Dopo le tragedie....un nuovo inizio. Che faccio fertilizzo??

Sia per l'acqua che per il fondo

Moderatori: Daniela, Dandano, sa.piddu

Bloccato
Avatar utente
GGmmFF
Top User
Messaggi: 612
Iscritto il: 02/05/15, 23:49

Re: Dopo le tragedie....un nuovo inizio. Che faccio fertiliz

Messaggio di GGmmFF » 24/05/2015, 1:08

Rob75 ha scritto:Per rimodellare al layout ci sara sempre tempo
non mi preoccupa assulutamente il layout.

Il fotoperiodo adesso è 8ore di luce piena.

Di rapide c'è qualche stelo di egeria di cui alcuni lasciati fluttuare, ma non gallegiano si incastrano tra le altre piante e restano giù; comunque non sta avendo una cresita esplosiva; poi c'è Hydrocotyle, un pezzetto dipianta si è staccato ed è venuto a galla, lo sto lasciando lì da un 3/4 giorni e mi sembra che sia inbuona salute da quando è venuto a galla.
Come gallegianti ho Azolla che però non sta invadendo allora qualche giorno fa ho rimesso in vasca Salvinia e Lemna che avevo quasi del tutto eliminato un paio di settimane fa, ho anche un paio di piccole Eichornie che gallegiano da 2settimane e sembrano bloccate anche se stasera mi sembrava che ci sono unpaio di nuove foglie.

Pensavo,domani slego l'Egeria e la lascio tutta galleggiare.
Aspetto anche con ansia che le talee di Pothos mettano radici e allora dovrebbero dare un bel contributo!
Il giorno che smise di essere pazzo diventò stupido.

"True heroism is remarkably sober, very undramatic. It is not the urge to surpass all others at whatever cost, but the urge to serve others at whatever cost."
Arthur Ashe

Avatar utente
Rob75
Ex-moderatore
Messaggi: 3207
Iscritto il: 22/10/13, 22:35

Re: Dopo le tragedie....un nuovo inizio. Che faccio fertiliz

Messaggio di Rob75 » 26/05/2015, 18:32

Le piante si lasciano galleggianti principalmente per due motivi: fornire CO2 dall'aria (una scorta praticamente infinita) e fornirle di luce.
Se una pianta galleggiante non riesce a proliferare, vuol dire che in vasca ci sono altre carenze importanti, prima di tutte l'azoto ;)
- Mi dica, lei sente delle voci?
- Dì di no!
- No dottore.

Tutti dicono che sono una persona orribile! ma non è vero, io ho il cuore di un ragazzino...in un vaso, sulla scrivania!!

Avatar utente
GGmmFF
Top User
Messaggi: 612
Iscritto il: 02/05/15, 23:49

Re: Dopo le tragedie....un nuovo inizio. Che faccio fertiliz

Messaggio di GGmmFF » 26/05/2015, 18:52

Grazie Rob,
stavo giusto per scrivere un piccolo aggiornamento a questo topic.
Rob75 ha scritto:Se una pianta galleggiante non riesce a proliferare, vuol dire che in vasca ci sono altre carenze importanti, prima di tutte l'azoto
Non credo che manchi azoto, per via della immissione di Cifo azoto un paio di settimane fa ho avuto nitriti alle stelle, ora dopo vari interventi la situazione é migliorata.
L'ultima volta che ho misurato i NO2- (5 gg fa) erano ancora a 0,2 mg/l, sicuramente ora sono meno ma i NO3- sono sicuramente molto alti.

In questa ultima settimana ho avuto unanuova esplosione di filamentose (me lo aspettavo) ma sono arrivati anche i Ciano, che un po mi preoccupano.
Hanno coperto soprattuttto la Cally e il muschio.

Ho lasciato fluttuare l'egeria e sto dosando solo K nella speranza che dia una spinta alla ripartenza della piante, la cond ora è sui 640us.
Sono sicuro che gli altri elementi siano più che abbondanti e i ciano ne stiano traendo beneficio, quindi ho ridotto il fotoperiodo a 6 ore di luce al 100% contro le 8 di prima.

Non sono ancora intervenuto nellarimozione dei ciano perchè non voglio fare cambi d'acqua ora, pensavo che tra qualche giorno potrei provare a sifonarli via e sperare che le filamentose li contrastino, poi quandoe se le piante dovessero partire daranno una mano a debbellarli entrambi!
Il giorno che smise di essere pazzo diventò stupido.

"True heroism is remarkably sober, very undramatic. It is not the urge to surpass all others at whatever cost, but the urge to serve others at whatever cost."
Arthur Ashe

Avatar utente
GGmmFF
Top User
Messaggi: 612
Iscritto il: 02/05/15, 23:49

Re: Dopo le tragedie....un nuovo inizio. Che faccio fertiliz

Messaggio di GGmmFF » 26/05/2015, 23:10

IMG_20150526_224509.jpg
IMG_20150526_224525.jpg
IMG_20150526_225009.jpg
ecco alcune foto dei Ciano che stanno allegramente proliferando nella mia vasca, sono tutti mischiati conle filamentose!

Inoltre osservando la Eichhornia ho notato questi 'simpatici' amichetti:
IMG_20150526_224619.jpg
se non vado errato sono afidi, e sono arrivati qualche giorno dopo aver inserito il pothos e lo anthurium quindi penso provengano da loro.
Dopo un lungo periodo finalmente la Eichhornia da segni di crescita, infatti gli afidi sono su una foglia spuntata da poco, e ora non sono sicuro sul da farsi; credo che affondando per un pò le piante riuscirei ad annegarli liberandomene senza troppi problemi, d'altro canto mi sembra che possano iscriversi tra la microfauna dell'acquario e magari diventare ottimo ciboper i futuri abitanti.
Non vorrei, però, compromettere la salute della pianta. Voi che fareste??
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Il giorno che smise di essere pazzo diventò stupido.

"True heroism is remarkably sober, very undramatic. It is not the urge to surpass all others at whatever cost, but the urge to serve others at whatever cost."
Arthur Ashe

Avatar utente
Rob75
Ex-moderatore
Messaggi: 3207
Iscritto il: 22/10/13, 22:35

Re: Dopo le tragedie....un nuovo inizio. Che faccio fertiliz

Messaggio di Rob75 » 27/05/2015, 0:48

Non è sicuramente questa la sezione giusta per parlarne :-?
Fossi in te aprirei un topic in alghe e uno in acquariologia per gli afidi ;)
- Mi dica, lei sente delle voci?
- Dì di no!
- No dottore.

Tutti dicono che sono una persona orribile! ma non è vero, io ho il cuore di un ragazzino...in un vaso, sulla scrivania!!

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6863
Iscritto il: 30/08/14, 23:13

Re: Dopo le tragedie....un nuovo inizio. Che faccio fertiliz

Messaggio di darioc » 27/05/2015, 13:57

Io toglierei la lemna. È invadentissima e ha poche armi contro le alghe. Può combatterle con la competizione alimentare ma è molto meglio l'egeria che le combatte producendo sostanze chimiche (allelopatiche) per loro dannose oltre che sotteaendogli il cibo.
Gli afidi in acqua non vivono ma penso dovresti tenerla immersa abbastanza a lungo per liberartene...
Sevondo me ti conviene levarli a mano visto che sono pochi. Ci vuole un po ma di certo è il sistema più a traumatico per tutti (te a parte :))). In alternativa leghi la pianta ad un peso. In una giornata penso muoiano e nessuna pianta, nemmeno una non acquatica, muore per un giorno in immersione.
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
GGmmFF
Top User
Messaggi: 612
Iscritto il: 02/05/15, 23:49

Re: Dopo le tragedie....un nuovo inizio. Che faccio fertiliz

Messaggio di GGmmFF » 29/05/2015, 22:44

Rob75 ha scritto:Non è sicuramente questa la sezione giusta per parlarne :-?
Fossi in te aprirei un topic in alghe e uno in acquariologia per gli afidi ;)
Scusa Rob, chiudo OT dicendo che ho sifonato un pò di Ciano con un tubbetto rigido attaccato a un tubo per l'areatore e sono venuti via bene, non tutti ma per ora mi accontento, e per gli afidi penso di aver risolto con un paio d'ore di 'scuba diving'!! :D

Dopodichè torno a parlare di fertilizzazione.

Ho appena fatto una serie di test ecco lo stato dell'arte:

Ph7.18
KH 6
Gh9
Cond 630 us
NO2- assenti
NO3- 80Mg/l
PO43- 6Mg/l

CO2 accesa, stacca automaticamente a pH 7.
Ieri per aspirare via i Ciano ho tirato via circa 15 lt ripristinati con RO

Da quello che capisco il problema NO2- è risolto ora il filtro sembra perfettamente attivo, il pH quando sarò pronto lo posso abbassare facilmente aumentando la CO2 e le durezze mi sembrano buone.

I fosfati sono ancora alti ma rispetto all'ultima rilevazione leggermente scesi, credo per via dei vari cambi e della crescita delle filamentose.

Incrociando i dati mi sembra che la CO2 disciolta sia molto poca (nonostante venga somministrata h24) e le piante non danno segni di esplosioni.

Negli ultimi giorni ho dosato solo piccole quantità di Potassio, ma c'è qualcosa che ancora mi sfugge sono sicuramente in carenza di qualcosa ma non saprei di cosa; leggendo i vari topic ultimamente mi è venuto il sospetto di avere mancanza di zolfo che è l'unico elemento che non ho mai dosato (ho dato cifo magnesio), ora ho preparato anche il magnesio solfato come da ricetta pmdd.

Ieri quando ho rimosso i Ciano erano già un paio di giorni che le alghe non aumentavano e questo mi porta a pensare che potrei ricominciare a dosare qualche fertilizzante, secondo voi è prematuro?

Ci sono degli indizi che possano confermare il mio sospetto di carenza di zolfo?
Il giorno che smise di essere pazzo diventò stupido.

"True heroism is remarkably sober, very undramatic. It is not the urge to surpass all others at whatever cost, but the urge to serve others at whatever cost."
Arthur Ashe

Avatar utente
Rob75
Ex-moderatore
Messaggi: 3207
Iscritto il: 22/10/13, 22:35

Re: Dopo le tragedie....un nuovo inizio. Che faccio fertiliz

Messaggio di Rob75 » 29/05/2015, 23:51

Innanzitutto ti segnalo due ottime letture :-bd la scheda sullo zolfo e il nuovo articolo Macro e micro-elementi per le piante d'acquario, in cui vengono trattati i singoli elementi e le loro carenze caratteristiche.
Tuttavia lo zolfo è raramente carente, perchè lo reintegriamo con i cambi (quando li facciamo) e con il solfato di magnesio. In questa fase di cambi ti consiglio di farne il meno possibile e soprattutto di evitare di usare solo RO, che è sempre consigliabile miscelare con acqua del rubinetto nelle percentuali che occorrono per raggiungere i valori della vasca.
A questo punto tieni d'occhio le alghe: se inizieranno a morire rilasceranno in acqua gli elementi di cui sono fatte e (li si!!) potrebbe essere necessario un cambio per diluire gli eccessi.
Comunque nel dubbio, posta delle foto di qualche pianta che ti sembra in carenza, così vediamo di individuare il problema :D

PS: a quante ore di luce sei?!
;)
- Mi dica, lei sente delle voci?
- Dì di no!
- No dottore.

Tutti dicono che sono una persona orribile! ma non è vero, io ho il cuore di un ragazzino...in un vaso, sulla scrivania!!

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6863
Iscritto il: 30/08/14, 23:13

Re: Dopo le tragedie....un nuovo inizio. Che faccio fertiliz

Messaggio di darioc » 30/05/2015, 18:47

GGmmFF ha scritto:ma c'è qualcosa che ancora mi sfugge sono sicuramente in carenza di qualcosa ma non saprei di cosa;
Beh, direi che in realtà ti sei già risposto da solo...
GGmmFF ha scritto:Incrociando i dati mi sembra che la CO2 disciolta sia molto poca (nonostante venga somministrata h24) e le piante non danno segni di esplosioni.
Sì di CO2 ne hai troppo poca sicuramente quindi è impossibile che le piante esplodono. Comunque il tempo da cui la somministri non c'entra. Se hai una sonda e la hai tarata su quel valore di pH è impossibile che il pH diminuisca indicando che la concentrazione di CO2 è aumentata.

Comunque riguardo lo zolfo è solfato di magnesio anche il cifo fosforo solo che costa di più. ;)
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
GGmmFF
Top User
Messaggi: 612
Iscritto il: 02/05/15, 23:49

Re: Dopo le tragedie....un nuovo inizio. Che faccio fertiliz

Messaggio di GGmmFF » 30/05/2015, 22:05

Oggi prima che si accendessero le luci ho ritarato l'elettrovalvola per staccare a 6.8 ed ho dato un mezzo giro di valvola per incrementare la CO2, ora il pH è a 7 preciso.
Ho anche fertilizzato, con abbondante potassio (45ml di cifo), magnesio (15ml secondo ricetta pmdd), OE (5ml) e 15ml di ferro.

Non so se per l'aumento di CO2 o per i fertilizzanti o per tutte e 2 le cose, ma ora c'è un sacco di pearling in vasca....pure la Cally el'Althernantera!


Attualmente sono a 6ore di luce piena, avevo ridotto quando i Ciano avevano cominciato a spuntare.
Domani aumento di mezz'ora e poi ogni 3 gg di un'altra mezza fino ad arrivare a 9, sperando che nel frattempo le alghe regrediscano.
Il giorno che smise di essere pazzo diventò stupido.

"True heroism is remarkably sober, very undramatic. It is not the urge to surpass all others at whatever cost, but the urge to serve others at whatever cost."
Arthur Ashe

Bloccato

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 7 ospiti