Etica e acquariofilia

Per presentarsi, conoscersi e chiacchierare
Rispondi
Avatar utente
iuter
star3
Messaggi: 858
Iscritto il: 16/03/18, 23:41

Etica e acquariofilia

Messaggio di iuter » 04/08/2018, 16:01

Se avessimo acquario con pesci nostrani sicuramente non ne saremmo soddisfatti....
Eppure lo spinarello, la sanguinerola, il ghiozzo....non sono belli? Il " bao da casetta" come lo chiamiamo qui (tricottero)
forse perchè sono tutti pesci da lago e fiumi cioè che richiedono litraggi enormi oppure sono marini e sono tutti grigio-marroni cioè il colore più schifoso?
a quel punto ha ragione chi dice "allevali per mangiarli" visto che quelli pescati nelle nostre acque sono inquinati.

Avatar utente
Coga89
star3
Messaggi: 1542
Iscritto il: 27/02/18, 10:04

Etica e acquariofilia

Messaggio di Coga89 » 04/08/2018, 16:12

iuter ha scritto:
Se avessimo acquario con pesci nostrani sicuramente non ne saremmo soddisfatti....
Eppure lo spinarello, la sanguinerola, il ghiozzo....non sono belli? Il " bao da casetta" come lo chiamiamo qui (tricottero)
forse perchè sono tutti pesci da lago e fiumi cioè che richiedono litraggi enormi oppure sono marini e sono tutti grigio-marroni cioè il colore più schifoso?
a quel punto ha ragione chi dice "allevali per mangiarli" visto che quelli pescati nelle nostre acque sono inquinati.
Infatti ho detto che l'animale esotico è più bello
È ovvio che si va' a prendere qualcosa di appariscente
Se compri una pianta solitamente la prendi per la bellezza e i fiori
Di certo non metti le ortiche nel vaso..a meno che non fai il risotto 😂

Avatar utente
Rox
Ex-moderatore
Messaggi: 20538
Iscritto il: 07/10/13, 0:03

Etica e acquariofilia

Messaggio di Rox » 04/08/2018, 16:13

Artic1 ha scritto: Secondo la tua ottica allora diamo le pistole a tutti.
Se poi le uso per ammazzare è una mia responsabilità.
Sono decenni che lo dico!... :ymdevil:
Ma non continuerò a risponderti, perché la mia natura di ex-moderatore mi porta a fiutare un OT gigantesco. :))
"Essentia non sunt multiplicanda praeter necessitatem"
(Rasoio di Occam)

Avatar utente
cicerchia80
Amministratore
Messaggi: 34538
Iscritto il: 07/06/15, 8:12
Contatta:

Etica e acquariofilia

Messaggio di cicerchia80 » 04/08/2018, 16:16

Artic1 ha scritto: Non ci capiamo, io non sto dicendo che una specie pericolosa per l'ambiente non deve essere commercializzata, sto dicendo che deve essere regolamentata.
Ma lo sono anche quelle da me citate :-??

Compreresti un pesce rosso se ti serve il CITES?
O le Caridina che anche tu allevi

Riprendo l'esempio del sapone.....anzi ci aggiungo il nitrato di potassio che posso tranquillamente comprare ovunque
Il forum ne è la prova

Sai meglio di me dato che è il tuo lavoro che per ingestione è mortale e cos'altro ci si può fare :D ....tipo a capodanno :-

Sono d'accordo per la sensibilizzazione...
Ma non esageriamo,pure tu ti sei fregato la sabbia e non potevi farlo...io non l'avrei fatto per dire ma di certo non mi faccio scrupoli a farmi regalare da Roby70 della pista per il mio pond
Siamo coerenti
Coga89 ha scritto:
cicerchia80 ha scritto:
Coga89 ha scritto: Ma perché nessuno ci prova e perché non sono "belli" da vedere
Poi contando l'inquinamento è già tanto trovarli
No......se no l'avrei già fatto,mi sembra sia illegale però :-?
Sono particolarmente delicati...anche al sugo :D
I clarkii sono semplicemente resistenti a tutto
Coga89 ha scritto: Non ho capito cosa intendi siamo al primo posto
Tanto per fare un esempio...cito il tuo profilo o le mie caridina Thailandesi

Non è che i botia siano di allevamento,o comunque uno va a comprare un gamberettino che per vederlo ci vuole la lampada di Wood
Certo hai ragione
Ma ad esempio il gamberetto di fiume lo vedi in gruppo
ma non riesci ad allevarlo :-??
Guarda che io la penso diversamente da te
...se avessi lo spazio per allevare i persico sole con gli P. scalare ci farei l'arrosto e se fosse facile allevare i gamberi di fiume le Caridina le userei esclusivamente come cibo vivo
'effetto Dunning-Kruger è una distorsione cognitiva a causa della quale individui poco esperti in un campo tendono a sopravvalutare le proprie abilità autovalutandosi, a torto, esperti in materia.

...è sempre solo per te

Avatar utente
Coga89
star3
Messaggi: 1542
Iscritto il: 27/02/18, 10:04

Etica e acquariofilia

Messaggio di Coga89 » 04/08/2018, 16:26

cicerchia80 ha scritto:
Artic1 ha scritto: Non ci capiamo, io non sto dicendo che una specie pericolosa per l'ambiente non deve essere commercializzata, sto dicendo che deve essere regolamentata.
Ma lo sono anche quelle da me citate :-??

Compreresti un pesce rosso se ti serve il CITES?
O le Caridina che anche tu allevi

Riprendo l'esempio del sapone.....anzi ci aggiungo il nitrato di potassio che posso tranquillamente comprare ovunque
Il forum ne è la prova

Sai meglio di me dato che è il tuo lavoro che per ingestione è mortale e cos'altro ci si può fare :D ....tipo a capodanno :-

Sono d'accordo per la sensibilizzazione...
Ma non esageriamo,pure tu ti sei fregato la sabbia e non potevi farlo...io non l'avrei fatto per dire ma di certo non mi faccio scrupoli a farmi regalare da Roby70 della pista per il mio pond
Siamo coerenti
Coga89 ha scritto:
cicerchia80 ha scritto: No......se no l'avrei già fatto,mi sembra sia illegale però :-?
Sono particolarmente delicati...anche al sugo :D
I clarkii sono semplicemente resistenti a tutto
Tanto per fare un esempio...cito il tuo profilo o le mie caridina Thailandesi

Non è che i botia siano di allevamento,o comunque uno va a comprare un gamberettino che per vederlo ci vuole la lampada di Wood
Certo hai ragione
Ma ad esempio il gamberetto di fiume lo vedi in gruppo
ma non riesci ad allevarlo :-??
Guarda che io la penso diversamente da te
...se avessi lo spazio per allevare i persico sole con gli P. scalare ci farei l'arrosto e se fosse facile allevare i gamberi di fiume le Caridina le userei esclusivamente come cibo vivo
🤣🤣🤣🤣
Ci farei una fritturina con le Caridina io
Comunque le galline le allevi per le uova e per fare il lesso o per estetica 🤣


Mi hai fatto venire in mente in esempio
Solitamente il "grosso" dell'errore lo fa chi vende/alleva una determinata specie
Ho sentito più volte sentire di allevamenti di pesci falliti che hanno aperto le chiuse facendo uscire specie non autoctone e creando danni

Avatar utente
marko66
PRO Ciclidi Africani
Messaggi: 2086
Iscritto il: 27/11/17, 14:58

Etica e acquariofilia

Messaggio di marko66 » 04/08/2018, 16:36

Questo è un discorso veramente infinito,in cui non esistono leggi che tengano,solo l'informazione personale e l'etica( sempre soggettiva) possono aiutare a limitare i danni.Al di la' delle restrizioni legali,basterebbe usare il vecchio,caro "buon senso" citato da @cicerchia80 per aiutare a migliorare la situazione ambientale,o meglio non peggiorarla ulteriormente,ma l'ignoranza è la scienza piu' diffusa nel genere umano,per cui.....Certo l'esempio di politici e "potenti" non è dei migliori per usare un eufemismo,in piu' mettiamoci la cattiva informazione a volte mirata per motivi economico- commerciali ed il menefreghismo diffuso e siamo arrivati alla situazione attuale,senza possibilita' di ritorno.Questo in linea generale,tornando al discorso relativo al nostro hobby,anche in questo caso l'uso del cervello non è opzionale,certe cose dovrebbero essere talmente immediate da scoraggiare certi comportamenti insulsi,ma è piu' facile "scaricare il barile" con il fatto di essere stati consigliati in questo senso da altri....per cui scusabili!No,non è scusabile,quando ti cimenti per scelta in un campo per te nuovo,la prima cosa da fare è informarsi,la seconda è valutare le informazioni ricevute e l'ultima è decidere se questo tipo di hobby è nelle tue corde o meno,ed attualmente hai le possibilita' per farlo..Per me nel nostro piccolo possiamo evitare di usare(o consigliare) a sproposito l'uso di determinati prodotti potenzialmente pericolosi(se usati senza conoscerne la potenziale pericolosita o tossicita''),il cercare di far considerare i pesci degli esseri viventi(al pari degli altri animali da compagnia) e come tali con esigenze minime di vita e questa è la battaglia piu' difficile da vincere(o meglio gia' persa in partenza) e limitare al minimo gli sprechi(acqua dolce in primis) .Poi, non sapendo con chi vai ad interloquire puo' essere del tutto inutile(gente che butta dei sassi da un cavalcavia per divertimento difficilmente si puo' preoccupare del benessere di un pesce o di deturpare l'ambiente in cui vive,ma magari l'acquario lo vuole),ma in altri casi puo' aiutare ad accendere il cervello.(si spera....).In questo senso questo forum,insieme ad alcuni altri altrettanto validi,è un buon aiuto,ma la parte di lettura ed informazione personale è altrettanto indispensabile e non evitabile per pigizia mentale.

Avatar utente
Artic1
Ex-moderatore
Messaggi: 6432
Iscritto il: 03/06/15, 3:17

Etica e acquariofilia

Messaggio di Artic1 » 04/08/2018, 16:40

Rox ha scritto: Sono decenni che lo dico!...
Ma non continuerò a risponderti, perché la mia natura di ex-moderatore mi porta a fiutare un OT gigantesco.
=))
Non volevo andare in OT, era un altro esempio in risposta ai tuoi! ;)
cicerchia80 ha scritto: Compreresti un pesce rosso se ti serve il CITES?
Il CITES serve per specie a rischio, non ha nulla a che vedere con invasività :)
cicerchia80 ha scritto: Ma lo sono anche quelle da me citate
Bene, ma quanto è pericolosa?
Guardate che fare un registro elettronico non preclude il regalo o altro. Se si informano le persone anche negli cambi è possibile rispettare le leggi.
cicerchia80 ha scritto: il nitrato di potassio che posso tranquillamente comprare ovunque
Il forum ne è la prova

Sai meglio di me dato che è il tuo lavoro che per ingestione è mortale
Lo è anche il sale da cucina, l'insalata e l'acqua, dipende dalla dose ;)
E in ogni caso quei composti non sono vivi, non si autoriproducono nell'ambiente. Un essere vivente si. Quindi le regole che uso per stimare il rischio chimico non posso usarle per stimare il rischio biologico.

A me basterebbe che la gente fosse informata di più. Poi nei negozi per me ci puoi mettere anche l'Eichhornia crassipes (che peraltro mi piacerebbe pure mettere nella mia futura 400 litri) l'importante è che specie come lei o l'Egeria densa vengano sottoposte ad una "assunzione di responsabilità" obbligatoria per chi vende e chi acquista.
Idem lo scambio, se so che per essere in regola basta che ti registri su un sito internet del ministero, dell'ARPA o di chi per esso, te lo dico e lo fai, senza costi. E già solo quello ha sensibilizzato la stragrande maggioranza delle persone.
Poi chi farà mercato nero ci sarà sempre ma almeno abbiamo dato un senso alla legalità e cercato di diffondere responsabilità.

Faccio un esempio OT.
Chi ha le tartarughe di terra deve essere registrato dai Carabinieri, lo sapevi? Perché non possiamo fare la stessa cosa, magari più snella per l'Egeria e la Eichhornia? :-??
Coga89 ha scritto:
cicerchia80 ha scritto:
Artic1 ha scritto: Non ci capiamo, io non sto dicendo che una specie pericolosa per l'ambiente non deve essere commercializzata, sto dicendo che deve essere regolamentata.
Ma lo sono anche quelle da me citate :-??

Compreresti un pesce rosso se ti serve il CITES?
O le Caridina che anche tu allevi

Riprendo l'esempio del sapone.....anzi ci aggiungo il nitrato di potassio che posso tranquillamente comprare ovunque
Il forum ne è la prova

Sai meglio di me dato che è il tuo lavoro che per ingestione è mortale e cos'altro ci si può fare :D ....tipo a capodanno :-

Sono d'accordo per la sensibilizzazione...
Ma non esageriamo,pure tu ti sei fregato la sabbia e non potevi farlo...io non l'avrei fatto per dire ma di certo non mi faccio scrupoli a farmi regalare da Roby70 della pista per il mio pond
Siamo coerenti
Coga89 ha scritto: Certo hai ragione
Ma ad esempio il gamberetto di fiume lo vedi in gruppo
ma non riesci ad allevarlo :-??
Guarda che io la penso diversamente da te
...se avessi lo spazio per allevare i persico sole con gli P. scalare ci farei l'arrosto e se fosse facile allevare i gamberi di fiume le Caridina le userei esclusivamente come cibo vivo
🤣🤣🤣🤣
Ci farei una fritturina con le Caridina io
Comunque le galline le allevi per le uova e per fare il lesso o per estetica 🤣


Mi hai fatto venire in mente in esempio
Solitamente il "grosso" dell'errore lo fa chi vende/alleva una determinata specie
Ho sentito più volte sentire di allevamenti di pesci falliti che hanno aperto le chiuse facendo uscire specie non autoctone e creando danni
Non è sempre così però. Ti faccio l'esempio degli incendi che è OT ma che fa capire. La maggior parte degli incendi parte dai mozziconi gettati dal finestrino o per imprudenza, non per dolo. Se togliessimo tutte le imprudenze avremmo un decimo degli incendi all'anno! Non sarebbe già una grande cosa?

Per questo dico che una registrazione on-line come detentore di specie invasive basterebbe a sensibilizzare. Diffonderebbe molta conoscenza che ad oggi nessuno diffonde.
Il vostro negoziante quando vi vende l'Egeria vi ha mai sensibilizzato in merito? Se devo dire al cliente però che lo devo "schedare" allora il cliente lo devo informare quasi per forza! :)
cicerchia80 ha scritto: pure tu ti sei fregato la sabbia e non potevi farlo
Con la differenza che io so di non aver apportato alcun danno all'ambiente e che sto usando prodotto locale per una vasca locale. Quando compro in un negozio una pianta non ho lo stesso livello di rischio ambientale di un secchio di sabbia :-??
marko66 ha scritto: l'uso del cervello non è opzionale,certe cose dovrebbero essere talmente immediate da scoraggiare certi comportamenti insulsi
marko66 ha scritto: In questo senso questo forum,insieme ad alcuni altri altrettanto validi,è un buon aiuto,ma la parte di lettura ed informazione personale è altrettanto indispensabile e non evitabile per pigizia mentale.
Concordo pienamente.
Per questo suggerisco un registro per le specie più pericolose, così sensibilizzo già la stragrande maggioranza che di questo forum magari non ne sa nulla! ;)
- Quel giorno tutta l’esperienza della nostra vita diverrà parte di una più vasta conoscenza comune. Sarà il giorno, in cui ritorneremo a Gaia, per fare, ancora una volta, parte della vita e riempire con essa questo mondo -

#teamNoCO2
______________________

Avatar utente
cicerchia80
Amministratore
Messaggi: 34538
Iscritto il: 07/06/15, 8:12
Contatta:

Etica e acquariofilia

Messaggio di cicerchia80 » 04/08/2018, 17:00

Artic1 ha scritto: Il CITES serve per specie a rischio, non ha nulla a che vedere con invasività
Artic1 ha scritto: Chi ha le tartarughe di terra deve essere registrato dai Carabinieri, lo sapevi?
Ho le tartarughe terrestri....ho le scripta e prima di loro,venti anni fa avevo le Iguana
Per questo ho preso il Cites come esempio
Io però dai carabinieri non ci sono andato :-?
Artic1 ha scritto: Con la differenza che io so di non aver apportato alcun danno all'ambiente e che sto usando prodotto locale per una vasca locale. Quando compro in un negozio una pianta non ho lo stesso livello di rischio ambientale di un secchio di sabbia
:-? E no.....anche io se compro della pistia sono certo che non creo nessun rischio ambientale
Entrambi abbiamo fatto una cosa illegale [-x

E mica la compro per buttarla al fiume
Al limite farei il contrario,preleverei una pianta per vedere se mi cresce in acquario
Che è pericolosa per l'ambiente me lo deve dire il negoziante
Perchè io l'ho presa in negozio

Chimico o biologico la linea è abbastanza sottile
Con @Coga89 parlavamo di gamberi di fiume
Nel profilo ho scritto Tagliacozzo ma sono originario di Trasacco

Apri google map e vedi dove si trova,via Gran Sasso ...è la casa di mia madre,è in pieno Fucino

Io che non sono coltivatore ho di proprietà 13000 metri di terreno,da noi si usa la "coppa" come unità di misura,pensa chi ha le aziende agricole...
In quei canali da piccolo pescavamo i gamberi con il lardo di prosciutto e ci facevo tranquillamente il bagno

Ora hanno quasi sterminato tutto(in venti anni non cento)con le botti del ramato e qualche altro pesticida che usano

Direi quindi che il rischio chimico è più alto di quello biologico...tornando al sapone
Da noi il nitrato di potassio non si usa :-?? I terreni vanno concimati a stabbio
'effetto Dunning-Kruger è una distorsione cognitiva a causa della quale individui poco esperti in un campo tendono a sopravvalutare le proprie abilità autovalutandosi, a torto, esperti in materia.

...è sempre solo per te

Avatar utente
nicolatc
PRO Chimica
Messaggi: 4361
Iscritto il: 27/02/17, 16:59

Etica e acquariofilia

Messaggio di nicolatc » 04/08/2018, 17:08

cicerchia80 ha scritto: Da noi il nitrato di potassio non si usa I terreni vanno concimati a stabbio
I miei vanno a nitrato d'ammonio :D
#teamTroll

Avatar utente
Coga89
star3
Messaggi: 1542
Iscritto il: 27/02/18, 10:04

Etica e acquariofilia

Messaggio di Coga89 » 04/08/2018, 17:48

cicerchia80 ha scritto:
Artic1 ha scritto: Il CITES serve per specie a rischio, non ha nulla a che vedere con invasività
Artic1 ha scritto: Chi ha le tartarughe di terra deve essere registrato dai Carabinieri, lo sapevi?
Ho le tartarughe terrestri....ho le scripta e prima di loro,venti anni fa avevo le Iguana
Per questo ho preso il Cites come esempio
Io però dai carabinieri non ci sono andato :-?
Artic1 ha scritto: Con la differenza che io so di non aver apportato alcun danno all'ambiente e che sto usando prodotto locale per una vasca locale. Quando compro in un negozio una pianta non ho lo stesso livello di rischio ambientale di un secchio di sabbia
:-? E no.....anche io se compro della pistia sono certo che non creo nessun rischio ambientale
Entrambi abbiamo fatto una cosa illegale [-x

E mica la compro per buttarla al fiume
Al limite farei il contrario,preleverei una pianta per vedere se mi cresce in acquario
Che è pericolosa per l'ambiente me lo deve dire il negoziante
Perchè io l'ho presa in negozio

Chimico o biologico la linea è abbastanza sottile
Con @Coga89 parlavamo di gamberi di fiume
Nel profilo ho scritto Tagliacozzo ma sono originario di Trasacco

Apri google map e vedi dove si trova,via Gran Sasso ...è la casa di mia madre,è in pieno Fucino

Io che non sono coltivatore ho di proprietà 13000 metri di terreno,da noi si usa la "coppa" come unità di misura,pensa chi ha le aziende agricole...
In quei canali da piccolo pescavamo i gamberi con il lardo di prosciutto e ci facevo tranquillamente il bagno

Ora hanno quasi sterminato tutto(in venti anni non cento)con le botti del ramato e qualche altro pesticida che usano

Direi quindi che il rischio chimico è più alto di quello biologico...tornando al sapone
Da noi il nitrato di potassio non si usa :-?? I terreni vanno concimati a stabbio
Succede ovunque
Mio padre mi dice sempre qui una volta c'era un fiume e c'era il lavabo e noi ci facevamo il bagno...dove c'era acqua c era lo spinarello....
Ora c'è solo cemento e inquinamento

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite