Piante native del TANGANYKA, ovvero piante estreme alcaline.

Galleggianti, palustri... acquatiche

Moderatori: Nijk, Marta

Rispondi
Avatar utente
cqrflf
star3
Messaggi: 1487
Iscritto il: 23/03/15, 2:02

Piante native del TANGANYKA, ovvero piante estreme alcaline.

Messaggio di cqrflf » 30/04/2015, 0:32

Spero sia lecito ma riporto un pezzo molto interessante preso da un altro Forum (che è a sua volta estratto da un libro) ricollegandomi alla discussione precedentemente iniziata sulla fertilizzazione con CO2 di un acquario Malawi/Tanganika o più in generale di un'acqua alcalina con pH e KH elevati.
Faccio questo anche per concludere un po' la discussione, ma se ci fossero problemi di diritti d'autore allora mi rimetto alla corte.
Lo stralcio:
...I biotopi più interessanti per gli appassionati di Ciclidi dei laghi Malawi e Tanganica si trovano nel litorale roccioso e ciottoloso. Siccome qui però il materiale di fondo non è adatto alle piante acquatiche superiori e anche alle piante che fluttuano liberamente nell'acqua non sono in grado di resistere al forte moto ondoso, talvolta paragonabile ai frangenti sulle coste del mare, in questi interessanti biotopi di pesci non crescono piante acquatiche. Biotopi con vegetazione si trovano nella regione intermedia tra zona ciottolosa e zona sabbiosa, vale a dire ovunque la corrente dell'acqua non è molto forte, per esempio in insenature tranquille e dove le piante trovano sufficiente sostegno nel materiale di fondo.
Per via delle particolari condizioni ecologiche, cioè dei valori estremi per un'acqua tropicale, del movimento dell'acqua e del moto ondoso intensi nonché della notevole profondità, nei laghi ha avuto luogo una selezione efficace. Sono potute sopravvivere soltanto le specie particolarmente specializzate oppure molto adattabili e resistenti.

Fitocenosi


L'unica pianta galleggiante nei laghi della fossa tettonica è la ben nota Pistia stratiotes. Tuttavia cresce evidentemente solo nei punti in cui insenature e isole forniscono sufficiente protezione dal moto ondoso. Ma anche qui non trova condizioni di vita ideali per via dei frangenti non riesce a propagarsi in massa come si osserva nelle zone paludose. Tutte le altre piante dei laghi Tanganica e Malawi crescono esclusivamente sommerse e sono radicate nel fondale oppure fluttuano sopra il fondo.
Sia nel lago Tanganica sia nel lago Malawi si trovano più spesso popolazioni di Vallisneria spiralis var. denseserrulata. I luoghi di ritrovamento delle Vallisneria sono situati nella zona sabbiosa nonché nella zona di passaggio verso la zona ciottolosa o rocciosa. Le piante crescono a una profondità dell'acqua di 0,5 - 4 m (di rado anche fino a 6 m) e sono saldamente radicate nel fondo sabbioso. Si trovano sia protette tra sassi sia in insenature sabbiose aperte, le cui spiagge dopo una tempesta sono spesso ricoperte di grandi quantità di foglie strappate di Vallisneria.Rispetto agli esemplari di Vallisneria spiralis che si coltivano in acquario, questa piante hanno foglie molto dure, peculiarità da ricondurre presumibilmente al chimismo estremo dell'acqua dei due laghi. Gli esemplari portati a casa hanno poi sviluppato in acquario foglie tenere come le piante note in acquariofilia, a dimostrazione che V. spiralis reagisce in modo molto variabile nell'habitus a diversi fattori ambientali e che si tratta di una specie piuttosto adattabile e resistente.
Altre due specie molto frequenti nei laghi Malawi e Tanganica sono Ceratophyllum demersum e Myriophyllum spicatum. Tra tutte le piante diffuse nei laghi la prima penetra più in profondità: popolazioni di questa specie crescono fino a 10 m di profondità, mentre Myriophyllum spicatum si rinviene appena fino a una profondità di circa 3 m. Le due specie crescono spesso insieme in gruppi compatti, evidentamente senza che si ostacolino nella crescita. Particolarmente curiosi in entrambe le specie gli internodi corti e la struttura fogliare dura, già citata per Vallisneria spiralis; queste caratteristiche conferiscono alle specie un aspetto del tutto diverso dalle piante in coltura. I getti di Ceratophyllum demersum denotano negli habitat naturali una crescita molto folta. Siccome la loro compattezza evidentemente è maggiore che nelle piante in coltura, non fluttuano liberamente nell'acqua o in superficie, dove sarebbero esposti a un forte moto ondoso e presto deperirebbero, ma scendono sul fondo, dove il movimento dell'acqua è minore. Che l'aspetto insolito delle piante fosse una conseguenza dell'adattamento a particolari condizioni nel biotopo è risultato evidente quando i getti portati a casa in breve si comportavano come le note piante coltivate, galleggiando in acquario alla superficie dell'acqua.
Tra le specie frequenti nei laghi Malawi e Tanganica vanno menzionati anche: Potamogeton pectinatus e P. schweinfurthii. Entrambi spesso vivono in comunità oppure sovente formano vere e proprie praterie subacquee insieme alle specie citate precedentemente. Evidentemente i Potamogeton colonizzano all'incirca la stessa nicchia ecologica.
Come biotopi vengono preferite insenature sabbiose riparate oppure la zona intermedia tra zona ciottolosa e zona sabbiosa. Sulla costa aperta, invece, le piante sembrano mancare del tutto per via della scarsa resistenza ai frangenti. Entrambe le specie vivono a profondità dell'acqua tra 0,5 e 4 m circa. Le foglie di Potamogeton pectinatus sono larghe appena 1 mm e risultano molto dure; anche in questo caso si tratta evidentemente di una forma di adattamento al forte movimento dell'acqua. Potamogeton schweinfurthii, con fusti lunghi fino a 3,5 m, è la pianta più lunga nei laghi. Anche in questa specie saltano all'occhio le lamine fogliari dure e grezze. Degni di nota in Potamogeton pectinatus e P. schweinfurthii i depositi di calcare sulle foglie, da ricondurre ai valori estremi dell'acqua nel lago.
Particolarmente interessante anche la scoperta di Hydrilla verticillata nella Ndole Bay, nel lago Tanganica meridionale. Qui la pianta forma popolazioni numerose e molto intricate nella zona sabbiosa, dove radicano nel fondale a una profondità di circa 1 m e arrivano fino in prossimità della superficie dell'acqua. La specie è ben nota in acquariofilia, tuttavia l'habitus delle piante proveniente dal lago Tanganica differisce notevolmente da quello delle piante di coltura note con questo nome. L'autrice ha trovato in sintonia con Hydrilla verticillata nella Ndole Bay Najas horrida, una pianta molto appariscente per l'habitus piuttosto singolare. Nel lago Malawi è stato scoperto un luogo di ritrovamento con popolazioni intricate di Najas marina ssp. armata nella zona dei canneti nei dintorni di Monkey Bay. Benché Hydrilla verticillata, Najas horrida e N. marina ssp. armata siano relativamente rare nei laghi, sembrano comunque essere piuttosto diffuse in quest'area.
In tutte le piante acquatiche che crescono nei laghi Malawi e Tanganica salta all'occhio la struttura dura delle foglie e dei fusti, da interpretare come adattamento alle condizioni ecologiche particolari.
Mentre nei due laghi vivono numerose specie endemiche di Ciclidi, non vi crescono specie endemiche di piante acquatiche, ma soltanto specie che grazie alla loro adattabilità hanno trovato un'amplissima diffusione.
Ultima modifica di cqrflf il 30/04/2015, 0:40, modificato 1 volta in totale.
Viaggiai per giorni e notti per paesi lontani.
Molto spesi per vedere alti monti, grandi mari....e non avevo occhi per vedere a due passi da casa la goccia di rugiada sulla spiga di grano.

Avatar utente
cqrflf
star3
Messaggi: 1487
Iscritto il: 23/03/15, 2:02

Re: Piante native del TANGANYKA, ovvero piante estreme alcal

Messaggio di cqrflf » 30/04/2015, 0:34

Fonte: Piante d'Acquario di Christel kasselmann. 1999 Primaris. Prima edizione italiana basata sulla seconda edizione tedesca.

Devo infine aggiungere una nota personale, le due piante sopra citate: il Ceratophillum e la Vallisneria sp. a differenza di altre piante, crescono nella mia vasca Malawi/Tanganika molto bene e senza nessuna fertilizzazione, ma immagino che queste cose vi siano già ben note.
Viaggiai per giorni e notti per paesi lontani.
Molto spesi per vedere alti monti, grandi mari....e non avevo occhi per vedere a due passi da casa la goccia di rugiada sulla spiga di grano.

Avatar utente
lucazio00
Moderatore Globale
Messaggi: 10248
Iscritto il: 19/11/13, 11:48

Re: Piante native del TANGANYKA, ovvero piante estreme alcal

Messaggio di lucazio00 » 30/04/2015, 11:15

Si, le hai dette tutte praticamente! =))
Fosfati 1-10mg/l, nitrati 10-50mg/l Mg 5-10mg/l, K 5-10mg/l. (Secondo la JBL)
Il miglior test in assoluto è il contenuto dell'acquario!
La Vallisneria è la gramigna dell'acquario...o la ami o la odi!
Non infastidite i pesci nell'acquario!

Avatar utente
cqrflf
star3
Messaggi: 1487
Iscritto il: 23/03/15, 2:02

Re: Piante native del TANGANYKA, ovvero piante estreme alcal

Messaggio di cqrflf » 30/04/2015, 19:47

Personalmente ho trovato questo articolo particolarmente interessante, motivo per cui l'ho riproposto, tu no ?
Viaggiai per giorni e notti per paesi lontani.
Molto spesi per vedere alti monti, grandi mari....e non avevo occhi per vedere a due passi da casa la goccia di rugiada sulla spiga di grano.

Avatar utente
lucazio00
Moderatore Globale
Messaggi: 10248
Iscritto il: 19/11/13, 11:48

Re: Piante native del TANGANYKA, ovvero piante estreme alcal

Messaggio di lucazio00 » 01/05/2015, 10:02

Certo, l'articolo è interessante, ma per me non sono interessanti gli acquari "Tanganyka" =))
Fosfati 1-10mg/l, nitrati 10-50mg/l Mg 5-10mg/l, K 5-10mg/l. (Secondo la JBL)
Il miglior test in assoluto è il contenuto dell'acquario!
La Vallisneria è la gramigna dell'acquario...o la ami o la odi!
Non infastidite i pesci nell'acquario!

Avatar utente
cqrflf
star3
Messaggi: 1487
Iscritto il: 23/03/15, 2:02

Re: Piante native del TANGANYKA, ovvero piante estreme alcal

Messaggio di cqrflf » 01/05/2015, 21:30

...ah, adesso capisco il tuo commento. :)
Viaggiai per giorni e notti per paesi lontani.
Molto spesi per vedere alti monti, grandi mari....e non avevo occhi per vedere a due passi da casa la goccia di rugiada sulla spiga di grano.

Avatar utente
Simo63
Ex-moderatore
Messaggi: 3188
Iscritto il: 21/10/13, 0:06

Re: Piante native del TANGANYKA, ovvero piante estreme alcal

Messaggio di Simo63 » 01/05/2015, 21:40

Riporta ciò che avevamo detto: le piante crescono dove sfociano i fiumi, sulle sponde e zone costiere dove trovano condizioni migliori.
Sarebbe curioso sapere se alcune specie sono arrivate dai fiumi e si sono adattate alle condizioni dei laghi, o se sono state apportate anche dall'uomo.
Immagine
"It's more fun to be a pirate than to join the navy "
"E' più divertente essere pirati che essere nella Marina"
Jobs 1983

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti