info gestione sagittaria subulata ed echino tenellus

Galleggianti, palustri... acquatiche

Moderatori: Nijk, Marta

Rispondi
Avatar utente
ersergio
Ex-moderatore
Messaggi: 3595
Iscritto il: 21/08/14, 22:14

info gestione sagittaria subulata ed echino tenellus

Messaggio di ersergio » 14/04/2015, 6:31

Buongiorno ragazzi , come da titolo, vi chiedo come gestite le piante in oggetto.
Mi spiego meglio, stanno stolonando che è una bellezza e qualche foglia è divenuta molto lunga, diciamo anche una trentina di cm come si effettua la potatura?
Ho letto da qualche parte che reagiscono male alle sforbiciate...allora come si fa?
Inoltre nella loro espansione qualche ciuffo ha raggiunto la staurogyne, meglio limitarle togliendole dalla "zona staurogyne"?
In ultimo, le foglie così lunghe indicano una qualche carenza o è una loro caratteristica, premetto che la luce non le manca davvero(124 watt su 125 litri netti con due belle CFL sulle alette anteriori propio sopra di loro).
Ciao un saluto Sergio
So Amare!!
Lei:"non ci credo! Dimostramelo!!"
Lui:"Allora assaggia ste olive e dimme se non so amare!!!".

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6863
Iscritto il: 30/08/14, 23:13

Re: info gestione sagittaria subulata ed echino tenellus

Messaggio di darioc » 14/04/2015, 16:10

Più nutrienti trovano nel fondo più lunghe diventano le foglie.
Per la potatura credo sia vero che non si possono potare a mo di prato all'inglese. Bisogna tagliare le foglie più vecchie e lunghe visto che le giovani sono più corte, eliminare le piantine di troppo e se non basta orientarsi su altre varietà di piante da Prato.
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20404
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: info gestione sagittaria subulata ed echino tenellus

Messaggio di Rox » 15/04/2015, 14:36

Vediamo di distinguerle, prima di tutto.

- L'Helanthium bolivianum (ex-Echinodorus tenellus), è una pianta da prato che rimane bassa.
Si può senz'altro potare come "prato inglese", ma poi bisogna togliere i fili d'erba tagliati.
La tecnica più comune consiste nell' usare il retino, visto che tendono a galleggiare.

- La Sagittaria, invece, non è una pianta da prato.
Lo sembra, al momento dell'acquisto, perché appena nata è molto bassa.
Poi arriva fin quasi alla superficie dell'acqua. E' lei a fare quei 30 cm.
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
darioc
Ex-moderatore
Messaggi: 6863
Iscritto il: 30/08/14, 23:13

Re: info gestione sagittaria subulata ed echino tenellus

Messaggio di darioc » 15/04/2015, 15:19

Rox ha scritto: - La Sagittaria, invece, non è una pianta da prato.
Lo sembra, al momento dell'acquisto, perché appena nata è molto bassa.
Poi arriva fin quasi alla superficie dell'acqua. E' lei a fare quei 30 cm.
A me ha fatto doglie lunghe 20 cm ma sono rimaste parallele al terreno. In tutto in altezza arriverà a 5 cm....
Col fondo fertile...
Il cervello è come un paracadute: perché funzioni bisogna aprirlo! (Albert Einstein)

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20404
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: info gestione sagittaria subulata ed echino tenellus

Messaggio di Rox » 15/04/2015, 15:36

darioc ha scritto:A me ha fatto doglie lunghe 20 cm
Il genere Sagittaria conta 40 specie sicure, più 6 allo studio.
Moltissime hanno prodotto un'ampia varietà di ecotipi, che reagiscono in modo diverso alle condizioni di coltivazione.

Tanto per fare un esempio, la subulata è stata classificata con 9 nomi diversi, tra il 1871 ed il 2012; ogni scienziato credeva di essere di aver scoperto una nuova specie.
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot], scramble e 7 ospiti