inizio PMDD in caridinaio

Sia per l'acqua che per il fondo

Moderatori: Daniela, Dandano, sa.piddu

Rispondi
Avatar utente
Marol
Ex-moderatore
Messaggi: 1642
Iscritto il: 28/02/15, 9:08

Re: inizio PMDD in caridinaio

Messaggio di Marol » 21/05/2015, 15:09

ok allora ti basi sul fatto che il vostro PMDD integra una buona quantità di potassio quindi gravi manifestazioni non possono condurre a una sua carenza...
nel mio caso allora diventa impossibile decifrare la cosa, non mi resta che provare a dosare più potassio e vedere come va.
se ho ben capito un eccesso di questo elemento non provoca nulla se non un aumento della conducibilità che però rientra non appena viene assorbito...
ma non esiste il rischio di far diventare il potassio un elemento limitante? ho letto che se la sua concentrazione va oltre a quella del calcio può impedirne l'assorbimento e teoricamente non è così difficile raggiungere questa situazione se lo si dosa con continuità

Avatar utente
cuttlebone
Moderatore Globale
Messaggi: 17268
Iscritto il: 15/04/14, 15:02
Contatta:

inizio PMDD in caridinaio

Messaggio di cuttlebone » 21/05/2015, 15:12

Tecnicamente sarebbe possibile.
In realtà, data la sua carenza nell'acqua di rete, il notevole fabbisogno delle piante e l'attenzione alla conducibilità (di cui è fra i maggiori responsabili), un suo eccesso tale da diventare problematico è oggettivamente difficile.
"Fotti il sistema. Studia!"

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20404
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Re: inizio PMDD in caridinaio

Messaggio di Rox » 21/05/2015, 18:38

Marol ha scritto:ti basi sul fatto che il vostro PMDD
Non limitiamoci al solo PMDD.
In generale, si cerca di fertilizzare secondo la richiesta delle piante, non secondo le istruzioni su un foglietto.

Per decenni, seguendo quelle istruzioni, moltissimi acquariofili sono finiti in carenza di potassio.
La spiegazione?...
Alcune specie, che ne richiedono moltissimo, sono così comuni che capita spesso di averne 2-3 insieme, formando una combinazione anti-potassio.
Inoltre sono tutte a crescita rapida, vengono quasi sempre riprodotte a formare boschetti, o addirittura tutto lo sfondo.

I foglietti illustrativi considerano un acquario medio, non tengono conto di questa eventualità.
Da qui, la frequentissima carenza di potassio.

Su questo forum lo sappiamo bene, quindi cerchiamo di spiegarlo ai nostri utenti.
Chi resta senza potassio, qui da noi, è sempre qualcuno arrivato da poco, perché gli altri lo tengono sempre abbondante.
Per questo siamo più abituati alle carenze di azoto.
Marol ha scritto:se la sua concentrazione va oltre a quella del calcio può impedirne l'assorbimento
Sembra quasi che tu abbia letto l'articolo che sto scrivendo, ma che non ho ancora pubblicato. :))

Comunque, per arrivare a quel problema, la concentrazione di potassio deve superare di molto quella del calcio.
Deve arrivare quasi al doppio.
Vista la quantità di calcio che abbiamo nei nostri acquedotti, non credo proprio che qualcuno ci arrivi.
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
Fabio02
star3
Messaggi: 10
Iscritto il: 24/08/14, 15:52

Re: inizio PMDD in caridinaio

Messaggio di Fabio02 » 16/06/2015, 13:23

Secondo la mia esperienza con l'Hemianthus calli . , ti posso dire che purtroppo viene spontaneo lasciarla crescere a dismisura perché lussureggiante , ma richiederebbe potature abbastanza pesanti, per evitare che cresca oltre i 3-4 cm al massimo. Questo poiché si rischia ,che, arrivata oltre tale misura , anche con forte illuminazione, la parte sottostante soffra mancanza di luce e marcisca...
Questo secondo la mia opinione ed esperienza. In ogni caso dopo chiodi arrugginiti e stick NPK è ovvio che non la poterei , onde evitare esplosioni algali ( anche se molto gradite alle Caridina...).

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: akira_miura, Bing [Bot], Dandano, Flavio73, Google [Bot] e 8 ospiti