Primo Acquario

Se hai tutto da imparare... benvenuto!

Moderatori: gem1978, roby70

Rispondi
Avatar utente
SamMajorKid
star3
Messaggi: 18
Iscritto il: 03/11/17, 15:16
Profilo Completo

Primo Acquario

  • Cita

Messaggio di SamMajorKid » 03/11/2017, 16:39

Salve a tutti.

Sono Sam e sto cercando di allestire la mia prima vasca.
Premetto che son partito assolutamente da zero; quel poco che ora ho capito/imparato, viene tutto esclusivamente dalle vostre belle guide. Cerco quindi consigli, indicazioni e critiche in merito a diversi aspetti importanti, che sfortunatamente non conoscevo/consideravo e sottovalutavo prima di imbattermi nel forum.

La mia idea iniziale era quella di creare un semplice plantacquario, riesumando una vecchia vasca ed un qualche attrezzo ritrovati in cantina. Dopo ricerche e ore di lettura però la passione è incrementata moltissimo ed ora mi piacerebbe, in futuro, se fattibile, magari inserirci qualche pesce (in base alle caratteristiche della vasca).
Per ora la mia situazione è la seguente. Eccetto le piante e la sabbia, acquistate 10 giorni fa seguendo qualche consiglio letto su internet e del venditore (che da niubbo mi sembrava perlomeno minimamente informato), tutto il resto del materiale l'ho riesumato dalla cantina.

Vasca: 60cm x 30cm x 30cm --> 50 L (54)
Posizione: camera, lontana da luce e spifferi di eventuali finestre.
Luce: LED Osram L 15W/840 Daywhite ---> Rapporto Luce/Litri =.3
Temperatura: ambiente (acqua a 19 °C), attualmente senza termoriscaldatore.
Pompa/filtro: FLUVAL 2 plus
H20: dal rubinetto
--> Durezza generale 0 - 7°F --> 0 - 3.88 GH
--> Durezza carbonatica 14 - 44 mg/L bicarbonati --> 0.64 - 2.01 KH
--> Molto dolce; da molto debolmente mineralizzata a debolmente mineralizzata
--> Sodio < 10
--> Ca 0 - 14
--> Magnesio < 5
--> Cloruro 0 - 1.8
--> Solfato < 10
--> pH per ora sconosciuto
--> in vasca da circa 2 settimane
CO2: Niente
Fertilizzante: Niente (riguardo CO2 e fertilizzante il venditore mi ha detto che non servivano, perlomeno inizialemente).
Piante:
Limnophila sessilifora (1x)
Anubias hastifolia (1x)
Hygrophila difformis, emers (1x)
Hygrophila polysperma (1x)
Hygrophila corymbosa 'Stricta' (1x)
Hydrocotyle leucocephala (1x)
Croptocoryne affinis (1x)
Legni e pietre: raccolti nel bosco/vicino al fiume. Nonostante non sia biologo, dovrebbero essere perlopiù inerti. Purtroppo le ho soltanto risciacquate con acqua calda prima di inserirle nella vasca.
Fauna: 1 lumachina, trovata su una piantina acquistata, e un' altra molto piccola, di origine sconosciuta, appena avvistata aggirarsi nella vasca.


Detto ciò, vi chiedo gentilmente di segnalarmi errori (magari indicando il grado di gravità/urgenza), così come i prossimi passi da seguire (riguardo la gestione della vasca e l'acquisto di ulteriore materiale [o altro materiale, in caso di inadeguatezza di quello in mio possesso]). Questo anche perchè mi sembra di notare che determinate piante se la passino decisamente peggio di altre (in particolare la crypto, l'hydrocotyle, la limno e l'anubias non mi sembrano molto felici).
Inoltre, leggendo le vostre guide, la mia attenzione particolare è ricaduta sui seguenti aspetti, sui quali vi chiedo gentilmente, se possibile, di fornirmi consigli specifici alla mia situazione (siccome non sono per nulla in chiaro su come procedere):

- Luce: Quanto tempo lasciare acceso e adeguatezza della luce attuale?
- Termoriscaldatore: Necessario?
- Filtro:
Non so bene se sia possibile inserire i cannolicchi (per ora all'interno ho soltanto spugna), e quanto ciò sia fondamentale (so che è importante, ma non capisco se è urgente). Inoltre, quanto devo lasciarlo acceso?
- Test:
pH, e cos'altro? Ho letto per esempio che le Hygrophile e l'Hydrocotyle (in maggioranza nella mia vasca) influenzano moltissimo il potassio... Ho letto dei vari test, ma mi chiedo voi cosa andreste a controllare (piuttosto di come lo controllereste) e che misure mettereste in atto.
- Fertilizzante:
Necessario?; se sì, quale tipo? (il venditore mi ha sconsigliato un fondo fertilizzato e mi ha detto che altri fertilizzanti sarebbero stati superflui). Ho letto del protocollo PMDD ma per ora mi sembra piuttosto complesso (non tanto nella produzione, ma nella gestione), dato che non ho esperienza riguardo gli acquari.
- CO2: Come la gestisco; posso/devo acquistare qualcosa?
- Potatura/piante:
Ho letto qualcosa in merito ed ho provato. Quello che mi chiedevo in maggior modo è qualche vostra esperienza personale specifica riguardo questi diversi sette tipi di piante (per es. non inserire le radici dell'anubias nella sabbia...).
- Altro: Cosa potrebbe essere importante/fondamentale che io non ho menzionato?

Spero vivamente di non risultare troppo ignorante o pesante, ma vorrei davvero migliorare ed evitare stupidi errori, che potrebbero compromettere tutta la vasca.
Vi ringrazio anticipatamente moltissimo.

Sam
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
roby70
Moderatore Globale
Messaggi: 14316
Iscritto il: 06/01/16, 18:56
Profilo Completo

Primo Acquario

  • Cita

Messaggio di roby70 » 03/11/2017, 17:21

Prima di partire con qualche consiglio ti faccio un paio di domande:
1) esattamente da quanto hai allestito l'acquario?
2) il fondo è solo sabbia fine?

Poi iniziamo a rispondere a qualcosa...
SamMajorKid ha scritto: Fertilizzante: Niente (riguardo CO2 e fertilizzante il venditore mi ha detto che non servivano, perlomeno inizialemente).
Corretto; per la fertilizzazione però se le piante non sono in salute forse è il caso di iniziare. Vediamo prima da quanto sei partito.
SamMajorKid ha scritto: Legni e pietre: raccolti nel bosco/vicino al fiume. Nonostante non sia biologo, dovrebbero essere perlopiù inerti. Purtroppo le ho soltanto risciacquate con acqua calda prima di inserirle nella vasca.
Per le pietre sarebbe stato meglio testarle con viakal o acido muriatico per vedere se erano calcaree; se riesci a toglierle agevolmente lo farei.
Per I legni una bollitura non gli avrebbe fatto male ;)
Hai detto di aver già letto vari articoli.. non so se anche questi: Le rocce in acquario
Utilizzo in acquario dei legni raccolti in natura
SamMajorKid ha scritto: - Luce: Quanto tempo lasciare acceso e adeguatezza della luce attuale?
Parti con 4 ore ed aumenta di mezz'ora alle settimana fino ad arrivare ad 8 ore totali.
SamMajorKid ha scritto: - Termoriscaldatore: Necessario?
Dipende dai pesci che vorrai inserire; c'è da dire che in maturazione una temperature intorno ai 24/25°C aiuta I batteri.
SamMajorKid ha scritto: - Filtro:
Non so bene se sia possibile inserire i cannolicchi (per ora all'interno ho soltanto spugna), e quanto ciò sia fondamentale (so che è importante, ma non capisco se è urgente). Inoltre, quanto devo lasciarlo acceso?
Deve stare sempre acceso e si sarebbe opportune inserire anche I cannolicchi; se ci dici il modello od una foto vediamo come procedere.
SamMajorKid ha scritto: - Test:
pH, e cos'altro?
NO2-, NO3-, GH, KH, PO43-, pH (meglio un pH-metro elettronico da 10€ online) e conduttivimetro (sempre online intorno ai 10/15€ basta che misuri in µS/cm e che abbia la compensazione di temperature). Per NO2- ed NO3- vanno bene anche le striscette, per gli altri meglio I reagenti.
Se hai bisogno di aiuto per prenderli chiedi senza problemi.
SamMajorKid ha scritto: - CO2: Come la gestisco; posso/devo acquistare qualcosa?
Per il momento direi che non ti serve; poi se servirà puoi prendere un impianto già fatto o fartela da solo a basso costo.
SamMajorKid ha scritto: - Potatura/piante:
Per il momento non potare niente, dagli il tempo di adattarsi e crescere.
SamMajorKid ha scritto: Altro: Cosa potrebbe essere importante/fondamentale che io non ho menzionato?
Dei pesci li vuoi inserire? :D Comunque prima di farlo dovrai aspettare un mese da quando l'acquario è avviato per farlo maturare: Ciclo dell'azoto e filtro biologico in acquario
SamMajorKid ha scritto: Spero vivamente di non risultare troppo ignorante o pesante
Assolutamente no, anzi hai esposto tutto molto chiaramente :-bd
Questi utenti hanno ringraziato roby70 per il messaggio:
SamMajorKid (03/11/2017, 17:23)
"Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido"
(Albert Einstein)

Avatar utente
SamMajorKid
star3
Messaggi: 18
Iscritto il: 03/11/17, 15:16
Profilo Completo

Primo Acquario

  • Cita

Messaggio di SamMajorKid » 03/11/2017, 17:41

roby70 ha scritto:
03/11/2017, 17:21
Prima di partire con qualche consiglio ti faccio un paio di domande:
1) esattamente da quanto hai allestito l'acquario?
2) il fondo è solo sabbia fine?
1) 10 giorni fa ho inserito le piante, nella vasca in cui era già presente acqua con filtro da circa 5 giorni.
2) Esatto, 20 kg di sabbia fine.
roby70 ha scritto:
03/11/2017, 17:21
SamMajorKid ha scritto: Legni e pietre: raccolti nel bosco/vicino al fiume. Nonostante non sia biologo, dovrebbero essere perlopiù inerti. Purtroppo le ho soltanto risciacquate con acqua calda prima di inserirle nella vasca.
Per le pietre sarebbe stato meglio testarle con viakal o acido muriatico per vedere se erano calcaree; se riesci a toglierle agevolmente lo farei.
Per I legni una bollitura non gli avrebbe fatto male ;)
Hai detto di aver già letto vari articoli.. non so se anche questi: Le rocce in acquario
Utilizzo in acquario dei legni raccolti in natura
In effetti ho letto. Quello che mi chiedevo era se è così fonamentale a questo punto, tanto da doverli (non lo nego, scomodamente, hehe) tirare fuori dalla vasca; cosa che vanificherebbe le ore investite nel cercare di renderlo carino. b-(
roby70 ha scritto:
03/11/2017, 17:21
SamMajorKid ha scritto: - Luce: Quanto tempo lasciare acceso e adeguatezza della luce attuale?
Parti con 4 ore ed aumenta di mezz'ora alle settimana fino ad arrivare ad 8 ore totali.
È sufficientemente forte la luce sopracitata?
roby70 ha scritto:
03/11/2017, 17:21
SamMajorKid ha scritto: - Termoriscaldatore: Necessario?
Dipende dai pesci che vorrai inserire; c'è da dire che in maturazione una temperature intorno ai 24/25°C aiuta I batteri.
Per ora era inteso per le piante.
roby70 ha scritto:
03/11/2017, 17:21
SamMajorKid ha scritto: - Filtro:
Non so bene se sia possibile inserire i cannolicchi (per ora all'interno ho soltanto spugna), e quanto ciò sia fondamentale (so che è importante, ma non capisco se è urgente). Inoltre, quanto devo lasciarlo acceso?
Deve stare sempre acceso e si sarebbe opportune inserire anche I cannolicchi; se ci dici il modello od una foto vediamo come procedere.
Ecco la foto in allegato (Fluval 2 plus).
roby70 ha scritto:
03/11/2017, 17:21
SamMajorKid ha scritto: - Test:
pH, e cos'altro?
NO2-, NO3-, GH, KH, PO43-, pH (meglio un pH-metro elettronico da 10€ online) e conduttivimetro (sempre online intorno ai 10/15€ basta che misuri in µS/cm e che abbia la compensazione di temperature). Per NO2- ed NO3- vanno bene anche le striscette, per gli altri meglio I reagenti.
Se hai bisogno di aiuto per prenderli chiedi senza problemi.
Perfetto grazie. Ora come ora non ricordo se ho letto qualche prodotto specifico; non sarebbe male se sapeste consigliarmi direttamente cosa comprare hehe. :-bd
roby70 ha scritto:
03/11/2017, 17:21
SamMajorKid ha scritto: Altro: Cosa potrebbe essere importante/fondamentale che io non ho menzionato?
Dei pesci li vuoi inserire? :D Comunque prima di farlo dovrai aspettare un mese da quando l'acquario è avviato per farlo maturare: Ciclo dell'azoto e filtro biologico in acquario
Mi sto convincendo sempre più! :- Evidentemente ammesso che le condizioni dell'acquario lo consentano... A grandi linee comunque, visti già i limiti in fatto di volume, pensavo a qualcosa stile Guppy o Neon... :-bd
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Letizia
star3
Messaggi: 858
Iscritto il: 06/11/16, 2:37
Profilo Completo

Primo Acquario

  • Cita

Messaggio di Letizia » 03/11/2017, 17:43

Wow!
Intanto complimenti! Promette davvero bene ;).
In attesa degli esperti, ti rispondo a quello che so.
SamMajorKid ha scritto:
03/11/2017, 16:39
vi chiedo gentilmente di segnalarmi errori (magari indicando il grado di gravità/urgenza)
L'unica cosa che mi balza all'occhio è il fondo; non l'hai scritto, ma, dalle foto, sembra sabbia finissima; che io sappia, se fai uno strato troppo alto potresti correre il rischio di far formare delle zone anossiche; aspetta però un parere da chi ne sa di più.
Rocce: hai fatto la prova viakal? So che la zona della Svizzera più a sud rispetto a dove abiti è caratterizzata dal calcare di Moltrasio, non saprei se lo potrebbe essere anche la tua zona; se non l'hai fatta, una prova la farei (mi riferisco alle pietre sul bianco/grigio presenti in vasca).

Luce: solitamente si consiglia di partire da 4 ore e di aumentare di mezzora a settimana fino ad arrivare a 8-8,5 ore; in seguito si potrà valutare se le tue piante necessitino di maggiore luce, ma nella maggior parte dei casi queste sono sufficienti; per il periodo nell'arco della giornata puoi scegliere tu (ossia in quelle ore in cui te lo potresti godere maggiormente ;)).
Termoriscaldatore: al momento non necessario, ma dovrai valutarlo in base alla fauna che vorrai inserire.
Filtro: deve restare acceso 24h/24; i cannolicchi sono estremamente utili perché sono il substrato nel quale si annideranno maggiormente i batteri che contribuiranno al ciclo dell'azoto che avverrà nella tua vasca; con il tempo anche le spugne diverranno un buon substrato, ma il problema è che, quando queste ultime si intasano, andranno risciacquate, perdendo un buon numero di batteri; se invece hai anche i cannolicchi (che non andranno mai toccati), potrai risciacquare la spugna senza problemi sapendo di mantenere comunque un buon numero di batteri.
Test: per iniziare sono utili KH e GH per misurare la durezza della tua acqua (per altro, la tua è fantastica - inizia a pensare di imbottigliarla e di venderla qui sul forum :)) ), NO2 e NO3 per tener monitorato il primo mese e per capire se il filtro è maturo; in seguito gli NO2 li farai raramente (a meno di non combinare qualche guaio), mentre gli NO3 potranno esserti utili per la fertilizzazione; a questi si aggiungono un pHmetro e un conduttivimetro (10-15 euro su amazon o ebay, non servono professionali - il secondo è un altro grande aiuto per la fertilizzazione e per capire in pochi secondi "come sta andando la vasca"); se ti piace un acquario molto piantumato, qui sul forum spesso consigliano anche quello per i fosfati PO43-; a essere sincera io non l'ho ancora preso, ma, da quanto ho capito, è utile per aiutarti nella fertilizzazione perché la loro carenza è una delle più difficili da individuare "a vista".
Fertilizzante: questo è il metodo usato maggiormente dagli utenti; sembra complicato, ma ti assicuro che, con un po' di pratica, non lo è.
Fertilizzazione in acquario (PMDD)
CO2: non è indispensabile, ma dipende soprattutto dalle piante che scegli o se opti per degli animali che necessitano di pH talmente acidi da non riuscire a ottenerli senza questo aiuto; se però interessato, aspetta pareri di chi la eroga.
Piante: per queste magari apri un topic specifico nella loro sezione.

Spero di aver iniziato a chiarire almeno qualche dubbio :) e... Benvenuto!

EDIT: Ho visto che hanno già iniziato a risponderti, ma, visto che ormai ho scritto, invio comunque che magari qualcosa di interessante l'ho scritta ;).
Ultima modifica di Letizia il 03/11/2017, 21:14, modificato 1 volta in totale.
"Se vuoi fare un passo avanti, devi perdere l'equilibrio per un attimo" - Massimo Gramellini

Avatar utente
BollaPaciuli
Assistente Tecnico
Messaggi: 8060
Iscritto il: 17/04/16, 16:37
Profilo Completo

Primo Acquario

  • Cita

Messaggio di BollaPaciuli » 03/11/2017, 17:55

SamMajorKid ha scritto: Evidentemente ammesso che le condizioni dell'acquario lo consentano... A grandi linee comunque, visti già i limiti in fatto di volume, pensavo a qualcosa stile Guppy o Neon
Benvenuto

Hai gia utili risposte.

Ti lascio approfondire la fauna Allestimento di un acquario per Poecilidi

I neon sei al limite come potrai leggere
Paracheirodon, il genere più diffuso
Ale ...tra Caronte :ymdevil: e San Pietro O:-)

Quando arrivi in cima ad una montagna hai 2 possibilità:
tornare a casa o cercarne una più alta
:-??

Avatar utente
Elisabeth
star3
Messaggi: 5496
Iscritto il: 16/07/17, 8:46
Profilo Completo
Contatta:

Primo Acquario

  • Cita

Messaggio di Elisabeth » 03/11/2017, 18:12

Ciao....Volevo farti i complimenti per l'allestimento :ymapplause: Come hai messo la sabbia è davvero bellissimo! Bravo ;) Non ho letto tutto ma da quello che ho capito hai usato acqua di rubinetto e probabilmente hai pietre calcaree in acquario....quindi se il pH dell'acqua fosse superiore alla neutralità, come ti ha già scritto Bolla&paciuli, potrebbe andare bene per i poecilidi ....Io ci vedrei molto bene dei portaspada pinne a velo o wagtail doppia spada ;)
"Gli uomini discutono, la Natura agisce" (Voltaire)

"Il contatto con la bellezza della natura mi fa sopportare meglio le bruttezze e cattiverie del mondo " ( io :D )

Avatar utente
Letizia
star3
Messaggi: 858
Iscritto il: 06/11/16, 2:37
Profilo Completo

Primo Acquario

  • Cita

Messaggio di Letizia » 03/11/2017, 18:40

@Elisabeth, guarda i valori dell'acqua di rubinetto ;).
Io invece ci vedrei bene un bel betta :).
"Se vuoi fare un passo avanti, devi perdere l'equilibrio per un attimo" - Massimo Gramellini

Avatar utente
BollaPaciuli
Assistente Tecnico
Messaggi: 8060
Iscritto il: 17/04/16, 16:37
Profilo Completo

Primo Acquario

  • Cita

Messaggio di BollaPaciuli » 03/11/2017, 19:04

Letizia ha scritto: guarda i valori dell'acqua di rubinetto .
Io invece ci vedrei bene un bel betta
Hai ragione Letizia!!!

Allora da vedere :D
Betta Splendens in acquario: allevamento e riproduzione
e
Trigonostigma

Però vista anche la sabbia
Come allestire correttamente un acquario per i Ciclidi nani sudamericani
E al solito in questi casi info su alcune specie:
Pulcher:
Africani, valori di durezze alti (dagli 8 ai 10 anche), pH neutro. Ma stiamo veramente parlando di valori con loro? Son parecchio resistenti. E se la coppia è affiatata si riproducono ovunque. C'è chi li tiene a pH sotto il 6 e chi a pH 8.
Molto aggressivi, abbinali a pesci veloci che riescano a scappare da loro.

Ramirezi:
Togliendo dalla considerazione tutte le varietà blue, Long fin e altre tipo baloon...
I ramirezi in natura vivono in acque color the, scure, molto ambrate acide e molto morbide. Questo vuol dire che gli agenti patogeni e la carica batterica di esse son quasi inesistenti.
Quindi negli anni non han mai sviluppato una difesa decente. Si riesce a tenerli a pH più "umani" per esempio in acquario pH 6 andrebbe bene.
Non depongono sulle cavità tipo noci di cocco. Dovrebbero fare anche loro le cure parentali. Ma a differenza dei pulcher son meno aggressivi, vuol dire che se abbini loro dei cardinali, non vedi un avannotto manco a pagarlo.
Se si rispettano le loro esigenze non son così deboli. Però io consiglio di riprodurli al più presto, perché solitamente gli avannotti che nascono e sopravvivono nella nostra vasca son un pelino più resistenti di quelli allevati in negozio. Questo non vuol dire che possiamo tenerli a valori non consoni, ma semplicemente son meno stressati, un pesce al negozio ha subito almeno 4 viaggi con altrettanti cambi di vasca.
L'ambientamento va fatto con un po' di cautela. Di solito in un acquario piantumato non ci si pone il problema di nitrati e fosfati alti, però è bene evitare di fertilizzare troppo le prime settimane. Se vengono tenuti in acque scure allora consiglio galleggianti. Se tenuti in acque chiare allora bisogna comunque garantire almeno un pH acido.
Ovviamente se tenuti in acque chiare si corre un po' di rischio, ma ho visto tanti che li han così e non han problemi.
Durezze inutile dirlo, basse. Per avere quei pH bisogna avere un KH basso. Di conseguenza il GH non troppo differenziato da esso.
La temperatura è alta, va considerato con le piante. All'inizio è consigliabile tenerli a temperatura più alta perché è più facile accorgersi se han malattie o farli stressare meno. Poi ci si può abbassare fino a 27 gradi secondo me. Alcuni fan anche di più. In natura la temperatura dell'acqua dove stanno varia da 25 a 33... Quindi le acque son molto calde.

Cacatuoides:
Ho lasciato per ultimi loro, perché sembrano semplici ma han tanto da raccontare.
Fanno cure parentali molto aggressive, non han paura. A differenza dei pulcher loro inseguono solo a fini di difesa, mentre i pulcher attaccano il malcapitato e lo inseguono per tutta la vasca, questi difendono la tana. Però danno morsi parecchio forti, soprattutto se adulti.
Quanti m e quante f?
Non han paura di niente. Si legge in giro che van tenuti in harem. In realtà non è proprio così. In natura han un territorio nell'ordine di uno o due metri quadri per ogni femmina, in acquario non è vero che si accontentano di 60x60.. Cioè, io non mi vedo una conversazione del genere tra femmine cacatuoides:
F1: ehy ciao, senti siamo in acquario, mettiamoci d'accordo, ti lascio la metà destra va bene?
F2: si tranquilla tanto mi accontento di 60 cm, non è un problema, come stai cara?

Ecco, nonostante certi pensano che avvenga proprio questo non è così.
Il maschio do solito divide le liti e favoreggia quella in riproduzione. Se lo sono entrambe il maschio non divide nessuno e una delle due viene presa a morsi.
Stanno entrambe difendendo i piccoli, muoiono non si arrendono. Di solito in queste liti la perdente mostra la pancia e cambia colore. Se in riproduzione non si arrende nessuno.
Quindi o si è a casa, tutto il giorno, e appena ci si accorge che entrambe son in riproduzione se ne separa una. O si mette una rete in mezzo. Oppure niente harem.

Con la coppia è più semplice. Se si accettano tra maschio e femmina, poi non c'è problema. Si arrangiano, fan tutto loro.
Io ho perso la prima riproduzione, perché i genitori han mangiato gli avannotti. Ma quelli cresciuti da me, han sempre completato le cure parentali al primo colpo. Evidentemente quelli comprati non erano stati cresciuti con esse.
Pensa che son riusciti ad accrescerli dando anche pochissimo cibo in un acquario avviato da pochissimo e quindi senza microfauna. Eppure son sopravvissuti.

Son riproduttivi già a 6 mesi ma si colorano completamente dopo i dieci.
Valori?
I cacatuoides son di acque CHIARE vivono a durezze più umane (tipo KH 3 e GH 5 son due valori ok) e il pH può anche essere neutro.
Io preferisco allevarli in acque acide. Rendono di più, le code si deformano meno. Temperatura più bassa. A 24 gradi si riproducono, questo vuol dire che se tenuti tutto l'anno a questa temperatura si stressano troppo.
Consiglio di tenere un termostato impostato a 21 gradi e lasciare che siano le nostre estati e i nostri inverni a determinare la stagionalità.
Si riproducono dopo piogge o cambi d'acqua cospiqui.
La conducibilità consiglio bassa, però anche qui son abbastanza resistenti.
Hanno un comportamento molto particolare. Son sociali, sia con l'acquariofilo che tra loro.
Girano assieme, si difendono. Le interazioni tra più cacatuoides son molto particolari, ma osservabili solo quando son piccoli. Poi quando crescono si ammazzano.
Quando li compri in negozio han già almeno 10 mesi. Perché i miei ora a 8 iniziano a fortificare l'arancione. Invece in negozio son già rossi.
Son così complessi che se vogliono possono assomigliare completamente a un maschio o a una femmina a loro scelta. Cambiano livrea in tempi brevissimi
Ale ...tra Caronte :ymdevil: e San Pietro O:-)

Quando arrivi in cima ad una montagna hai 2 possibilità:
tornare a casa o cercarne una più alta
:-??

Avatar utente
roby70
Moderatore Globale
Messaggi: 14316
Iscritto il: 06/01/16, 18:56
Profilo Completo

Primo Acquario

  • Cita

Messaggio di roby70 » 03/11/2017, 20:12

SamMajorKid ha scritto: H20: dal rubinetto
Io però non ho capito bene i valori dell'acqua :-??
Ad esempio quando scrivi "calcio 0-14" intendi che dalle analisi questo è il range che ti danno?

Praticamente è acqua d'osmosi (anzi meglio) :D Se i valori sono quelli non contiene alcun elemento per le piante e se il KH è veramente tra 0 e 2 si rischia un pH molto ballerino.
Di più con quei valori la maturazione è probabilmente rallentata.

Prima di metterci i pesci io penserei a due cose:
- sistemare il filtro aggiungendo cannolicchi
- verificare i valori con dei test
Probabilmente allungheremo la maturazione ma almeno lo sistemiamo per la scelta dei futuri pesci :-bd
"Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido"
(Albert Einstein)

Avatar utente
SamMajorKid
star3
Messaggi: 18
Iscritto il: 03/11/17, 15:16
Profilo Completo

Primo Acquario

  • Cita

Messaggio di SamMajorKid » 06/11/2017, 17:00

Innanzitutto grazie mille a tutti per le risposte.
Mi son munito di test (info dei test e risultati allegati, in linea con quello che avevo calcolato con i dati dell'acqua trovati online) e nel frattempo ho inserito i cannolicchi nel filtro :-bd .
Sapete dirmi come procedere?
Come detto al momento mi preoccupa la saluta della crypto (vedi foto allegata) e il propagarsi in maniera esponenziale delle lumache (scoperto ora trattarsi di Physia, quindi innocue se non benigne :D) :-\ .

Vedo che i i valori dei Nitrati sono nulli, cosa che potrebbe essere causata dalle piante rapide a discapito della crypto? :-?
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di SamMajorKid il 06/11/2017, 17:09, modificato 1 volta in totale.

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti