accendere il riscaldatore? Così da avere già la temperatura adatta per i miei futuri abitanti? O può restare così?

Avatar utente
Giueli
Moderatore Globale
Messaggi: 10900
Iscritto il: 21/01/17, 22:27

Nuovo ecosistema Tanganica per apprendista

Messaggio di Giueli » 23/03/2019, 15:48

oceanoprofondo81 ha scritto: Grazie Davide. Farò il test tra 3 giorni e poi a giorni alterni quello dell’ammonio. In vasca la temperatura è di 18 gradi, conviene accendere il riscaldatore? Così da avere già la temperatura adatta per i miei futuri abitanti? O può restare così?
Un po’ di risparmio in bolletta male non fa😉
Il Dao di cui si può parlare non è l'eterno Dao...
Daodejing.

Seguo...😎

Avatar utente
oceanoprofondo81
star3
Messaggi: 142
Iscritto il: 22/01/19, 15:22

Nuovo ecosistema Tanganica per apprendista

Messaggio di oceanoprofondo81 » 23/03/2019, 16:39

Hahaha Giueli sei un mito!
Ma hai ragione. L’ho chiesto solo perché un negoziante che conosco mi ha già “bastonato” dicendo che ho sbagliato a non mettere la boccetta di batteri dentro e per il fatto di aver tolto i due cassetti con i carboni mettendo solo cannolicchi... in più ha aggiunto che il riscaldatore va messo nel filtro esterno e non dentro, perché così avrei più spazio e maggior riscaldamento... e che comunque devo teneee acceso il mio a 28 gradi sempre sennò non mi si formano alghe e batteri e perciò non porterò mai a maturazione il filtro!
Gli avevo chiesto pure per quel termometro elettrico inkbird da 30 euro, al quale potevo attaccarci il mio riscaldatore ( e che mi piaceva come cosa, ma qui tutti avete detto che non serve, perciò ho lasciato perdere ), e mi ha detto che sono tutte cineserie e che per riscaldare basta metter sto riscaldatore al tubo di mandata e per raffreddare se c’è bisogno buttare cubetti di ghiaccio in vasca o tenerla tutta aperta e montare 4 ventole grosse di pc che buttano aria in acqua... poi sono uscito ;)

Ps: premetto che avevo letto nei vari vostri link e post, che MAI bisogna metter ghiaccio in acqua e neppure ventole con aria verso la vasca, ma piuttosto che aspirino... ma comunque ho brutte esperienze con vasche senza copertura, visto i pesci salterini ( al massimo toccherebbe montare una rete fitta... ).

Avatar utente
DavideMotta
star3
Messaggi: 205
Iscritto il: 18/09/16, 13:41
Contatta:

Nuovo ecosistema Tanganica per apprendista

Messaggio di DavideMotta » 23/03/2019, 18:12

sul rapporto difficile tra gli utenti di questo forum e i negozianti mi sembra che ci sia già qualche topic... ;)
Non ti dico la faccia di un negoziante quando gli ho detto che, per l'avvio della vasca in cui dovevo traslocare la mandria, ho aggiunto ammoniaca io stesso durante la maturazione... :D per farlo contento alla fine mi è toccato comprare un flaconcino di toxivec 8-|

Comunque anche se in buona fede e non per forza per venderti qualcosa, è naturale che i negozianti abbiano un loro approccio, del resto anche tra gli stessi utenti del forum ci sono approcci molto diversi tra loro e comunque tutti validi.

Che a 28 gradi piuttosto che a 18, gli stessi batteri possono stare meglio e quindi velocizzare il tutto, è plausibile, ma non credo che a 18° non si sviluppino proprio, altrimenti non avremmo neanche bisogno dei frigoriferi nelle nostre case, e inoltre considera anche che è appena entrata la primavera, quindi la temperatura andrà a salire da sola in modo naturale ;)

Come ti dicevo non sono molto pratico di filtri esterni, ma tra le cose che ti ha detto mi pare corretto il fatto che il riscaldatore debba stare dove c'è un maggior flusso dell'acqua, ma giusto perché, per logica, credo aiuti ad avere maggior uniformità nella distribuzione della temperatura.

Aggiunto dopo 58 minuti 6 secondi:
ps. dell'utilizzo di ammoniaca durante la maturazione non te ne avevo parlato perché se non si fa attenzione e si segue bene tutto il processo si rischia di fare danni, e tra le prime esperienze non mi sento di consigliarlo, io nel mio caso ho deciso di usare questo sistema solo perché dovevo traslocare tutta la colonia già formata, col carico organico che si portava dietro, in un avvio dall'inizio non credo che serva.

Alcuni dicono che velocizzerebbe il processo, ma la sua reale utilità, a mio avviso è solo di arrivare a una flora batterica più "robusta", mettendosi al riparo da altri picchi di nitriti successivi, giusto in casi particolari come è stato per me.

Avatar utente
oceanoprofondo81
star3
Messaggi: 142
Iscritto il: 22/01/19, 15:22

Nuovo ecosistema Tanganica per apprendista

Messaggio di oceanoprofondo81 » 23/03/2019, 19:45

Ti ringrazio per questa tua delucidazione, si in effetti non sono così esperto e preferisco non usare ammoniaca. Preferisco, come già detto all’inizio, fare piccoli passi corretti anche se richiedono più tempo. Alla fine mese in più o in meno, mi cambia nulla.
Vedo che Giueli in molte sue vasche ha aspettato più di 3 mesi per avere fauna all’interno...
Si certo, ognuno ha la sua opinione e pensieri, ascolto tutti, ma alcune mi sembrano un poco strampalate. Certo pure un acquario senza filtro mi sembrava folle, poi ho conosciuto il vostro sito ed ora non lo vedo più così strano!
D’accordo per il riscaldatore esterno, credo che sia una spesa che uno può fare anche successivamente, anche se tagliare di nuovo i tubi etc... adesso non ne avrei per niente voglia. Magari come dici te, non avrò mai una temperatura omogenea, ma vedo che pochi usan quello esterno, quindi forse tutti questi problemi non ci sono. O almeno spero!!!! Io ho ancora un gran terrore di fare una frittata con l’acquario adesso e poi quando ci saranno i pesci, son sincero.
20 anni fa avevamo Guppy a casa di mia madre, e poi solo carpe Koi e da 10 anni pesci rossi, ma non facciamo nulla: filtro interno, piante vere e acqua rubinetto senza lasciarla decantare. A volte mettiamo il biocondixionatore, ma stop. Nemmeno controlliamo la temperatura dell’acqua, ma quei pesci rossi forse sono immuni a ogni errore ahahahah. Se facessi così con il Tanganica ho il presentimento che succederebbe un disastro...

Avatar utente
DavideMotta
star3
Messaggi: 205
Iscritto il: 18/09/16, 13:41
Contatta:

Nuovo ecosistema Tanganica per apprendista

Messaggio di DavideMotta » 23/03/2019, 21:41

Bhe, premesso che qualunque animale dovremmo cercare di tenerlo meglio che si può...
È vero che alcune specie, come i pesci rossi, possono perdonare più facilmente qualche errore, rispetto ad altre... Ma non devi temere, basta fare le cose con la giusta accortezza...
In tutto ciò la temperatura è uno dei parametri più facilmente gestibili secondo me... Io se non ricordo male il primo anno manco avevo il riscaldatore.

Poi nello specifico, almeno nel mio caso, i multi si sono rivelati abbastanza ruspanti e resistenti.. stanno ancora lì a figliare, e hanno superato un trasloco.... e soprattutto, anni della mia gestione :))

Posted with AF APP

Avatar utente
oceanoprofondo81
star3
Messaggi: 142
Iscritto il: 22/01/19, 15:22

Nuovo ecosistema Tanganica per apprendista

Messaggio di oceanoprofondo81 » 23/03/2019, 22:36

si poi noi a casa di mamma abbiamo sempre avuto uno zoo... cani e gatti a non finire, sempre tutti trovatelli, uccelli, pappagalli stile brasile, cavie, cincilla, pesci... tutti trattati sempre con amore. ma non credevo che un pesce rosso campasse cosi a lungo, visto che sono in 3 con misure che superano i 14 cm, e di certo una vasca da 120 litri non sarebbe l'ideale per loro. eppure ormai sono quasi addomesticati.
si beh, tra tutte le "rogne", il riscaldatore è la meno ( ho fatto più fatica ad allestire il tutto ad esempio ). poi mi toccherà valutare le temperature in casa nuova, perche la vasca è vicino alla finestra a sud, dove il sole batte forte, ma ho la fortuna di avere una tenda a scorrimento in giardino e poi ho schermato il lato verso la finestra e l'altro con del cartoncino nero. Vedremo se avrò problemi di alghe sui vetri o altro, e come si comporteranno le temperature, anche se comunque se fuori fa caldo, accendo l'aria condizionata proprio in sala.
Sono davvero curioso di vedere questi teppistelli, che oltre a crear voragini nel mio fondale allestito con cura, tromberanno sicuramente più di me hahahaha
a casa poi mi han "obbligato" a metter per forza dei pesci da rocciata con un po di colore ( ahhhh ste donne.... ), perche vogliono qualcosa che si veda in acqua. Gli ho fatto vedere un tipo di julidocromis ( non ricordo quale, ma era quasi tutto scuro ), e mi fanno: ma metti quelli??? sembrano dei serpenti! fanno schifo :) perciò devo trovarne qualcuno che abbia una livrea un po colorata di sti Julidochromis... sperando poi che, incrociando le dita, vivano serenamente con quelli da fondale.
tranquillo, ho semplicemente il terrore come si dice qua a rimini... sperem... sperem........

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite