Principio di incendio dall'acquario

Per presentarsi, conoscersi e chiacchierare
Avatar utente
Artic1
Ex-moderatore
Messaggi: 6431
Iscritto il: 03/06/15, 3:17

Re: Principio di incendio dall'acquario

Messaggio di Artic1 » 17/04/2016, 2:56

alessio0504 ha scritto:Ma i salvavita degli impianti non dovrebbero impedire certe cose?
Il salva vita scatta quando mandi a massa una fase o quando le cortocircuiti.
Quando un timer sta funzionando da stufetta elettrica finché non corto circuita i cavi perché la plastica si è fusa o bruciata... per lui è tutto normale.

Mi spiace per le disavventure... :(
- Quel giorno tutta l’esperienza della nostra vita diverrà parte di una più vasta conoscenza comune. Sarà il giorno, in cui ritorneremo a Gaia, per fare, ancora una volta, parte della vita e riempire con essa questo mondo -

#teamNoCO2
______________________

Avatar utente
Daniela
Ex-moderatore
Messaggi: 5428
Iscritto il: 11/09/15, 22:39

Re: Principio di incendio dall'acquario

Messaggio di Daniela » 17/04/2016, 11:00

Azz ... Anch'io stamattina ho tolto un timer che faceva un rumore strano. Non cinese...
Scusate la domanda stupida, ma se inizia a prendere fuoco qualcosa a cosa serve il salvavita ? Dovrebbe scattare prima dell'incendio ? @-)
Io ho veramente una cifra di roba attaccata distribuita su due ciabatte. x_x
Se si parla di surriscaldamento d'estate c'è più rischio ?
cqrflf quel timer ha sempre funzionato bene e all'improvviso ha preso fuoco ?
Scusate... Non so se sono OT posso agganciarmi qui ?
visto che ora mi avete messo in allerta ...
Cosa si deve guardare per non sovraccaricare ?
I kw, i consumi, etc ?
cqrflf non ho mai vissuto un'incendio, dev'essere terrificante.
Io ho vissuto l'alluvione in Valtellina del 1987 e credimi che d'allora prima di andare in montagna, mare o ovunque ci sia acqua in abbondanza, prendo accurate precauzioni :)
Questi eventi ti segnano a vita quindi ti capisco ;)
Grazie mille per aver condiviso questa tua esperienza, sicuramente a me sei stato utile :) :-h
L’uomo è la specie più folle: venera un invisibile Dio e distrugge una Natura visibile. Senza rendersi conto che la Natura che sta distruggendo è quel Dio che sta venerando.
Hubert Reeves

Avatar utente
Diego
star3
Messaggi: 16794
Iscritto il: 14/12/15, 17:39

Re: Principio di incendio dall'acquario

Messaggio di Diego » 17/04/2016, 11:03

Daniela ha scritto:Scusate la domanda stupida, ma se inizia a prendere fuoco qualcosa a cosa serve il salvavita ?
A niente :-?? Non è lo scopo per cui è stato progettato.
Daniela ha scritto:Cosa si deve guardare per non sovraccaricare ?
I kw, i consumi, etc ?
Su ogni ciabatta c'è scritto quanto ci puoi attaccare. Per esempio, potrebbe esserci scritto "MAX 1500 W": significa che in totale ci puoi attaccare apparecchi che consumano meno di 1500 W (poi, meno ne attacchi, meglio è).
Il problema è che il produttore può scrivere MAX xyz W, ma poi in realtà quel prodotto non li supporta...
Diciamo che non andare al massimo risparmio qui può essere d'aiuto (anche se non è una garanzia, purtroppo).
Questi utenti hanno ringraziato Diego per il messaggio:
Daniela (17/04/2016, 11:25)
Qualsiasi progresso scientifico deriva da sfida intellettuale, da compensazione di limitazioni. Niente limitazioni, niente progresso. Niente progresso, stagnazione culturale! Valido anche opposto. Progresso prima di cultura è vero disastro. (ME2)

Avatar utente
naftone1
Ex-moderatore
Messaggi: 5739
Iscritto il: 15/07/15, 10:01

Re: Principio di incendio dall'acquario

Messaggio di naftone1 » 17/04/2016, 11:17

A me è successo che prendesse fuoco il motore del condizionatore in terrazza una volta, spento con l'estintore, e un altra volta un posacenere (sempre in terrazza) che ha fatto scoppiare un accendino caduto li accanto dio solo sa quando e da li la porta finestra di camera mia... Io ero in bagno, tempo di rientrare in camera e dal vetro della finestra ho visto le fiamme fuori... Sono corso in garage a prendere l'estintore dell'auto da corsa perche in casa non ne avevamo piu uno dopo l'incidente del condizionatore, fortunatamente non ha avuto il tempo di propagarsi dalla finestra... Ma la tua esperienza... Santo dio... Da brividi...
Mio padre era una persona di poche parole... un giorno mi disse: "figliolo"

Avatar utente
Daniela
Ex-moderatore
Messaggi: 5428
Iscritto il: 11/09/15, 22:39

Re: Principio di incendio dall'acquario

Messaggio di Daniela » 17/04/2016, 11:29

Diego ha scritto:
Daniela ha scritto:Scusate la domanda stupida, ma se inizia a prendere fuoco qualcosa a cosa serve il salvavita ?
A niente :-?? Non è lo scopo per cui è stato progettato.
:-bd
Daniela ha scritto:Cosa si deve guardare per non sovraccaricare ?
I kw, i consumi, etc ?
Su ogni ciabatta c'è scritto quanto ci puoi attaccare. Per esempio, potrebbe esserci scritto "MAX 1500 W": significa che in totale ci puoi attaccare apparecchi che consumano meno di 1500 W (poi, meno ne attacchi, meglio è).
Il problema è che il produttore può scrivere MAX xyz W, ma poi in realtà quel prodotto non li supporta...
Diciamo che non andare al massimo risparmio qui può essere d'aiuto (anche se non è una garanzia, purtroppo).
Grazie Diego !!! So cosa fare oggi ... Controllo a tappeto ! :x
L’uomo è la specie più folle: venera un invisibile Dio e distrugge una Natura visibile. Senza rendersi conto che la Natura che sta distruggendo è quel Dio che sta venerando.
Hubert Reeves

Avatar utente
Jovy1985
Ex-moderatore
Messaggi: 16726
Iscritto il: 19/10/13, 12:53

Re: Principio di incendio dall'acquario

Messaggio di Jovy1985 » 17/04/2016, 11:42

Avete mai provato a tranciare una ciabatta cinese? Il cavo intendo.....

Io ne avevo una che parlava di 1500 Watt...peccato che avesse il filo della messa a terra grande quanto un doppino telefonico (non dico un capello....ma poco ci manca) , mentre fase e neutro erano da 0,50 mm....1500 Watt?? :D
"Tu non sei il pastore....tu sei la pecora!" Charles Vane ( Black Sails)[/size]

Avatar utente
cqrflf
star3
Messaggi: 2141
Iscritto il: 23/03/15, 2:02

Re: Principio di incendio dall'acquario

Messaggio di cqrflf » 17/04/2016, 14:21

naftone1 ha scritto:A me è successo che prendesse fuoco il motore del condizionatore in terrazza una volta, spento con l'estintore, e un altra volta un posacenere (sempre in terrazza) che ha fatto scoppiare un accendino caduto li accanto dio solo sa quando e da li la porta finestra di camera mia... Io ero in bagno, tempo di rientrare in camera e dal vetro della finestra ho visto le fiamme fuori... Sono corso in garage a prendere l'estintore dell'auto da corsa perche in casa non ne avevamo piu uno dopo l'incidente del condizionatore, fortunatamente non ha avuto il tempo di propagarsi dalla finestra... Ma la tua esperienza... Santo dio... Da brividi...
L'incendio in locali chiusi non è paragonabile ai locali aperti, all'aperto puoi trattenere il fiato e spostarti per respirare un fumo mischiato ad aria, al chiuso lo stesso fumo ti stende senza nemmeno che te ne renda conto. Per questo motivo ho capito che negli incendi l'ultima delle tue preoccupazioni sono le fiamme, quando prende fuoco la plastica si sviluppa acido cianidrico che era quello che si usava nei campi di concentramento. Vi assicuro che in una stanza chiusa con quel fumo anche rarefatto non sopravvivete nemmeno 30 secondi, altro che film di Hollywood dove vedete la gente che fa i gesti eroici per salvare altra gente entrando con una coperta sul naso. Il problema di quella casa è che essendo in aperta campagna in cima ad una collina non ci arrivano nemmeno i pompieri e se arrivano si perdono per la campagna.
Viaggiai per giorni e notti per paesi lontani.
Molto spesi per vedere alti monti, grandi mari....e non avevo occhi per vedere a due passi da casa la goccia di rugiada sulla spiga di grano.

Avatar utente
cqrflf
star3
Messaggi: 2141
Iscritto il: 23/03/15, 2:02

Re: Principio di incendio dall'acquario

Messaggio di cqrflf » 17/04/2016, 14:28

Jovy1985 ha scritto:Avete mai provato a tranciare una ciabatta cinese? Il cavo intendo.....

Io ne avevo una che parlava di 1500 Watt...peccato che avesse il filo della messa a terra grande quanto un doppino telefonico (non dico un capello....ma poco ci manca) , mentre fase e neutro erano da 0,50 mm....1500 Watt?? :D
Magari sarebbe interessante aprire una discussione sui materiali Cinesi di bassa qualità. Io ne ho fin sopra i capelli di queste schifezze che sono solo l'illusione di avere qualche cosa ma in realtà non hai nulla.
Con certe robe Cinesi puoi veramente ammazzare tutti i pesci oltre che rischiare pure la tua vita.
Ho fatto un conto che tutte le volte che credevo di aver risparmiato comperando un oggetto che costava 5 volte meno del prezzo originale in realtà ci avevo perso, magari i pesci, le piante o gli invertebrati dell'acquario. Le lampade di marca mondial fauna durano esattamente 2 mesi poi non diminuiscono la loro luce si bruciano direttamente.
Le lampade infrarossi per le tartarughe ? Durate da 30 secondi a 10 minuti a 2 settimane. Cosa ci ho risparmiato ? I miei animali sono rimasti senza luce.
Viaggiai per giorni e notti per paesi lontani.
Molto spesi per vedere alti monti, grandi mari....e non avevo occhi per vedere a due passi da casa la goccia di rugiada sulla spiga di grano.

Avatar utente
SETOL
star3
Messaggi: 652
Iscritto il: 24/02/15, 18:26

Re: Principio di incendio dall'acquario

Messaggio di SETOL » 17/04/2016, 15:09

cqrflf ha scritto:Un contatto non pulito ? Mi ricordo che mesi fa lo avevo allagato d'acqua, è possibile che si fosse un po' ossidato e di conseguenza abbia creato una maggiore resiatenza alla corrente ?
Direi di si , se si ossida potrebbe creare più resistenza , c'è anche chi nelle biprese ci infila spine schuko rischiando di deformare le lamelle di contatto interno , poi ci infili una spina e magari fa contatto appena appena .
Se avete condizioni a rischio o cmq. a livello di sicurezza si può istallare un allarme fumo.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti