Eccessi di fertilizzazione - come gestirli

Sia per l'acqua che per il fondo

Moderatori: Marta, sa.piddu

Rispondi
Avatar utente
alessandrocolasanti
star3
Messaggi: 47
Iscritto il: 28/05/15, 17:47

Eccessi di fertilizzazione - come gestirli

Messaggio di alessandrocolasanti » 08/06/2015, 14:56

Perdonami darioc, io parlavo di rinverdente Fito non Cifo, che contiene ferro chelato Eddha...quello Cifo contiene ferro chelato Dpta...il primo mi ha solo colorato l'acqua e non veniva rilevato dal test nonostante l'arrossamento, il secondo nonostante il test sia Tetra, quindi altra marca, veniva invece rilevato colorando meno l'acqua, ed infatti per dosarlo mi sono fatto un po' di conticini empirici... 130 gr di prodotto in 100 ml, al 6% con un ml mi portava in 80 litri circa 0,9 mg/lt! In effetti il test mi ha riscontrato il calcolo...Immagine


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20432
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Eccessi di fertilizzazione - come gestirli

Messaggio di Rox » 08/06/2015, 15:43

alessandrocolasanti ha scritto:quello Cifo contiene ferro chelato Dpta...
Prima di tutto, il ferro Cifo di cui parla Darioc è quello che trovi nella nostra scheda sul ferro...

Immagine

...in parte solubile, in parte chelato con EDDHA.
Quello con DTPA, in versione liquida, non lo abbiamo mai consigliato.

Inoltre, non esiste nessun test attendibile per misurare il ferro, di nessun produttore.
Anche usando il fertilizzante della stessa marca, la rilevazione è corretta per qualche minuto dopo la somministrazione. In seguito, il ferro subisce mille trasformazioni.

Questa tua frase ne è un esempio:
  • alessandrocolasanti ha scritto:mi ha solo colorato l'acqua e non veniva rilevato dal test
Se sei arrivato all'arrossamento, pensa quanto ferro poteva esserci in quell'acquario.
Ma se il test non lo legge... non c'è!... :-s nonostante sia evidente ad occhio nudo.
Il modo più sbagliato, per gestire un acquario, è correre dietro al responso di una provetta.
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6867
Iscritto il: 30/08/14, 23:13

Re: Eccessi di fertilizzazione - come gestirli

Messaggio di darioc » 08/06/2015, 16:06

Quello della foto cosa è? Io mi riferisco al ferro cifo i polvere dell'articolo che contiene Eddha. Di preciso cosa contiene il rinverdente fito?

Comunque ribadisco tutto quello che ho detto sul ferro chelato con Eddha e sull'inutilità del test del ferro. Il DTPA non ricordo che intervallo di stabilità abbia. Controllo e ti dico.
Penso che ti convenga procurarti la busta dell'articolo e il rinverdente orvital.
Piuttosto non capisco più cosa stai usando come integratore di ferro ora. Hai parlato di 3 prodotti diversi (se non me ne sono perso nessuno).
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6867
Iscritto il: 30/08/14, 23:13

Re: Eccessi di fertilizzazione - come gestirli

Messaggio di darioc » 08/06/2015, 16:16

Stabile fino a 7,2-7,3. Comunque prendi quello di cui Rox ti ha messo la foto. Quello lo puoi facilmente dosare col trucco dell l'arrossamento che ti ho esposto, questo no.
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
alessandrocolasanti
star3
Messaggi: 47
Iscritto il: 28/05/15, 17:47

Re: Eccessi di fertilizzazione - come gestirli

Messaggio di alessandrocolasanti » 08/06/2015, 16:48

Quello che sto utilizzando attualmente è integratore liquido Cifo Ferro, stessa linea degli integratori Cifo Azoto e Fosfoto proposti nel protocollo avanzato Pmdd.
Quello della Fito l'ho utilizzato per poche somministrazioni, in quanto non riuscivo a controllare con test...apprensione del neofita maniaco del test![emoji16][emoji12]


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Avatar utente
alessandrocolasanti
star3
Messaggi: 47
Iscritto il: 28/05/15, 17:47

Re: Eccessi di fertilizzazione - come gestirli

Messaggio di alessandrocolasanti » 08/06/2015, 16:50

A questo punto posto una foto, così potete consigliarmi se può andare bene quanto il rinverdente Cifo...ce l'ho, sarebbe un peccato buttarlo...Immagine


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6867
Iscritto il: 30/08/14, 23:13

Re: Eccessi di fertilizzazione - come gestirli

Messaggio di darioc » 08/06/2015, 16:58

Allora, ecco cosa devi fare:
-butta il test del ferro IMMEDIATAMENTE
-leva la vallisneria altrimenti ucciderà sia la Cryptocoryne sia l'alteranthera sia l'hygrophila perché le ucciderebbe per allelopatia
-leva la Cryptocoryne che per lo stesso motivo ucciderebbe l'alteranthera (oppure leva l'alteranthera, scegli tu. al suo posto potresti mettere della rotala rotundifolia che è asiatica come il resto)

Quanti watt hai?
Quel rinverdente in foto è quasi identico al ferro cifo che ti ha mostrato rox. È solo un pelo meno concentrato. È una alternativa a quello, non al rinverdente del pmdd. Procurati il rinverdente orvital per quando avrai finito i seachem.
Usa il ferro fito invece di quello cifo liquido e per dosarlo basati sul l'arrossamento. ;)
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
alessandrocolasanti
star3
Messaggi: 47
Iscritto il: 28/05/15, 17:47

Re: Eccessi di fertilizzazione - come gestirli

Messaggio di alessandrocolasanti » 08/06/2015, 21:16

Dai almeno lo finisco...mi faccio qualche fisima per un altro po'!![emoji12]
Per quanto riguarda le allopatie, sono d'accordo con te sul biotopo asiatico e che quindi non c'entri nulla l'Alternanthera, e che sia più adeguata la Rotala. Il discorso è che se vinco la sfida con lei, potrò sentirmi più di un neofita...lei mostra più carenze al momento! Se comprendo lei, sarà più agevole comprendere le altre.
Allelopatia non credo si sia manifestata, in tre mesi, e non so a questo punto se si manifesterà!
In particolare la vallisneria gigante vegeta e cresce incontrastata, la crypto stolona e crescono lentamente nuove foglie nonostante sia accanto alla Vallisneria, la Hygrophila cresce anche lei senza problemi tant è che la poto una volta a settimana come la Limnophila, e l'Alternanthera nonostante le evidenti carenze sulle foglie vecchie, mette nuove foglie senza alcun problema (al Max vi posto una foto così mi aiutate a comprender che problemi ho nel particolare).
Quindi se qualcuna di queste deve uccidere qualcun altra, tra quanto succederà?
Non possiamo parlare di watt perché ho LED...3000 e 6000 k di colorazione, con 100 lumen/litro. In ogni caso 1,3 watt/lt.
Ok per il consiglio sul rinverdente e sul ferro...non appena termino i flaconi in uso.



Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Avatar utente
alessandrocolasanti
star3
Messaggi: 47
Iscritto il: 28/05/15, 17:47

Re: Eccessi di fertilizzazione - come gestirli

Messaggio di alessandrocolasanti » 08/06/2015, 21:18

PS
La blyxia che mi avevano sconsigliato perché mmmoooollltttooo difficile, ha attecchito senza problemi e vegeta tranquillamente!!


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20432
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Eccessi di fertilizzazione - come gestirli

Messaggio di Rox » 09/06/2015, 11:43

Si dice "biòtopo", non "biotipo" (ho corretto io). ;)
Non si tratta di un piccolo dettaglio, sono due termini con significato molto diverso.

Sull'allelopatia, le mille discussioni che si trovano in rete si basano proprio su esperienze come la tua.
Funziona tutto bene per mesi, dipende da una miriade di fattori; poi, un giorno, una pianta comincia ad appassire senza spiegazione...
  • - Guarda che quella specie non può stare con quell'altra.
    - Sì... quelle idiozie sull'allelopatia... le mie stanno insieme da un anno e non ho mai avuto problemi.
Ci sono mille motivi per cui il fenomeno si manifesta in tempi diversi.
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti