Fertilizzazione e conducibilità

Sia per l'acqua che per il fondo

Moderatori: Marta, sa.piddu

Avatar utente
Uthopya
Ex-moderatore
Messaggi: 4885
Iscritto il: 19/10/13, 9:20

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Uthopya » 26/03/2014, 0:32

Per le concentrazioni subentrano meccanismi legati a diversi fattori: supponiamo che tu parta da acqua "purissima" in cui siano del tutto trascurabile la presenza di altri elementi.
Alla prima somministrazione avresti una concentrazione facilmente calcolabile perchè hai tutti i parametri in gioco: volume e ppm introdotti.
Alla successiva però si verifica che alcuni elementi saranno stati nel frattempo assorbiti/utilizzati dalle piante totalmente, altri in parte e alcuni quasi per niente...calcolare dopo un pò di volte quanto effettivamente sia concentrato un elemento diventa quasi impossibile, ci dobbiamo affidare ai test per alcuni (seppur imprecisi ci danno un ordine approssimativo "affidabile") ma purtroppo per altri diventa complicato senza rifrattometri o altra strumentazione professionale.. insomma, quel che è certo è quel che inserisci ogni volta (perchè noto) ma di quanto varia la concentrazione finale diventa molto più complicato da stabilire...
Il fatto che tu faccia cambi ti fà variare comunque la concentrazione del Na nel lungo termine perchè è un elemento purtroppo non assorbito dalle piante e quindi si accumula perchè oltre che nell'acqua di rete sarà sicuramente presente (anche se in minime quantità) nei mangimi ad esempio.
PS: la conducibilità specifica del sodio è molto più alta di quella del potassio
Sono responsabile di quel che dico, non di quel che ne fai tu delle mie parole!
“Non è la materia che genera il pensiero, è il
pensiero che genera la materia”
(G. Bruno)
(i∂̸-m)ψ=0

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20432
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Rox » 26/03/2014, 9:52

Braccobaldo ha scritto:Cosa ne pensi delle valutazioni fatte? :)
Che sei matto!!! =))
Ma ti pare normale... che uno deve gestire l'acquario così? ~x(
Io l'avrei messo in soffitta da un pezzo... :-q

Scusa per l'OT, ma tu stai parlando di metodi da laboratorio chimico specializzato, quando invece disponiamo di conduttivimetri da 15-20 Euro, di test che si comprano al supermercato, di termometri-giocattolo e di pHmetri che spesso sbagliano di mezzo punto.

Immagina che tolleranza possono avere, nel ciclo produttivo, i fertilizzanti che usiamo. :ymdevil:
...E non solo quelli da giardinaggio!
Credi che EasyLife butti via un container di Profito, perché si accorge che gli è andato giù un po' troppo ferro, magnesio o potassio?

Qui... invece... scrivi tranquillamente:
Braccobaldo ha scritto:12,6 + 0,41 + 1,15= 14,16 ppm di K.
Arrivando a considerare, nei calcoli, perfino mezzo ppm di potassio!
Come se una famigliola di 4 persone decidesse di andare a Calcutta (10 milioni di abitanti).

Chiudo il mio OT con un consiglio.
Comprati una poltrona e mettila davanti alla vasca. Gli acquari sono fatti per guardarli, non per misurarli con i test.

Poi possiamo riprendere, sul mistero della tua conducibilità.
Ma questa cosa dovevo dirla, perché con i tuoi metodi l'entusiasmo dura poco. ;)
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
Braccobaldo
star3
Messaggi: 58
Iscritto il: 06/12/13, 13:42

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Braccobaldo » 26/03/2014, 13:21

No, no ragazzi! Evidentemente non sono stato compreso; e questo è certamente legato alla natura di questa discussione… scritta. Con tutte le faccine che possiamo aggiungere mai riusciremo a comunicare come de visu.
Senza alcun tono polemico verso Rox, ma solo per farmi conoscere meglio, vi dico che, appena posso, sto seduto davanti al mio acquario per godermelo e il mio approccio con lo stesso, come ho avuto già modo di indicare, è stato sempre consapevolmente di tipo “spannometrico”.
Ho cambiato case, vasche, allestimenti, poltrone e criteri di fertilizzazione tante volte quanto è possibile farlo in almeno 25 anni di immutato entusiasmo per l’acquario d’acqua dolce ricco di piante. Errori, come tutti, ne ho fatti a bizzeffe; combattuto estenuanti battaglie con le malefiche alghe; cercato confronto e conforto con altri appassionati quando ancora il web non esisteva, attendendo con giovanile trepidazione il postino, sempre in ritardo, che mi consegnasse il nuovo numero di “Aquarium”, introvabile, almeno dalle mie parti, rivista di settore alla quale mi ero abbonato; percorso un’infinità di Km a caccia di quel prodotto magico o del semplice mangime per città e negozi del circondario, sempre privi di tutto o che duravano una stagione; ho dovuto gestire alcuni miei acquari, cercando di farlo al meglio, praticamente alla cieca.
I chiodi, i bulloni, i cavetti riscaldanti, le falde freatiche, i percolatori, i denitratori, gli interni e gli esterni… i meccanici e i biologici, la porosa si.. la porosa no. Ragazzi le ho viste tutte.
Ma la voglia di stare lì, seduto a guardare il mio acquario. No, non mi è mai passata.
Sono matto? Si!!! Chi non ha peccato….

Allora… Consapevole che gli strumenti che abbiamo a disposizione sono quelli che sono e che, almeno per me, è passata l’epoca di giocare al piccolo chimico, torniamo alla discussione se vi và.
I numeri da me riportati, sono pedissequamente quelli che vengono fuori dal citato calcolatore on line, solo per completezza d’informazione al fine di confutare le mie perplessità o obiezioni sulle argomentazioni proposte. Ma, attenti! Anche per me non è che dobbiamo scoprire la fusione fredda!?... oppure pettinare le bambole?! Stiamo qui a disquisire solo… pour parler.
Ho cercato solo di dire, evidentemente sbagliando nel tentare di farlo dettagliatamente, che non riesco a soddisfare la mia “curiosità pura” su cosa si accumuli nel mio acquario (ma se non dormo la notte non è certamente per questo), argomentando il perché non ritenga che questo sia Na, SO4 o quanto fino ad ora supposto. Cercando di capire, e sono sicuro che questo lo facciate tutti perché certamente situazione più comune, di quale elemento/i si manifesti, nonostante quanto detto finora, carenza.

Cordialmente. :) :) :)

Cavolo!.. Scusatemi, cercherò di essere, in futuro, più conciso. :D

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20432
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Rox » 26/03/2014, 20:10

Ok... ti avevo inquadrato male! :))
Con quella precisione a due cifre decimali, sembravi davvero uno di quelli con la provetta sempre in mano. x_x
Braccobaldo ha scritto:perché non ritenga che questo sia Na, SO4 o quanto fino ad ora supposto.
Scusa, ma questa non l'ho capita... Perchè avresti escluso il potassio in forma di solfato?

A proposito...
Anche tu aggiungi magnesio con il Sale inglese? (come da PMDD)
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
Braccobaldo
star3
Messaggi: 58
Iscritto il: 06/12/13, 13:42

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Braccobaldo » 26/03/2014, 21:10

Tutto bene. ;)
Avevo compreso :-bd
D'altronde, rileggendomi, probabilmente l'avrei pensato anch'io. =))
Rox ha scritto:Perchè avresti escluso il potassio in forma di solfato?
Perchè non uso sali che possano aggiungere SO4, nemmeno il Sale inglese.
La quantità eventualmente immessa col Profito, viste le concentrazioni degli elementi che possono derivare da solfati, ritengo sia trascurabile, come confermato anche dal conduttivimetro adeguatamente dopo la somministrazione. Stessa cosa ritengo valga per la quantità introdotta con i cambi, per la quantità di acqua del sindaco utilizzata. Cercherò di avere comunque il dato rilevato dal gestore.

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20432
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Rox » 26/03/2014, 22:16

Ricapitoliamo...
Nella tua acqua, per effetto delle piante, calano progressivamente:
- Calcio e magnesio, in qualsiasi forma (GH).
- Carbonati e bicarbonati di qualunque elemento (KH)
- Lo ione nitrato
- Lo ione fosfato
- Il ferro (quindi, presumibilmente, anche gli altri oligoelementi)
Tuttavia, la conducibilità rimane invariata.

Che cosa sappiamo?
Per motivi già spiegati, abbiamo escluso sodio e zolfo.
Probabilmente si accumulano, ma non in quantità tale da attribuirgli lo strano fenomeno.

Indiziati
I tuoi sospetti si concentrano sul potassio, perché introdotto in quantità sbilanciata rispetto agli altri macronutrienti.
Inoltre, sappiamo che incide in modo pesantissimo sulla conducibilità.

Domanda
Visto che il potassio non può stare in acqua da solo, quale dei suoi sali dovrebbe accumularsi in tale misura?
- Il nitrato diminuisce...
- Il bicarbonato pure...
- Il solfato non c'è...
- Il cloruro nemmeno...
- Ossido e idrossido ammazzerebbero i pesci...

Conclusione
Come dicono i romani... "Io m'arendo!" :))
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
Braccobaldo
star3
Messaggi: 58
Iscritto il: 06/12/13, 13:42

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Braccobaldo » 27/03/2014, 9:07

:ymsick: Eccoti!... E che nun lo sapevo?! 8-|
Capisci, adesso il mio… sbattimento? :-l
Alla luce della carenza rilevata dalla Bacopa, direi anche di più! :ymdevil:
Correggetemi se sbaglio.
Tipo di carenza possibile:
:-? Potassio? Naaaa!... Allora ditelo!... Mi metto da solo la camicia di forza? Non dovrebbe essere in eccesso?
E poi mancano i segni tipici della traslocazione sulle vecchie foglie.
:-? :-? Calcio? Con un GH in vasca di 9/10?
:-? :-? :-? Allora il Boro? Ma i micro li doso 2,5 volte quella consigliata… riscontro anche le polverose sui vetri!
Vuoi vedere che qualcosa blocca l’assorbimento? Ma cosa? E in questo caso i sintomi non dovrebbero essere diffusi? @-)
Credo proprio che ricorrerò a quello che, fino ad ora, ho voluto evitare. Reset completo. :((
Poi, per qualche mese, penso di procedere con l’EI, per indurre il fondo a risaturarsi in maniera completa e bilanciata e alle piante di recuperare le carenze.
Dopo…?!? Beh… si vedrà. :-l

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20432
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Rox » 27/03/2014, 11:18

Braccobaldo ha scritto:Vuoi vedere che qualcosa blocca l’assorbimento?
Se non ci avessi già dato spiegazioni, direi che tutti i fenomeni...
...Ma proprio TUTTI!!!...
...comprese le foglie della Bacopa, portano immediatamente verso il sodio.

Un unico elemento, da solo, spiegherebbe magicamente tutte le stranezze dei tuoi valori.
E' possibile che nel tuo acquedotto possa esserci stata un'infiltrazione? :-?
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
Braccobaldo
star3
Messaggi: 58
Iscritto il: 06/12/13, 13:42

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di Braccobaldo » 27/03/2014, 17:35

Per un attimo mi era balenato un sospetto.
Vuoi vedere che l’acqua che acquisto, da Eurospin, viene spacciata per RO mentre invece è ottenuta con scambio ionico?
Poi ho riflettuto… No… ho sempre misurato la conducibilità… e questa si attesta sempre su 4/5 TDS.
L’acquedotto dichiara circa 18 mg/l di Na, come ho già detto, ed escludo temporanee infiltrazioni perché l’acqua preparata per il cambio sempre con le stesse proporzioni, è sempre risultata intorno ai 130 TDS.

Avatar utente
lucazio00
Moderatore Globale
Messaggi: 10245
Iscritto il: 19/11/13, 11:48

Re: Fertilizzazione e conducibilità

Messaggio di lucazio00 » 27/03/2014, 22:59

Di sicuro contiene solfato di potassio come il Seachem Potassium!
Fosfati 1-10mg/l, nitrati 10-50mg/l Mg 5-10mg/l, K 5-10mg/l. (Secondo la JBL)
Il miglior test in assoluto è il contenuto dell'acquario!
La Vallisneria è la gramigna dell'acquario...o la ami o la odi!
Non infastidite i pesci nell'acquario!

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: cicerchia80, Google [Bot], Marta e 5 ospiti