Utilizzo conduttivimetro

Lampade, filtri ed accessori

Moderatori: trotasalmonata, luigidrumz

Avatar utente
Stifen
Top User
Messaggi: 1537
Iscritto il: 02/12/13, 15:53

Conduttivimetro, come si usa?

Messaggio di Stifen » 14/11/2014, 9:22

GiuseppeA ha scritto:Sul portale c'è un articolo che ti descrive come fare proprio quella prova...
Esatto!!! Ecco l'articolo sulla calibrazione conduttivimetro
Quello che non c'è, non si rompe! - (Henry Ford)

Avatar utente
Forcellone
star3
Messaggi: 1733
Iscritto il: 10/10/14, 13:18

Re: Conduttivimetro, come si usa?

Messaggio di Forcellone » 14/11/2014, 9:34

Giuro che non l'avevo ancora letto, altrimenti mi stavo zitto e infilavo il link ;)

Perfetto mi torna la questione.

PS: nel forum c'è tutto :-bd ... non è facile da trovare #:-s o siamo pigri :D
Quello indicato nell'articolo se non sbaglio è lo strumento che aspetto che arrivi :-h
La calma salva l'acquario, anzi... quello che c'è dentro. Mani in tasca e zero panico :-bd

Avatar utente
Simo63
Ex-moderatore
Messaggi: 3188
Iscritto il: 21/10/13, 0:06

Re: Conduttivimetro, come si usa?

Messaggio di Simo63 » 14/11/2014, 10:53

Forcellone ha scritto:Giuro che non l'avevo ancora letto, altrimenti mi stavo zitto e infilavo il link ;)

Perfetto mi torna la questione.

PS: nel forum c'è tutto :-bd ... non è facile da trovare #:-s o siamo pigri :D
Quello indicato nell'articolo se non sbaglio è lo strumento che aspetto che arrivi :-h
Sono tutti uguali, cambia solo l'estetica. Ci sono due modelli, con ATC o compensazione automatica della temperatura e senza.
Immagine
"It's more fun to be a pirate than to join the navy "
"E' più divertente essere pirati che essere nella Marina"
Jobs 1983

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17807
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

Conduttivimetro, come si usa?

Messaggio di cuttlebone » 14/11/2014, 11:40

gibogi ha scritto:
cuttlebone ha scritto:Ecco, a questo riguardo, io che per mie statistiche lo uso anche più volte al giorno, posso affermare che una volta puliti gli elettrodi la lettura differisse anche di 50 µS dalla precedente, seppur a distanza di pochi minuti, solo per effetto dei depositi.
Forse non ho capito bene, ma se la lettura tra una analisi e l'altra differisce di 50µS/cm fino a stabilizzarsi e raggiungere il valore di partenza, è il normale funzionamento dello strumento.
Esempio metto lo strumento, indica 350 µS/cm, poi gradualmente scende fino a che ne so 200 µS/cm.
Dopo qualche minuto rimetto lo strumento indica 300 e poi gradualmente va a 200µS/cm , è normale, non sarebbe normale se non torna più a 200 e si ferma a 250µS/cm.
Ogniqualvolta spegniamo lo strumento e lo riaccendiamo, si crea una differenza di potenziale tra i puntali e il valore letto sale per poi scendere e stabilizzarsi.
No, no, intendevo che la sola pulizia degli elettrodi determinava una lettura diversa anche di 50 µS rispetto alla lettura prima della pulizia. Per lettura intendo il valore stabilizzato, quello cioè che si legge una volta che l'apparecchio ha compensato la temperatura.
"Fotti il sistema. Studia!"

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti