Acquari ADA.

Per presentarsi, conoscersi e chiacchierare
Avatar utente
alessio0504
star3
Messaggi: 4823
Iscritto il: 14/12/15, 1:50

Acquari ADA.

Messaggio di alessio0504 » 01/09/2016, 5:41

Ora si tocca un tasto dolente.
Secondo me su Takashi Amano non si pole dì nulla, a parte tutti i discorsi filosofici pro e contro.
E sono altrettanto sicuro che converrete con me che l'aspetto esterno finale di un acquario ADA è molto piacevole.
Ma girando qua e là sul web ogni tanto me ne capita davanti uno in foto!
Mi faccio sempre la stessa domanda:
Come cavolo fanno con quei vetri e quei tubi trasparenti a tenere tutto così pulito?
Che roba ti ci fa buttare la ADA in quegli acquari "naturali"? :-?
Si viaggia non per cambiare luogo, ma idea.
(Hippolyte Adolphe Taine 1828-1893)

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6871
Iscritto il: 30/08/14, 23:13

Re: Acquari ADA.

Messaggio di darioc » 01/09/2016, 7:38

alessio0504 ha scritto:Che roba ti ci fa buttare la ADA in quegli acquari "naturali"?
Disinfettante ospedaliero? :D
No, dai, scherzo. Sinceramente non lo so... non conosco il protocollo ADA. Molte aziende usano la glutaraldeide. loro non ne ho idea.
alessio0504 ha scritto:Secondo me su Takashi Amano non si pole dì nulla, a parte tutti i discorsi filosofici pro e contro.
Aggiungo due cose:
-prezzi molto alti
-i suoi acquari durano un paio d'anni, dopo ai butta tutto e si riallestisce.
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
Diego
star3
Messaggi: 16794
Iscritto il: 14/12/15, 17:39

Re: Acquari ADA.

Messaggio di Diego » 01/09/2016, 7:49

Il protocollo ADA prevede l'uso di un alghicida, il fitoncide, contenuto nel Phiton Git.
Gli altri prodotti della linea inseriscono molti ormoni e aminoacidi.
Qualsiasi progresso scientifico deriva da sfida intellettuale, da compensazione di limitazioni. Niente limitazioni, niente progresso. Niente progresso, stagnazione culturale! Valido anche opposto. Progresso prima di cultura è vero disastro. (ME2)

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20498
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Acquari ADA.

Messaggio di Rox » 01/09/2016, 18:37

Negli show-room ADA, c'è una nutrita squadra di persone addetta alla manutenzione.
Tutte le mattine fanno il giro degli acquari esposti, eliminando ogni piccolo difetto con attenzione maniacale.

Quegli acquari stanno in piedi solo così.
Probabilmente, quando paghi 110 euro per una forbice ADA, oppure 85 per una pinzetta... stai pagando il loro stipendio.

E' un po' come per i cani. C'è chi preferisce questo...

Immagine

...e chi quest'altro:

Immagine

Nella prima foto ammiri il cane, nella seconda il parrucchiere. ;)
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
alessio0504
star3
Messaggi: 4823
Iscritto il: 14/12/15, 1:50

Re: Acquari ADA.

Messaggio di alessio0504 » 01/09/2016, 18:46

=))
Lo sapevo che avrei scatenato Rox!!!

Su questo aspetto sono d'accordo, fermo restando che non lo condivido ma nemmeno lo condanno completamente, ma sembra che ci siano privati che riescono in qualche modo ad avvicinarsi ai risultati degli show-room.
È qui che mi chiedevo come facciano a sostenere una vasca del genere nel tempo.

Se fossi stato miliardario avrei provato ad allestire un acquario ADA per sfizio. Per vedere cosa sarebbe successo e se si può sostenere a lungo termine per davvero, senza pensare al tempo che possa occupare la manutenzione.

Un miliardario di tempo libero ne ha quanto ne vuole! :ymdevil:
Si viaggia non per cambiare luogo, ma idea.
(Hippolyte Adolphe Taine 1828-1893)

Avatar utente
Luca.s
Moderatore Globale
Messaggi: 10923
Iscritto il: 30/03/15, 0:47
Contatta:

Re: Acquari ADA.

Messaggio di Luca.s » 01/09/2016, 18:49

La vera domanda è, uno vuole gustarsi e perdersi nel guardare la propria vasca o vuole lavorarci quotidianamente stando con l'ansia che tutto potrebbe crollare da un momento all'altro?
Acquariofilia facile

http://goo.gl/81SHJb

Avatar utente
alessio0504
star3
Messaggi: 4823
Iscritto il: 14/12/15, 1:50

Re: Acquari ADA.

Messaggio di alessio0504 » 01/09/2016, 18:58

No la mia domanda non è questa. Anche se vedendo un acquario ADA è la prima cosa che viene in mente ad uno che ha avuto davvero un acquario.

La domanda era se qualcuno ha mai seguito il loro protocollo e sappia cosa ci butti dentro!

Il discorso commerciale e filosofico lo lasciavo un attimo da parte, anche se è l'argomento principale se si pronuncia "ADA"!
Si viaggia non per cambiare luogo, ma idea.
(Hippolyte Adolphe Taine 1828-1893)

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20498
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: Acquari ADA.

Messaggio di Rox » 01/09/2016, 20:25

alessio0504 ha scritto: mi chiedevo come facciano a sostenere una vasca del genere nel tempo.
A questo posso rispondere io.
Il dentista di mio padre ha tre acquari nel suo studio, ma credo che non abbia mai neanche alzato il coperchio.
Paga un contratto con una ditta specializzata; ogni tanto vanno lì e gli sistemano tutto.

Per quanto riguarda il protocollo ADA, tra gli acquariofili è piuttosto noto, anche tra chi non lo usa.
Il motivo è molto semplice: ogni singolo prodotto ADA, dal fondo all'alghicida, è espressamente concepito per funzionare solo con gli altri prodotti ADA.

Ci sono esempi anche con altre marche, ad esempio il test Seachem che misura solo il ferro Seachem, ma nel caso dell'ADA è tutto così.
Questo lo rende un protocollo molto discusso, perché molti non lo sanno e si comprano un loro flacone... credendo di poterlo mettere in un acquario qualsiasi.
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
FedericoF
Ex-moderatore
Messaggi: 10820
Iscritto il: 29/03/16, 21:14
Contatta:

Re: Acquari ADA.

Messaggio di FedericoF » 01/09/2016, 20:29

alessio0504 ha scritto:No la mia domanda non è questa. Anche se vedendo un acquario ADA è la prima cosa che viene in mente ad uno che ha avuto davvero un acquario.

La domanda era se qualcuno ha mai seguito il loro protocollo e sappia cosa ci butti dentro!

Il discorso commerciale e filosofico lo lasciavo un attimo da parte, anche se è l'argomento principale se si pronuncia "ADA"!
Praticamente il protocollo è "semplice".
Allestisci l'acquario con piante, metti acqua osmotica e sali.
fertilizzi con il loro protocollo in base alla massa vegetale, non serve che guardi le carenze, se lo fai meglio, ma se non lo fai non c'è problema.
Ogni giorno o settimana metti la goccia di liquido di quel giorno, ogni settimana metti l'alghicida.
Se metti pesci, dopo aver messo l'alghicida devi usare anche l'attivatore, non ti interessa se sono nitrobacter o nitrospira, tanto in quell'acquario non si formerà alcuna forma batterica spontanea per l'alghicida messo prima, quindi non hai problemi di concorrenze.
Ogni circa 2 settimane cambi l'acqua, dopo aver cambiato acqua riutilizzi l'alghicida e l'attivatore.
E via così...
Pulisci i vetri, sifoni il fondo... E il gioco è fatto.
Ovviamente ogni prodotto deve essere ada, son studiati per funzionare tutti assieme! Manca un pezzo e crolla tutto!
Certo, un acquario così può durare parecchio, ma prima o poi sbagli qualcosa, o prima o poi vai in vacanza.

Spesso inoltre gli acquari a cui fanno le foto son appena allestiti, ci son parecchi video a riguardo, hanno 1 mese e poco più.

Sì, secondo me son destinati a collassare, ma a causa dell'acquariofilo, credo che il protocollo sia studiato alla perfezione, quindi finché lo segui per filo e per segno funziona tutto.
Tuttavia non è un acquario, è un soprammobile. Mettere la goccia di fertilizzante e gli altri prodotti o passare la cera, richiede le stesse conoscenze tecnico pratiche e ha la stessa funzione: lucidare un arredo. Forse passare la cera richiede più conoscenze, la prima volta che ho dato la cera al pavimento di casa ho lasciato di quegli aloni che se chiudo gli occhi e ascolto sento ancora i rimproveri di mia madre =))
La perfezione è una strada, non un punto d'arrivo.
cit.

Avatar utente
alessio0504
star3
Messaggi: 4823
Iscritto il: 14/12/15, 1:50

Re: Acquari ADA.

Messaggio di alessio0504 » 01/09/2016, 23:14

Quindi fondamentalmente non ci sono strane manutenzioni "straordinarie"...
Se uno segue le "regole ferree" e non sbaglia l'acquario può durare anche a lungo. Ho visto si Facebook gente che ce l'ha da molto più di un mese e vista la nostra filosofia mi sembrava strano non vedere neanche un alghetta per sbaglio!!

Non mi piace fare le cose senza capire cosa sto facendo, ma chi non ha questo problema e in tasca ha un portafogli a fisarmonica credo non abbia motivo di lamentarsi di ADA quindi...

Salvo i "problemi" evidenti (più morali che pratici mi pare) è studiato bene, bello esteticamente e sembra anche funzionare!
Si viaggia non per cambiare luogo, ma idea.
(Hippolyte Adolphe Taine 1828-1893)

Bloccato

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti